Facebook: ottimo Q1 2018 oltre le previsioni, ma il GDPR preoccupa

26 Aprile 2018 23

Facebook ha pubblicato i risultati finanziari relativi al primo trimestre del 2018, i quali mostrano ottime performance da parte della società di Menlo Park. Il colosso capitanato da Zuckerberg è riuscito a chiudere il trimestre con risultati al di sopra delle aspettative di Wall Street, realizzando ricavi per 11,97 miliardi di dollari contro gli 11,41 miliardi previsti. Anche gli utili per azione hanno mostrato un risultato simile e hanno raggiunto gli 1,69 dollari, rispetto alle stime di 1,35$.

Utenti, ricavi e guadagni in crescita

Il primo trimestre del 2018 è stato probabilmente il più burrascoso sin dall'esordio del social network, a causa delle vicende legate allo scandalo Cambridge Analytica. Nonostante ciò, il numero di utenti attivo su base giornaliera è aumentato di 48 milioni (+3,42%), raggiungendo un totale di 1,449 miliardi, mentre quello su base mensile ha fatto registrare un +70 milioni (+3,14%) che porta il totale a ben 2,196 miliardi. Entrambi i dati sono in crescita del 13% su base annua, mentre lo scorso trimestre i rispettivi tassi di crescita erano del 2,18% per quelli attivi su base giornaliera e del 3,39% per quelli mensili.


Nel corso del quarto trimestre 2017 la società ha fatto registrare il suo primo calo di utenti della storia all'interno del mercato nordamericano (USA e Canada), perdendo circa 700.000 utenti in seguito ad un cambio di politiche che ha reso meno centrali i video virali all'interno del feed.

Il primo trimestre del 2018 ha riportato il social ai livelli precedenti al crollo, per quanto riguarda gli utenti attivi su base giornaliera, mentre quelli mensili hanno superato i valori del Q3 2017, certificando quindi la ripresa del social anche in questi mercati. L'analisi del secondo trimestre 2018 ci permetterà di verificare l'impatto che la vicenda Cambridge Analytica ha avuto sulla base utenti locale e globale.

Il mobile traina i ricavi dell'intera società

I risultati finanziari del primo trimestre 2018 dimostrano quanto la pubblicità sia importante per Facebook. Degli 11,97 miliardi di dollari di ricavi, ben 11,8 miliardi sono introiti pubblicitari. Nello stesso periodo del 2017 questa cifra aveva toccato i 7,86 miliardi, quindi nel 2018 abbiamo assistito ad un'impressionante crescita del 50%.

La quasi totalità dei ricavi pubblicitari provengono dal mondo mobile, il quale ora pesa per il 91% del totale, incrementando la quota di 2 punti percentuale rispetto all'89% del trimestre precedente. Questo vuol dire che il mobile ha generato ben 10,74 miliardi di ricavi, mentre la controparte web si è fermata ad appena 1,06 miliardi di dollari. Si tratta di una testimonianza importante di quanto le abitudini degli utenti si stiano spostando sempre più verso l'utilizzo in mobilità delle piattaforme social.

Per quanto riguarda il profitto, Facebook ha generato 4,98 miliardi di dollari di utili, migliorando le performance del trimestre precedente che avevano fatto registrare profitti per 4,26 miliardi. Importante incremento anche per quanto riguarda il ricavo medio per utente, in aumento del 30% su base annua e ora pari a 5,53 dollari pro capite. La crescita è stata guidata dal mercato europeo e da quello dell'Asia orientale.

Nonostante i recenti scandali abbiano creato incertezza da parte dei mercati, la società ha mantenuto previsioni positive per quanto riguarda il prezzo delle sue azioni e ha autorizzato un ulteriore incremento di 9 miliardi di dollari per una manovra di riacquisto di azioni proprie, la quale si va ad aggiungere ad altri 6 miliardi precedentemente stanziati (di cui ne sono stati spesi 4, sino ad ora). La risposta di Wall Street ai risultati del primo trimestre 2018 di Facebook è stata positiva e ha fatto registrare un + 4,38% che ha portato il prezzo di una singola azione a 166,68 dollari.


Le ottime perfomance finanziarie hanno permesso alla società di incrementare il suo numero di impiegati, cresciuto del 48% rispetto allo scorso anno. Questo significa che ora il colosso di Menlo Park conta ben 27.742 dipendenti; entro la fine dell'anno ben 20.000 dovrebbero essere coinvolti nella gestione degli aspetti relativi alla sicurezza e alla moderazione dei contenuti. Si tratta di una cifra doppia rispetto ai 10.000 dipendenti delegati a questi compiti nel corso del 2017.

Curiosità dalla Earnings Call

Nel corso della conferenza con gli azionisti, Zuckerberg ha sottolineato che il progetto Internet.org ha aiutato 100 milioni di persone a connettersi gratuitamente alla rete, contro i 40 milioni di fine 2016. Tra le altre curiosità è emerso che WhatsApp Status è risultato essere il servizio più popolare tra tutti quelli che permettono di creare delle Storie all'interno delle app controllate da Facebook, raggiungendo ben 300 milioni di utenti al giorno.

Questo avrà un impatto anche sulle prossime campagne pubblicitarie della società, le quali si adegueranno al nuovo modo in cui gli utenti consultano i social, sempre più incentrato sulla visualizzazione delle Storie piuttosto che sul feed delle notizie.

Zuckerberg ha anche svelato uno dei suoi più grandi rimpianti, ovvero quello di non aver potuto giocare un ruolo determinante nella creazione e definizione del mondo mobile, dal momento che la sua società era troppo piccola nel momento in cui iOS e Android hanno raggiunto il mercato. Questo spiega il motivo per cui Facebook sta investendo fortemente in due campi importanti come la Realtà Virtuale e Aumentata, grazie a manovre come l'acquisizione di Oculus e l'imminente lancio di Oculus GO.

Il GDPR potrebbe causare rallentamenti nel Q2

Per finire, il CFO di Facebook David Wehner è intervenuto commentando gli imminenti cambiamenti che riguardano le politiche sulla tutela della privacy che entreranno in vigore in Europa tra meno di un mese, attraverso l'applicazione del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati.

Secondo Wehner, questo potrebbe portare ad una stagnazione o ad un lieve declino degli utenti attivi su base mensile e giornaliera nel corso del Q2, portando ad una minima flessione dei ricavi derivanti dalla pubblicità. Facebook monitorerà con attenzione l'evolversi della vicenda, tuttavia ritiene che questo scenario sarà condiviso da tutte le altre aziende attive su scala globale, quindi è al momento difficile prevedere gli esiti della vicenda dal solo punto di vista di Facebook.

Nonostante ciò, la società di Menlo Park ritiene di poter comunque continuare sulla sua strada, realizzando campagne pubblicitarie estremamente remunerative.

Il prossimo trimestre sarà cruciale

Sebbene il trimestre si sia concluso con una tempesta mediatica, i risultati finanziari del Q1 2018 hanno risentito poco di tutti gli scandali, i cui effetti si mostreranno solo nei dati relativi al prossimo trimestre. Questi permetteranno di verificare l'impatto che le due audizioni di Zuckerberg al Senato e alla Camera degli Stati Uniti hanno avuto nei confronti degli utenti, quale sarà il reale effetto del GDPR e delle nuove politiche che abbiamo discusso nel corso delle ultime settimane.

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da Yeppon a 762 euro.

23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
apps accaunt

Grazie x la risp tecnica...rimango.però dell idea che ci metterebbero niente a farne una bene con le risorse che hanno

apps accaunt

Grossa come intendi tu no

D3stroyah

maledetto gdpr, mi farà sudare freddo per le aree grigie che ha..

giuseppe9000

scusa, non arrabbiarti, ma hai mai lavorato in una grossa azienda?

Alessio Ferri

Non ho mai lavorato per fb,, ma mi sembra che il motivo per cui l'applicazione è lenta sia derivato dalla tecnica di sincronizzazione usata, ovvero: ad ogni aggiornamento di stato riscarica tutto. E' un approccio che funziona piuttosto bene con banda illimitata, forse per cambiargli architettura di fondo devono riprogettarne una grossa fetta, se non c'è convenienza non lo fanno perchè perderebbero molto tempo.

apps accaunt

Aspetta...non sará mica una cosa come che ne so "il marketing é una cosa difficilissima che va studiata per anni e anni e che solo pochi professionisti possono maneggiare"?? (Ovviamente sono ironico)....alla fine vado per buonsenso..hai risorse illimitate sia di personale che di soldi ecc ecc e non riesci a fare una cosa sufficiente??dai su non sará mica tutta sta difficoltá

apps accaunt

Yes..più o meno esatto..a parte che non mi sorprendo, semplicemente riflettevo su come alla fin fine questi geni hanno fatto i miliardi vendendo pubblicitá...non avevo pretese di scrivere il post dell anno

adimo

Il GDPR preoccupa le aziende piccole che non hanno i soldi per implementarlo, le grandi si sono già attrezzate. Risultato meno concorenza e Facebook / Google ancora più forti.

Van Der Var

No e non capisco il senso di dover mischiare le cose nuove a quelle vecchie

Oliver Cervera

L'app è immonda, punto.

momentarybliss

Addirittura utenza aumentata dopo lo scandalo. L'umanità è destinata a non imparare dai propri errori

qandrav

concordo al 10000000000000000% con te :)

mi ero dimenticato il launcher AHAHAHAHAHHAHA (dell'app non dico nulla, si autocommenta da sola guardando i permessi che richiede)

giuseppe9000

non hai mai programmato, sbaglio?

ghost

E lo stessa cosa vale per whatsapp, si lamentano tutti ma nessuno smette di usarlo xD

ghost

Abbiamo tutti cancellato il nostro account Facebook non possiamo aiutarti

ghost

Cellulare di Facebook, launcher di Facebook, app di Facebook sono le cose piu aberranti dal punto di vista di intuitività ottimizzazione e piacevolezza d'uso. Se fb avesse avuto più peso in quegli anni come minimo l'uso del cellulare sarebbe stato abbandonato lol

Danny #

Beh, l'app fa davvero pietà.

qandrav

Zuckerberg ha anche svelato uno dei suoi più grandi rimpianti, ovvero quello di non aver potuto giocare un ruolo determinante nella creazione e definizione del mondo mobile, dal momento che la sua società era troppo piccola nel momento in cui iOS e Android hanno raggiunto il mercato

per amor di d10, hanno già rovinato il mondo a sufficienza, ci mancherebbe averli anche nel mondo mobile

ps e comunque hanno tentato la strada del telefonino by Fb (realizzato da htc), per fortuna il mercato li ha ripagati a dovere

DonatoMonty81

Ricapitolando: critichi un'app che non utilizzi basandoti solo sul sentito dire e ti sorprendi del fatto che i ricavi di servizi gratuiti arrivino dalle pubblicità.
Ti do altro materiale su cui sorprenderti: se riempi una pentola con dell'acqua fredda e la metti su un fornelletto acceso, dopo qualche minuto quell'acqua diventa calda. Domani ti spiego come far passa l'acqua dallo stato liquido a quello solido

M_90®

solo io ho il problema dei recenti ultimamente, sia su browser che sull'app? praticamente se filtro solo le news recenti, vengono mischiate quelle recenti a quelle vecchie anche di giorni, mentre fino a qualche giorno fa mostrava solo le news recenti.

apps accaunt

Si ma all interno di una azienda cosi enorme e con quei fatturati quanto ci metterebbero? 2 gg con lo 0.00000000001% del budget mensile?

Alessio Ferri

Scema la gente che lo usa nonostante sia così pesante.
Non hanno nulla da guadagnare nel migliorare l'app se la gente la tiene lo stesso e la usa lo stesso

apps accaunt

E con 11.000.000.000 di dollari a disposizione non sono capaci a fare un apk non dico buono ma almeno sufficiente (non ho fb mi baso su quello che leggo in giro), cosa che potrebbe fare probabilmente un qualunque adolescente nerd in 10 gg.

Oh cmq tutti sti geni della silicon valley e affini, avranno pure menti brillanti blah blah blah ma l unico modo di farsi i soldi é quasi sempre e solo la pubblicitá...bei fenomeni

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale