Apple assume ex Vice Presidente di Samsung in Corea del Sud

24 Aprile 2018 17

Apple continua a rafforzare le sua presenza in Corea del Sud, patria del suo più grande rivale del settore mobile. Per fare ciò, la casa di Cupertino ha messo a segno una nuova assunzione che va a pescare direttamente dalle cariche principali della diretta concorrente. Si tratta di Brandon Yoon, ex Corporate Vice President di Samsung, il quale ha lasciato il suo posto all'interno della casa di Seoul lo scorso marzo per entrare a far parte delle divisione sudcoreana di Apple a partire da questo mese.

I movimenti di Yoon sono stati avvistati da diverse testate tramite l'aggiornamento del suo profilo LinkedIn, in cui è possibile scoprire il lungo curriculum del nuovo General Manager di Apple Corea. Yoon ha trascorso poco più di due anni e mezzo in Samsung e proviene da oltre 11 anni di lavoro in Microsoft, nella quale ha ricoperto diversi incarichi di primaria importanza.

Apple ha da poco aperto il suo primo negozio fisico in Corea del Sud e sta affrontando diverse sfide nel Paese. Non solo si ritrova a dover fronteggiare una Samsung incredibilmente forte, che detiene il 50% di quote di mercato del settore mobile - contro il 17% di Apple - ma deve anche far fronte alle recenti cause legali causate dalla questione dei rallentamenti provocati su iPhone con batteria usurata. L'ingresso di un veterano del calibro di Brandon Yoon potrebbe dare una grossa mano alla società nel muoversi all'interno di un mercato molto difficile.


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Joel

Il resto conta tutto, invece. Se Apple non dovesse vendere a decine di milioni, iPhone X sarebbe uscito molto prima di Essential, che fu rilasciato in versione limitata d’anticipo solo grazie a questa variabile. Tra l’altro i primi leak su Essential sono posteriori di gran lunga a quelli su X.

cane_marco

é uscito prima, il resto conta nulla.

Joel

Essential uscì poco prima di iPhone X semplicemente perché non doveva essere prodotto a decine di milioni di esemplari, il design di iPhone X è stato brevettato più di un anno prima

cane_marco

veramente il primo a mettere la tacca è stato l'Essential Phone.
Più in generale quando qualcuno copia viene coperto di insulti anche se capisco solo in parte, perchè se copio una cosa bella e fatta bene non vedo problemi di sorta.

Shrek

Caspita hai ragione, ora modifico il mio messaggio sopra.

Domenico Belfiore

Samsung no

Andhaka

Non era lui il tipo a capo del team di progettazione del Note 7? :D

Cheers

Mick

L'unica differenza è che quando lo fa Apple, lo fa meglio.
Gli altri copiano qualcosa nel modo che possono, spesso negativamente e con risultati scarsi.
Apple copia, migliora e poi vende.

Kyro

Huawei docet

CAIO MARIOZ

La corda è per il Cuoko

Joel

Generalmente il contrario: quando Apple ha introdotto la tecnologia di ricarica wireless, per fare un esempio, è venuto giù l’inferno con gente che urlava che avesse copiato insultando e augurando la morte, adesso che invece tutti la stanno copiando per davvero con la tacca e altre cose l’inferno c’è ma è di gran lunga più blando presso il popolino

Shrek

Tutti copiano, solo che quando sono gli altri a copiare "hanno copiato", quando è Apple "si è ispirata".

Sisisi

Eh si

Giuseppe75

Gli altri produttori non copiano Giusto? Specialmente quest'anno non hanno copiato per niente!

Andrej Peribar
Apple assume ex Vice Presidente di Samsung in Corea del Sud


Caio ha appena acquistato una corda...
... questo Timoteo non doveva proprio farglielo.

Domenico Belfiore

Così hanno la scusa se copiano

ciro mito

https://uploads.disquscdn.c...

Lavorare con iPad Pro M1 12.9: cosa si può fare davvero (e con quali compromessi)

I tre migliori compatti: iPhone 12 Mini vs Asus Zenfone 8 vs Galaxy S21 | Confronto

Abbiamo provato iOS 15: prime impressioni d'uso sulle principali novità

Abbiamo provato iPadOS 15: le novità che Apple non ci ha svelato