Twitter potrebe bloccare l'accesso ai client di terze parti da giugno

06 Aprile 2018 8

Twitter potrebbe porre fine a tutti i client di terze parti a partire dal prossimo 19 giugno. Gli sviluppatori delle principali app, come Tweetbot, Twitterrific, Talon e Tweetings, hanno deciso di fare fronte comune e hanno pubblicato una pagina web informativa - che trovate in Fonte - in cui illustrano il motivo di questa situazione.

Stando a quanto segnalato, il prossimo 19 giugno Twitter interromperà lo "streaming service" utilizzato per aggiornare i client con le informazioni relative alle notifiche push e all'aggiornamento live del feed delle notizie. Questo verrà rimpiazzato dalle nuove Account Activity API, al momento in fase beta, tuttavia Twitter non le ha ancora rese disponibile agli sviluppatori delle app di terze parti, lasciandoli quindi del tutto impossibilitati dall'aggiornare le proprie applicazioni per renderle compatibili con le nuove API.

Oltre a ciò, Twitter non ha ancora fornito delle indicazioni riguardo l'eventuale costo di licenza necessario per poter utilizzare la versione Enterprise di queste API, dal momento che l'implementazione di quelle standard permette di inviare notifiche push ad appena 35 account per servizio, mentre tutti gli sviluppatori dei client citati necessitano di raggiungere un pubblico composto da centinaia di migliaia di utenti.

Insomma, qualora nulla dovesse cambiare nei prossimi mesi, moltissime delle più famose app alternative potrebbero diventare del tutto inutili, visto che perderebbero gran parte delle funzionalità chiave. Sarebbe davvero un peccato, dal momento che queste applicazioni permettono agli utenti di personalizzare maggiormente la propria esperienza d'uso con il social o addirittura rappresentano l'unico modo di accedervi su tutte le piattaforme abbandonate da Twitter stesso.

Attendiamo maggiori dettagli da parte della società, la quale dovrà sicuramente rispondere ai tanti utenti che hanno cominciato a protestare utilizzando l'hashtag #BreakingMyTwitter.

Il medio gamma Huawei per eccellenza? Huawei P Smart Z è in offerta oggi su a 167 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
-Diogene-

Come ha fatto notare Felk, forse serve un aggiornamento alle informazioni contenute nell'articolo:

@TwitterDev
6 apr
As always, we’re committed to providing ample time to migrate. We will provide at least 90 days notice of deprecation date from when the Account Activity API becomes generally available to all developers. More specifics on timing to come.

*****
@TwitterDev
6 apr
As a reminder, developers who want beta access to the Account Activity API can still apply.

Felk

Articolo pubblicato 14 ore fa e non ancora corretto.
Buco nell'acqua clamoroso con la news del focus di OP6. Il tutto dallo stesso autore.
Ma si può?

Gupi

Zero titoli

eL_JaiK

Haha Bloco aceso, amazo ucelo!

Paolo Giulio

Ma sarebbe anche ora...

THIS

You can’t really blame Twitter for wanting to control the experience of using their product, just like every other major social media platform does. What you can blame them for is not making this change years ago and allowing entire businesses to be built on top of this API. But then again, building your entire business on top of an API that is completely outside your control seems like an incredibly risky move in the first place.

Instagram had a lot of 3rd party client options for a while, but they were quick to shut down the platform access to not allow these clients to grow into full businesses. I know, because I was part of a team making such a client years ago. I remember them shutting down the API access we used, and how pissed we were when they did that. But then we realized that at least none of us had quit our day-jobs to work on our client, so it was all good.

DeathTheKid

Ciao ciao bixby

Volpe

twiter potrebe blocare aceso cazo

ghost

Potrebe <--- correggete nel titolo D:

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft