4 nuove CPU Intel Coffee Lake in arrivo: Amazon le svela per sbaglio

14 Marzo 2018 43

Sono 4 le nuove CPU Intel Coffee Lake in arrivo sul mercato, alcune appartenenti alla linea Celeron e altre appartenenti alla famiglia Pentium Gold. Sono tutte dual-core, ovviamente con frequenze e caratteristiche differenti, ma un unico obiettivo: competere nella fascia sotto i 100 dollari e completare la line up di questa generazione.

In effetti Intel ha già svelato numerose CPU Coffee Lake a partire dallo scorso anno, più che altro modelli 'top' esa-core per desktop e potenti quad-core. Questi dual-core potrebbero quindi essere i primi della seconda tornata, Dopo svariate anticipazioni ufficiose ecco quindi l'errore di pubblicazione di Amazon che ha così svelato questi chip in arrivo: Celeron G4900 e G4290 (no hyperthreading), Pentium Gold G5500 e G5600 (hyperthreading).


Partiamo da quest'ultimi, G5500 pare avrà un clock di 3,8GHz mentre G5600 arriva poco più in alto a 3,9GHz. Più basse le frequenze dei modelli Celeron, con G4900 fermo a 3,1GHz e G4290 a 3,2GHz, e tutti e quattro con TDP di 54W. Soluzioni interessanti che si andranno a scontrare direttamente con le Ryzen 3 di AMD (circa 130$), seppur queste abbiano il vantaggio della grafica integrata a consumi leggermente superiori (TDP di 64W, ad esempio, per la Ryzen 3 2200G).


43

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
pillybilly

Ma che fesserie sta dicendo, molto spesso a tacere si fa più figura...

densou

però sono anche divisi in "moduli" chiamati CCX interconnessi tra loro. Di solito così: 2+2+

Tuttavia le due nuove APU sono 4+0 (!) ed ecco perché nel lato cpu han dimostrato di non esser affatto male :)

Ungarus

In realtà farmaci con gravi reazioni avverse vengono proprio ritirati dal mercato.
Ed inoltre esiste il rischio di impresa, così che, quando c'è da stappare lo champagne lo si fa con gioia certo, ma quando c'è da sborsare, si sborsa. Tanto i soldi sicuramente non mancano. Altrimenti ti metti a fare il postino.
"garanzie assolute" ci sono ed esistono, e rappresentano una delle maggiori leve di fidelizzazione. Certo, assolute è un termine abusato nel caso, ma nulla che impedisca ad esempio le molteplici campagne di richiamo che tutte le case automobilistiche fanno.
Quindi, non c'è proprio nessuna scusa che tenga, legislativa ne tanto meno economica.
La realtà è che intel è praticamente priva di concorrenza, e quindi fa soltanto il brutto e cattivo tempo.
"Intel risolverà il problema" questo lo sai tu e tuo cugino, intel che io sappia non ha dichiarato proprio nulla.

piervittorio

Ed un conto è risolvere un bug di un sw attraverso un aggiornamento online.
Altro è riprogettare una CPU, interrompendo la produzione della precedente serie prima di aver raggiunto il break even, testarlo, metterlo in produzione su una nuova linea ecc.
Intel risolverà il problema, nei tempi necessari, che sono circa due anni da quando si inizia a lavorare su una CPU a quando arriverà in produzione.
Spectre e Meltdown sono noti da otto mesi, e la prossima generazione di CPU a 10 nm probabilmente avrà ancora tali bug, a meno di miracoli.

piervittorio

Molti farmaci possono farti morire, si chiamano reazioni avverse.
Anche a partire dall'aspirina, che non a caso si sconsiglia sotto i 16 anni, dato che qualche morto lo fa.
Si sa che ha quel rischio, se la prendi lo accetti.
La responsabilità del produttore è tale se tiene nascosto un rischio di cui è venuto a conoscenza, non se ti dice che successivamente alla sua entrata in produzione, sono emerse delle criticità, che tu se vuoi usare quel prodotto devi accettare.
Oppure se preventivamente ti chiarisce che su sistemi di quella complessità, potenziali bug e vulnerabilità inizialmente non note, potrebbero emergere, e nel caso emergessero l'azienda potrà decidere di sanarle oppure no.
Come nei farmaci, è un rapporto costi/rischi/benefici.
Se si cercassero garanzie assolute, e le difformità da queste garanzie assolute potessero essere sanzionate secondo i normali principi della responsabilità civile, oggi semplicemente non potremmo permetterci né le cure né l'ICT.

Ungarus

Magari tu sei un avvocato, io no. Hai spostato la questione sul piano giuridico senza motivo. Dimmi allora già che siamo, se nella fattispecie, dove la sicurezza prima del cliente è venuta meno, così come i suoi dati personali, i suoi codici bancari, i suoi affetti vengono messi a rischio, non ci sia un obbligo legislativo nel provvedere alla questione. In caso negativo riterrò ciò una grande falla legislativa. Ci sono bug e bug, e se voliamo continuare il parallelismo con il farmaco, dubito che sia consentita la libera vendita di un farmaco che potenzialmente può farti morire, mentre è certo, che è possibile vendere un farmaco che ti dia la nausea. Nel nostro caso il discorso è lo stesso. E' sorto un caso ben più grave di un semplice bug come miliardi che tu vuoi far intendere.
In ogni caso ora mi svincolo dalla questione legislativa perché non è un campo che mi compete e potrei dire castronerie quindi riporto il discorso alla sua taratura originale.
Quindi la questione si fa quasi banale. Nessuno ha mai rivendicato un risarcimento, ne io, ne l'utente sopra, ne nessun'altro. Nessuno vuole obbligare il produttore a prendere provvedimenti. Ma è bello notare come molte aziende, pure vendendo con licenza EULA, come tu mi insegni, proponendo costantemente revisioni continue del loro software/hardware anche per problemi ben meno gravi. E se ne loda il comportamento, così come se ne disprezza quello di Intel.

piervittorio

Confondi la tua "pretesa" (ovvero l'imporre alle aziende il tuo credo, nella convinzione che vi siano diritti impliciti eccedenti quelli contrattualizzati dalla luce da EULA) con la libera e sovrana scelta delle aziende di correggere delle vulnerabilità o di fare aggiornamenti migliorativi, perché ritengono che il rapporto tra il costo dell'intervento (che magari era ricompreso e precalcolato tra le voci "supporto post vendita" già in fase di struttura dei costi del prodotto) ed il vantaggio economico (immagine, fidelizzazione cliente ecc.) sia conveniente.
Tu hai pienamente DIRITTO di scegliere il fornitore di un bene e in base alle sue policy commerciali, il fornitore non ha nessun DOVERE di accollarsi dei costi imprevisti, per vulnerabilitá piu spesso ipotetiche che realmente sfruttabili, che magari emergono dopo anni, dai quali si è preventivamente cautelato attraverso un accordo EULA.
Tanto più che se non avesse imposto tale contratto, avrebbe dovuto valutare una differente struttura dei costi di prodotto, che avrebbe dovuto tener conto di possibili cause miliardarie per ogni bug, di ipotesi di sospensione delle produzione e riprogettazione delle CPU, di sostituzione di quelle vendute, di risarcimenti per lucro cessante, danno emergente e sospensione di attività di impresa, arrivando a raddoppiare il costo del prodotto.
Questo è il concetto che sembra non entrati in testa, ed il motivo per cui in quel settore si utilizzano quegli specifici contratti di licenza, in deroga alle normali garanzia di legge sui prodotti industriali.

Ungarus

E' chiaro che non lasci spazio a nessuno oltre che a te. Ti fai il concerto e gli applausi.
Per fortuna che il mondo funzioni esattamente all'incontrario di come vorresti tu e le aziende prosperano, migliorano, e i loro servizi lo fanno, e i loro prodotti lo fanno. E noi tutti (anche tu) ne gioiamo perché il mio software è esattamente più sicuro di 5 anni fa, la mia fotocamera fa foto migliori, la mia auto è più sicura, e la mia medicina funziona meglio (per quanto i medicinali meriterebbero altro tipo di disamina). Ma abbiamo delle eccezioni è vero, come nel, caso Intel, ma dubito che hai la necessità di qualcuno che te ne spieghi i motivi.
E finalmente arriviamo alla mia parte preferita: "Se ti sta bene è così, altrimenti fattela tu" è musica per le mie orecchie. Nell'elenco delle risposte infantili di chi non sa cosa dire più da ormai molti anni.
L'ho letta e sentita in discussioni politiche, di lavoro, discussioni sulla moralità, fede..insomma un jolly per chiudere ogni dibattito e uscirne sempre puliti. E sinceramente sorvolerò su questa poiché ancora mi interessa avere un confronto, altrimenti anch'io tiro fuori il mio di jolly e ci salutiamo.
Quindi se non ti sei già proclamato imperatore della Nazione, ma sei intenzionato a lasciare ancora spazio ad altri, fammelo sapere sarò ben felice di completare il mio intervento.

Gark121

Mai. La linea Atom è chiusa, quelle celeron e pentium da 4w faranno sempre pietà, fine. Se si vuole qualcosa di decente, serve un core m, altrimenti meglio niente

piervittorio

Sì, è molto corretto che te lo prendi con le eventuali criticità, e non solo te lo tieni così, ma ringrazi anche iddio che hai un telefono, e l'hai pagato pagato praticamente nulla rispetto all'enormità della tecnologia che contiene.
Perchè vedi, nessuno investirebbe in prodotti dell'ingegno, siano questi farmaci, software o processori, se non fosse chiaro che li acquisti "visti e piaciuti", con le loro possibili falle, e vulnerabilità, esattamente come le ha il cervello di cui sono il prodotto, di cui il produttore ti avverte (col bugiardino se sono farmaci, con la licenza EULEA se sono sw o CPU).
Certo, magari spendo i fantamiliardi per sviluppare un farmaco (o un vaccino), faccio tutti i test che il buonsenso prevede e che la legge impone, per accertarmi che i benefici siano superiori alle possibili complicanze.
Poi verifico, negli anni, attraverso la farmacovigilanza, le reazioni avverse, di concerto con le autorità di tutti gli stati dove è commercializzato.
Ma se cinque anni dopo si scopre che a lungo temine quel farmaco crea altre patologie, o che potenzialmente in alcuni casi è letale, io (casa farmaceutica) non posso pagarne i danni o i decessi, passati, presenti o futuri (a meno che ne fossi a conoscenza e te lo abbia tenuto nascosto).
Nè posso essere obbligata a spendere altri fantamiliardi per sviluppare una molecola migliorata.
Io quella lì, e solo quella lì, sono riuscita a fare, e mi deve coprire tutti i costi che mi è costata svilupparla nei circa 8 anni in cui posso sfruttare il brevetto.
Se la vuoi assumere, i rischi ti sono noti, e magari sono di gran lunga inferiori ai benefici, altrimenti vai dallo sciamano o prega, perchè la mia garanzia non sottende nè di farti guarire, nè che il prodotto non abbia effetti collaterali, nè possibili controindicazioni a lungo termine, nè che non abbia possibili difetti di cui al momento della sintesi non mi sono accorto e che oggi, essendomene accorto, ti comunico aggiornando il bugiardino.
Se non ti va bene, i farmaci, i SoC, i SW o ogni altro prodotto dell'ingegno, fattelo da solo, perchè o accetti questo mio limite di responsabilità, o io i miei prodotti a te non te li vendo. Punto.
E tu vai avanti a fare i conti col pallottoliere, o a curarti con la tisana.

Ungarus

A prescindere dal pipp0ne inutile sulle licenze. Correggere e migliorare un prodotto mi sembra l'abc di ogni impresa, sia che produca detersivo sia che produca cpu.
Ti sembra corretto comprare un telefono, scoprire che ha delle criticità e non avere aggiornamenti dal produttore? Ma per favore..
È un attitudine, le licenze lasciale stare che non c'entrano nulla.
Poi cosa significa che un cpu è un prodotto dell'ingegno? Perchè un tombino è prodotto dalla forza d'amicizia?

Manny Calavera

...magari tra tutti sti annunci me lo sono perso, ma quando rimpiazzeranno degnamente l'oramai presente in tutti i mediacenter x5-z8350 con qualcosa di un po' piu' potente a parità di watt consumati ?

Lo Stalin Di Turno

Fossi stata in intel, un pentium k l'avrei riproposto, l'i3 7350k non era malvagio a 4.8 ghz come performance, ma 160 euro erano troppi.

The_Th

dico che non si sono comportati bene, trovato il problema non lo hanno detto, una volta detto non lo hanno ancora sistemato, lasciando agli altri gli oneri...

piervittorio

Non mi risulta che i prodotti metalmeccanici industriali Diana assoggettati a licenze EULA, come le CPU.
Una CPU, al pari di un sw, è un prodotto dell'ingegno.
Lo acquisti visto e piaciuto, senza alcuna assunzione di responsabilità da parte del produttore.
Se ti piace è così, se non ti piace puoi fartele tu le CPU.
Se pensassero di dover riprogettare e sospendere la produzione per ogni bug che col tempo emerge, e magari sostituire le difettose ai clienti, o peggio rimborsare il danno emergente o lucro cessante (sospensione di attività di impresa per sostituzione infrastrutture informatiche, furti di dati sensibili per vulnerabilità critiche ecc.) non basterebbe centuplicare i prezzi dei prodotti per garantirsi accantonamenti adeguati a bilancio.
Sei pronto a pagare 12.000 euro un celeron, però col vantaggio di una garanzia metalmeccanica anziché EULA?

Elia Marcantognini

Xps 15 con intel di ottava verrà lanciato ad aprile 2018 (ho appena chiesto a dell us).. quindi ipoteticamente dovrebbero presentarli a breve.

alexhdkn

Meglio Ryzen almeno sono quad

Paul

i nuovi Coffee lake come ad esempio l'i7 8750H per notebook chissà come saranno le temperature sui notebook dato che avranno frequenze più elevate!

Dirk Diggler

... di che CPU stai parlando che non si era capito ?

deepdark

Certo, perchè le cpu vecchie non hanno falle giusto?

deepdark

Ci sono le j1900 e le successive che sono ottime consumando 10W in full e dissi passivo.

Baz

Per un HTCP senza troppe pretese il il G5500 o il G5600 non sono male affiancati da una scheda madre di fascia bassa (quando usciranno) e ssd

Palux

E cosa dovrebbero fare con quelle CPU?
Perdere miliardi, presumo, dal tuo punto di vista.
Sei libero di non comprarle, l'importante è che si sappia che sono affette da vulnerabilità, se mai io imporrei a tutti i vulnerabili di SPECIFICARLO nella vendita. Questo sì.

punk3r

Mamma mia cosa? pensi che non me ne renda conto? Neanche continuare a buttare fuori CPU non sicure é la soluzione.

The_Th

secondo te è corretto nei confronti del cliente vendere cpu fallate sapendo di farlo, tacere sui bug e non rilasciare prontamente le fix?
ora invece di correggere i problemi nelle cpu che hanno venduto presentano altre cpu con il medesimo problema...

come se la fiat scoprisse che se prendi una buca a 30 al'ora la ruota si stacca, se ne frega, va avanti a produrre auto con lo stesso identico problema, sistema male le auto che ha già venduto solo mesi dopo aver scoperto il problema limitandone la velocità a 29 orari per evitare il problema e continua a presentare nuovi modelli con lo stesso problema...
ti sembra corretto?

non sono capace di produrre cpu, non è il mio lavoro, ma posso tranquillamente dire che questi hanno presentato cpu con un bug e continuano a sfornare cpu fallate, invece di risolvere i problemi e poi presentarne altre...

Palux

Ma pensi ci vogliano 5 giorni a modificare il tutto?
Anche se lo sanno da 6 mesi pensi che il progetto di ste CPU sia partito 6 mesi ed un giorno fa?
Mamma mia.

piervittorio

Ehi, pensa che opportunità si aprono per grandi geni come te!
Ti metti a progettare e costruire tu CPU, e spazzi via quei buffoni di AMD ed Intel dal mercato...
In fondo, che vuoi che ci voglia a progettare e costruire 'sti quadratini, con quella dedizione e competenza di cui evidentemente i loro ingegneri, sicuramente stagisti pigri e sottopagati rubati alla GDO, non dispongono?

Francesco Renato

Perché? Finora i bug non hanno prodotto alcun danno, sarebbe da idioti fermare la produzione, con danni reali enormi, solo per evitare un danno eventuale, del tutto ipotetico.

punk3r

Si ma non possono continuare a buttare fuori CPU buggate e castrate dovrebbero fermare le produzioni e porre rimedio

lo_stewie

A parte che i ryzen sono quad core minimo

Stefano

La serie H a 6 core arriverà presto, ci sono già stati i primi benchmark.

The_Th

presentiamo cpu immonde con i bug...e ce ne freghiamo, speriamo tutto il casino Spectre se lo dimentichino, abbiamo venduto per anni spazzatura e quando lo abbiamo scoperto abbiamo continuato per la nostra strada...

Tizio a caso

Spectre e Meltdown e chissà cos'altro. AMD ha altre 13 falle e pure Spectre e chissà cos'altro. Il momento peggiore per comprare un computer, tra CPU fallate, bug nei modem e minatori vari...

Paul

Chissà i nuovi i7 di 8 generazione le temperature dei notebook come saranno con le nuove frequenze degli i7 di 8a generazione!

piervittorio

Come sarebbe "AMD ha il vantaggio della grafica integrata"?
Tutte queste CPU Intel hanno anch'esse la GPU integrata.
Semmai il vantaggio di AMD sta nelle superiori prestazioni della GPU integrata.

Anal Natrak

Notizia: Intel presenta croste di silicio immonde

IRNBNN

Certo

Paul

Per i notebook usciranno e bisognerà vedere le temperature con quelle frequenze altrimenti acquistato un notebook con i7 770hq

artick82

Fascia bassissima

punk3r

Buggate anche queste?

Top Cat

Quindi hai abbandonato tutto il tuo metallo eh?

Top Cat

E io che pensavo già alla nona generazione.

CAIO MARIOZ

Ma quelle per i laptop seri quando arriveranno?
Dovevano arrivare a Gennaio come ogni anno, ma non si sa più nulla

Recensione MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G, semplicemente ESAGERATA!

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3080, il 4K non sarà più un sogno! Video

NVIDIA GeForce RTX 3090, 3080 e 3070 ufficiali, caratteristiche e prezzi ITA

Recensione MateBook 14: è il migliore tra i notebook Huawei