Reti neurali sempre più piccole e integrate nei dispositivi mobile, grazie al MIT

14 Febbraio 2018 26

Le reti neurali sono sempre più importanti all'interno dei dispositivi mobili, in quanto permettono di sfruttare il Machine Learning per sostituire i tradizionali algoritmi e creare dei sistemi flessibili, in grado di imparare e di migliorarsi con il tempo, superando molti dei limiti delle tecnologie attuali.

Il MIT ha sviluppato, grazie al lavoro di Avishek Biswas, un nuovo chip che permette di ridurre del 95% i consumi rispetto a quelli precedentemente utilizzati per la gestione delle reti neurali. Questo è stato reso possibile grazie ad un lavoro di semplificazione estremo, il quale permette di non considerare il dispendio energetico necessario a spostare i dati tra i vari processori che fanno parte della rete.

Le possibili applicazioni di questa scoperta potrebbero permettere a smartphone, tablet, oggetti IoT e qualsiasi altro dispositivo mobile, di essere equipaggiato con un vero e proprio network neurale e non con un singolo chip, come accade ora sulle prime proposte che hanno iniziato ad introdurre componenti hardware dedicate al Machine Learning. In questo modo, sempre meno funzioni verranno eseguite tramite algoritmi statici, mentre aumenterà esponenzialmente il numero di terminali portatili in grado di capire e interpetare i dati con cui entrano in contatto.

Il top gamma 2018 più completo sul mercato? Samsung Galaxy S9 Plus, in offerta oggi da Clicksmart a 509 euro oppure da Amazon a 579 euro.

26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Leslieeee

Si sono due cose opposte in effetti

hassunnuttixe

http://news .mit .edu/2018/chip-neural-networks-battery-powered-devices-0214

momentarybliss

In futuro quindi non servirà più avere dei contatti, si parlerà al telefonino

punk3r

Grazie ora la mia vita ha dato n senso

ghost

Coincidenze spero

Daniele Brescia

MIT = TIM al contrario

albe

Credo che sia una domanda un po' difficile, anche per una rete neurale.

maurooo

Allora meglio riposare e soprattutto non mettersi a scrivere su quaderni vari.....

Top Cat

Fa arrabbiare Cortana e poi vedi....

Sagitt

a quest'ora è difficile

maurooo

Per capirlo devi sfruttare meglio le tue reti neurali:)

Sagitt

Devo ancora capire come funzionano

Chase

Robot dotati di IA fatti di grafene.

xpy

Così tanto irritabili...

Godzilla

Sì, intendevo proprio questo!

Android Oreo

il mit non crea mai prodotti da commercializzare, crea semmai la tecnologia che verrà usata da terzi

Android Oreo

ahahahahah no

Top Cat

Nervose, nervose...reti nervose ovunque!

Top Cat

Ja!

Top Cat

No, adesso è di Appol.

Godzilla

A quando la possibile commercializzazione?

manu1234

Insomma sentendo parlar loro hanno evitato di fare sposta su e giù da vram a ram. Quindi.... Con quale magia?

Super Papaya

Il grafene è un mezzo dell' IA

•NiKo•

Grafene con IA

M_90®

un tempo la parola magica era grafene, ora IA.

Super Papaya

Huawei mate 10 pro

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere

Motorola

Motorola resta in Italia: ecco Moto G7 Plus | Prezzi e Anteprima

Recensione Canon EOS R: foto da campione e video da migliorare