Samsung ha iniziato la produzione dei chip a 10nm di seconda generazione

29 Novembre 2017 31

Samsung ha dato il via alla produzione della sua seconda generazione di processori basati sul processo produttivo a 10nm LPP (Low Power Plus). Le soluzioni attualmente presenti sul mercato realizzate dalla casa sudcoreana sfruttano i 10nm LPE (Low Power Early) e il passaggio al nuovo processo garantirà un incremento delle prestazioni del 10% e riduzione dei consumi del 15%.

Questa premessa ci suggerisce che le prossime generazioni di SoC top di gamma, specialmente i nuovi Exynos 9810 e Snapdragon 845, non introdurranno un importante gap prestazionale con le soluzioni già presenti in commercio, per il quale si dovrà attendere il passaggio ai 7nm. I chip a 10nm LPP sono realizzati sfruttando gran parte delle attrezzature usate negli LPE, motivo per cui Samsung non impiegherà molto tempo prima di raggiungere il livello massimo di produttività e di portare sul mercato numerosi chip LPP.

Sembra che anche i prossimi processori a 8nm, nonostante le dimensioni ridotte, condividano gran parte del processo di realizzazione con gli attuali a 10nm, grazie al quale Samsung sarà in grado di offrire buone quantità di chip sin dall'inizio della fase di produzione. La scelta di commercializzare una seconda generazione a 10nm permetterà alla casa sudcoreana di avere più tempo a disposizione per affinare le future soluzioni a 7nm EUV, sulle quali il concorrente TSMC pare essere in vantaggio.

Secondo alcuni rumor, questo potrebbe significare che le prossime due generazioni di chip Samsung continueranno a presentare incrementi annuali del 10-15%, motivo per cui si vocifera che Qualcomm potrebbe interrompere la partnership con la casa sudcoreana per affidare la produzione dei suoi SoC a 7nm a TSMC.


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Saverio

io spero un qualcosa di più in prestazioni...vedrai che sarà a sorpresa

Leon

Forse un 650 dovresti paragonarlo con un 660..
In più migliorando il processo produttivo si riduce il calore sviluppato e di conseguenza i consumi oltre allo spazio utilizzato.. ed è chiaro che lo spazio diventa sempre più importante nell'ingegnerizzazione dei terminali.
Inutile che dici che quella importante è solo l'architettura e che i processi di sviluppo sono marketing perchè è una caxxata

piervittorio

Il salto prestazionale a questi livelli dipende molto poco dal processo produttivo, e molto di più dall'architettura adottata.
Tra 10, 8 o 7 cambia ben poco, se non la maggior produttività per wafer.
Il 9810 e lo snap 845 saranno il più grande salto prestazionale mai visto nei SoC 64 bit per Android grazie all'adozione degli A75 ed A55.
Smettetela di propinare questa bufala del processo produttivo quale indice della bontà di un SoC, perché è totalmente irrilevante.
La verità è che un buon SoC a 28nm di due anni fa, come uno Snapdragon 650, brutalizza da ogni punto di vista un moderno 630 a 14nm, senza che vi sia un significativo impatto sui consumi.
Questo è ciò che conta: l'architettura.
Il resto è marketing e seghe mentali.

Sungfive52

>VEROOO

romoloo

Ad ogni articolo che parla di litografia esce fuori questa questione del "limite fisico del silicio". Ti assicuro che la questione è ampiamente sopravvalutata: il limite fisico attualmente risiederebbe nei 5nm, che con i vari rallentamenti delle roadmap attuati negli ultimi anni durerebbero fino al 2023 circa. Quindi diciamo che il problema è abbastanza lontano nel tempo. Dopodiché si sta provando a costruire processori a 3nm, con drogaggi di germanio e altre piccole modifiche ai transistor, ma sempre basati sul silicio. è un obiettivo ambizioso ma non irrealizzabile visto che sono già stati costruiti prototipi elementari funzionanti e il tempo per la ricerca non manca. E già se questo funzionasse arriveremmo tipo al 2026. Poi ci saranno nuovi processori basati su nuovi approcci architetturali (multicore tipo gpu) e fisici (nuovi materiali come nanotubi di carbonio e grafene). è ovvio che il progresso nel lungo termine (oltre dieci anni) sarà basato su un cambiamento di paradigma piuttosto che su una ricerca fisica sui materiali e sulla litografia. Intendo imparare a sfruttare la davvero il potenziale di calcolo che stiamo mettendo su da anni, a tal proposito cito intelligenza artificiale e reti neurali. A tutto questo devi aggiungere che i processori del futuro saranno molto più specializzati di quelli attuali potendo contare ognuno di unita gpu, vpu per l'ai ecc. come già sta cominciando ad avvenire sui soc degli smartphones.

Simone Dalmonte

Vero, anche se oggettivamente il gap tra il pur più potente s835 ed i predecessori in termini di autonomia è stato nettissimo

Simone Dalmonte

Infatti...gli articoli tecnici su HDblog sono sempre raffazzonati e pressapochisti... leggendo questo pezzo, un neofita è portato a pensare che l'unico fattore che influenza le prestazioni in un soc sia il P.P. ... che scesa di catena...

Manuel Perri

Ahahahah bella questa.

ghost

Il problema non si pone Apple sarà la prima a creare chip di -5nm grazie alla magia che possiede

Manuel Perri

Prima o poi ,comunque ,dovranno fare i conti con il limite fisico;sono curioso di sapere quale sarà e soprattutto cosa faranno dopo ,per ovviare a questo limite. Qualcuno di voi ha già qualche "consiglio".

Gaio Giulio Cesare

Ad essere sincero notavo su internet che Nm è sbagliato, dovrebbe essere N m(con uno spazio o un "." )

CAIO MARIOZ

In realtà ogni anno potenziano il soc, aumentano i sensori, aumentano le funzioni, quindi il vantaggio di efficienza energetica va a farsi benedite, e l’autonomia rimane sempre 1 giorno, max 1,5 giorni

L’innovazione per aumentare l’autonomia risiede principalmente nelle batterie.

Kryohi

> le future soluzioni a 7nm EUV, sulle quali il concorrente TSMC pare essere in vantaggio.

TSMC non userà ancora gli EUV per i suoi 7nm

EHz_

Di alla tua mente di fare attenzione. Non a caso i Newton sono indicati con una N maiuscola, mentre la n minuscola sta per "nano".

M_90®

secondo te a che serve il canone rai?

Sungfive52

e chi paga la corrente? Noi poveri cittadini honesti

Flagship

Punti di vista... se sono veri i +10% di velocità e +15% di durata, se un successore di S8 mi passa da 5 ore di schermo (utilizzo generico medio) dell'attuale SD835 a quasi 6 ore di un SD845 e con prestazioni superiori, A ME SCHlFO non farebbe...---> Ovviamente tutto su carta a livello teorico. Perché poi, come ben sappiamo, se fanno un software di m€rda che drena la batteria come non ci fosse domani... tutto viene vanificato. Non conosco la situazione di S8, ma S7 l'hanno ammazzato via software lato batteria con i vari update.

M_90®

Non giravamo sul guscio?

Maurizio Mugelli

oppure gira attorno alla testa della tartaruga

M_90®

Come il sole e la luna che sono lampadine?

romoloo

Esattamente, solo che siccome ad ogni generazione il SOC consuma meno, mentre le altre componenti restano invariate o hanno miglioramenti impercettibili, la rilevanza dei consumi del SOC sul totale si reduce ad ogni generazione.

Maurizio Mugelli

orbita il disco

Maurizio Mugelli

il vantaggio principale dovrebbe essere un abbattimento netto dei costi produttivi, i processi "early" di solito hanno rese pessime.

Giardiniere Willy

E come fa se la terra è piatta????

Giardiniere Willy

Ciò che consuma sono tre cose:
Soc
Display
Connessioni varie (LTE, wifi, sync...)
Il resto incide in minima parte (fatti salvi eventuali battery drain dovuti all'ottimizzazione proverbiale di certe app)

Maurizio Mugelli

forse vuoi metterlo in orbita

romoloo

questa generazione beneficerà anche Delle nuove architetture ARM, in particolare gli A75, quindi comunque non dovrebbe essere una 'cattiva annata'

Alberto

I produttori sono esaltati..finalmente si possono inserire batterie da 2600mah :)

romoloo

ma non è che tutto il consumo del telefono è dato dalla CPU. ad esempio se incide per il 50% dei consumi del telefono devi dividere tutto per 2. ormai gran parte dei consumi derivano dai display

Gaio Giulio Cesare

Ma perchè in mente mia leggo tutto a newton per metro? BOH

Paolo Giulio

"non introdurranno un importante gap prestazionale con le soluzioni già presenti in commercio"

Punti di vista... se sono veri i +10% di velocità e +15% di durata, se un successore di S8 mi passa da 5 ore di schermo (utilizzo generico medio) dell'attuale SD835 a quasi 6 ore di un SD845 e con prestazioni superiori, A ME SCHlFO non farebbe...

Se poi con i 7nm la durata raddoppiasse (E DUBITO), allora meglio per l'S10... ma intanto va bene anche così...

Parere personale, ovvio...

Galaxy Note 20, 20 Ultra, Z Fold 2, Tab S7 e Plus, Watch 3 e Buds Live ufficiali | Prezzi

Nel 2020 presentati 230 smartphone in 7 mesi: Xiaomi, Samsung e Huawei sul podio

Recensione Samsung Galaxy A31: fa numero ma non graffia

Recensione Galaxy A51 5G, la porta d'ingresso per il 5G di Samsung