Plutone: scoperta la causa della sua temperatura estremamente bassa

16 Novembre 2017 80

Plutone è da sempre carico di misteri, a causa della sua estrema lontananza dalla Terra e dal Sole. L'ex nono pianeta del sistema solare, declassato a pianeta nano nel 2006, è stato visitato per la prima volta nel 2015 dalla sonda New Horizon, la quale ha scoperto un fatto inatteso da gran parte del mondo scientifico: Plutone è molto più freddo di quanto previsto.

Secondo le rilevazioni di New Horizons, illustrate in uno studio pubblicato da Nature nelle scorse ore, il pianeta nano presenta una temperatura di oltre 28 °C (50 °F) inferiore rispetto a quella stimata: per l'esattezza, 203 gradi sottozero . Plutone è infatti estremamente lontano dal Sole, motivo per cui ci si attendeva comunque di trovare condizioni climatiche altrettanto estreme, ma la realtà dei fatti ci presenta un ambiente ancor meno ospitale. Sino ad oggi non è stato possibile capire le cause esatte, tuttavia gli scienziati dell'Università della California, Santa Cruz, sono stati in grado di scoprire la presunta causa delle condizioni climatiche anomale.

Plutone sembra essere completamente avvolto da uno strato di misteriosa foschia, che diventa sempre più densa man mano che ci si avvicina alla superficie e che impedisce ai deboli raggi solari di riscaldare il pianeta nano come dovrebbero. L'idea è giunta grazie ai dati forniti da New Horizons che hanno rilevato la presenza della foschia; in seguito, grazie all'utilizzo di un modello climatico, è stato rilevato che una sorta di smog formato da particelle di idrocarburi potrebbe essere responsabile dell'abbassamento delle temperature.

Per avere certezza che sia proprio la foschia a determinare la temperatura estrema del Pianeta ignota sarebbe però necessario poterne analizzare un campione. Sino ad allora, gli scienziati avranno un altro mistero da risolvere.


80

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Liuk

https://uploads.disquscdn.c...

SLM

Ok, va bene.

Liuk

Salutami gli altri due, vi ammiro e seguo da tanto.

SLM

Ricambio disdicendo la tessera aci.

Liuk

Va bene, ciao Furio!

SLM

No è vero, poi ho visto una betoniera fare manovra per versare del cemento e ho deciso che volevo fare il bonzitaio (betoniera=bonza nel dialetto), ma a te che te frega?! Dimmi di si che va bene così e siamo a posto.

Liuk

Sei uno del trio Medusa?
Perchè sono le sue stesse parole.

SLM

Da piccolo gli vedevo tirare fuori il malloppo per il resto, era quello che volevo fare da grande....

marcy9487

Ovvio!!! https://uploads.disquscdn.c...

WryNail

Se è per questo, neanche i nostri abissi conosciamo.
E' la natura esogena dell'uomo.

Gaio Giulio Cesare

Grazie!

Vincenzo Santucci

Forse i giornalisti scentifici che dovrebero saper fare il loro mestiere intendevano dire che la nebbia scoperta fatta da idrocarburi è misteriosa per il fatto che nn sanno da dove provenga..... ma da plutone noo o da sopra il suolo plutonico o da sotto, o è nato con tale atmosfera

Liuk

Ma la benzina brucia presto.

Lorrino

ma su plutone ci sono i poveri come me?

Max

Più che altro le loro stazioni sciistiche... per evitare che si riempiano di milanesi tipo cortina

Max

Grandi piste da sci !!!

lupo

Quindi basta accenderlo e diventa un piccolo sole xD!

Piratacubano

Prima dice scoperta la causa, poi la definisce misteriosa, bella scoperta

lupo

20 o 30° in meno che vuoi che siano...

Stefano Santella

Grazie

Sungfive52

C'è giro d'aria.

Liuk

Quindi è un pianeta pieno di benzina....

Il pianeta dei benzinai!

Fabio

Il funzionamento è simile a tutti gli altri pianeti (anzi, sarebbe meglio corpi celesti, dal momento che Plutone è stato declassato) dal punto di vista della distanza dal Sole e dell'effetto che ha sulle temperature. Le temperatura che si trovano su Plutone arrivano fino a -203 gradi Celsius (quasi si trova nella posizione più lontana).

L'atmosfera di Plutone è composta principalmente da gas leggeri, come l'azoto molecolare e il metano. Sebbene la distanza dal Sole mantenga Plutone estremamente freddo, c'è ancora molta energia solare (luce ultravioletta) che raggiunge Plutone. Quando quella luce (a lunghezza d'onda corta) colpisce queste molecole, l'azoto e il metano diventano ionizzati, con conseguente espulsione di elettroni. Ciò consente a queste molecole di reagire, formando idrocarburi molto più complessi che sono circa due ordini di grandezza (100 volte) più grandi delle molecole di azoto e metano da cui sono stati formati. Dal momento che queste nuove particelle sono più grandi e più massicce del resto dell'atmosfera, iniziano a precipitare, rimanendo attaccate mentre scendono. Alla fine, raggiungeranno la superficie sotto forma di precipitazione (queste particelle solide della foschia hanno capacità riflettenti maggiori delle molecole gassose della atmosfera tradizionale, come quella terrestre).

La recente scoperta di questa "foschia" (costituta da particelle solide piuttosto che particelle allo stato gassoso) ha portato a considerare il fatto che questa possiede capacità di riscaldamento e raffreddamento superiori rispetto a quelle del gas molecolare, e la foschia condiziona quindi l'equilibrio termico dalla superficie del pianeta fino ad una altitudine di 700 km, al di sopra della quale lo scambio termico positivo (riscaldamento dato dal Sole) mantiene un equilibrio isotermico.

L'atmosfera che caratterizza Plutone è quindi unica nel sistema solare, dal momento che è controllata dalle particelle che formano questa foschia, piuttosto che dal gas particellare come gli altri pianeti. Se la foschia non fosse presente, la temperatura sarebbe intorno ai 100 K (circa - 173 gradi Celsius), temperatura che era stata calcolata (come per tutti i corpi celesti) basandosi sulla distanza dal Sole, sulle capacità di riflessione/assorbimento del corpo e prendendo in considerazione una atmosfera solamente gassosa (cosa errata per Plutone, a questo punto).

(L'altro messaggio uguale che avevo scritto mi era stato segnato come Spam perchè l'avevo corretto un paio di volte!)

Fabio

Il funzionamento e' simile a tutti gli altri pianeti (anzi, sarebbe meglio corpi celesti, dal momento che Plutone e' stato declassato) dal punto di vista della distanza dal Sole e dell'effetto che ha sulle temperature. Le temperatura che si trovano su Plutone arrivano fino a -203 gradi Celsius (quasi si trova nella posizione più lontana).

L'atmosfera di Plutone è composta principalmente da gas leggeri, come l'azoto molecolare e il metano. Sebbene la distanza dal Sole mantenga Plutone estremamente freddo, c'è ancora molta energia solare (luce ultravioletta) che raggiunge Plutone. Quando quella luce (a lunghezza d'onda corta) colpisce queste molecole, l'azoto e il metano diventano ionizzati, con conseguente espulsione di elettroni. Ciò consente a queste molecole di reagire, formando idrocarburi molto più complessi che sono circa due ordini di grandezza (100 volte) più grandi delle molecole di azoto e metano da cui sono stati formati. Dal momento che queste nuove particelle sono più grandi e più massicce del resto dell'atmosfera, iniziano a precipitare, rimanendo attaccate mentre scendono. Alla fine, raggiungeranno la superficie sotto forma di precipitazione (queste particelle solide della foschia hanno capacita' riflettenti maggiori delle molecole gassose della atmosfera tradizionali, come quella terrestre).

La recente scoperta di questa "foschia" (costituta da particelle solide piuttosto che particelle allo stato gassoso) ha portato a considerare il fatto che questa possiede capacità di riscaldamento e raffreddamento superiori rispetto a quelle del gas molecolare, e la foschia condiziona quindi l'equilibrio termico dalla superficie del pianeta fino ad una altitudine di 700 km, al di sopra della quale lo scambio termico positivo (riscaldamento dato dal Sole) mantiene un equilibrio isotermico.

L'atmosfera che caratterizza Plutone è quindi unica nel sistema solare, dal momento che è controllata dalle particelle che formano questa foschia, piuttosto che dal gas particellare come gli altri pianeti. Se la foschia non fosse presente, la temperatura sarebbe intorno ai 100 K (circa - 173 gradi Celsius), temperatura che era stata calcolata (come per tutti i corpi celesti) basandosi sulla distanza dal Sole, sulle capacità di riflessione/assorbimento del corpo e prendendo in considerazione una atmosfera solamente gassosa (cosa errata per Plutone, a questo punto).

AlphAtomix

Salviniiieee ci copiano la nebbia!

Wildcat Hendrix

Forse è una domanda poco intelligente ma chiedo lo stesso che io mi occupo d'altro però mi interessa molto l'astronomia: ma lì non ci sono le stagioni? La temperatura di -203 gradi dove è stata rilevata? Dove arrivano i raggi del sole? È una media o è la temperatura più bassa registrata?

E K

Smog di idrocarburi? Sembra una cosa interessante, aspettiamo gli sviluppi

Fede64

È freddo perché siamo in novembre

Maxhd2

Pechinesi su Plutone

dario

mah, pluto ce lo vedono solo tinelli e la sua gang di squinternati... al limite un cuore. ma è solo pareidolia, non è colpa di americani o plutone, solo del nostro cervello.

doctor_bike

È così freddo perché hanno lasciato la finestra aperta

Tecnono

Certo che se Plutone pagasse regolarmente la bolletta del gas o almeno un fornello da campo alla 10thlon al black friday...XD

marco

Lo vedete anche voi pluto vero? Gli americani ci stanno prendendo per il cul0

Adriano

Madonn@ Sant@....

Lobo

Secondo gli scienziati sono - 203, per la questura +16

italba

Quella dovrebbe essere l'energia di punto zero, infatti lo zero assoluto è la minima temperatura possibile di un corpo solido

italba

Sono i condensati di Bose-Einstein, si manifestano a temperature di un milionesimo di grado sopra lo zero assoluto o minori

Ferruccio Bighedure

....Spore.....

Kevinacho Murillo

Pro tip: because it is fucking far away from the sun.

italba

Sembra che quel meteorite, per colmo di sfortuna, sia caduto in una zona ricca di idrocarburi, e lo smog causato dall'impatto sia stato molto più denso di quanto sarebbe stato in un'altra zona

delpinsky

Se poi gli mandiamo una flottiglia di Note 7 per farli esplodere nell'atmosfera, allora facciamo direttamente la "terraformazione" :D

Saeliçar

La temperatura si avvicina quindi alla temperatura corporea dell'utente Max.

Saeliçar

Lo trasformiamo in una stella nana con quelli!

Anal Natrak

208 sotto zero.. per qualche grado non è più freddo del cuore di Renzi!

maxforum

Ragazzi su indiegogo trovate la mia startup. Presento il rivoluzionario freezer a petrolio

Maurizio Mugelli

dovresti impedire anche la creazione di particelle virtuali ad esempio che gia' di per se apporterebbero energia, non molto probabile.

Maurizio Mugelli

d'altra parte permette cose divertenti tipo raffreddare la materia fino a temperature molto vicine allo zero con un laser ad alto potenziale...

Maurizio Mugelli

e per vuoto assoluto lo si intende anche a livello subatomico, cosa letteralmente impossibile.

Maurizio Mugelli

secondo gli ultimi modelli la maggior parte del raffreddamento di fine Cretaceo non dipendeva direttamente dall impatto Chicxulub ma principalmente dal quanto sparato in stratosfera (lapilli, cenere e gas) dalle Deccan Traps, ovvero l'enorme eruzione di intere catene di vulcani in india piu' o meno contemporanea.

ci sono molte ipotesi che modellano l'impatto come causa dell'eruzione (per rifrazione dell'energia dell'impatto sull'altro lato della crosta, un po' come quando batti sul tappo di una bottiglia di birra chiusa e si stacca di netto il fondo) ma non e' del tutto disprovato che la (relativa) contemporaneta' sia un puro caso

Danny #

Mandiamo 10 Snapdragon 810 e vedrete come il pianeta raggiunge immediatamente i 30 gradi...

Android

Recensione Black Shark 2: ottimo gaming phone, meno come smartphone

Oppo

Recensione Oppo Reno: display notchless a 499 euro

Samsung

Samsung Galaxy Fold rimandato: il perché spiegato da chi lo ha provato | VIDEO

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Tab S5e: ottimo per svago e produttività