Apple ha offerto aiuto all'FBI per sbloccare lo smartphone del killer texano

09 Novembre 2017 271

Apple ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla vicenda della strage in Texas di domenica scorsa, dopo la conferenza stampa dell'FBI che ha avuto luogo martedì. La casa di Cupertino sottolinea di aver immediatamente contattato l'FBI, dopo aver appreso che gli investigatori non erano riusciti ad accedere al terminale utilizzato dal sospettato Devin Patrick Kelley.

L'agente Christopher Combs, capo dell'ufficio dell'FBI di San Antonio, per evitare di favorire altri autori di reati in cerca di smartphone ''sicuri'', non ha citato espressamente durante la conferenza stampa quale terminale era stato utilizzato dal killer, ma la dichiarazione rilasciata da Apple non lascia molto spazio ad interpretazioni. Pur non citando espressamente il termine "iPhone", appare piuttosto chiaro che si tratta proprio di un iDevice.

Questa la dichiarazione ufficiale di Apple:

Siamo rimasti scioccati e amareggiati dalla violenza in Texas di domenica scorsa, e ci uniamo al mondo in lutto per le famiglie e la comunità che ha perso così tante persone care.

Il nostro team ha subito raggiunto l'FBI dopo aver appreso dalla conferenza stampa di martedì che gli investigatori stavano cercando di accedere ad un telefono. Abbiamo offerto assistenza e detto che avremmo accelerato la nostra risposta a qualsiasi processo legale inviatoci.

Lavoriamo con le forze dell'ordine ogni giorno. Offriamo formazione a migliaia di agenti affinché possano comprendere i nostri dispositivi e come richiedere rapidamente informazioni ad Apple.

L'intervento della casa di Cupertino va contestualizzato alla luce del report diffuso nelle scorse ore da Reuters. Secondo l'autorevole fonte, l'FBI non avrebbe agito tempestivamente per accedere allo smartphone e all'account Apple del killer. E' proprio Reuters a riportare la notizia che lo smartphone utilizzato dall'autore del reato era un iPhone, citando una non meglio precisata fonte ben informata dei fatti.

Una seconda fonte ha confermato a Reuters che nelle 48 ore intercorse tra la sparatoria e la conferenza stampa di Combs, Apple non ha ricevuto alcuna richiesta dalle forze dell'ordine a livello federale, statale o locale volte ad ottenere l'assistenza per accedere allo smartphone o all'account Apple di David Patrick Kelley. E questa affermazione trova riscontro nella dichiarazione ufficiale della casa di Cupertino che, come detto, afferma di aver contattato l'FBI solo dopo la conferenza stampa per offrire spontaneamente assistenza.

La finestra temporale di 48 ore è determinante per accedere ad iPhone tramite Touch ID. Dopo tale intervallo di tempo, lo smartphone chiede di inserire il codice numerico.

C'è di più, visto che l'apparente negligenza delle forze dell'ordine potrebbe aver fatto perdere un'occasione importante per accedere con semplicità allo smartphone. Se iPhone fosse stato bloccato utilizzando il Touch ID, infatti, per sbloccarlo sarebbe bastato utilizzare l'impronta digitale di David Kelley, che, si ricorda, è stato trovato morto (probabilmente suicida) nella sua autovettura poco dopo aver commesso il fatto. Tale possibilità, tuttavia, sussiste solo in una finestra temporale di 48 ore dopo le quali l'impronta digitale viene sostituita dal codice numerico (in caso di dubbi, si invita a consultare la pagina di supporto ufficiale).

Alla luce delle nuove risultanze viene quindi ridimensionato il ruolo dell'azienda produttrice dello smartphone ed evidenziata una responsabilità riconducibile proprio alle forze dell'ordine. Conseguentemente, si stempera la nuova (poco velata) critica che l'FBI aveva rivolto all'industria hi-tech in sede di conferenza stampa. Nel caso specifico, l'azienda coinvolta era disponibile a collaborare, e l'accesso alle informazioni personali del sospettato si sarebbero potute recuperare agendo tempestivamente. L'FBI, per il momento, non ha commentato il report di Reuters.


271

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sickboy

Come fai ad essere sicuro che l'FBI ha in mano l'exploit? Hanno fatto sbloccare il telefono ma non sappiamo se hanno anche il/gli exploit...

an-cic

E a te è tanto difficile capire che l'exploit potevano chiuderlo subito dopo aver sbloccato il telefono? Ti sei domandato perché Apple ha fatto richiesta all'fbi di sapere come aveva fatto a sbloccarlo? Perché ora l'fbi ha veramente le chiavi di casa Apple... E Apple può solo sperare nella fortuna di chiudere casualmente la falla usata dall'fbi

Sickboy

Ti è tanto difficile capire che se apple consegna un telefono exploitato all'fbi stai consegnando all fbi le chiavi di casa? non so più come dirtelo...un conto che i dati te li prelevo io ..un conto è consegnarti un telefono pwned...

xpy

Il problema infatti, secondo quanto scritto nell articolo sembra che sia stato proprio un errore della polizia stessa che non ha proveduto a ciò in tempo
"C'è di più, visto che l'apparente negligenza delle forze dell'ordine potrebbe aver fatto perdere un'occasione importante per accedere con semplicità allo smartphone."

thedoctor1983

Una volta sbloccato, i dati sono accessibili. Non avrebbe senso crittografare dei dati per non potervi accedere più... Sarebbe come mettere dei soldi in una cassaforte inespugnabile e senza chiave/serratura/altro... li perdi per sempre? Se Sblocchi il device, accedi ai dati esattamente come fanno tutti gli utenti nei propri telefoni. Una volta sbloccato, puoi fare non solo la copia dei file, ma il dump della memoria fisica, estrarre i messaggi di imessage, whatsapp (anche quelli cancellati), sms, registri chiamate, mail... TUTTO. Se non avete mai visto in funzione un software forense, non vi rendete conto delle sue capacità... oltretutto, l'unica azienda che sviluppa hardware e software capace di ciò è la stessa israeliana che sbloccò l'iPhone di San Bernardino...

an-cic

ma è tanto difficile da capire che si parla di due passaggi? nel primo l'fbi voleva un tool universale ed apple ha detto di no, ci stà. nel secondo il giudice ha imposto di sbloccare solo quel telefono, apple ha comunque detto di no.

PS: i modi per farlo senza compromettere tutti gli altri device c'è... anche perchè se così non fosse, dato che poi l'fbi c'è riuscita tramite gli israeliani, significherebbe che ora l'fbi ha libero accesso a tutti gli idevice.

Sickboy

l'fbi doveva accedere a quel telefono, il sistema utilizzato era irrilevante = FALSO Cioè apple consegna un telefono exploitato all'fbi ..cioè li consegna le chiavi di casa!
Con la storia del sistema universale hanno p1sc14t0 lungo..

Tecnono

''Possa colpirmi un asteroide se decidono in Apple di attivare il modulo radio!"

TeoCrysis

Perché dopo un po' di tempo chiede il codice comunque. Lo devi sbloccare subito.

Dark!tetto

L'ho letto l'articolo e a maggior ragione se hai un attentatore morto e il touch id funziona solo nelle prime 48 ore lo sblocchi. La fate troppo semplice la cosa, se fossi così non esisterebbe nemmeno l'articolo che abbiamo letto.

thedoctor1983

Stavo per scrivere la stessa cosa! L'anno scorso, una azienda israeliana che produce software per le copie forensi di cellulari, smartphone e compagnia bella, sbloccò l'iphone del terrorista... per evitare la replica, oltretutto, con Trump presidente, Apple diventa patriottica

xpy

Allora c'è qualche problema col sensore delle radiofrequenze visto in quanti sono riusciti a ingannarlo con trucchetti vari
Comunque il problema più grande, come scritto nell'articolo (magari dovresti leggerlo), è che dopo 48 ore il touch id si disattiva e ti chiede la password

Dea1993

si me lo hanno detto in 100 e ho anche modificato il commento

Dark!tetto

Io manderei un curriculum all'FBI, non capisco perchè non ci hanno pensato...

matteventu

Ahahahahahh

shud4

quando muori diventi isolante, è per questo che le lampadine fanno ''pop'' quando si fulminano, muore la lucciola che c'era all'interno!

TeoCrysis

Sono molto scettico a riguardo, un corpo vivo e uguale ad uno morto, l'unica cosa che cambia è il battito cardiaco (ovviamente entro un certo limite temporale). Le funzioni capacitive funzionano con la pelle in generale a prescindere su cosa sia attaccata.
Se proprio ci fossero sistemi fantascientifici basta appiccicare la pelle del dito del morto su un dito e premere.

matteventu

Non credo che i cadaveri non conducano elettricità sinceramente.

Marco Macchitella

Si in base agli articoli la conclusione è corretta. Il fatto è che sembra (dico sembra perché con la stampa bisogna sempre andarci cauti) che la apple si nego anche allo sblocco del singolo device, quindi da allora la loro politica dev'essere leggermente cambiata. Comunque la negazione dell'originale richiesta dell FBI era sensatissima (quella relativa al tool) mentre quella del singolo telefono meno. Magari la chiave di tutto è che l'FBI non voleva cedere il dispositivo ad apple per lo sblocco ma pretendeva che fosse fatto nei suoi laboratori, ma di quest'ultima cosa non sono certo, magari si potrebbe indagare cosa scrisse la stampa americana.

sardus

a me sembra che Apple abbia usato la cosa per farsi pubblicità..

Dark!tetto

Tecnologia sprecata l'ho sempre detto. Ti rendo le cose facili così non devi sforzarti di cercare su google e ti incollo il primo articolo che trovo, ma prima dimmi genio della biologia/tecnologià perchè l'FBI avrebbe speso un patrimonio per sbloccare l'iphone nella vicenda San Bernardino se bastava "scaldare" il cadavere ?

Come promesso :
Basandosi sui dati che ha fornito la stessa Apple
riguardo alla tecnologia proprietaria Touch ID e ai brevetti detenuti
dalla società di Cupertino, si può scoprire che il nuovo sensore di
iPhone 5S si basa su due metodi differenti per identificare l'impronta digitale dell'utente:

Capacitivo: sotto il tasto Home si trova un
sensore capacitivo che viene attivato dalla leggera carica elettrica
emanata dal nostro organismo, in maniera analoga a quanto avviene con le
matrici touch dei dispositivi mobile da alcuni anni a questa parte,
iPhone incluso.

Radiofrequenza: le onde radio non rispondono allo
strato morto superficiale della pelle, ma a quello che si trova subito
sotto. Utilizzando questa tecnologia si hanno risultati estremamente più
affidabili dal punto di vista della precisione della scansione e della
sicurezza generale del dispositivo.

La congiunzione delle due tecnologie permette di assimilare due
funzionalità altrettanto interessanti per garantire all'utente la
migliore precisione della scansione possibile, unita alla sicurezza del
saper interpretare quando ci si trova ad analizzare un corpo vivo o
meno, nel tentativo di eliminare la possibilità di utilizzare espedienti
alternativi per poter sbloccare i dispositivi, in cui il dito mozzato
potrebbe essere il più estremo di una lunga serie.

Dark!tetto

Ma che ridi ? Abbi la decenza di tacere quando non hai la minima idea di cosa si parla. Hai visto troppi film dove funziona pure con il calco in gesso del dito. O certo che sei più furbo di tutti tu.

Ne prendo uno a caso:
"Basandosi sui dati che ha fornito la stessa Apple
riguardo alla tecnologia proprietaria Touch ID e ai brevetti detenuti
dalla società di Cupertino, si può scoprire che il nuovo sensore di
iPhone 5S si basa su due metodi differenti per identificare l'impronta digitale dell'utente:

Capacitivo: sotto il tasto Home si trova un
sensore capacitivo che viene attivato dalla leggera carica elettrica
emanata dal nostro organismo, in maniera analoga a quanto avviene con le
matrici touch dei dispositivi mobile da alcuni anni a questa parte,
iPhone incluso.

Radiofrequenza: le onde radio non rispondono allo
strato morto superficiale della pelle, ma a quello che si trova subito
sotto. Utilizzando questa tecnologia si hanno risultati estremamente più
affidabili dal punto di vista della precisione della scansione e della
sicurezza generale del dispositivo.

La congiunzione delle due tecnologie permette di assimilare due
funzionalità altrettanto interessanti per garantire all'utente la
migliore precisione della scansione possibile, unita alla sicurezza del
saper interpretare quando ci si trova ad analizzare un corpo vivo o
meno, nel tentativo di eliminare la possibilità di utilizzare espedienti
alternativi per poter sbloccare i dispositivi, in cui il dito mozzato
potrebbe essere il più estremo di una lunga serie.

Mao Tze

Non c'è. Ma quanto meno non rischiano una nuova figura barbina.
Sono l'azienda che ha fatto spendere 700000 euro allo stato, che si dichiarava impenetrabile e non lo è stata e che non collaborava con la giustizia. Non il massimo per l'immagine.
Meglio ritornare sui propri passi e comunicare il proprio patriottismo e non rischiare altre brutte figure.

ale

Certo, perché molto furbamente l'FBI aveva resettato la password di iCloud (chissà perché, a caso), impedendo quindi ad Apple di effettuare lo sblocco chiaramente senza andare a violare la crittografia del telefono. E quindi, poi hanno richiesto la backdoor, fosse stato un paese normale avrebbero messo in galera l'agente che ha resettato la password per aver distrutto una prova, ma sono gli USA per cui.

an-cic

leggiti tutta la discussione... l'fbi chiedeva la backdoor, il giudice invece aveva imposto ad apple di sbloccare solo quello specifico telefono ed apple si era comunque rifiutata. oggi invece si propone senza essere neanche interpellata

Tony Musone

bello il tuo film... come si chiama?

ale

Caso diverso, l'altra volta chiedevano una versione modificata dell'OS, contenente quindi una backdoor, che potessero installare, volendo anche da remoto, nel telefono di chi volessero. Questa volta si offrono solo di sbloccare lo specifico device, cosa che Apple fa centinaia di volte all'anno per le polizie di tutti gli stati praticamente, Italia inclusa, senza che la cosa faccia notizia. Semplicemente gli si da il telefono e loro estraggono un dump della memoria, banale.

ale

No perché per fare questo significherebbe mettere una backdoor nei device di tutti, o sai a priori chi diventerà un futuro criminale o meno ? O fai un sistema sicuro per tutti o no, molto banale. E si sa che le backdoor se ci sono ne vengono abusate.

steph9009

si chiama discriminazione
da denuncia (lol) sarebbe apple in sto caso
la stessa azienda che fa buon viso a cattivo gioco promettendo riservatezza per i suoi clienti e l'anno dopo fa il voltagabbana vendendosi all'fbi (e proponendosi di collaborare PER PRIMA perché fbi non l'aveva più contattata), mi fa incazzare e non poco

steph9009

e dove sta la coerenza in tutto ciò.. se l'anno scorso mi dici che non c'è modo di aggirare le misure di sicurezza nemmeno per l'azienda produttrice.. e quest'anno magicamente collabori per sbloccarlo?

Riccardo

Contando che si troverebbe spaesato nell'utilizzare l'indice per premere il grilletto...lui era abituato ad "arrivare in qualsiasi punto" con il solo pollice! ahahha

Leslieeeeee

Ridi ridi, pensi di essere intelligente

Leslieeeeee

Sai leggere o non sai leggere? La seconda presumo

an-cic

1- e quindi credi che ogni versione di ios venga completamente riscritta da zero?
2- questo dimostra che hai conoscenze zero dell'argomento...
3- il giudice chiese ad apple di sbloccare solo quel telefono ed apple rifiutò comunque
4- io ci arrivo e non entro nel merito della loro scelta fatta al tempo... ma tu e quell'altro non cercate di convincermi che oggi e allora si stanno comportando allo stesso modo.

ahhh, hai ragione... la risposta di apple. dimenticavo che per voi quello che dice apple è l'equivalente della bibbia o del corano per i cattolici e islamici.

an-cic

l'fbi doveva accedere a quel telefono, il sistema utilizzato era irrilevante. poi che l'fbi ha provato ad avere un sistema universale che funzionasse sempre e su qualsiasi iphone ci sta ed ha fatto bene apple a negarsi... ma far ricorso all'ordinanza del giudice che gli imponeva di sbloccare solo quel telefono non mi pare si potesse definire collaborare

an-cic

esatto, in modo da poter inserire tutti i codici in serie finchè non trovavano quello giusto, ma l'ordine del giudice era riferito a quel telefono, non a tutti gli iphone. la prima richiesta dell fbi era una cosa, l'ordinanza del giudice diceva un'altra cosa...

an-cic

questa era la prima richiesta... poi il giudice ha detto di sbloccare quel singolo telefono, quindi non di creare una backdoor permanente. e loro hanno continuato a rifiutarsi

CapitanoFindus

E anche se non lo prendessero non sarebbe in ogni caso in grado di nuocere a nessuno
Se arrivasse a puntare una pistola o un coltello addosso a una persona, basterebbe dirgli "la stai impugnando in modo sbagliato" e lui si sentirebbe perso e sconsolato, si accuccerebbe in un angolo piangendo e dandoti tutto il tempo di scappare

Marco Macchitella

In realtà volevano che apple disattivasse la cancellazione automatica dei dati dopo un tot di errori del codice di sblocco
http:/ /www .ilfattoquotidiano.it/2016/02/17/strage-san-bernardino-apple-si-oppone-allordine-del-giudice-di-sbloccare-dati-iphone/2472389/

E K

Potresti linkare una discussione dove io cambio discorso per non rispondere alle domande poste?

SirMau

Sono sicuro che nessuno ti ha fatto notare un dettaglio importante, hai sbagliato a leggere i punti e le virgole

SirMau

E la Apple non li denunciò? Da quel che so non possono sbloccarlo ufficialmente senza pagare una multa perché é contro la legge violare un dispositivo proprietario. Evidentemente mi sbaglio

Marco Seregni

Impronta digitale di un cadavere? senza conduzione elettrica? mi suona difficile, ma non sono un esperto, immagino che chi ha scritto l'articolo si sia informato prima discriverlo

Marco Seregni

no perché il device è criptato localmente quindi nemmeno apple può sbloccarlo (a meno che non trovi un bug ovvio).

Felix

Mica è la Apple a dirlo... che vantaggi avrebbe la FBI a dire che hanno speso tutti questi fondi pubblici?

Felix

1.3 milioni era l’ipotesi iniziare effettivamente:
https://apple. hdblog. it/2016/04/22/iPhone-San-Bernardino-sblocco-costato-13-milioni-/
poi fu confermato che la spesa fu 900mila dollari:
https://apple. hdblog. it/2017/05/08/FBI-paga-900-mila-dollari-sblocco-iPhone/

In ogni caso non fu la FBI a sbloccarlo, ma dovettero affidarsi ad una società terza.

Sickboy

Sbloccare è una cosa, fare un dump del telefono è un altra, creare ad hoc Os/backdoor/Tool (che poi tool non vuol dire nulla, cioè mi crei degli exploit sfruttabili) è un altra ancora...

L0RE15

tornare ai limiti della decenza pare brutto?!

xpy

Non credo rilevi la temperatura , nel caso basta scaldarlo

Mountain Sheep

Credo che il sensore biometrico funzioni finché il morto é caldo

Recensione iPhone 11 Pro Smart Battery Case: è il migliore, ma che prezzo!

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza