Google Prompt: è la prima scelta per la verifica in due passaggi

20 Ottobre 2017 28

Google ha annunciato, durante l'estate scorsa, un nuovo metodo di sblocco che consentiva un più facile accesso allo smartphone tramite verifica in due passaggi (2SV), denominato Google Prompt.

Lo stesso metodo di blocco, ha spiegato l'azienda di Mountain View in un post sul blog ufficiale, viene ora inserito automaticamente come prima scelta per gli utenti che decidono di proteggere il proprio account con la verifica in due passaggi.

Secondo Google, infatti, Prompt è un metodo più semplice, sicuro ed affidabile per l'autenticazione di un account. In precedenza, per la seconda fase di verifica, la scelta poteva ricadere tra l'utilizzo di una chiave di sicurezza o l'inserimento di un codice ricevuto tramite un messaggio di testo.


Ma come funziona effettivamente? Google Prompt è davvero semplice. Sarà infatti sufficiente rispondere con un sì o con un no (in uno smartphone precedentemente associato) attraverso una semplice finestra di dialogo in cui viene chiesto se è stato l'utente a richiedere l'accesso all'account da un altro dispositivo o PC.

Tutto ciò verrà dunque attivato di default per gli utenti che non hanno ancora impostato un accesso tramite 2SV. Le impostazioni degli attuali utenti 2SV non saranno influenzate. Se un utente tenta di impostare la verifica 2SV, ma non dispone di un dispositivo mobile compatibile, gli verrà chiesto di utilizzare l'SMS come metodo di autenticazione.

Google Prompt necessita di una connessione dati. Su iOS, inoltre, gli utenti saranno obbligati ad installare l'app Google per poterlo utilizzare. Su Android, invece, Google Prompt sarà disponibile attraverso i Google Play Services.

Per attivarlo, vi basterà recarvi alla pagina "Account Personale".


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Silvia Rotar

Silviarotar

Tizio Caio

Preferisco lo sblocco tramite smartphone, in questo modo devo mettere la password E sbloccare lo smartphone

boosook

nelle pagine di configurazione della doppia autenticazione ti viene data la possibilita' di stampare 10 codici monouso, da portare sempre con se' in caso tu ad esempio perdessi il telefono e dovessi accedere all'account google da un computer sconosciuto.

VaDetto

Dove le trovo?

Tony Musone

la seconda mail era opzionale e serviva per recuperare la password nel caso ti dimenticassi quella di gmail

questa è la verifica con doppio passaggio, è un'altra cosa, puoi attivarla o meno ma se lo fai serve obbligatoriamente un numero di telefono

riccardik

dal pannello account di google

giot

Il codice che ti arriva per messaggio è sostituibile da un pezzo on il codice generato da tramite app. Rispetto a Prompt, non richiede una connessione dati e non richiede una specifica app (è possibile usare una qualunque tra le app compatibili).

Zeronegativo

Forse una volta bastava avere l'e-mail di backup, non ricordo. E' l'account di mia madre che mi ha dato il problema ;)

Tony Musone

ah ok... potrebbe essere stato quello il problema anche se quando attivi la verifica in due passaggi è obbligatorio mettere un numero

Tony Musone

no, non hai capito, sapevo cosa fare ma non mi ero mai soffermato a pensare che oltre al numero di telefono, il sistema verifica pure il modello del terminale... tutto qui ;)

sardanus

ce l'ho da mesi ed è comodissimo

Zeronegativo

intendi il vecchio smartphone? No, non lo avevo a disposizione.

riccardik

L'hai rimosso dall'account Google?

Dr. Home

Cerca su google

Zeronegativo

Su quell'account non c'è associato il numero di cellulare, forse è quello il problema. Non sono invece riuscito a farmi spedire le e-mail, mi arrivava solo la notifica di un tentativo di connessione da un nuovo device e che dovevo cambiare le credenziali perchè forse qualche malintenzionato le aveva carpite :/

Zeronegativo

Ti giuro che ho provato a seguire tutte le "alternative", "non ho lo smartphone" ecc. ecc. ma non mi dava questa possibilità. Forse non c'è un numero di cellulare associato a quell'account - e se così fosse è una bella fregatura.

boosook

Beh, ma poi che faccio, vado dal gestore e tento di farmi dare una sim con quel nunero?

boosook

Mi vuoi far credere che tu usi l'autenticazione a doppio fattore e non tieni i codici di riserva sempre nel portafogli?

Tony Musone

Ho cambiato più di uno smartphone da quando c'è sto coso, basta farsi arrivare un sms con il codice e poi autorizzare quel terminale ;)

Dr. Home

Infatti adesso sai cosa fare XD

Tony Musone

Non ci avevo mai pensato, perché in effetti con questo sistema riconosce anche il modello del telefono, cambiando lui ma non il numero bisogna procedere alla prima autorizzazione

Leyous

Ci sono i metodi di accesso alternativi: tramite sms o chiamata (credo disponibili solo se si ha associato il num.di telefono come 2SV) oppure accedendo da un PC in cui le credenziali erano già state verificate si può accedere a una lista di codici monouso per l'accesso. Altrimenti credo tocchi l'assistenza che in 24/48h ti sblocca il profilo.

Zeronegativo

Io ho invece avuto problemi con l'autenticazione su un nuovo smartphone. Semplicemente, google chiedeva di confermare sul vecchio smartphone che fossi io e mi indicava un numero da inserire su quello nuovo. Ho cercato le guide e altro, ma non ho trovato modo di fare l'attivazione senza il vecchio telefono a portata di mano.
Ma nel caso il vecchio smartphone fosse "morto", come facevo?

rusp95

Io il secondo allora :P
comunque davvero comodo

Dr. Home

Si perché il tuo numero di telefono può essere clonato con ingerieria sociale!

Brutus8890

Non necessariamente più sicuro...

Dr. Home

È più sicuro del codice che ti arriva per messaggio!

Tony Musone

oh... finalmente posso essere il primo che orgoglionamente scrive: è da mesi, almeno 6 se non di più, che io ho a che fare con 'sto Google Prompt. ;)

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft