Seabin: installato il primo cestino automatico per i rifiuti del mare

12 Ottobre 2017 29

In un mondo in cui gli oceani sono pieni di rifiuti galleggianti di ogni tipo, qualsiasi idea o progetto che abbia lo scopo di ridurre questo inquinamento deve essere preso seriamente in considerazione e realizzato nel più breve tempo possibile.

A tal proposito, nel 2015 due surfisti, Pete Cegliski e Andrew Turton, hanno mostrato per la prima volta il loro Seabin, un contenitore di immondizia da installare nelle banchine dei porti, capace di recuperare in maniera autonoma tutti i rifiuti presenti, lasciando l'acqua più pulita e i pesci che ci vivono più sani.

Dopo aver raccolto oltre 260.000 dollari attraverso una campagna di crowdfunding portata avanti sulla piattaforma IndieGoGo, hanno avviato la produzione e l'installazione di alcuni esemplari di Seabin in diversi porti, cosi da testarne l'effettiva utilità. I primi sono stati sistemati nel porto spagnolo di Adriano, in quello di Helsinki in Finlandia e nel porto di Portsmouth in Inghilterra, vicino alla sede del team sportivo Land Rover Ben Ainslie Racing (BAR).


Secondo quanto dichiarato dai creatori, il Seabin è in grado di raccogliere fino a 1.5kg al giorno di spazzatura e oli che galleggiano sulla superficie dell'acqua, con una autonomia massima di 12Kg dopo i quali andrà svuotato manualmente. Facendo un calcolo ipotetico, ciascun contenitore potrà eliminare più di 20.000 bottiglie oppure il corrispettivo di 83.000 sacchi di plastica durante un anno di utilizzo, un risultato davvero importante per la salvaguardia dell'ambiente.


Con la speranza che tutti i porti del mondo intendano installare questo dispositivo, Seabin verrà ufficialmente messo in vendita nel mese di novembre ad un costo di circa 3.000 sterline, pari a circa 3.345 euro. Per maggiori informazioni potete visitare il sito ufficiale seabinpoject.com.

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Tiger Shop a 408 euro oppure da Amazon a 459 euro.

29

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Simone

"proibirne produzione e utilizzo in ambito commerciale"
Ahahahahahahahahah

cip93

Secondo il tuo principio, saremmo ancora all'età del paleolitico

DandyB

Ammetto il paradosso, ti rispondo da un pc che di miniere e navi deve averne viste parecchie, ma anche di aver trollato un po'.
Bello into the wild, ma fossi stato Alex avrei scelto una zona tropicale, più adatta sostentamento umano.

Domenico Patania

Scusa, con cosa stai scrivendo su questo sito? Non mi pare che usare un prodotto fabbricato con roba che viene da miniere di tutto il mondo sia un impatto minimo. Impatto minimo è tipo "into the wild" lel

doctor_bike

No, i pesci non stanno a pelo d'acqua. Risucchia i rifiuti galleggianti

DandyB

Credimi, nessun alibi, vivo consapevole e ho ridotto al minimo il mio impatto ecologico.
Poi fai tu, come in medicina puoi curare all'infinito (e con profitto), i sintomi di un malessere o risolverlo definitivamente agendo sulle cause. Il riciclo, è un esempio lampante di medicamento inutile, costoso, pieno di collaterali e non arriva alla radice del problema.
I polimeri dispersi negli oceani poi sono irrecuperabili. Le famose isole di plastica sono banchi in sospensione di frammenti, raccoglierli filtrando le acque marine, causerebbe ulteriore danno ad un moribondo ecosistema.
L'esempio della crisi energetica è l'emblema del tuo pensiero. Mi parli di fusione fredda, quando per me, la madre di tutte le soluzioni è la decrescita dei consumi.
Ma capisco, l'ideologia neoliberista incoraggia a procrastinare all'infinito la risoluzione dei problemi, quando la soluzione minaccia il fatturato.
Notte

aug-guerz

"l'unico modo per risolvere il problema [di qualcosa]" non c'è un unico modo! Ci sono più operazioni e a più scale: dalla soppressione alla produzione (come dici tu), al uso corretto del materiale in circolo, al trattamento di quello disperso.
Dire che c'è "una sola soluzione", che -tra l'altro- è anche quella più difficile da raggiungere, è un ottimo alibi a chi non vuole trovare una soluzione! (non sto parlando direttamente di te, Dandy)
È come se, per risolvere la crisi energetica mondiale dovessi per forza aspettare la fusione fredda e, fino a che non ci arrivo, allora non ha senso perché è tutto inutile o "una goccia nel mare"

Ikaro

Non rischia di pescare anche i pesci?

davide

il mio falegname con 20 mila lire lo fa meglio! nn ha nemmeno le dita! XD

DandyB

l'unico modo per risolvere il problema della plastica in mare, è di proibirne produzione e utilizzo in ambito commerciale. Vorrei vedere quanto inquina produrre questo ridicolo cestino marino, alimentarlo e mantenerlo in esercizio.

aug-guerz

con questo principio, però non si va da nessuna parte.
mi pare il prodotto abbia una buona scalarità, per essere un progetto piccolo.

DandyB

Inutile, una goccia nel mare.

Maumaro

260.000 per un bidone che non useranno mai (leggi alghe).
Ormai basta mette l'etichetta BIO e vendi anche la ......

xiii_gemina

A me viene in mente questo... theoceancleanup com
È lui?

Lorenzo Guidotti

3000 € per un cestino, che si sono fumati un'albero?

Max

Alla fine è uno Skimmer, proprio come quelli che si usano nelle piscine e negli acquari...

Gabriel #JeSuisPatatoso

Dillo ai bimbi del Congo che lavorano nelle miniere di cobalto. La corsa ai prodotti smart ha reso cose del genere molto più frequenti.

Ginomoscerino

il costo cambia solo il prezzo a chi ha la barca nel porto visto che verrà fatto ripagare dai costi di gestione

Antsm90

Se è la stessa che ho letto io, le dimensioni sono estremamente superiori, è un po' come confrontare un cestino e un incineritore :)

Stefano Tedeschi

Però dai, non è detto che se usi l'iPhone non ti impegni, nel tuo piccolo, per migliorare la vita.

Stefano Tedeschi

Se guardi il suo profilo Disqus è evidente che usi un iPhone.

Leox91

Bello ma costa troppo.

Stefano Tedeschi

Qualche tempo fa lessi di una startup che preparava un prodotto simile ma "leggermente" migliore. Se non ricordo male era con pannelli solari e sistemi di ricarica ad energia cinetica sfruttando il moto marino.

Per carità, questa idea è lodevole negli intenti ma l'applicazione mi sembra un pò "casereccia".

Sarebbe interessante che qualche "big player" ne prendesse spunto per creare una versione di dimensioni superiori.

furlo

*inviato tramite Iphone.

Massi91

e poi li svuoteranno al largo xD

Davide

è una bella idea che può tornare utile soprattutto nei moli d'ormeggio. Il problema è che dovrebbero creare anche dei generatori elettrici a pannelli solari per alimentarli ma come invenzione mi piace.

sta kar

Con 30 mila lire il mio falegname lo faceva meglio!!!
Gli metteva anche due led e l'aggancio per il bastone per i selfie!!!

lukaip

L'oscar all'ambiente per questa idea. Il mondo non è preparato a migliorarsi, l'importante è la macchina bella, lo smartphone, vestiti firmati, il grande fratello vip, ma guai a migliorare la vita, che non vi salti in mente una cosa del genere.

Alle_G

BRAVI!

Android

Recensione Xiaomi Mi 8 Globale: notch sì o no? | Bonus test con Miui 10 Global

Samsung

Samsung Galaxy Note 9: LIVE BATTERIA (4.000 mAh) | Fine 20.20

Samsung

Samsung Galaxy Tab S4: caratteristiche e prezzi | Video Anteprima

Samsung

Samsung Galaxy Note 9: caratteristiche, prezzo e disponibilità | Video e Unboxing