Resident Evil Revelations: la nostra recensione

08 Settembre 2017 11

Dopo aver conquistato 3DS, Playstation 3 e Xbox 360, Resident Evil Revelations fa capolino su Playstation 4 e Xbox One attraverso un'opera di conversione che oggi proveremo a valutare per voi. Riuscirà questa versione migliorata con Jill e Chris protagonisti, a raggiungere i consensi dell'originale ? Scopritelo nella nostra recensione.

TRAMA

La trama porterà il giocatore ad affrontare una missione di recupero, la quale si trasformerà ben presto in uno scenario quasi infernale. Senza lasciarci andare in spoiler, per chi non ha affrontato il titolo quattro anni fa, i videogiocatori verranno presto a conoscenza degli eventi che hanno portato Terragrigia alla distruzione. La metropoli ecosostenibile, costruita sulle coste del Mediterraneo, viene infatti attaccata da una serie di armi biologiche, lanciate da un pericoloso gruppo di terroristi. Inutile sottolineare che l'utente si troverà ad affrontare combattimenti pericolosi contro abomini di ogni genere, il tutto accompagnato dalla presenza di fasi esplorative, puzzle da risolvere e tutti i vari aspetti classici della serie.

Se da un lato è davvero impossibile non apprezzare la sceneggiatura preparata per l'occasione, dall'altro i colpi di scena risultano fin troppo prevedibili, con conseguente sensazione di sapere in anticipo dove il titolo andrà a parare. Apprezzabile invece l'alternarsi dei protagonisti, i quali si dovranno districare all'interno di un'esperienza scandita da una struttura a episodi ben orchestrata.

GAMEPLAY

Chi ha amato i primi episodi di Resident Evil adorerà certamente le atmosfere quasi claustrofobiche proposte per l'occasione. La presenza di un partner rende meno d'impatto la sensazione di essere completamente da soli, ma la struttura di gioco farà ben presto leva sulla cooperazione tra entrambi i personaggi.

Si parte quindi con una pistola poco performante e una debole torcia in grado di illuminare l'ambiente in maniera comunque flebile. Durante le peregrinazioni tra cunicoli sporchi di sangue, corridoi angusti e molto altro sarà possibile comunque arricchire il proprio arsenale, il quale verrà presto condito da armi più potenti. Impossibile rimanere impassibili di fronte ai diversi cambi di ritmo che propone il gioco. L'utente passerà l'intera avventura sul filo del rasoio grazie sia all'aria che si respira che a momenti particolarmente frenetici. Non mancheranno ovviamente fasi in cui salterete dalla poltrona a causa di qualche mostro pronto a saltar fuori dal nulla.

Con l'avanzare degli episodi, Resident Evil Revelations mette alla luce una componente action davvero importante. Alcuni capitoli saranno addirittura incentrati sulle battaglie, mettendo quindi da parte le fasi meno movimentate Abbiamo storto inoltre il naso di fronte alla componente legata al backtracking, purtroppo gestita in maniera poco convincente. Tornare sui propri passi causa effettivamente un abbassamento dell'effetto sorpresa, di conseguenza la tensione va leggermente a scemare. Gli scenari compiono comunque il loro sporco lavoro e garantiscono sempre una aspetto piuttosto malato e disturbato.

Apprezzabile la gestione delle armi e soprattutto dei potenziamenti. Ogni sputafuoco propone una serie di slot in cui è possibile installare i diversi potenziamenti raccolti in giro per gli scenari. Si va dall'aumento del rateo di fuoco alla potenza, passando per il controllo dell'arma e la precisione. La componente strategia viene quindi esaltata dalla possibilità di sfruttare la propria configurazione preferita. Oltre alle armi, l'utente potrà contare sul sistema Genesis, un vero e proprio scanner in grado di analizzare i nemici e gli ambienti di gioco. Sarà quindi possibile scovare munizioni oppure analizzare i cadaveri e avere in cambio un antivirus, in grado di ripristinare i punti vita del protagonista. Genesis sarà inoltre utile al ritrovamento di porte invisibili e avere così accesso agli elementi aggiuntivi di gioco all'interno della modalità Raid. La soluzione è senza dubbio accattivante e permette al giocatore di prendersi una pausa dall'esperienza stessa, in favore dell'esplorazione globale dei vari ambienti presenti nel gioco.

MULTIPLAYER

Oltre alla campagna principale, in Resident Evil Revelations è presente la modalità Raid. Affrontabile sia in singolo che con un amico in carne e ossa, la sezione proporrà ai protagonisti una serie di scontri in cui sarà necessario, in maniera molto ignorante, abbattere tutti i nemici presenti sullo schermo. Lo scopo è quello di sopravvivere il più a lungo possibile, obiettivo che potrà essere raggiunto grazie alla possibilità di potenziamento delle armi e dei personaggi già visti nel gioco principale.

TECNICA

Il comparto tecnico di Resident Evil Revelations per Playstation 4 e Xbox One è davvero poco convincente. Apprezzabile senza dubbio la presenza dei 60 fps granitici, ma al contempo i dettagli visivi risultano apprezzabili solamente se ci si ferma ad analizzare quelli legati ai protagonisti. Le texture sono infatti povere e non mettono in risalto alcun elemento presente sullo schermo e il numero di dettagli mostrato per l'occasione è davvero poco convincente. Anche i giochi di luci e ombre lasciano l'amaro in bocca, come del resto i filmati non interattivi, che mettono in risalto uno stacco netto dalle fasi di gioco.

Ottimo il comparto audio, sempre in grado di tenere incollato il giocatore allo schermo e, al contempo, alimentare la tensione.

COMMENTO FINALE

Resident Evil Revelations è un titolo che merita di essere affrontato grazie a un gameplay convincente e una trama accattivante. Chi non ha avuto modo di affrontare questo spin-off deve assolutamente recuperare il titolo e lasciarsi andare in un'avventura davvero interessante.

I videogiocatori che hanno invece già affrontato la storia di Chris e Jill difficilmente troveranno le ragioni per rimettere le mani sul gioco. L'opera di conversione mette in risalto solamente i 60fps, mentre il motore grafico non è assolutamente in grado di sfruttare a dovere le console di nuova generazione.

  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 7
  • LONGEVITA' 7
  • MULTIPLAYER 8
  • GLOBALE 7

GAMEPLAY CURATOTRAMA INTERESSANTE...
... MA SCONTATACONVERSIONE GRAFICA NON CONVINCENTE

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ActzeRaptor

a me è piaciuto molto (su pc)

Squak9000

Lo ho... giocato, finito (a forza) e dimenticato.

All'inzio un pochino regge... poi dopo la metá il crollo.

Gioco scontato... RIPETITIVO.

Da evitare per infan della saga.

Frankbel

Oggi cosa c'è di convincente?

Kakashi96

esatto ahahah

-|benzo|-

Non so se hai giocato a biohazard, non sai le incongruenze che ci sono nella trama e sviluppo del gioco, roba da matti.

-|benzo|-

Per fortuna è nel peso forma (: Cmq ci ha giocato almeno 6 anni fa credo

-|benzo|-

Considera a lei piace giocare con le console e a me no, dovrebbe essere il contrario

FuckingIdUser

Salutacela tanto, almeno prima che si sgonfi.

Kakashi96

un po' strano, ma oh son gusti!

SONICCO

Condivido con la recensione e sul voto.
Il gameplay non é male peccato che la trama lascia a desiderare..
Le fasi di ansia e paura degne di un survival sono brevi e banali, in pratica ogni 20 minuti che prosegui la trama per la nave tetra devono stroncare tutto con dei capitoli basati su flashback e storielle parallele con protagonisti quasi comici..

-|benzo|-

Preso oggi dall'amazzone per la mia compagna, dice che lo giocherà per la terza volta :D

Recensione Paper Mario: The Origami King: sulla carta, un GDR

Recensione Ghost of Tsushima: l'ultimo samurai (di PlayStation 4)

Recensione Deadly Premonition 2: A Blessing in Disguise. Che passo falso!

Recensione The Last of Us Parte II: l'oscurità dentro