Facebook, il futuro è nei video: accordo con le major discografiche in vista

06 Settembre 2017 9

A questo punto si può dichiarare ufficialmente aperta la sfida lanciata da Facebook a YouTube: proprio oggi vi abbiamo riportato la notizia che la piattaforma Watch per la visualizzazione di video e spettacoli TV è stata attivata negli Stati Uniti, primo step per entrare prepotentemente nel florido - e fruttuoso - settore dei contenuti multimediali in streaming. Ora pare che la “battaglia” si sia spostata sulle tracce musicali utilizzate dagli utenti come sottofondo dei video caricati su Facebook: di principio si tratterebbe di violazione dei diritti d’autore, costringendo le case discografiche ad effettuare (costosi) controlli sui contenuti caricati illegalmente per chiederne a Facebook la rimozione.

Ebbene, Zuckerberg avrebbe proposto alle major un accordo che consentirebbe agli utenti di caricare video con la musica a fronte del pagamento di diverse centinaia milioni di dollari, evitando così di incorrere in violazioni del copyright. Non si tratterebbe ovviamente di “beneficenza” da parte del social network, ma di una mossa astuta che farebbe contente tutte le parti chiamate in causa: da una parte gli utenti, finalmente liberi di accompagnare i loro video con i brani musicali preferiti, dall’altra le case discografiche che, oltre a incassare un ingente quantitativo di denaro riuscirebbero a risparmiare i costi per il monitoraggio dei video caricati su Facebook. Infine lo stesso social network ne trarrebbe vantaggio, offrendo a Watch una funzionalità chiave e fondamentale per differenziarsi rispetto alla concorrenza (vedasi YouTube) e permettendo ai partner di contare su una piattaforma priva di contenuti illegali, richiamando magari nuovi inserzionisti pubblicitari.

Insomma, i video saranno al centro dello sviluppo di Facebook per gli anni a venire, come confermato dallo stesso CEO. Secondo Bloomberg, la piattaforma introdurrà un software per “flaggare” la musica che viola i diritti d’autore, ma per trovare l’accordo definitivo con le case discografiche sarà necessario attendere ancora almeno un paio d’anni.

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 302 euro oppure da Media World a 399 euro.

9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
FranciscusBlog

Beh un momento.. Se gli va in porto l'accordo è una svolta EPOCALE. Usare qualsiasi traccia audio per i propri video è una manna dal cielo per i videomaker ( ovviamente se sarà possibile monetizzare). Trovo solo strano sul come possa essere possibile che Google non ci sia riuscita per anni, ed invece lui sì..

GTX88

per il browser desktop prova F.B. Purity

Paolo Giulio

... i video sono la prima cosa disabilitata (avvio automatico) su browser e sul cellulare, usando Facebook LITE, mi evito la stessa TORTURA...
Sarò io ancora un utente 1.0 (dei social 2.0), ma i video PER ME possono "morire" anche ieri... (intendo i video "imposti" per motivi $$$, le videodirette di persone con troppo tempo libero, lo spam video di ogni genere, fake news incluse e non quelli scientemente avviati per interesse personale)

Vinz

Il lento declino di Facebook: hanno capito che di social non si campa a lungo ed ora vogliono competere con servizi già molto più validi e diffusi.

Tripadvisor, Maps, Youtube, Twitch.

Super Farro Vintage

We, Marko Zuckemburgo, se vuoi sapere il futuro chiedi al divino Otelma https://uploads.disquscdn.c...

Giuseppe

esatto. Secondo me la strada è quella. Un monopolista multisettoriale. Con un potere enorme sull' informazione globale. Ah dimenticavo, funzioni del tipo "fai sapere agli altri se eri a barcellona durante l'attentato" mi fa molto pensare a una specie di ansa interattivo

Mattia Cristofaro

Vabbè, cercherò di starne alla larga il più possibile.

-|benzo|-

Molto plausibile, un unico posto dove poter fare tutto, intrattenimento incluso.

Giuseppe

Secondo me la strategia di facebook è chiara: vuole diventare un grande centro di aggregazione di servizi multimediali. Sarà un social network classico integrato con un contenitore di video come lo è youtube, in grado di gestire le foto come instagram, con funzione di instant messaging. A breve probabilmente integrerà un servizio per fare concorrenza ai vari netflix e simili.

Xiaomi

Xiaomi Mi Mix 2s (bianco) e MIUI 10 GLOBAL: tutte le novità | Video

HTC

Recensione HTC U12 Plus: è una scheggia e registra audio benissimo

Recensione Now TV Stick: serie tv, cinema, sport, Serie A e intrattenimento da 19 euro

Hardware

HP 255 G6, è il notebook PIÚ VENDUTO su AMAZON | RECENSIONE