Nokia 5: la nostra recensione

26 Luglio 2017 424

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Dopo aver visto Nokia 3310 e Nokia 3 eccoci giunti al modello di gamma medio-bassa Nokia 5, realizzato per coloro che desiderano qualcosa di più sia in termini di performance sia in termini di materiali. Mancano purtroppo certi presupposti che è impossibile ignorare, dal display HD, ormai anomalo per questa fascia (seppur non sia affatto un cattivo pannello), a un SoC che di certo viene surclassato dalla concorrenza a costi simili. 

Bisogna anche fare il punto sulla nuova famiglia Nokia realizzata da HMD: Nokia 3 è un entry-level che non ha convinto molti, non c'è oltretutto paragone con i suoi fratelli più grandi, visto che con circa 60€ in più si può passare ad un più prestante Nokia 5. Infine, se si vuol avere qualche soluzione poco più ricercata (ma senza eccedere), ci sarà prestissimo anche il Nokia 6 con display full HD e 3GB di RAM. Una line-up un po' strana, tutta raccolta in un fazzoletto con tre dispositivi in un range di 100€, schede tecniche molto allineate e componenti poco aggiornati per la seconda metà del 2017. 

DESIGN E MATERIALI

Mi piace certamente di più del Nokia 3, dal punto di vista estetico lo trovo più ricercato, originale, lontano dalle fattezze dei vecchi Lumia. Bisogna poi apprezzare la monoscocca in alluminio che lo rende più resistente e duraturo, oltre che piacevole al tatto. Dalla back cover al display disegna una linea curva continua, tanto che la bombatura del profilo si vede chiaramente se guardato frontalmente. 

Ha un suo carattere, ha un eccellente ergonomia visti i bordi tutti stondati e dimensioni contenute. Peccato pesi più del necessario, ben 160g che stonano con la fascia di appartenenza: non abbiamo infatti una super batteria o componenti che spiegano questi 10-13g in più rispetto ai diretti competitor. Mi piace anche com'è stato incassato il lettore d'impronte nella cornice inferiore, a fianco ha anche i due tasti di navigazione, ben visibili di giorno e retroilluminati. 

Doppio cassettino per nano SIM e microSD, peccato che questa versione che ho in priva non sia Dual-SIM. Mi è piaciuto, infine, qualche altro dettaglio: penso al logo Nokia posto al centro dietro, esattamente sotto la fotocamera principale e al suo doppio flash. Sotto si trova la porta microUSB per la ricarica, ancora il passaggio alla Type-C non è avvenuto per quasi tutta la categoria, ai due lati ci sono poi speaker (eccellente) e microfono principale. Grande assente il LED di notifica, cosa davvero inspiegabile. 

DISPLAY POLARIZZATO MA SOLO HD

Devo essere sincero, ho subito storto il naso quando ho riletto la scheda tecnica e realizzato che Nokia 5 ha un display HD da 1280 x 720 pixel, ormai è una cosa insolita per gli smartphone Android di fascia media e medio-bassa. A memoria, tra quelli che ho provato in questa prima parte dell'anno, e con questo posizionamento sul mercato, solo il Samsung Galaxy A3 2017 ha questa stessa risoluzione, e in quel caso la diagonale del pannello Super AMOLED è da 4.7 pollici (densità quindi più alta di 312ppi).

Qui invece abbiamo un IPS LCD polarizzato di buona fattura, con ottimo trattamento oleofobico e pochi riflessi, anche sotto luce diretta del sole grazie ad un'alta luminosità massima (500 nits, c'è il sensore dedicato). Protetto da un vetro Gorilla Glass, la resa di questo display non è affatto male nonostante la densità ridotta di soli 282 ppi. La scheda tecnica non è tutto, dopo averlo utilizzato nell'ultima settimana ho quindi imparato ad apprezzare questo display, i suoi colori e la protezione dai riflessi (fastidiosi in piena estate e con tanta luce ambientale). A proposito di protezione, il display 2.5D vanta anche uno strato Gorilla Glass, anche se non è specificato di quale generazione. 

Per questo motivo mi sento di promuoverlo nonostante ci sia scritto solo "HD", la protezione dalle impronte digitali e quanto appena detto a volte segnano un punto in più rispetto alla densità e al numero di pixel. Ma attenzione, la differenza rispetto alla concorrenza è più evidente nel gaming: il livello di dettaglio è minore e questo si traduce anche in un vantaggio, con titoli esigenti che girano inaspettatamente bene. 

PRESTAZIONI

L'ho appena preannunciato, Nokia 5 'gira bene'. A bordo troviamo il vecchio chip Qualcomm Snapdragon 430, un octa-core discretamente potente ma realizzato ancora con processo produttivo a 28nm. Intendiamoci, non sarebbe cambiato moltissimo in termini di prestazioni anche se ci fosse stato un più aggiornato SD435 e, ad esempio, avrei potuto navigare in 4G+ (qui siamo fermi alla Cat 4, quindi 150Mbps in download e 50Mbps in upload). 

Non cambia chissà cosa all'atto pratico, ma non mi piace dover fare simili passi indietro a metà 2017, soprattutto se pensassi di acquistare uno smartphone che mi debba accompagnare per almeno 2 anni di vita. Interfaccia software basata su Android 7.1.1, come su Nokia 3, quindi UI snella e possibilità di interazione senza sbavature o lag. A differenza di quanto visto con il fratello minore, qui il chip SD430 riesce a gestire bene le risorse e azzerare i rallentamenti, anche in fase di apertura delle app e gestione in multitasking. 

Nulla da aggiungere all'interfaccia praticamente stock già vista su altri Nokia, anche qui sono garantite le ultime soluzioni e aggiornamenti più tempestivi non appena Google li rilascerà pubblicamente.  

  • SISTEMA: Android 7.1.1 Nougat
  • SOC: Snapdragon 430 octa-core 1.4Ghz
  • GPU: Adreno 505
  • MEMORIA: Interna: 16GB (espandibile fino a 128GB) / RAM: 2GB
  • DISPLAY: 5.2 pollici IPS LCD polarizzato / Risoluzione: 1280 x 720, 16:9 / 284 ppi / 500 nit Gorilla Glass
  • FOTOCAMERA: posteriore 13MP PDAF, 1.12um, f/2, dual LED flash / frontale  8MP AF, 1.12um, f/2 
  • VIDEO:  Full HD (1920 x 1080, 16:9) a 30 fps
  • RETI: GSM: 850/900/1800/1900, WCDMA / LTE Cat 4 150Mbps DL/50Mbps UL
  • WIRELESS: Bluetooth 4.1 / Wi-Fi 802.11 b/g/n / NFC
  • CONNESSIONI: Jack Audio da 3.5mm / micro USB (USB OTG)
  • GPS: A-GPS
  • SENSORI: Accelerometro, Giroscopio, Sensore di prossimità, luminosità, lettore impronte
  • BATTERIA: 3000 mAh
  • SCOCCA: back cover in metallo e frontale in vetro Gorilla Glass
  • DIMENSIONI: 149.7 x 72.5 x 8.05 mm

La memoria RAM non mi sembra poi così adeguata, 2GB sono forse pochi. Con zero app in background ho circa 660MB di memoria volatile a disposizione, se comincio ad utilizzare più applicazioni ecco che rapidamente raggiungo 1.5-1.6GB su 1.8GB complessivi effettivamente a disposizione (equivalente al 85% circa). Insomma, non possiamo pretendere troppo, e aspettatevi ricaricamenti delle app quando saltate da una all'altra, con qualche porzione di secondo di attesa in più. 

Soddisfacente l'esperienza di navigazione con Chrome, l'apertura delle pagine è rapida e tutto sembra funzionare a dovere: pinch-to-zoom, doppio tap per il ridimensionamento e scrolling, anche in fase di caricamento. Qualche lag iniziale non manca, ma nulla di fastidioso, anche gli smartphone Android meno prestanti ormai riescono ad offrire un buon risultato. 

Questo Nokia 5 sorprende in fase gaming, non mi aspettavo riuscisse infatti a reggere titoli del calibro di Modern Combat 5 e NBA Live ma, evidentemente, la Adreno 505 può reggere simili carichi di lavoro avendo un display solo HD da gestire. Questa potrebbe essere una delle spiegazioni che stanno dietro la scelta del pannello, oltre al risparmio economico e quello energetico complessivo. Sono adesso curioso di sapere come risponderà Nokia 6 alle medesime sollecitazioni. 

Nota importante, la microSD può essere utilizzata come memoria interna, su Nokia 5 abbiamo 16GB nativi a disposizione ma 7.22GB sono occupati dal solo sistema. Non disperiamo quindi, basta una microSD per espandere realmente lo spazio disponibile per app, foto e dati. 

AUTONOMIA

Sembra che tutti si siano ormai allineati su questa soglia, la batteria da 3000mAh riesce a soddisfare le mie esigenze ma non impressiona. Con un display HD mi sarei forse aspettato qualcosina di più, ma la CPU octa-core è come detto di vecchia generazione (presentata nel Q3 2015) e i consumi sono certamente più alti rispetto alle ultime realizzate da Qualcomm.

Nokia 5 mi è parso ben bilanciato sotto il profilo autonomia/prestazioni: mi garantisce di concludere una giornata tipica di lavoro senza affanno, ma non ho mai superato le 3.5h di schermo acceso. A differenza di Nokia 3 ho qui uno spunto in più in termini di prestazioni complessive, ma ho notato che a volte ci sono applicazioni che consumano troppo in background, senza apparente motivo (tra queste Facebook e WhatsApp). 

FOTOCAMERA

Le differenze con Nokia 3 non sono sostanziali in questo comparto, credo infatti che la fotocamera frontale sia praticamente identica, mentre quella principale, posteriore, alza l'asticella grazie ad un sensore d'immagine da 13MP con sistema di messa a fuoco PDAF e dual Flash. 

La fotocamera principale vanta un ottimo livello di dettaglio, mi piacciono i colori vividi ma realistici e il blur di background creato con macro o foto ravvicinate. Riesce oltretutto a bilanciare bene l'esposizione in queste assolatissime giornate estive, insomma una fotocamera posteriore che di giorno non delude di certo. 

Altrettanto soddisfacente anche di notte, Nokia 5 vanta un'ottica con apertura f2.0 su entrambe le fotocamere ma riesce in scatti non certo semplici al calar della sera. Il rumore di fondo non eccede e le tonalità restano realistiche.


Nessuna infamia e nessuna lode per la fotocamera anteriore da 8MP, come detto dovrebbe essere la stessa vista su Nokia 3 e la stessa che vedremo anche su Nokia 6. Autoscatti che sono niente male di giorno e con tanta luce ambientale, livello di dettaglio e limpidezza degli scatti che cala rapidamente di sera; qui il flash screen non aiuta tanto, e la messa a fuoco risulta a volte lenta e imprecisa. Si tratta nel complesso di un buon modulo per la categoria. 


Si possono poi registrare video in Full HD a 30fps con entrambe le fotocamere, i contenuti realizzati con il sensore d'immagine principale sono piacevoli, ben bilanciati, non stabilizzati. Non mi ha convinto invece l'audio registrato, risulta troppo basso e compresso. 

Chiudiamo il comparto con alcune considerazioni sull'applicazione della fotocamera. La trovo lenta (1s circa tra lo scatto e la memorizzazione in galleria), scarna di opzioni e poco intuitiva: non ci sono swype che permettono di cambiare scenario, non ci sono i controlli manuali e le tante opzioni a cui ci hanno ormai abituati tutti gli smartphone (Android e iOS). Spero vivamente che arrivi una corposa rivisitazione con i prossimi aggiornamenti, in alternativa si può sempre scaricare un'App terza dal Play Store e ovviare a questa mancanza. 

AUDIO, RICEZIONE E IMPRONTE

L'unico speaker garantisce un audio di ottima qualità, raggiunge decibel elevatissimi e distorce un po' solo se portato al massimo. Ma il suono è corposo e convincente, decisamente sopra la media, non è infatti eccessivamente sbilanciato su medi e alti come spesso accade. 

Ricezione da manuale, ho viaggiato durante il weekend e provato sempre in LTE (laddove disponibile), con tante chiamate in entrata e in uscita. L'audio in capsula è chiaro e soddisfacente, nulla da appuntare su questo fronte. C'è poi la Radio FM, caratteristica apprezzata da tanti che permette di ascoltare i canali preferiti inserendo il jack audio di qualsiasi auricolare o cuffia tradizionale. 

Ben incassato nella cornice inferiore il lettore biometrico per il riconoscimento delle impronte, è a sfioramento e ben mimetizzato. Svolge piuttosto bene il suo lavoro, non è velocissimo nello sblocco ma è un componente dalla quale non si può più prescindere. 

CONCLUSIONI

Nokia e HMD Global aggiustano quindi il tiro con il '5', ma lo fanno con poca decisione. Mi piace lo stile, il design e mi piacciono i materiali scelti, il pannello polarizzato. Ma, come detto in apertura, ci sono anche delle criticità che non possono essere ignorate. Nokia 5 non fa nulla male, ma ha uno strano posizionamento che faccio fatica a interpretare: in Italia disponibile a 219€, fin troppo vicino al fratello maggiore Nokia 6, presto in arrivo ufficialmente da 249€

Seppur mi piaccia nel complesso questo Nokia 5, devo necessariamente guardare la concorrenza e notare che molti, a prezzi simili, riescono ad offrire: display full HD, 3 o 4 GB di RAM, LED di notifica e un System-on-Chip più aggiornato. La competizione è serrata, e questo vale per tutti, sia chiaro, ma perchè aumentarla con un dispositivo della stessa famiglia? Nokia 6 ha un display più grande (5.5 pollici), è vero, ma offre nella variante base il full HD, 3GB di RAM, 32GB di storage, fotocamera posteriore da 16MP e doppio speaker con Dolby Atmos. Il tutto a 30€ in più, devo aggiungere altro?

#prodottofornitoda HMD Global

PRO E CONTRO

DISPLAY (RIFLESSI E RESA)ANDROID 7.1.1SCOCCA, MATERIALIERGONOMIA
LED DI NOTIFICA MANCA2GB DI RAMPESO ECCESSIVO30€ IN MENO DI NOKIA 6

VOTO 7.3

6.4 Hardware
7.6 Qualità Prezzo

Nokia 5

Compara Avviso di prezzo

Nokia 5 è disponibile su a 129 euro.
(aggiornamento del 15 febbraio 2019, ore 23:01)

424

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
fla

Alessandra, il Samusng galaxy j3 2017 edition costa in offerta 189 euro ed ha un design e delle caratteristiche sia materiali che hardware ben peggiori del Nokia 5 che lo trovi a 169 euro!! mi pare un po' tutti i telefoni potrebbero allora costare meno, non solo i Nokia.

fla

Peccato che il Nokia 6 a 30 euro in più si deve ancora vedere. Nel momento in cui scrivo si trova in commercio il Nokia 5 a 169euro (Coop più scelta on line) e il Nokia 6 in offerta volantino Euronics a 249 euro. Il che fa una differenza di prezzo non irrilevante.

Alessandra

Che fa Android?blocca cosa?n
Perfino YouTube funziona in background play con una semplice patch...

Alessandra

I Nokia sono belli ma... non ballano, per il prezzo eccessivo rispetto alle caratteristiche che offrono.

Kappa11

Hahahaha ma hai scritto davvero "io sono il fan Nokia, tu sei quello fuori" Hahahahaha

Name

C'è solo un modo per risponderti: tu sei fuori!
Io fazioso? E verso chi o cosa, tizen, un OS che non ho mai provato e mai visto e che qui da noi non è nemmeno in vendita mi pare, visto che samsung non ha portato nessun modello in Italia?! Sei fuori!
Privo di contenuto? Fortuna che mi sembra di aver ben spiegato perchè mi sembra migliore l'idea di puntare su tizen piuttosto che su sailfish!
Anche io ho detto che è interessante in entambi i casi, ho solo specificato perchè ritengo migliore la scelta di tizen ed ho spiegato perchè tu probabilmente preferisci sailfish, ed ho dato per scontato che si parlasse tra fan di Nokia. A quanto pare no, io sono il fan Nokia, tu sei quello fuori!
Come generano i profitti con android Samsung, HTC, Sony, LG, Xiaomi? Coi propri store? Ognuno di loro non si affida al play store facendo guadagnare google?! Certo, google da(va) una mazzetta per chi installava i suoi servizi, oggi non so se sia più così avendo l'80% del mercato, quindi avendo la possibilità di fare quel che vuole!
Hai ragione, nessuno punta su tizen, tutti puntano su sailfish infatti! E ci punteranno ancora di più se Nokia compra Jolla e ne fa il suo OS proprietario col suo store proprietario, che oggi è vuoto ma con Nokia e forse qualche vendita, forse, si riempirà in un millisecondo di tante applicazioni perchè gli sviluppatori non vedono l'ora di creare app per un OS che usa una sola azienda, windows phone docet!

Kappa11

Io non sono preso da niente visto che ho scritto che sarebbe interessante in entrambi i casi...
altrimenti avrei postato un commento come il tuo, privo di contenuti e fazioso... Detto questo sei liberissimo di credere quello che vuoi, che un'azienda possa imporsi con il fork di un sistema operativo carente e anche sviluppato da qualcun altro... E come li genera i profitti? Con il tizen store? Proprietà di Samsung/intel. Oppure dovrebbe creare un nuovo store con le app per Tizen, come ha fatto Amazon con Android forse... Bel modo di imporsi... Ecco perché tutti puntano su Tizen. ah no, da 10 aziende sono passate a 4.
Bah.

Name

Di base abbiamo la stessa idea, solo che credo tu sia troppo preso dal "fanb0ysmo" e speri in una nuova vecchia Nokia. Io preferirei una nuova Nokia non 100% uguale alla vecchia, col "suo" OS ecc, ma che riesca ad imporsi nuovamente e fare più profitti possibile, e soprattutto che si crei un terzo polo che dimezzi totalmente lo strapotere google. Per questo, tra le due opzioni, preferisco quella che a me sembra avere più possibilità di successo :)

Kappa11

Ho capito che abbiamo idee diverse xD comunque che sia Sailfish o Tizen, sarebbe interessante in entrambi i casi!

Name

Come ho detto: essendo Tizen open source, non sono certamente obbligati ad entrare nel gruppo, possono prenderlo e metterci su la loro interfaccia senza problemi. Non mi pare sia come android con google che ha inventato la scusa delle gapps e della certificazione google per tirare i fili di tutto!
Quindi a loro non costerebbe nulla, se non appunto acquisire Jolla! Se invece puntasse su sailfish, dovrebbe acquisire Jolla e sarebber gli unici a lavorarci, molto più rischiosa come cosa anche perchè, appunto, sarebbero anche gli unici ad usarlo come OS (a meno che non abbia successo e pure altri produttori potrebbero preferirlo ad android o tizen).

Perchè tanti non lo hanno fatto? Semplice: perchè google paga. Nessuno lo dice, qui si continuava ancora a dire che il pacchetto di gapps aveva un costo per i produttori e bla bla bla, tutto falso. E' google che da le mazzette a chi spinge i suoi servizi. Perchè Sony ed HTC tolgono le loro applicazioni proprietarie lasciando quelle google? Perchè non spingere i loro servizi? Semplice: noi vendiamo lo smartphone, risparmiamo in sviluppo, otteniamo la nostra percentuale da google e google si prende la gatta da pelare di sviluppare e portare avanti il servizio.

mario

Se parliamo di qualità/ prezzo è autonomia sono perfetti

Pariflessioni

Appunto, e con 2 giga fa veramente pietà..

DeeoK

Per sfizio sono anche andato a controllare e pure nei requisiti di W10 mette 2 GB di RAM come requisito minimo.

Pariflessioni

Windows 10 che funziona bene con 1gb di ram.. In quale dimensione alternativa? Direi, dopo questa sparata, che il discorso potrebbe essere considerato chiuso.

Kappa11

Secondo me non sarebbe per niente un investimento rischioso... Nokia è sempre stata un'azienda multipiattaforma, potrebbe guadagnare da Android mentre fa crescere la sua creatura nelle retrovie (come fa Samsung, come in passato ha fatto lei stessa) Pensa che in questo momento Sailfish vive grazie ad un piccolo gruppo di ingegneri, pochi soldi ed ha meno buchi di Tizen, che ad oggi ha lacune di sicurezza da far girare la testa... Poi come ho detto, entrando nell'alleanza dovrebbe investire allo stesso livello di Samsung e Intel per avere voce in capitolo... È dovrebbe condividere la leadership... Se è davvero così vantaggioso, perché non l'hanno fatto Lg, Htc, Sony, Xiaomi...? Perché grandi nomi di operatori telefonici si sono tirati indietro?

NOKIA ha il nome, i capitali, la tradizione decennale nella creazione di OS leader del mercato ed una fan base SCONFINATA per tornare solista in questo settore. Se non può riuscirci Nokia chi allora?

Name

Non sono troppo d'accordo con te.
Quando Nokia sviluppava MeeGo, per un periodo diventò l'azienda che lavorava di più su android, perchè il codice era condiviso in quei frangenti! Ora potrebbe sfruttare samsung ed intel che lavorano tanto alacremente su tizen per prendersi ciò che di buono hanno fatto, investendoci zero, visto che è appunto open, ed investire solo nelle toppe e nella UI e le applicazioni proprietarie!
Se investisse su Jolla, sarebbe quella che ci deve lavorare di più (anche qui al netto del codice condiviso ovviamente) ed a quel punto l'investimento sarebbe maggiore! In più, essendo l'unica ad adottarlo, diventerebbe molto più complesso riuscire a farlo diffondere, cosa che non avverrebbe con tizen essendoci anche samsung a puntarci sopra!
Gli OS falliscono proprio per questo: firefoxOS era sviluppato solo da Mozilla che se la sta già vedendo brutta così in ambito browser causa google, ed era adottato da pochissime aziende sconosciute. Ubuntu mobile? Un solo dispositivo! BB10? Ottimo, ma solo di BlackBerry! Sailfish? Bello e tutto, ma sfruttato solo da Jolla! Anche lo usasse Nokia, sarebbe sempre usato solo da Nokia, non ha troppo senso e sarebbe un investimento troppo rischioso!

Kappa11

Il tuo ragionamento è giusto per il numero di Os, ma non consideri che quelli che non decollano alla fine falliscono (Firefox Os, Ubuntu mobile, BB10...). Quindi è come una selezione naturale

Francesco85

sembra troppo un lumia.... che ho avuto per anni....

BruceWayne

scaffale.

Funziona bene se non devi aprire 500 programmi contemporaneamente. L'ho fatto già parecchie volte e funziona. Parlo di Windows 10 di fabbrica. Android di fabbrica é spesso meno performante rispetto alle versioni adattate (tristissimo).

Il discorso che faccio sul multitasking deve essere confuso. Perché il 99% degli utenti (te compreso) non sa la differenza tra delegazione e app in background.
Spotify NON funziona in background! Delega il download al sistema. Quando il sistema ha finito di scaricare e non ha altre apps da gestire, chiama una funzione di Spotify per avviare la musica. Anche qua, NON é spotify a funzionare, ma delega nuovamente al sistema la melodia da eseguire.

DeeoK

No, quello dipende dalla gestione delle risorse audio. Una scelta di design del sistema operativo può decidere di impedire ad alcune app di riprodurre audio contemporaneamente.
Android non lo fa sempre ed ogni tanto faccio partire per errore la riproduzione musicamente mentre sto telefonando, cosa piuttosto scomoda.

DeeoK

Che W10 funzioni bene con 1GB di RAM lo dici tu.
Praticamente ovunque leggi che 2GB sono risicati.
Io all'accensione supero i 2GB di RAM occupati.

Comunque il discorso che fai sul multitasking è bello confuso. Non so su iOS, ma su Windows e su Android puoi benissimo fare le operazioni da te elencate in background. Un banale esempio è mettere Spotify a scaricare musica mentre giochi a qualcosa.

Le dimensioni delle app non aperte dipendono dagli sviluppatori, non dall'OS. Facebook è notoriamente incapace di scrivere applicazioni di qualità. Pure Microsoft tempo fa fece una versione di Skype che praticamente non andava mai realmente in background e da sola consumava più batteria di altre 10 app aperte.

DeeoK

Mah, guarda, in realtà no.
Ho avuto device con 1 e 2 GB di RAM che non funzionavano male, soprattutto con ROM custom.
In questi casi il problema è il produttore: se vuoi montare 2 GB di RAM evita di installare app e servizi non fondamentali e non avrai problemi.
Tanto per dirne una, il mio Xiaomi senza nessuna app aperta ha 2 GB di RAM occupata e meno male che ne ho 3.

Name

Sicuramente, ma comunque non avrebbe nemmeno molto senso acquisire Jolla ora come ora! A meno che, appunto, non li comprino per metterli al lavoro su Tizen, unendoci tutto il lavoro che hanno fatto con Sailfish magari per il bene di tutti e poi farli concentrare su una interfaccia proprietaria, così come Samsung sui modelli tizen usa la stessa UI che usa su android, loro potrebbero crearne una che li differenzi dagli altri. Alla fine non ha senso avere tanti OS open source, nati poi tutti dalle stesse ceneri di Maemo e l'OS di Intel di cui non ricordo il nome, ma che restano piccoli ed insignificanti rispetto all'85% di mercato che si è pappata google facendo bello e cattivo tempo.

ctretre
Se altri os non hanno sfondato, è perché c'era chi ci credeva poco


Su questo siamo d'accordo, secondo te da coaa dipende questa sfiducia in cose in cui almeno all'inizio si è creduto?

Il senso sarebbe che così viene giustificato l'operato di Google su Android. Finché c'è solo lei, sarà sempre così


Libero di non assecondare Google, basta usare un Kindle o LineageOS con uno store diverso (Amazon, F-Droid, ecc…) o installando gli apk da solo.

L'innovazione la accetto anch'io, ma visti i risultati ottenuti con qualche oggetto "smart", come gli occhiali, siamo ancora lontani da un uso continuo ed affidabile. Android evidentemente non è all'altezza di controllare hardware così di nuova concezione diciamo.


Il problema non è il sistema operativo ma i meccanismi di input.
La voce non può essere assolutamente essere adatta alla quotidianità, e non solo per gli errori di trascrizione ma anche perché non sempre si può o di volte dire agli altri presenti ciò che si sta facendo.
Eye tracking alla Hawking richiedono apprendimento da parte dell'utente che pochi sarebbero disposti a fare se non costretti come lo è quel poveretto.
Ed anche ammettendo che si sia disposti, richiedono attenzione che non sempre si può fare in via esclusiva, a dispetto del formato indossabile sarebbero meno versatili delle tavolette da 5" che abbiamo ora. Una cosa è certa se non si supera il moderno sistema di input ci saranno tavolette, e finché ci saranno tavolette ci sarà sicuramente Android e molto probabilmente Apple altri ci sono già stati, la speranza è Sailfish, e siamo messi male (ma comunque meglio che se fosse Symbian).

Gaetano Pelosi

Il senso sarebbe che così viene giustificato l'operato di Google su Android. Finché c'è solo lei, sarà sempre così.
L'innovazione la accetto anch'io, ma visti i risultati ottenuti con qualche oggetto "smart", come gli occhiali, siamo ancora lontani da un uso continuo ed affidabile. Android evidentemente non è all'altezza di controllare hardware così di nuova concezione diciamo.
Se altri os non hanno sfondato, è perché c'era chi ci credeva poco, sia tra gli sviluppatori che anche a chi potrebbe essere stato interessato ad un eventuale acquisto dello stesso.
Windows phone, dopo la batosta data a nokia da parte di microsoft per farla zittire con i suoi OS e conformarsi agli altri, era il minimo che dovesse sparire. Se Microsoft avesse chiesto in affitto a nokia delle fabbriche e delle linee di produzione, a quest'ora sia nokia (quella vera) che WP sarebbero vive e vegete, come fu con HTC.

ctretre

L'unica cosa che non vedo nel mercato smartphone è il senso di aumentare la potenza.
La vera innovazione sarebbe il superamento della forma attuale con gli occhiali o con auricolari, non un sirena operativo che faccia meglio quello che gli attuali già fanno.

Firefox OS era perfetto per telefoni economici, Ubuntu o J
Sailfish erano molti innovativi, errore tra gli allenavo si affermò Windows Phone, il più limitato. E comunque si è visto che fine ha fatto.

Gaetano Pelosi

Ah, l'ironia.

Comunque se pensi davvero che il mercato degli smartphone non sia piatto, non sia immobile, vuol dire che oltre alla UI ed alle feature non sai andare.
Non sarà nokia, sarà qualcun altro, per me andrebbe comunque bene lo stesso, a smuovere il mondo con un nuovo OS o riproporne uno già esistito, indipendentemente dal nome che porta.
E quando c'è immobilismo, allora il vantaggio che ho esposto ritorna a galla.

ctretre

Ok. Le condizioni che vuoi esitono per i televisori, un mercato piuttosto florido e ricco di interfaccie innovative e con sistemi operativi all'avanguardia che spingono gli utenti al ricambio freque te

Mentre il piatto mercato degli smartphone langue nell'immobilismo con prezzi altissimi.

Ovviamente il commento è ironico.

Ricordati della nottola, ciò che vuoi è ciò da cui veniamo, se fosse stato vantaggioso sarebbe ancora così.

Gaetano Pelosi

Vuoi ridurmi a fare il pappagallo?

Huawei non aveva un proprio os, o se lo faceva oppure spariva.
Samsung ha tentato con bada e poi con android, e Google l'ha presa più in simpatia rispetto ad altri.

Non conosci proprio il mercato: quando uno fa qualcosa di diverso dagli altri, è libero di tenere i prezzi alti, finché non arriva il concorrente che propone la stessa cosa.

ctretre

Pochi device realizzati, bassi costi di sviluppo


Chi ha avuto successo, Samsung e Huawei, hanno adottato la strategia inversa. Chi l'adottava, Sony e Motorola, l'ha presto abbandonata.

Quando tutti i produttori avranno un os proprio, gli sviluppatori saranno invitati a mettere un prezzo di vendita adeguato, o uguale a quello adoperato su altre piattaforme


Chi ha parlato di prezzi diversi saranno alti ovunque, oppure lo sviluppo di molte applicazioni sarà terminato. Potrebbe essere un incentivo all'Open source.
Gaetano Pelosi

E ripeto un'altra volta allora.

Pochi device realizzati, bassi costi di sviluppo.
Un solo os realizzato bene, un solo costo importante sostenuto per l'r&d.
Quando tutti i produttori avranno un os proprio, gli sviluppatori saranno invitati a mettere un prezzo di vendita adeguato, o uguale a quello adoperato su altre piattaforme, perché fino a quando Apple sarà l'unica ad avere os device propri, i prezzi saranno alti. Viceversa, i prezzi alla peggio rimarranno uguali, o possono diminuire.
Fine.

Gaetano Pelosi

Peccato però che gli sviluppatori abbiano sempre scelto di sviluppare per symbian, piuttosto che per altri os. Sai, è l'unico OS al mondo che ha IL Multitasking.

Secondo te soltanto maemo avrebbe dovuto superare symbian, cosa che per fortuna non è successa.

L'unico in grado di contrastare android ed iOS è solo ed esclusivamente il ritorno di symbian. Mi spiace per voi tutti che credete il contrario.

ctretre

Perché non dovrebbe aumentare, io ho spiegato perché aumenterebbe, sta a te spiegare perché non aumenterebbe, il resto del discorso non è convincente

Kappa11

Nokia acquisì Trolltech, che poi rinominò Qt per ottenere le librerie ed il framework per unificare lo sviluppo di apps per i sistemi operativi supportati: Symbian S60, che in quel periodo era il loro Os più diffuso e venduto; Maemo, che verso la fine del 2012 avrebbe dovuto superare Symbian per diffusione grazie anche alle apps unificate (a partire da Nseries); e Windows mobile. Il progetto era diffondere Maemo grazie all'unificazione delle piattaforme, sostituendo gradualmente Symbian e posizionandolo più in basso rispetto al primo, più "desktop like" e innovativo, per sfidare Android e Ios.
Fine.

Gaetano Pelosi

Ma chi ti dice che i prezzi debbano salire alle stelle. Io dico che non aumenteranno di un centesimo, e se lo faranno, non venderanno. Punto. Non si è per forza costretti a comprare. Quando tutti gli utenti si lamenteranno che il prezzo è troppo alto, o lo si abbassa, od altrimenti si lascerà il posto a qualcun altro più furbo e meno approfittatore.

Il resto del tuo discorso l'ho già coperto argomentando.

Gaetano Pelosi

L'acquisizione di trolltech era per avere le librerie Qt che sono poi state implementate in Symbian. Informati.

Gaetano Pelosi

Il caso di symbian è diverso da quello di android, giacché sul kernel di symbian vennero realizzate ben 4 interfacce grafiche comprendenti api e chiamate di sistema, rendendo incompatibili le app tra di esse.

Se leggi il mio commento di prima, non ho assolutamente escluso lo sviluppatore singolo (o unico).

L'azienda, se non è in crisi, come si può permettere di pagare lo stipendio a tanti sviluppatori di app e servizi della stessa che si concentrano su una sola piattaforma, si può permettere senza problemi anche di pagare lo stesso numero di sviluppatori che si concentrano su più piattaforme.

Dea1993

comunque riprodurre un video dal browser e una canzone contemporanemente non si può fare probabilmente usano la stessa libreria che non consente di essere usata da 2 applicazioni alla volta (un po come la cam su pc che non può essere aperta da 2 software alla volta), ma comunque se hai la musica in riproduzione, il navigatore (google maps) quanso parla google maps, la musica continua a riprodursi (abbassndosi un po di volume, ma comunque si sente in sottofondo) e se vuoi mentre c'è tutto questo in esecuzione puoi anche rispondere a messaggi whatsapp o telegram avendo in primo piano sia maps che telegram/whatsapp).

Dea1993

ma scusa eh, dove hai studiato?
se non sai il significato di multitasking non è un problema mio.
il significato di multitasking è questo, ovvero svolgere più task contemporaneamente, in dos come ti ho detto, il sistema non era in grado di eseguire più task, quindi se lanciavi un software con un loop infinito (while true) il pc non rispondeva più ed eri obbligato a spegnerlo forzatamente perchè non c'era modo di riprendere il controllo.
gia per il fatto che il tuo telefono può ricevere notifiche mentre lo usi significa che il sistema è multitasking, altrimenti non riceveresti la notifica, il fatto che puoi interrompere l'esecuzione di un'app per aprirne un'altra significa che il sistema è multitasking.
poi vabbè se vuoi avere ragione te a tutti i costi senza sapere ciò di cui parli, dillo che la chiudiamo qui.
sta di fatto che il multitasking è diverso da ciò che pensi te

billkillusconi2014

Certo la comunità europea alla fine è un'azienda (di stato) e se un azienda (di un altro stato) ti copia e spudoratamente con un marchio creato mi sembra da bambini, facilmente falsificabile, non dormi o fai finta di dormire mentre ti rubano il piatto dove mangi!!
Eppoi quando si sveglia la CE e negoziano con la cina?? Come ha detto un utente prima se sto marchio è inesistente mica siamo la Comunità Ehcheidixti che ci facciamo rubare sotto il naso?? La CE dovrebbe fare un restyling difficilmente falsificabile!!

Dea1993

si vabbè, anche con linux ocn 256MB di ram ti si avvia e riesci ad usarlo, poi avvii firefox e ovviamente muore li perchè non riesce, è inutile dire che con 1gb di ram windows 10 sia utilizzabile se poi non puoi farci niente, e un gioco paradossalmente è meno stressante di un browser, perchè il gioco (se rispetti i requisiti ovviamente) ha tutte le risorse dedicate a se, un browser invece deve mostrarti molti contenuti, pubblicità, ecc.. e con 1 gb di ram ti sfido a navigare decentemente su pc (che sia windows o linux è indifferente, a meno che non prendi un browser superminimale non riesci a navigare in maniera accettabile).

Su Android fai fatica a vedere il desktop o crasha prima di fartelo vedere, con 1GB


ma ce l'hai uno smartphone android decente?
prenditi un moto E 2015 con 1gb di ram e marshmallow, va ancora molto decentemente, ovvio che se prendi smartphone farciti di schifezze e con android superpesante come i samsung o altri, è ovvio che con 1 gb di ram fatica, ma un moto e 2015 con 1gb di ram va bene, e quello ha android puro, poi vabbè se vuoi parlare per sentito dire fai pure.

Una app che può modificare parametri di sistema e accedere a dati di
altre apps lo fai girare in un processo a sé per la sicurezza?


si vabbè ora confondi processi con istanze di una VM?
vai tranquillo.
android non è sicuro? sentiamo per quali motivi sarebbe meno sicuro di IOS o WM? non mi risulta che negli anni ci siano state chissà quali falle eclatanti a parte stagefright (e poco altro), ma ancora qui tutti a pensare che non sia sicuro.
la verità è che falle realmente pericolose e famoso sono molto poche, e comunque viene aggiornato costantemente per chiudere le falle.
se poi invece mi tiri in mezzo i malware allora non c'entra nulla con la sicurezza di un sistema, perchè il malware sei TU utente che lo esegui e gli dai i permessi di fare ciò che vuole, quindi non è una falla del sistema, ma è un'incapacità dell'utente.
e comunque riguardo alle VM ripeto, dividere tutte le app in singole istanze aumenta l'astrazione dall'hardware, e aumenta la sicurezza perchè tramite il message passing il kernel controlla tutti i messaggi che un'app manda, inoltre gia la macchina virtuale stessa effettua controlli.
un software virtualizzato è più sicuro di uno nativo (teoricamente).

La sicurezza passa in 9° o 10° piano per quanto riguarda le apps.


ti ripeto, spiegami il motivo no? stai solo dicendo cavolate e non spieghi ciò che dici.
le istanze di una VM, sono come la sandbox del browser, rende il processo isolato dal resto, IOS e WM agiscono nativamente, e non c'è VM in mezzo a controllare ciò che viene eseguito

Quindi se non é in grado di eseguirti 2 programmi contemporaneamente é multitasking, mentre se esegue 2 tasks lo é? Aspetta che sia finito l'effetto dell'erba prima di rispondermi per favore...

Dea1993

multitasking vuol dire che un sistema è in grado di eseguire più task alla volta, programma e task sono 2 cose differenti, un programma può generare tanti task.

ctretre

1)"La filosofia è la nottola di Minerva che vien sul far della sera" (Hegel 1820).
La situazione che descrivi è quella che c'era prima di Symbian. Se Symbian prima ed Android dopo hanno avuto successo vuol dire che le aziende non trovano quel modello vantaggioso. Mi pare di capire che tu non ricordi che Symbian era altresì usato da Sony-Ericcsson, da Samsung, Siemens e Panasonic.
Android con Google ha allargato il modello di sviluppo multiproduttore che fu già di Symbian.

Quali siano i motivi che favoriscono il secondo modello lascio che sia tu a capirli, io ho già espresso le mie ipotesi.

2) dai per scontato che nel tuo modello lo sviluppatore singolo non esista, e ciò non è un bene.
Ma anche accettando che questo avvenga il problema sono gli stipendi.
Teniamo conto che un'azienda pagi una squadra di 2 sviluppatori pagati 1200€ ciascuno. Ora deve dunque spendere 4800€ mensili. Se volesse creare una squadra per ogni sistema operativo qualora Apple Samsung Huawei sony lg mediacom wiko bq meizu oppo xiaomi HTC sharp nokia decidessero di sviluppare un proprio avrebbero 3 scelte
Alzare il budget da 4800 € a 33600€ o pagare uno sviluppatore 43 €

E' facile sapere se un OS é multitasking o no.
- Apri un browser e fai partire un video
- Apri una app per ascoltare musica e fai partire la musica
- Apri WhatsApp e scrivi un messaggio.

Se senti sia l'audio del video che l'audio della musica mentre scrivi in Whatsapp, l'OS é multitaksing.

Io non so cosa ti sei fumato questa mattina o se sei così di natura...
Forse non sai nemmeno cosa sia Windows. Windows XP lo installavo su un SD da 256MB e girava con tanto di grafica e DirectX. Fallo con Linux se ci riesci. Windows 10 gira con 1GB e puoi vedere il desktop, hai ragione. Su Android fai fatica a vedere il desktop o crasha prima di fartelo vedere, con 1GB. Non parlo di mobile, parlo di Windows 10 e mi avvia un gioco 3D senza problemi con 1 solo GB di RAM.

Secondo punto, penso che mi fermo qua, visto che mi parli di Android e ci piazzi dentro la parola sicurezza... Sei stono forte ragazzo! Una app che può modificare parametri di sistema e accedere a dati di altre apps lo fai girare in un processo a sé per la sicurezza? Spero che stavi scherzando! iOS e WM lo fa, Android non lo fa... La sicurezza passa in 9° o 10° piano per quanto riguarda le apps.

Dea1993

altra cosa, android di per se non è pesante, ma è ovvio che se ci installi 20 app (whatsapp, telegram, instalgram, facebook, messenger, ecc...) che hanno tutti dei servizi in background per funzionare anche quando l'app è chiusa è ovvio che i consumi di ram aumentano, perchè il sistema è carico di servizi vitali per queste app per poter ricevere notifiche.
riguardo il multitasking, be un sistema è multitasking dal momento che riesce ad eseguire 2 o più task alla volta, e praticamente da dopo DOS, tutti i sistemi lo sono, anche perchè in un sistema non multitasking un semplice
while true
sarebbe distruttivo per il sistema in quanto ti obbligherebbe a riavviarlo perchè quello è l'unico task che può essere eseguito e il sistema non può più killarlo.
poi comunque con android 7.0, hanno introdotto il multiwindow che fa proprio quello che vuoi te, ovvero consentire a 2 applicazioni di essere contemporaneamente in esecuzione sulla stessa facciata, e se passi alla finestra B, la finestra A continua a fare ciò che stava facendo senza interrompersi

Gaetano Pelosi

Ripeto se non si fosse capito, con Google è come dici tu, ma con un os realizzato da ogni produttore e che viene usato sui device dello stesso, comporta una riduzione della produzione degli stessi, e si ha un controllo totale dell'os. Vedi ad esempio i feature phone, esistono di tutte le marche, anche quelle blasonate, ergo ciò che hanno fatto con quelli (cioè realizzando un qualcosa che è errato chiamare OS ma altri nomi non esistono), lo possono anche fare con gli smartphone. Le spese sostenute fino ad oggi per realizzare gli aggiornamenti dei vari firmware (anche uno solo) di tutti i device che sfornano, supera di gran lunga quelle atte alla realizzazione di un os, perché l'os si fa una volta sola e si testa bene, le modifiche (o build) effettuate per ogni singolo device venduto saranno ancora minori, dato il suddetto controllo totale. Non come android, che di UI rimane uguale e sotto cambia tutto, ed è un lavoro doppio quello che devono fare per fare andare decentemente i device, se vogliono che funzionino.
Mai messo in dubbio che gli sviluppatori abbiano una vita, ma con un team bene affiatato, basta anche uno o più sviluppatori per os, quindi si va di specializzazione, lo sviluppatore unico invece ha tutto il tempo che vuole per pubblicare la propria app in ogni piattaforma, perché, proprio perché è unico, non si deve sentire in alcun modo costretto a correre per arrivare prima degli altri, in quanto in questo modo, viene meno la professionalità, il saper sfruttare tutte le funzionalità delle api e l'sdk.
Non credo poi che ogni produttore di OS, ed anche ogni sviluppatore, rimborsi i soldi spesi per acquistare le app una volta che si decide di cambiare device ed OS, anche se penso, che con ogni os per produttore, in piena concorrenza, qualcuno di loro probabilmente attuerà questa pratica. Se poi ci sono sviluppatori che vogliono approfittare della situazione, finirà palesemente che di app non ne venderanno nemmeno una copia, perché chi decide il prezzo sono loro, aggiungendo poi t4sse, 1v4 e guadagno per il produttore.

Dea1993

windows 10 funziona perfettamente con 1 gb di ram?? auguri.. gia sono stretti 2gb, poi vabbè se per te girare perfettamente vuol dire accendere il computer e guardare il desktop allora va bene potresti anche avere ragione, ma con 1gb di ram ti scordi di usare un browser decente che non sia un estremamente minimale, o forse parli di windows 10 mobile?

Vorrebbe dire aver messo dei dilettanti o apprendisti a scrivere un OS!


no non è da dilettanti, è un metodo ingengoso per garantire molta più sicurezza, se ogni app ha la sua istanza, vuol dire che è isolata dal sistema, dai dati e dalle altre app, quindi non può fare danni e può comunicare solo tramite message passing (che viene controllato dal kernel limitando il rischio di azioni pericolose) inoltre sempre grazie alle istanze singole, se un'app causa instabilità, il sistema può killare l'intera istanza senza compromettere il sistema, l'app verrà chiusa e stop.
ma se vogliamo parlare per dar fiato alla bocca ok

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere

Motorola

Motorola resta in Italia: ecco Moto G7 Plus | Prezzi e Anteprima

Recensione Canon EOS R: foto da campione e video da migliorare

HDMotori.it

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video