DeepMind di Google e il SSN UK 'bacchettati' dal Garante della privacy

03 Luglio 2017 9

DeepMind, la divisione/società di Google che si occupa di machine learning e intelligenza artificiale, fa ben di più che stracciare gli esseri umani ad antichi giochi da tavolo asiatici: da diverso tempo è impegnata con il servizio sanitario nazionale inglese nello sviluppo di Streams, un'app dedicata, in questa fase iniziale, alla prevenzione delle crisi di insufficienza renale acuta nei pazienti a rischio. Ma per quanto nobili siano le intenzioni, si devono sempre scontrare con la legge. E la legge ha stabilito che la privacy dei pazienti non è stata rispettata.

Secondo il Garante della privacy locale, ICO o Information Commissioner's Office, il problema principale sarebbe che né DeepMind né il servizio sanitario stesso - nella persona giuridica del Royal Free Hospital, a Londra - si siano impegnati a sufficienza ad avvisare i pazienti interessati che i loro dati personali venivano sfruttati per scopi non inerenti alle loro cure senza il loro esplicito consenso. All'ICO non è piaciuta nemmeno la mole di dati in gioco - ben 1,6 milioni di cartelle cliniche "date in pasto" all'AI di DeepMind.

L'ICO ci tiene comunque a specificare che la sua intenzione non è demonizzare il progresso tecnologico, anzi: riconosce l'enorme importanza del progetto e i traguardi che ha raggiunto. Ma ritiene che gli errori commessi fin qui si sarebbero potuti evitare con relativa facilità. In ogni caso, spiega l'ufficiale dell'ICO Elizabeth Denham sul blog dell'organizzazione, è "assolutamente fiduciosa che il progetto potrà continuare a fornire il suo prezioso contributo anche apportando le modifiche che abbiamo richiesto".


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Rick Deckard®

Dillo alle case farmaceutiche...

CAIO MARIOZ

Esatto, e questo aspetto è fondamentale,
anche perché fare i soldi attraverso le disgrazie degli altri è una delle cose peggiori che esistano.

matteventu

Meglio che i dati dei pazienti vengano leakkati dall'NHS per capitare per caso sui server italiani del SSN.
Così qualche paziente avrebbe speranze di salvarsi.

maxfkt

Appunto ti spiano senza dir nulla

Aster

Hmmm

Gios

Secondo te perchè stanno passando tutto al calcolo su server?
Abbiamo in tasta dei cellulari con la potenza di un pc ma demandiamo a server delle banali creazioni di database...............

comatrix

La raccolta di dati è uguale per tutti, il concetto non cambia per nessuno, l'unico unto focale è di NON sfruttarli a proprio favore per profitto o per qualsiasi sia altra ragione. devono solo essere li per aiutare le persone nell'utilizzo e non per creare cartelle cliniche date in pasto ai sistemi, casomai sarà l'utente stesso che metterà a disposizione la sua cartella clinica a chi lo desidererà.
Questo concetto vale per tutti, non solo Google, sta all'utente dare i suoi dati, qualsiasi essi siano (in questo caso in ambito sanitario), a chi lo desidera, il sistema qualsiasi esso sia non deve fornire informazioni a nessuno senza l'utente, anche se si accetta il consenso, questo consenso si deve limitare ad utilizzare la piattaforma così com'è creata e non a fornire i dati all'azienda inerente che ha creato il sistema

Jack Denim

Alla fine non vengono usate poi così tanto

CAIO MARIOZ

LoL, HealthKit, Carekit, Researchkit sono di tutt'altro pianeta riguardo la gestione dei dati e il fine della raccolta.

Sky Wifi: l'offerta in fibra (FTTH) è ufficiale. Come funziona e quanto costa

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Covid-19: come non cadere nella trappola della falsa informazione | Podcast

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente