Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Palmer Luckey, ex Oculus, pensa a "muri virtuali" per proteggere i confini

05 Giugno 2017 6

L'ultima volta che abbiamo sentito parlare di Palmer Luckey, è stato in occasione delle sue dimissioni da Oculus, azienda da lui stesso fondata e passata da circa tre anni sotto il controllo di Facebook.

A quanto pare, il giovane ed intraprendente uomo d'affari (24 anni compiuti lo scorso settembre), non è assolutamente intenzionato a rinunciare al suo spirito inventivo e, a poche settimane di distanza dall'annuncio delle dimissioni è pronto a tornare più attivo che mai con una società nuova di zecca, impegnata nel settore della sicurezza su vasta scala.

Secondo quanto riferito dal New York Times, la nuova impresa di Luckey sta sviluppando un sistema di sorveglianza da impiegare nei pressi di basi militari o sui confini geografici delle nazioni. Gran parte delle informazioni sono ancora avvolte dal mistero, ma secondo le indiscrezioni il fondo di investimento che dovrebbe finanziare il progetto, sarebbe gestito in prima persona da Peter Thiel, consulente dell'amministrazione Trump per quanto riguarda la sicurezza.

Luckey ha confermato indirettamente l'esistenza del progetto con una recente dichiarazione:

"Stiamo spendendo più soldi che mai su tecnologie di difesa, ma il ritmo dell'innovazione è rallentato da decenni. Abbiamo bisogno di un nuovo tipo di concezione di difesa, che farà risparmiare soldi ai contribuenti, e renderà più sicure le nostre truppe e i nostri cittadini".


Il progetto di cui parla Luckey dovrebbe utilizzare una tecnologia conosciuta e sfruttata in tantissimi ambiti. Il suo nome è LIDAR e, utilizza onde radio e laser per determinare la distanza di un oggetto e la concentrazione di elementi chimici nell'atmosfera o nelle distese d'acqua.

L'idea di Palmer è apportare una serie di migliorie a tale tecnologia, in modo da rilevare nuove minacce come i droni. Una sorta di confine virtuale, da applicare realisticamente e geograficamente come alternativa ai classici muri di cemento e ferro.Un progetto economicamente più vantaggioso, che ha già coinvolto anche un ex dipendente di Oculus stessa, Christopher Dycus.


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DonatoMonty81

Un po di populismo su HD mancava

iclaudio

Muri virtuali per profughi virtuali ,per quelli veri muri veri

Lucaa

Te possino....................
(Ma davvero: te possino..... e lo faranno.....................)

KeePeeR

Questo è virtualmente fuori XD

Fioravante Bisogno

hail the mexican

Rollo Funebre

Quindi la pagheranno i messicani questa tecnologia?

Android

Recensione Honor Magic 6 Pro: batteria infinita, foto TOP e non solo!

Android

Recensione Xiaomi 14, il TOP compatto che vorrei! | VIDEO

Android

Xiaomi 14 e 14 Ultra ufficiali in Italia: tutte le novità e i prezzi dei nuovi top gamma

Android

Xiaomi Pad 6S Pro, Watch 2, S3 e Smart Band 8 Pro ufficiali in Italia | PREZZI