La riscrittura del DNA è sempre più vicina

31 Maggio 2017 187

"La possibilità di riscrivere lunghe stringhe di DNA genomico permette la creazione di nuovi organismi dotati di funzioni personalizzate".

Con questa frase si apre l'abstract della relazione, che potete trovare linkata nella fonte, pubblicata da un gruppo di ricerca sul sito della Oxford Academic. L'esperimento, svolto utilizzando un batterio di Salmonella, ha permesso di modificare la sequenza di DNA dell'organismo, sostituendo le sequenze originali con ben 1557 variazioni realizzate dal gruppo di ricerca e distribuite attraverso 176 geni del batterio. Il risultato è stato un batterio di Salmonella sostanzialmente diverso e meno pericoloso della sua variante naturale, grazie all'introduzione delle sequenze realizzate tramite la coltura in laboratorio.

L'intero processo, definito SIRCAS (Stepwise Integration of Rolling Circle Amplified Segments), ha permesso di realizzare la più grande modifica cumulativa del DNA di un batterio mai avvenuta prima, aprendo di fatto le porte alla possibilità di riprogrammare completamente un organismo, dal momento che le tecniche precedenti, come CRISPR, non permettono un grado di interazione così elevato. L'esperimento ha avuto esito positivo anche dal punto di vista della sostenibilità del processo da parte del batterio alterato, la cui crescita non ha presentato variazioni significative rispetto a quella di un comune batterio di Salmonella.

La scelta di questo specifico organismo non è stata casuale, in quanto risulta essere uno dei più semplici da modificare e offre quindi l'ambiente di lavoro ideale per questo tipo di ricerca. Tuttavia la sperimentazione in laboratorio è ancora molto lontana dall'applicazione pratica nella realtà, anche se i progressi svolti sono certamente positivi. La strada per la creazione di batteri completamente artificiali, in grado di svolgere compiti specifici grazie alla riprogrammazione di enormi sequenze del loro DNA, è ora sempre più percorribile e il mondo dell'ingegneria genetica potrebbe essere sul punto di compiere un salto epocale.


187

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
bldnx

immagino.......

Fabyo

Che magari si sarebbero visti tra 20/30 anni! XD

bldnx

ma se a te 20/30 anni fa ti avessero parlato di smartphone, domotica e guida autonoma cosa avresti detto?

delpinsky

E fu così che l'uomo, creato geneticamente dagli Anunnaki del pianeta Nibiru, utilizzando il loro DNA, a suo volta fece lo stesso con le altre creature dell'universo :)
La mia è una battuta, ma il futuro sembra scritto.

Massimo Disarò

Quando si va contro natura la cosa mi spaventa assai.

SirMau

Che ti piaccia o no le malattie sono essenziali per l evoluzione di una specie. Non puoi toglierle

matteo

terribilmente affascinante l'ingegneria genetica....terribilmente

Breus

Per me avete ragione entrambi. Se fossero tutti come SirMau moriremmo nell'immobilità, senza le persone come lui andremmo a schiantarci velocemente da qualche parte per imprudenza.

Miocardio

Quando nel 2017 sento parlare di leggi naturali, mi viene da sorridere. In natura si nasce e si muore se ti viene un malanno o provi con qualcosa che ti da la natura oppure si muore se non ci vedi non mi risulta che esistano alberi di occhiali, camminare . E la cosa andrebbe anche bene, infatti secondo il tuo ragionamento con le medicine e tutto il resto abbiano sovvertito la natura, riempiendo il pianeta di troppe persone viva le malattie.

franky29

Mah super intelligente e super forte ci vorranno millennii ma per le cose basiche centinaia va bene

franky29

Finalmente voglio cambiare il mio colore di capelli senza tinte

Sagitt

Insomma

saetta

G A T T A C A
gia, gran film

Roberto

Si chiama istinto di autoconservazione XD

Roberto

L'unica attività antropica che provoca la nascita di soggetti sindromici è la riproduzione ;)
Che facciamo, se ne avessimo la possibilità non sarebbe bello eliminarle?

alfazefirus

Concordo parola per parola ;-)

Noret

Dillo al figlio del mio vicino, autistico da dopo le vaccinazioni e parzialmente risarcito, in denaro, con la madre che urla dalla mattina alla sera..

il Gorilla con gli Occhiali

Sento puzza di guai...

SirMau

Si scusa era più un commento personale

M_90®

hahahahahaha

Roberto

Hanno pescato a piene mani da qualunque mitologia...diciamo che era un precursore del marketing. Se non puoi battere i vecchi culti l, crea dei surrogati simili e di loro che in realtà hanno sempre pregato così... Pensa alle vestali che giravano con il velo ed erano vergini...che festa hanno messo il 15 agosto?
L'unica cosa positiva è che hanno sostituito i sacrifici con dei simulacri, almeno evitiamo di ammazzare qualcuno o qualche bestia ad ogni festa. Basta il pane e il vino. Sono stati oggettivamente geniali.

Flagship

Vero... in realtà stavo semplificando al massimo onde evitare di entrare in dettagli ultra-complessi.

alfazefirus

E la cosa che fa piu' ridere e' che la mitologia nordica e' stata negli anni modificata dalla chiesa cristiana per avvicinarsi graudalmente alla narrazione cristiana, per portare a una conversione "soft", percio' non solo hanno diffuso assurdita' ma hanno anche infettato il folklore altrui...

SirMau

Ma guarda che non stai parlando di elettronica...

SirMau

Piccolo appunto. In anatomia comparata e neurobiologia ho studiato e ho ascoltato dal mio grande professore che ogni organo del nostro corpo ha un "cervello" che ha una vita indipendente. Ognuno comunica poi con gli altri organi. Il nostro organismo é controllato da tutti gli organi non solo dal cervello.
Quindi riprendendo il tuo discorso é ancora piu complicato clonare o modificare un dna, persino chi fa ricerca in questo campo non riesce a comprendere la complessità che sta dietro.

Gabriele Lena Bisco

Virus Tyrant in arrivo

Flagship

Io non ho mai detto che esista il limite a 100-120 anni.
Ma di sicuro esiste un limite naturale ( che fino a prova contraria , dopo miliardi d'anni d'evoluzione sarà sempre più corretto di qualsiasi manipolazione umana ).
Quanti esseri viventi "superiori" su questo pianeta ( almeno di quelli conosciuti ) vivono agilmente centinaia o migliaia di anni ? Alcuni animali e vegetali.
Rimangono cmq una minoranza. Un motivo ci sarà.
E si chiama equilibrio.
Stravolgero a nostro uso e consumo ( come già stiamo facendo su altri fronti) porta ai risultati che tutti conosciamo.

SirMau

Colonizzazione dello spazio? Ajahah ma quanti film giochi vedete.
Ragazzi se da qui a 100/200 anni non ci si impegna seriamente per la sostenibilità del pianeta la nostra sarà tra le specie piu a rischio di estinzione causata da noi stessi tra l altro.
Godetevi la natura, capitela e adattatevi ad essa. Non fate il contrario di adattarla a voi.
Poi nessuno vi vieta di abbattere due alberi per costruire una casa ma poi assicuratevi di rimetterne almeno 5 volte tanto di piantine da far ricrescere.
Lo spazio lo vedrai sempre sul telescopio stai tranquillo e se questa cosa delle modifiche genetiche dovesse prendere piede stai aumentando le già altissime aspettative di vita di un bambino il che comporterebbe a in aumento notevole della popolazione. Siccome la situazione in agricoltura é pessima per non dire drammatica, e questo te lo posso assicurare perche un agricoltura intensiva non portera a benefici ma a lungo termina sarà una delle principali cause di carestie nel pianeta. Comunque siccome l agricoltura continua a essere fatta industrialmente anziché individualmente le concentrazioni di cibo e la loro distribuzione non potrà soddisfare l intera popolazione mondiale. Risultato squilibri, malattie, mancanza di forza lavoro, collasso del sistema. Accettare le leggi naturali non é cattiveria, le mutazioni e i virus servono in ogni caso per far evolvere una specie in maniera naturale e armoniosa con l ambiente. I MORTI E I MALATI li vedrete SEMPRE. É utopia debellare le malattie dal mondo.

SirMau

E infatti é stato l errore più grande. Dopo susseguirono battaglie, guerre e massacri.... Ah ma aspetta.. ci sono ancora !!!
(sto scherzando, non é colpa del fuoco)

Mattia Righetti

Più vicini come era il grafene 10 anni fa, i giornalisti non hanno un metro di paragone.

SirMau

Le tue immaginazioni sono tutte dovute alla non accettazione delle leggi naturali. Non sarai un pochino spavaldo?
Sulle malattie puoi prevenire in tantissimi modi.
Sulle specie estinte non capisco perche devi fare il danno e poi cercare di ripararlo. Non capisco perche la maggior parte ragiona così...
La maggior parte dei problemi attuali derivano da attività antropiche e numerosi studi lo dimostrano per cui perché non sistemare le cose alla radice ed evitare di ricorrere a modifiche genetiche?

Roberto

Me l'hanno pure cancellato il commento, neanche fosse stato offensivo... Ipocriti

lupo

Di0 va in moderazione

Enrico Garro

Capisco il tuo ragionamento sociale e posso condividerlo. Non condivido essere contrari a una tecnologia perché si o perché "si può fare altrimenti"

SirMau

Dai credi veramente che il tutto rimanga sotto controllo?
Già con gli ogm in America ci sono state contaminazioni che hanno causato danni ambientali.
Non si possono controllare le cose, non capisco perché solo poche persone riescono a capire questa cosa. L' uomo non deve credersi capace di controllare le cose. E sai benissimo che una cosa di questa portata (se mai si riuscisse a realizzarla) creerebbe anche problemi sociali.
Non volevo dire che sono completamente inutili, volevo dire che non sono necessari. Possiamo risolvere la maggior parte dei problemi ora con queste conoscenze che abbiamo ora. La fame del mondo si può risolvere senza uso di ogm o tecnologie artificiali semplicemente conoscendo le scienze attuali (nel terzo mondo non riescono a coltivare niente per via dell' inquinamento generato dall' Occidente con i rifiuti, con le guerre e con l' ignoranza. Questi sono problemi sociali ed economici non scientifici). Le malattie sempre nel terzo mondo sono generate da ignoranza sulle regole base dell' igiene e per mancanza di strutture ospedaliere.
Se tu analizzi il mondo metti l' Italia. Qui in Italia stiamo benissimo a livello di salute. Le malattie genetiche sono rare e possono essere anche prevenute con analisi genetiche dei partner che si accoppiano senza l' uso di modiche al DNA.
E potrei continuare con tutte le altre situazioni...
Non voglio convincerti, ma almeno sapere se per te un discorso del genere potrebbe essere valido da prendere in considerazione.

bldnx

???

bldnx

Non manca molto ad avere un mondo che non conosce malattie

Enrico Garro

Quindi tu sai già che perderemo il controllo di una tecnologia che di fatto è ancora in fase embrionale, e che porterà molti più danni che benefici.Scusa ma o sei chiaroveggente o sei prevenuto. Come ho detto le cose vanno pesate e sperimentate. Non è che i risultati verranno sbattuti in campo aperto e come va va'. Cmq chiudiamola qui

SteDS

Non che stravolga il senso del discorso, non stiamo parlando di una medusa e in ogni caso quelli che tu chiami limiti strutturali sono nient'altro che limiti dovuti alla genetica, non sappiamo al momento in quale misura si possa inervenire sulla genetica in futuro ma se la libertà sarà totale puoi aspettarti di tutto (o quasi) anche uomini multi centenari

SirMau

In maniera controllata? Ma veramente già adesso si è persa la bussola.
La natura offre potenzialità di salute e selezione pressoché perfetti e questi si mettono a fare modifiche genetiche come vuoi che si controlli la situazione?

Davide

il punto chiave è il caso. Adattarsi implica la consapevolezza mentre invece non è così. Non è l'uomo a decidere di adattarsi. Non è l'uomo a decidere di sviluppare quelle caratteristiche, è il caso.

PassPar2

Ottimo

Davide

non è l'organismo che si adatta all'ambiente, è l'ambiente che seleziona l'organismo. C'è un sacco di gente che, come te, ha interpretato male l'evoluzionismo.
Le modifiche al DNA sono casuali ed avvengono durante la fase di crossing-over della riproduzione. Queste modifiche possono essere utili (essere più alti) o inutili (avere 3 gambe). Se la modifica è utile l'esemplare sopravvive e tramanda il patrimonio genetico, compresa la modifica che non lo ha ucciso. Se la modifica è invece un handikap l'esemplare muore e/o non si riproduce.
E' per questo motivo che si dice, erroneamente, che una specie si adatta all'ambiente. In realtà è l'ambiente a determinare se una modifica sia valida o meno. Il tutto in maniera assolutamente casuale.

miccio

ma infatti sono anche io per l'andare avanti

Flagship

Si ma nel tuo caso si parlava della natura dell'uomo.
Nel mio di M@dre Natura.
E' diverso

SirMau

Infatti cerchiamo di essere sintetici perché altrimenti la finiamo domani.
Più cibo, più produzione e nuove cure.
Sarebbero queste le grandi potenzialità? A livello pratico poi hai idea di quanti problemi (nuovi problemi, quindi non risolverai un bel niente) si genereranno?
Tutto questo potrebbe andare bene in un sistema CHIUSO. Ma sappiamo bene che non sarà così, che la contaminazione ci sarà.
Quindi immaginati queste "specie artificiali" nuove, con un genoma diverso. Ogni specie si adatta all' ambiente in cui vive, se ciò si verifica quella specie crea una popolazione che si riproduce e si relazione con altre specie che a loro volta si relazionano con altre specie ancora. A volte specie diverse entrano in competizione mandando verso l' estinzione l' altra specie. Se dovesse verificarsi questo (allo stato attuale) la specie estinta genera un vuoto che sarà colmato da qualcun altro a volte, altre volte no.
L' uomo in quanto specie animale come tutte le altre può controllare queste variazioni globali? E queste modifiche a chi sono rivolte? All' uomo o migliorie per la natura?
Se sono rivolte solo all' uomo, che beneficio potrebbero trarne le altre specie animali e vegetali? Una selezione artificiale contro una selezione naturale con un' esperienza alle spalle di miliardi di anni? Miliardi di anni, un numero che neanche il più grande genio del mondo sarebbe lontanamente in grado di concepire, neanche riuscirebbe a immaginarlo nei sogni.
Queste potenzialità sono già presenti senza bisogno di modificare artificialmente nessun organismo. Esistono milioni di batteri nel mondo una parte dei quali ancora neanche scoperti.
E scusa se mi permetto di dire che essendo in scienze naturali ho una visione più ampia della questione del pianeta Terra rispetto a quello che si studia in biotecnologia.

Flagship

Come detto.. dipende da quale base si parte.
Se parti dal basso..i progressi sono decisamente più veloci e notevoli che partendo da una posizione intermedia.

Flagship

Affascinanti sicuramente.
Ma siamo solo a livello accademico.
Nella pratica.., quello che a parole sembra semplice , in realtà è quasi impossibile senza ottenere errori macroscopici.
La natura c'ha messo diversi miliardi di anni per far funzionare le cose

Flagship

Limiti intrinsechi di natura biodinamica.
Puoi rallentare l'invecchiamento cellulare fino ad un certo punto.
Senza contare che tutto il nostro organismo viene comandato dal carvello. Del quale oggi si sa ancora relativamente poco. Pensare di cazzeggiare sul DNA andando a toccare proprio il cervello, per esempio, è utopistico

Davide

immagina di avere una patologia genetica ereditaria che al 100% trasferirai a tuo figlio. A quel punto puoi scegliere: o non avere figli o avere figli malati. Modificando manualmente il DNA dello spermatozoo saresti in grado di rimuovere la malattia e di avere figli sani.
Oppure, immagina di avere degli animali in via di estinzioni che vuoi preservare ma che sono in un numero così ridotto di esemplari che sono tutti parenti. Modificando il DNA dei gameti di quegli animali potresti introdurre artificialmente la giusta variabilità genetica in modo da non portare a storpiature dovute all'accoppiamento tra consanguinei.
Di cose affascinanti ce n'è una marea.

Curiosità

Prime Video, tutte le novità in arrivo a dicembre 2021

Windows

Recensione Huawei MateBook 14s, una conferma con la webcam al posto giusto

HDMotori.it

Nuovo Mercedes-Benz Citan, van compatto ma spazioso | Recensione

Tecnologia

Bitcoin, uno stile di vita? Tra libertà e finanza, viaggio nel mondo dietro le crypto