Google rilascia le prime Developer Preview di Android O

21 Marzo 2017 228

Con una pubblicazione del tutto inattesa, ma che segue il copione già inaugurato lo scorso anno, Google ha rilasciato le prime Developer Preview dedicate ad Android O, la prossima major release del sistema operativo di Big G che verrà ufficializzata nel corso del prossimo Google I/O 2017.

Le ROM sono attualmente disponibili per Nexus 5XNexus 6PPixelPixel XL, Pixel C e Nexus Player, mentre nessuna notizia Nexus 6 e Nexus 9, i quali dovrebbero aver ormai raggiunto la fine del loro supporto ufficiale. Android O introduce diverse novità per quanto riguarda la gestione delle attività in background, migliora ulteriormente il sistema di notifiche aggiornato con Nougat e porta il Picture in Picture su tutti i dispositivi Android. Ma andiamo con ordine:


Restrizioni in Background: Android O mira ad ottimizzare maggiormente le performance dei dispositivi, sia dal punto di vista della gestione delle risorse che da quello energetico. Per fare ciò, la nuova versione del sistema operativo Google introduce nuovi limiti a ciò che le app possono e non possono fare in background, agendo su tre categorie chiave. Si tratta dei Servizi in Background, gli Aggiornamenti di Posizione e gli Implicit Broadcast.

Canali per le Notifiche: Il sistema di notifiche di Android O è ora arricchito della presenza di una suddivisione per canali. Grazie a ciò sarà possibile gestire notifiche appartenenti alle stesse categorie, piuttosto che agire su quelle di ogni singola app. Sono stati introdotti anche piccole modifiche grafiche per rendere più semplice scoprire il contenuto di una notifica.


API per l'Auto-riempimento: Android O è maggiormente integrato con tutte le applicazioni dedicate a riempire automaticamente i campi di testo più comuni, come password o altri dati sensibili. Grazie alle nuove API, sarà possibile cambiare l'app dedicata alla gestione di questi dati con la stessa semplicità con cui si cambia la tastiera. In questo modo, gli utenti potranno compilare ogni campo di testo presente nel sistema operativo sfruttando le stesse funzioni di riempimento automatico che è possibile trovare, ad esempio, nel browser.

Picture in Picture per dispositivi mobili: La funzionalità di Picture in Picture è ora parte integrante di Android O. Gli utenti potranno continuare a visualizzare un filmato in qualsiasi schermata, mentre gli sviluppatori potranno scegliere diverse modalità con cui questo avverrà, agendo sul rapporto di forma e sulle interazioni disponibili, come play e stop. Presente anche una nuova modalità di overlay e il supporto multi schermo, in modo da eseguire operazioni su un display secondario.

Font XML: Android O ora può accedere ai font XML, disponibili come risorse per il sistema. Le applicazioni potranno utilizzare sia il layout che definire la famiglia di appartenenza di un font  in formato XML.

Icone Adattive: Sono state introdotte delle maschere predefinite che consentono al sistema di adattare il layout delle icone in maniera del tutto automatica, in modo da creare una maggiore coerenza tra i vari elementi della UI. Il sistema si occupa di gestire il loro aspetto e le animazioni in diversi ambiti, come nel launcher, nei collegamenti, Impostazioni, menù di condivisione. Di seguito una GIF che mostra il sistema di adattamento in funzione.

Gamma cromatica estesa per le app: Gli sviluppatori di applicazioni dedicate alle immagini, sia alla visualizzazione che all'editing, possono ora sfruttare meglio i nuovi display dotati di gamma cromatica estesa. Android O supporta i profili colore AdobeRGB, Pro Photo RGB, DCI-P3 e così via.

Connettività: Android O mira a migliorare la qualità di ascolto tramite speaker e cuffie bluetooth, grazie al supporto al codec LDAC. Sono state introdotte delle nuove funzionalità legate al WiFi, come la modalità Wi-Fi Aware, precedentemente nota con la sigla NAN (Neighbor Awareness Networking). I dispositivi che montano un hardware specifico, potranno comunicare tra di loro in modalità Wi-Fi senza disporre di un access point collegato alla rete. Inoltre, l'API ConnectionService del framework Telecom è stata estesa alle applicazioni di terze parti, le quali ora si integrano alla perfezione con la UI del sistema e con le altre app dedicate alla gestione dell'audio.

Navigazione da Tastiera: L'integrazione di Google Play su Chrome OS ha reso necessario intervenire sulla navigazione tramite i tasti presenti nella tastiera fisica. Sono stati rivisti i modelli comportamentali dei tasti dedicati alle frecce e al Tab, in modo da facilitare sia gli sviluppatori che gli utenti finali.


API AAudio per l'Audio Professionale: Android O torna a guardare con interesse al mondo della musica, grazie alla nuova API AAudio in grado di offrire alte prestazioni e bassa latenza. L'API può leggere e scrivere anche sui flussi di dati e le Developer Preview includono una versione preliminare che verrà migliorata nel corso degli update.

Miglioramenti di WebView: Nougat ha segnato l'introduzione della modalità multi processo per WebView e Android O la migliora ulteriormente, abilitandola di default e introducendo una nuova API per la gestione degli errori e dei crash, in modo da migliorare la sicurezza e la stabilità delle app. Da ora è anche possibile accedere alla modalità Navigazione Sicura di Google all'interno degli oggetti che usano WebView nelle app.

API Java 8: Android è ora compatibile con diverse nuove API Java, inclusa la nuova java.time. Oltre a ciò, Android Runtime è molto più veloce, sino al doppio in alcune app e benchmark.

Contributi di terze parti: Gli sviluppatori di hardware e di chip hanno contribuito ad accelerare e migliorare lo sviluppo di Android O. Solo Sony, ad esempio, ha contribuito a migliorare oltre 30 diverse funzionalità, risolvere 250 bug e ha sviluppato il supporto al codec LDAC.

Potete scaricare le ROM da questo link


228

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Cristian Quarto

Come hai fatto ad attivarlo? Da Nexus 5x non riesco

Marco Meletti

Nono, prestazioni migliorate per tutti
Nougat gestisce meglio cpu e gpu, io con op3 ho notato diversi miglioramenti

Marco Meletti

Boh, con oneplus 3 paradossalmente la 7.0.1 andava meglio (autonomia a parte) della 7.1.1

Sbizza

Per Nexus 5x e 6p implementa il nuovo Launcher dei pixel o c'è ancora quello vecchio?

Topax

Installato ieri sera. Dopo una giornata piena di utilizzo (all'università, 4G sempre attivo, GPS attivo) posso dire un po' di cose:
- è molto acerba, infatti c'è battery drain in abbondanza. Soprattutto le app come Chrome consumano molto
-Bug: nemmeno troppi, ma se avete bisogno di affidabilità lasciate perdere
-Novita: poche. Le nuove impostazioni sono incasinatissime e incomplete (non riesco a disattivare il fatto che si accenda lo schermo prendendolo in mano, nonostante abbia messo il led attivo...). I toggle sono stati rivisti, c'è il supporto via telefono, la percentuale batteria stile Samsung, e poco altro...

c1p8HD

La cosa strana però è che non succede a tutti... sembra dipenda dall'operatore che si usa ma ancora non si sa niente... comunque non so se è presente anche su altri device oltre al Pixel XL

Topax

Uno con la terra vista dallo spazio

Raffael

No!!! allora è un bug veramente grave questo....peccato!

c1p8HD

Ho scoperto un piccolo bug oggi, dopo la prima chiamata non si sente più nulla e non va neanche la suoneria, mi sa che la devo togliere, 12 chiamate perse oggi

c1p8HD

Ma c'è! Eccolo!

Volpe

Ma anche da 6.0 a 7.0 si sente tantissimo il cambiamento. Molto più fluido il sistema, notifiche perfette e pulizia dell'interfaccia. Questo

Adriano

Non nel senso dispregiativo del termine però!

Adriano

Si per quelle preinstallate... Che cul0

Mako

sono su android dalla versione 1.6. Dimmi cosa manca per renderla una major? Sei stanco del material design? Cambia tema o sistema, semplice. Non è che si mettono a fare incatsare tutti gli sviluppatore cambiando di nuovo tutte le linee guida

Garden

E infatti Lollipop uscì abbastanza lacunoso

Non saprei sinceramente, Google alla fine sta introducendo update annuali che magari molti non sentono immediatamente, ma se fai un paragone da 5.0 a 7.0 noti che questi piccoli cambiamenti hanno piano piano cambiato diverse cose

lorenzo1222

Scorciatoie sul blocca schermo, dai ti prego dimmi che scherzi. Il bello di Android è che queste cose le si potevano fare da tantissimo. E poi tutti i grandi aggiornamenti portano un rinnovamento grafico. Basta citare ICS o Lollipop.. se poi per te una navbar modificabile semplicemente o cambiare il menù impostazioni per te é un grosso aggiornamento. Probabilmente tocchi Android da poco.

Azzorriano

Ho letto sotto ma se ti riferisci al multitasking beh allora Google ha fatto bene ad ispirarsi a Apple, c'è da imparare dalla mela sicuramente. Senza però farsi prendere da smanie di superiorità come parecchi melari che citi te hanno e sono irritanti tanto quanto gli haters.

Alex'99

No

V-man

Nic sono frivolo...wallpaper e suoni di sistema c'è qualcosa di nuovo??

pietro

ma quelli sono Samsung non sono android! cit

pietro

tra i tanti anche io, è da un paio di settimane in assistenza, dovrei avere novità tra qualche di

ErCipolla

https : // github . com / rovo89

Volpe

Com'è stato da KitKat a Lollipop

Phoenix

Il codice non è mai stato open

ACF05

Metteranno delle batterie piú potenti che compenseranno

ACF05

E ti lamenti? Io ho galaxy s6 edge e non lo avró di sicuro

ACF05

Ma per rivoluzione cosa intendi?

Horatio

Non ha il giroscopio? :O

Giammy

Appunto per quello...ormai "cinesone" è proprio il telefono sconosciuto cinese di marche opinabili

Il furbone

Ho visto le prime anteprime e non sono l unico ad aver sollevato questa perplessità (intendo chi ha presentato la preview)

Alex'99

Installato su P9 Lite...adesso ha 32 giga, giroscopio e wifi dual band!!

Rieducational Channel

Quando i sistemi operativi fanno OOOOOOOOOO, che meraviglia...

talme94

Si si dopo aver reimpostato la password. Da PC è più comodo

Raffael

Thanks del feedback!!! ;)

C#Dev

Forse continueranno visto che il tuo articolo non ha il benché minimo senso?

TecSS

Dipende dall'accezione che gli dai, sono cinesi e grandi si, però tendenzialmente si riferiscono a cinesoni intendendo "di bassa qualità", cosa che gli Xiaomi non sono..

Mako

non tutte le API possono essere aggiunte tramite Play Services, quelle che ti ho citato sono nel sistema a basso livello. Ma perchè devono rinnovare il material design? Perchè a te ha stancato? Mi dispiace. Il PIP su s4 era solo nell'app della galleria. Questa è un API, la vogliamo capire la differenza? Dai, non è difficile. E' una 7.2? Oltre a quello che ho detto prima c'è anche: supporto a multischermo, supporto a aptX, scorciatoie custom sul blocco schermo, ambient display cambiato, impostazioni completamente cambiate, navigation bar modificabile... A me sembra changelog da major

Mako

no, perchè quello di apple è limitatissimo, vedi il caricamento in background di google foto. E le API esistono da anni e anni, non inventa apple le API per i processi in background

Joel

Il mio commento devi analizzarlo meglio. Se Google sta lentamente copiando i metodi di iOS significa che Apple ci aveva visto bene e quindi non era tanto meritevole di insulti

lorenzo1222

Implementare delle API nuove non è una major release, le si possono aggiungere anche tramite un aggiornamento del Play Services. Casualmente ad ogni aggiornamento dicono sempre le stesse cose "migliorata la gestione delle app in background, migliorata fluidità, ART e mazzi". E intanto neanche mezza traccia di un rinnovato material design(MD 2.0?), stessa grafica di 3-4 versioni fa. Picture in picture è una cosa esistente dal Galaxy S4, raccolta di notifiche è un miglioramento degno di major release? Ragazzi non prendiamoci in giro, è tutto tranne che grosso aggiornamento. E' chiaramente una 7.2.

matteventu

Sisi poi ho editato il commento.

Stranamente nell'articolo non c'è menzione...

Mako

non è che tutte le app magicamente si convertono a questo tipo di multitasking, lo faranno quando implementeranno le api 25 e se lo vogliono, quindi non ha senso questo commento

Volpe

Non mi piace, troppo bianco, troppo launcher cinese guardando le impostazioni, troppo uno schifo per gli amoled. Fortunatamente c'è la possibilità di invertire tutto in nero. Ma comunque, non cambia nulla da Nougat, qualche cosina in meno qua e là (gestione RAM tolta, aggiunto programma per togliere file alla clean master e impostazioni talvolta nascoste). Non so cosa ha in mente Google, ma già Nougat ha introdotto veramente poco. Penso che la vera "rivoluzione" l'avremo con Android P.

Mako

c'è c'è l'aptx

virtual

E poi chiudono tutto con un "WorkingAsIntended"... Grrr!

Giammy

Perché non lo sono

firefox82

Se uno potesse decidere non sarebbe male, il problema è che l'utente non può mai decidere una cippa e Google vuole decidere per noi :/

Mattia

Si x quello.
Grazie mille

riccardik

boh secondo me il pc è più comodo

Mattia

Consigli di far tutto da pc?

Recensione Xiaomi Mi 11 Lite 4G e 5G: gemelli (forse) diversi

Snapdragon 888 vs Exynos 2100: qual è il migliore?

Recensione Nubia Red Magic 6: la scheda tecnica non basta

Samsung Galaxy A52 4G vs Realme 8 Pro vs Redmi Note 10 Pro: confronto a 360°