USA, metà degli adulti schedati nel database per il riconoscimento facciale

19 Ottobre 2016 93

Le forze dell'ordine statunitensi hanno creato un consistente database contenente le foto e i dati di un americano su due, utilizzati per l'identificazione mediante algoritmi di riconoscimento facciale . La notizia è basata su un recente report del Centro per la Privacy e la Tecnologia della Georgetown Law e fa riflettere partendo da due considerazioni: il database contiene anche i dati di cittadini che non hanno commesso alcun reato e, al momento, non esistono standard che garantiscono la completa accuratezza del sistema di riconoscimento facciale.

Sono complessivamente 117 milioni gli americani schedati nel database, tutti cittadini di età superiore ai 18 anni, i cui dati personali sono stati acquisiti dalle autorità utilizzando le foto della patente di guida. Il Centro per la Privacy e la Tecnologia, ha chiesto a 100 agenzie delle forze dell'ordine se utilizzano il riconoscimento facciale e 52 hanno risposto positivamente. La maggior parte delle agenzie, tuttavia, non ha predisposto un sistema di controllo per verificare se l'accesso al database da parte dei funzionari è stato giustificato e se sono stati effettuati doppi controlli per accertare l'esatta identità del soggetto.

Il report non è passato inosservato, visto che dopo la sua pubblicazione, oltre cinquanta gruppi che si battono per la tutela dei diritti umani ha inviato una lettera al Dipartimento di Giustizia statunitense, chiedendo di fare chiarezza con specifico riferimento agli errori legati al sistema di riconoscimento facciale ed all'utilizzo che viene fatto del database per identificare i partecipanti a cortei e raduni, che non necessariamente commettono reati ma, al contrario, esercitano, semplicemente un diritto garantito dalla Costituzione.

In America, il controllo e l'identificazione tramite riconoscimento facciale è sempre più utilizzato e ripropone l'inevitabile problematica sul bilanciamento degli interessi: da un lato quello dello Stato di perseguire chi ha commesso un reato, dall'altro quello della tutela della privacy dei cittadini, a partire da coloro che non hanno compiuto alcuna azione criminosa. Chi volesse approfondire ulteriori aspetti dell'articolato report può consultarlo nella sua interezza collegandosi a questo indirizzo.


93

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Yellowt

Sono quelli che hanno fallito i test allora. Considerato già il livello medio della polizia vuol dire che sono proprio ad un livello culturale infimo ( e si vede da queste cose ).

simo

Se per te uno che cammina in tre su un motorino saltando un posto fi blocco è uguale a uno che punta la pistola contra la folla/un poliziotto hai problemi seri.

Studia un po di storia. Le civiltà europee in 2 secoli e mezzo di vita hanno superato sia la legge del taglione che l'arbitrarieta delle pene e sono statii stabiliti dei principi basaliri come la proporzionalità della pena/risposta al reato/offesa. Se uno ruba tu non lo puoi ucciderlo. I diritti di proprietá e quello alla vita nkn sono (giustamente) equiparati. Diverso è se il rapinatore ti minaccia con una pistola o un coltello. In quel caso stai rispondendo a una minaccia al tuo diritto alla vita. Per quello esiste gia la legittima difesa infatti

cip93

Non esiste una società sicura senza controllo... isis e degenerati saluti

veritiero

I vigilantes sono solo poliziotti che non c hanno creduto abbastanza

veritiero

Ma loro sono i padroni e l'europa il loro giardino...il medio oriente il bagno.....e la Russia il flanders

franky29

Sei un Loacker!

Davide

beh, ad esser sincero anch'io avrei fatto una cosa del genere, anzi ci stavo giusto pensando qualche giorno fa =)

Raff Malvone

Si chiama stato di diritto, se devo sacrificare una parte della mia privacy per il bene comune ben venga,preferisco sventare un attentato che avere la mia faccia al sicuro, sempre se gestito da organi competenti e ovviamente accessibile solo a loro ;)

zzzz

senza contare che il "visto" (ESTA, non è proprio un visto) contiene una serie di domande (malattie contratte in passato, precedenti penali) a cui uno per menefreghismo/imbecillità facilmente può rispondere in maniera falsa, creando già il primo reato (grave, non come qui dove anche ai processi si sparano caxxolate), quindi un precedente che aggrava la situazione qualora si commettano reati negli USA

Giorgio

Si chiama identification card, ogni stato ne ha una diversa, non ho link da darti e non mi sono offeso.

Marco Revello

Cos'è ti sei offeso?
Comunque mi sono informato:NON esiste per motivi costituzionali

Giorgio

E' un processo? se hai tempo cerca sennò amen

Marco Revello

Io devo cercare su internet una cosa che, per me, non c'è?
Ti rendi conto della contraddizione di termini?
Ora, se tale documento esiste, sai dare delle informazioni o dei Link?

Giorgio

Si cerca su internet, lo stato in cui risiede rilascia un documento tipo tessera elettronica simile alla patente (americana) con i tuoi dati personali

LoneWolf®

[cit.] "La vita è un biscotto, se piove si scioglie."

densou

ma non avevano sempre negato pubblicamente esistenza di software + database su riconoscimento volti?

Marco Revello

Il tuo non credo conta come il due di coppe. Se trovi qualcosa per contraddirti accetto volentieri la critica ma finché non riesci quello che ho scritto rimane tale

Rubex

Sante parole!

Nax

...
Non capisco come si fa a essere cannati se non ho mai toccato ne provato alcun tipo di sigaretta in vita mia, senza contare il fatto che sono anche astemio...
Sinceramente potevi risparmiarlo un commento simile...

Phoenix

Sarete i soliti cannati

SteDS

Ma scusate, a tutti quelli che si disinteressano della privacy perchè hanno "nulla da nascondere", ma perchè rinunciare ad un diritto così importante? E' come se un lavoratore rinunciasse allo stipendio, è un diritto sacrosanto di ogni cittadino perchè non esiste libertà senza privacy, a me sembra un concetto ovvio ma evidentemente non siamo tutti d'accordo.

Nax

Se per te uno che cammina in 3 su un motorino scappando da un posto di blocco non è un pericolo...
Stessa cosa se parliamo di un rapinatore fuggitivo colto in flagrante...
Meno male che non le gestisci tu le forze dell'ordine allora, sarebbero meno utili di una spogliarellista in un locale gay...

simo

Vabbeh in questo caso ti do ragione. Ma il problema li sta piu nel sistema giudiziario nel complesso. Essendoci pochi soldi, le carceri piene e i tribunali carichi di casi, lo Stato favorisce in tutti i modi la carcerazione dpmiciliare, la prescrizione ecc....il carcere perde ogni valore riabilitativo e il gioco è fatto

simo

Meno male che non scrivi tu le leggi allora. Non scherziamo....per quanto un reato sia grave l'uso della forza deve sempre essere proporzionato al pericolo...Ormai sembra che uccidere una persona sia diventato accettabile in qualunque situazione a prescindere dal pericolo reale che questa persona rappresenta per gli altri e per le forze di polizia.

Nax

http://napoli .repubblica .it/cronaca/2014/07/31/news/rapinatore_muore_nella_notte_nel_napoletano-92800594/
Ma si, diamo contro i carabinieri, anche quando fanno il loro dovere!!! Sono tutti impuniti.
Ma ci rendiamo conto? Uccidere un rapinatore durante un inseguimento che ha ignorato ogni avviso di fermarsi?
Ma che mondo di pazzi!!!!

Luigi L

Ho un amico che lavora come carabiniere. Ti dico solo che non contano un cªzzo, se denunciano una persona ci vanno di mezzo loro in prima persona come cittadini e non come carabiniere.
Per lo meno a quanto mi ha raccontato, e me ne ha raccontate di inc

SteDS

Premessa, quando un poliziotto commente un illecito va assolutamente condannato (in particolare, i casi che hai citato sono intollerabili - però va anche detto che non siamo nemmeno lontanamente vicini agli "standard" USA se parliamo di frequenza di episodi). La questione "del pizzico di potere in più" invece si pone quando le forze dell'ordine fronteggiano persone pericolose (e non ragazzi indifesi) e purtroppo si, in questo caso siamo troppo garantisti verso i criminali, conosco un po' l'ambiente e se pensi che non abbiano le mani legate ti sbagli, a tal punto che anche un arresto legittimo può diventare pretesto per un'accusa di sequestro di persona (successo proprio qui, nella mia città).

Nax

Sinceramente io preferirei che un carabiniere non venga nemmeno indagato per aver ucciso un tizio che camminava in 3 su un motorino senza casco che non si è nemmeno fermato al posto di blocco causando un inseguimento...

simo

Vabbeh allora spiegami che potere dovrebbero avere in piu.

Per me il problema dell'ordine pubblico non deriva certo dal fatto che la polizia abbia le mani legate. Negli stati uniti dove tutti sono armati, le case blindate, e la polizia è militarizzata e dispone di un sacco di risorse, tecnologie di riconoscimento facciale ecc...avvengono molti piu crimini che in europa occidentale.

Finche i problemi sociali si penserà di risolverli solo con la punizione e la repressione e non con la prevenzione, questi rimarranno

SteDS

Si, ovviamente tu hai capito tutt'altro (quello che volevi capire). L'abuso di posizione va sempre condannato ci mancherebbe.

simo

Potere in piu? Vuoi reinstaurare la legge reale come negli anni di piombo (possibilitá di fermo per 48 ore senza dare spiegazioni) direttamente? Non basta la vergognosa impunitá di cui godono le forze dell'ordine quando sfruttano la propria posizione di potere? (Caso cucchi, bolzaneto ecc ecc)

Se proprio devo guardare ad un modello di forze di polizia non guardo certo all'america, ma alla svezia o alla norvegia

Elias Koch

What? The land of the free?
Whoever told you that is your enemy?

SteDS

A me piacerebbe un pizzico di potere in più per le nostre forze dell'ordine ma senza eccessi. Capisco la necessità di prevenire possibili minacce ma i controlli eccessivi in aeroporto non sono segno di gran civiltà, il nostro modello in questo caso è valido (in Giappone per esempio, paese civilissimo, i controlli sono molto più blandi)

M3r71n0
Un esempio che guardo con grande ammirazione è il controllo in ingresso fatto dagli USA.

11 milioni di clandestini e tu li ammiri.
Aaaaa... ok... contento tu.

M3r71n0

Ce ne fosse uno nei commenti che ha colto l'aspetto "grave" della vicenda.
Chiunque può accedere a quelle foto senza autorizzazione ne permesso. Basta entrare 5 minuti in una stazione di polizia (e vi posso garantire che ci si riesce benissimo anche stando fuori).
Mah.
Mi raccomando, tirate sempre in mezzo "le scie chimiche", cosi potete credere di non aver letto nulla di grave.

SteDS

Sono stato negli USA tante tante volte ormai, devo dire che i controlli vanno un po' "a cul0", mi è capitato di trovare poliziotti assurdi, diffidenti fino a risultare inopportuni, anche violenti verbalmente. Altre volte mi è capitato di trovare le persone più gentili del mondo, l'ultima votla che son stato lì (mese scorso) l' "intervista" in entrata è durata si e no 2 minuti, con grandi sorrisi.. si devo ammetterlo è stata una novità :)

Yellowt

Chiami la polizia e lo denunci per sequestro di persona. TI ha impedito di andartene e non era nel suo diritto. Questi vigilantes da strapazzo dovrebbero abbassare un po la cresta. Anche perchè poi quando passano 5-6 zingari non hanno le palle nemmeno di avvicinarsi...

Rubex

Piccolo suggerimento, se me lo consenti, guarda la serie tv Person of Interest, togli la parte "romanzata" focalizzando l'attenzione sui possibili usi di un sistema del genere, potresti rivalutare la tua posizione in merito alla citazione.

Yellowt

Non è l'essere sorvegliati il problema, è la sorveglianza invasiva e il riconoscimento facciale. è la differenza tra mangiare un cucchiaino di nutella o l'intero barattolo.

La sorveglianza ti permette di intervenire nei luoghi a rischio.
Il riconoscimento e la sorveglianza invasiva permettono di seguire passo passo chiunque, sapere dove va, con chi, quando, se si mette le dita nel naso, se rispetta il codice della strada e via dicendo. Tu sei onesto ma lo sono tutti finchè non vengono presi: superi mai il limite di velocità? Rispetti TUTTE le precedenze? E una volta creato il sistema di controllo totale, cosa ti fa pensare che le leggi per cui ti reputi onesto non cambino? Rispetteresti un coprifuoco alle 11 "per la vostra sicurezza"? Rispetteresti il DOVER avere sempre un cellulare in tasca perchè la polizia sappia sempre dove sei? Rispetteresti di lavorare 12 ore senza pause?

La libertà viene anche dalla privacy, anche se non te ne accorgi e pensi che non ti serva. Sei libero di pensarlo proprio perchè ce l'hai...

Squak9000

Telefonini... Facebook... Carte di Pagamento... tasse... contratti di lavoro... ecc... ci siamo gia autoschedati da tempo.

Pure new wool

Probabilmente si è insospettito vedendo la cintura di galaxy note 7...

Rubex

E se la citazione stessa fosse il parere personale?

Fra86

Quello che mi da più fastidio è che quando vengono in Europa, non subiscono gli stessi controlli che fanno a noi.

Nax

[cit.] "Se sai discutere solo con citazioni e senza esprimere un parere personale, forse è meglio non parlare."

Nax

Sinceramente avete un poco rotto con questa citazione...

Nax

Ormai c'è diffidenza più totale nel mondo.
Alla games week una guardia dell'unieuro ha tenuto 5 minuti fermo un mio amico continuando a chiedergli cosa avesse rubato...
Ovviamente tengo a precisare che non avevamo rubato niente.
Praticamente continuava a fare pressione per cercare di farlo cedere, gli ha fatto levare la giacca e continuava a toccarlo per vedere se avesse nascosto qualcosa.
Va bene che magari questo mio amico non aveva la faccia più affidabile del pianeta, ma è stata una totale esagerazione, neanche se fosse stato sospettato di essere un terrorista lo avrebbero controllato così tanto.
Appena ha capito che non aveva niente per cui accusarlo è passato a me (che mi sono messo a ridere durante tutta la scena) e mi ha fatto le stesse domande per poi lasciarmi andare facendo una faccia tipo "Io ti tengo d'occhio".
Mi sono sentito un gangster...

Rubex

[cit.] " La mente è come l'ombrello: per funzionare deve essere aperta."

Rhakekel

Non fate leggere questo articolo ai complottisti del "microchip nella pelle per spiarci tutti".
Non ne uscirebbero vivi.

Luca

Il garantisto esagerato e il perbenismo a tutti i costi, almeno in Italia, ha dato i propri risultati. In USA la cosa è ben diversa. Certamente non serve per ridurre la criminalità ma casomai per punirla efficacemente ma anziché osservare, criticando, gli altri Paese che, a mio modesto parere, operano correttamente, perché non pensiamo al nostro? Non significa che dovremmo schedare 60 milioni di persone ma certamente un maggior controllo non farebbe di certo male a questo Paese allo sbando...

Un esempio che guardo con grande ammirazione è il controllo in ingresso fatto dagli USA. La necessità di richiedere innanzitutto un visto (primo controllo, prima schedatura dei dati), successivamente sottoporsi ad un controllo all'arrivo sul territorio dal funzionario e la raccolta di dati biometrici. Gli USA sanno chi è entrato sul territorio nazionale, da dove vengono e chi sono. Nel nostro Paese facciamo entrare cani e porci ovunque, senza essere schedati o controllati (non tutti almeno)...

Roland

..the land of the free and the home of the brave..

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3070, la migliore prezzo-prestazioni!

Android

Studiare con un Tablet: applicazioni e consigli su Galaxy Tab S7+

Android

Recensione Xiaomi Mi 10T Lite: con Snapdragon 750G è una bomba!

Windows

Recensione Honor MagicBook Pro, occhio ai paragoni azzardati!