Un tour virtuale su Marte con Buzz Aldrin, grazie a Hololens e alla NASA

19 Settembre 2016 2

Se il fatto che la NASA ci assembla e lancia i razzi che vanno nello spazio non fosse una motivazione sufficiente per andare a visitare il John F. Kennedy Space Center, situato a Cape Canaveral in Florida, Stati Uniti, da oggi possiamo aggiungere un'ulteriore freccia al suo arco: una visita virtuale su Marte, accompagnati da uno dei più famosi astronauti di sempre.

L'attrazione si chiama Destination: Mars, ed è stata inaugurata da pochissimo. È stata realizzata, ancora una volta, in collaborazione con Microsoft, in particolare la divisione HoloLens. Grazie al visore di realtà aumentata realizzato dalla società di Redmond, è possibile visitare virtualmente diverse aree del Pianeta Rosso sfruttando le stesse immagini catturate dal Mars Rover Curiosity da agosto 2012 ad oggi.


La guida virtuale del tour è niente meno che Buzz Aldrin in persona, l'astronauta della missione Apollo 11 e il secondo uomo ad aver mai messo piede sulla superficie della Luna. Ad aiutarlo nel tour troviamo anche Erisa Hines, che alla NASA si occupa proprio di guidare il Curiosity.

L'attrazione è inclusa nel biglietto d'ingresso al Kennedy Space Center (se volete/potete, beati voi, QUI ci sono i biglietti), ma sarà disponibile solo fino a fine anno.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Phone2go a 459 euro oppure da Amazon a 509 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
marcoar

Colpa di quelli di nubia

Maurizio Mugelli

Destination OIBS?
che m1nchia di font hanno usato?

Qualcomm Snapdragon 870 5G ufficiale: la fascia alta ha un nuovo protagonista

WhatsApp: nuova informativa privacy dall'8/2. Cosa cambia | Video

Smartphone e GIGA gratis per 1 anno: cos'è il kit di digitalizzazione del Governo

CashBack di Stato Natale: 1,5 milioni di rimborsi e quello che potreste non sapere