Intel potrebbe rinviare i chip a 7nm al 2022

06 Settembre 2016 66

Con un copione purtroppo già visto, che potrebbe essere poco gradito agli appassionati e a tutti quelli che aspettavano il passaggio dai 10 ai 7 nm, Intel sembra aver cambiato la propria roadmap per quanto riguarda la transizione tra i due processi produttivi.

Dalle ultime notizie che arrivano dall'India, relative agli ultimi movimenti interni dell' azienda, pare che Intel abbia rinviato di circa due anni i chip con processo produttivo a 7 nanometri, attesi ora per il 2022.

Stando alla "nuova" roadmap, i processori a 10 nanometri arriveranno non nel 2017 (Q3) ma nella prima parte del 2018; a questi seguiranno poi altre due serie classificate come chip 10nm+ (2019) e 10nm++ (appunto 2020).

Per parlare di chip a 7 nanometri quindi dovremo attendere almeno il 2021, per avere i primi sample ipotizziamo il 2022; in tutto questo però ci sarà da vedere cosa combinerà AMD visto che già si parla di CPU Starship.


66

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Boronius

hahahaha vero, comunque il MOS 6502 per me era migliore, era una sorta di proto-RISC. Tempo fa mi sono costruito un circuito con 6510 e, usando RAM statiche veloci, sono riuscito a pompare un esemplare a ben 4 MHz, ovvero un overclock del 400% !! HHAHAHAHA... che mito il 6502, lo Z80 gli faceva le pïppe...

Boronius

La NASA usa microprocessori RAD derivanti da core MIPS, ovvero più o meno la CPU della Playstation 1, anche come clock. I RAD ovviamente resistono a temperature estreme radiazioni raggi cosmici ecc.

Boronius

Si, mesi orsono leggevo di ricerche inerenti transistors con dimensioni nel range delle centinaia di picometri.

Boronius

Nei loro laboratori di ricerca sono avanti anni e anni. Inoltre, da un punto di vista commerciale, inutile accelerare troppo, in un PC devi prendere CPU Intel o AMD e i due contendenti non hanno interesse a massacrarsi a vicenda.

Boronius

Se non erro il MOS 6510 del Commodore 64 era fabbricato con tecnologia a 3 micrometri (3000 nanometri)

Kuro678

91w il 6700k e 65w il 6700

Oliver Cervera

Infatti 85 credo sia l'attuale TDP degli Skylake, giusto?

franky29

O 350 nm xd

22jack22

secondo voi quanta differenza ci sarà tra 7 e 8 generazione? ho un 3210M che inizia a sentirsi vecchio

Maurizio Mugelli

il punto e' che non hanno alternative, i limiti del silicio sono quelli quindi non puo' "peggiorare" il costo rispetto a qualcosa che e' fisicamente impossibile

k87

In pratica da un lato si migliora(prestazioni)e dall'altro lato(costo)si peggiora..devono trovare il modo di ottimizzare il tutto

Maurizio Mugelli

vero, ad esempio il GaAs viene usato per componenti radar e alcuni particolari demoltiplicatori radio che devono lavorare sull'ordine delle decine/centinaia di ghz direttamente.
il problema e' che si, gaas (e in parte sige) hanno potenziali molto superiori ma c'e' talmente tanta piu' gente che lavora a sviluppare il silicio da rendere i cicli di sviluppo talmente piu' rapidi da annullare qualsiasi gap di base.
soltanto adesso che non e' proprio fisicamente possibile sviluppare ulteriormente il silicio gli altri materiali possono recuperare la differenza e sfruttare i propri vantaggi.
se il Gaas fosse stato sviluppato come il silicio probabilmente avremo chip equivalenti agli I7 che girano a 50/100ghz ma costano centinaia di migliaia di dollari...

Luca

Mi sembrava ieri quando si parlava di 90 nanometri.

k87

Io mi ricordo che quando frequentavo il tecnico industriale il mio professore di Tdp mi disse che arseniuro di gallio e germanio erano di molto superiori al silicio,ma che non venivano usati per la loro poca diffusione rispetto al silicio(la sabbia praticamente si trova ovunque)e al fatto che avevano costi di produzione proibitivi e che quindi venivano usati principalmente per componenti aereonautici,missilistici e spaziali..lieto di vedere che il prof. Lacava si sia rivelato per il grande ingegnere e prof che tutti adoravamo e che ti faceva amare davvero la sua materia

Maurizio Mugelli

SiGe (silicio+germanio) e germanio puro sono altri due candidati, se non ricordo male IBM ha lavorato molto col SiGe (oltre che col GaAs)

k87

e il germanio per esempio?

k87

i 486 per esempio sono tutt'ora usati nei satelliti proprio per la loro affidabilità immensa per esempio..qualche mese fa è uscito un articolo in cui la Nasa e i suoi partner cercavano questi processori per comprarli a qualunque cifra proprio perchè garantiscono una affidabilità di decenni

Mattia

grazie almeno ho un idea migliore ora

Petaloso

quindi cosa faranno? ritarderanno l'uscita dell'ottava generazione a inizio 2018 o faranno un altra generazione a 14 manometri?!

Tizio Caio

Si appunto, stanno tirando al massimo con silicio ma più di così non si può fare. O meglio: si può fare ma estremamente costoso e impossibile da produrre in massa :)

Kuro678

il 6800k (che dovrebbbe essere il modello base della linea extreme se non sbaglio) ha 140w di tdp. Dovrebbe andare sui 90/100 per diventare simile ad un 6700k. Avere 12 thread mi farebbe comodo, ma non posso spendere così tanto per un x99; speriamo che a breve escano più dettagli sulla lineup futura.

ice.man

SBAGLI a partire dai termini che usi.
qui non si scopre, si inventa qualcosa che prima non esisteva
e come per tutte le nuove invenzioni necessitano di affianamenti per poter essere usate su produzioni in larga scala e con pochissimi scarti. Con invenzioni di questo tipo che spostano un passo avanti i limiti fisici di acluni processi.....è necessario che tutta la filiera progredisca, tutti i fornitori di componenti devono sviluppare nuove tecnologie per adattarsi alle nuove richieste. A volte poi è addirittura necessario costruire nuovi stabilimenti. Se lavori sul cosi piccolo...le vibrazioni di una vicina strada potrebbero creare problemi, e infatti già adesso le factory dei processori hanno fondamenta profonde oltre 50m!!!!

Ovvio che esiste la spinta competitiva, ma spesso alcune tecnologie hanno bisogno di tempo per maturare...perchè magari gli stessi fornitori devno sviluppare tecnolgie nuove....e un conto è se le devono sviluppare solo per te, un conto è se le devono sviluppare anche per altri. E non si tratta di semplicimente di fare una vite di 2 mm invece di 3....si tratta di creare nuovi strumenti o scoprire nuove proprietà fisiche

sardanus

lo so, intendevo è quasi sicuro il posticipo al 2022 piuttosto che il dichiarato 2020

Oliver Cervera

È possibile sì, se il TDP rimane decente, perchè no.

Oliver Cervera

Infatti ho un i7 4770k e motherboard Asus Z87-Pro, e non li cambierei mai, però l'unica cosa che mi manca è lo slot M2. Per fortuna posso aggiungerlo via scheda PCI, magari lo farò l'anno prossimo.

Kuro678

Per fare un acquisto ragionato:
avevo letto che con i 10nm ci sarebbe stato l'aumento dei core a 6 nei processori i7 mainstream è possibile?
Potrei aspettare ancora un'anno per comprare un pc e visto che non posso spendere tanto, ma comunque avere delle buone prestazioni durature pensavo di prendere un 6core.
Se fosse più il là prenderei un 6700/7700 ora per poi cambiarlo quando sapremo meglio che evoluzione ci sarà dopo i 7nm.

Underteo

anche ora.... da 4 anni a questa parte lato processore non ci sono stati incrementi enormi. un i7 preso ora va anvanti per 10

Maurizio Mugelli

se cerchi in giro probabilmente lo trovi ancora in qualche microcontroller

Enrico Giordani

Rallegrati che Intel rallenta il ritmo, dando cosi' tempo ad AMD di recuperare un po' di terreno.

Maurizio Mugelli

sia tmsc che glofo hanno annunciato il 2018 come target, ovviamente dipende da loro mantenere o meno le promesse, non da amd.
amd fa i propri progetti sulla base dei dati che riceve dalle foundry, non puo' fare altrimenti.
inutile dire che non sempre la cosa funziona, anni fa aveva gia' pronte le maschere per produrre a 20nm, il processo si rivelo' inutilizzabile e ci rimisero miliardi fra spese e valore azionario ed anni di ricerca.

fabrynet

ne avevo già sentito parlare delle macchine molecolari.
Staremo a vedere, sicuro la tecnologia non si ferma ;)

Mattz

Lo ha già dichiarato intel qualche mese fa... Niente più legge di moore.

Maurizio Mugelli

sotto al nanometro si vedra, per scendere sotto i 7nm ci sono vari candidati, ancora non e' stato deciso quale usare.
la soluzione piu' semplice sarebbe usare il buon vecchio arseniuro di gallio (e derivati vari), non esattamente una novita' (Seymor Cray produceva i propri chip per supercomputer in arseniuro di gallio negli anni 70) ma richiede processi produttivi estremamente complessi ed e' una sostanza molto volatile e tossica quindi in aggiunta richiede anche tutta una serie di sicurezze e certificazioni aggiuntive rispetto ai processi classici, di contro e' qualcosa di noto e quindi piu' facile anticiparne gli sviluppi.
poi si passa a soluzioni piu' esotiche come grafene, nanotubi e simili - per quanto la ricerca in questo campo stia dando risultati (ad esempio in questi giorni sono riusciti a realizzare dei transistors con nanotubi piu' efficienti che in silicio) sono campi ancora abbastanza ignoti e quindi e' molto difficile prevedere per quando ci sara' qualcosa di effettivamente pronto.
andando oltre questa soglia richiedera' di immaginare delle soluzioni totalmente diverse dalle architetture attuali, tipo macchine molecolari o chissa' cosa.

TecSS

Beh è ovvio, ogni volta che si passa a dei nuovi materiali bisogna cambiare tutto, processi di produzione, macchinari, ditte fornitrici ecc.
E' comunque visto ancora come materiale in via di sviluppo, e finchè si avrà la possibilità di sfruttare il silicio lo si farà ( a livello economico in questo momento non converrebbe a nessuno fare il salto sul grafene).
Considera però che per i prossimi 4/6 anni non ci sarà un bisogno impellente di abbandonare il silicio, quindi hanno tempo e modo di sviluppare..

Maurizio Mugelli

e' facile prevedere -cosa- un nuovo processo produttivo fara', non e' affatto facile sapere -come- produrlo, tanto per fare un esempio, tutti i maggiori produttori prevedevano che per il 2012 sarebbero state pronte le macchine litografiche in ultravioletti per produrre in 16nm, tuttora questi dispositivi hanno dei problemi che li rendono inutilizzabili per produzioni in grandi regimi e quindi si sono dovuti inventare delle soluzioni alternative usando le vecchie macchine litografiche da 130nm, per questo sono riusciti effettivamente a produrre a 16nm solo dal 2015, con tre anni di ritardo.

ci stiamo avvicinando ai limiti fisici dei materiali usati, ogni nuovo passo in avanti richiede che vadano bene tantissimi anelli della catena di sviluppo e non sempre questo segue le tabelle di marcia previste.

Mattia

Ok quindi è questione di mercato diciamo, le cose le avevano già scoperte, giusto :)

GianlucaA

Perchè nel 2018 avremo forse i 10nm. 7nm si avvicina molto al limite fisico del silicio e pensare di averli tra 1 anno e mezzo è pura utopia. Soprattutto per creare un chip PC complesso con + di 30 core e miliardi di transistor

geepat

Il prossimo PC me lo farò con 10nm e ssd optane, a quel punto credo che potrò anche lasciarlo in eredità ai miei figli e ai figli dei miei figli

Filippo Favaro

Se non sbaglio è da anni che si parla di processori a 7nm, non è nulla di nuovo semplicemente Intel avendo il monopolio sul mercato x86 tende a diluire nel tempo le novità in modo tale da ridurre anche i costi che avrebbe cambiare ogni anno o due processo produttivo.

Mattz

Se qualcuno avesse trovato il modo di produrre grandi quantità di grafene ad un costo accettabile per il mercato consumer lo avremmo già... Da quel che so è proprio quello il problema del grafene

Mattia

Sono ingnorante in materia, ma come è possibile che loro "scoprano" nuovi processi produttivi ogni anno? Sanno già che nel 2020 faranno tot ma lo faranno in quella data perché i materiali e il processo produttivo costeranno di meno?

TecSS

Il primo candidato è il grafene, lo stanno già sperimentando ( ed in alcuni casi sfruttando) da un bel pò, ma chiaramente non conviene finchè non si sarà sfruttato a fondo il silicio..

sardanus

Ma ormai è quasi sicuro visto che il ticktock non esiste più e la legge di moore è andata a farsi benedire

Michele Del Becaro

visto che amd non fa produrre chip a intel perchè affermi ciò?

Michele Del Becaro

costi esponenziali, arrivo ai limiti del silicio nonché un mercato in costante contrazione, tempi duri anche se si è monopolisti...

Mattz

che potrebbe essere risolto cambiando il materiale usato dal silicio a ...... non si sa, però è fattibile.

emmeking

Lo zilog z80 è longevo e affidabile. Si usa ancora nelle superiori per insegnare assembly! (O per lo meno lo si usava fino a quando c'ero io qualche anno fa)

Tizio Caio

non cambia la fisica, c'è un limite dato dalla fisica ;)

manu1234 #PraiseTheSun

esattamente

emmeking

Cara AMD,

quest'anno sono stato molto buono, perciò, questo Natale vorrei che mi portassi delle CPU che aprono il sederino ai passeri.

Dal 2012 ho un computer blu e verde, ma lo preferirei tutto rosso come la macchinina della ferrari che mi ha regalato il babbo per il compleanno.

In attesa del 25 dicembre, ti auguro un felice Natale.

P.S.
Fai la brava o lo dico alla befana che ti porta il carbone!

Migliori Notebook, Portatili e Ultrabook | i top 5 sotto i 600 euro | Aprile 2020

Huawei MateBook D da 14, 15" e X Pro 2019 arrivano su Amazon | Video

ASUS ROG Zephyrus G14, portatile con pannello LED personalizzabile | VIDEO

Migliori mouse PC e MAC da comprare a aprile 2020: i top 5 scelti da HDblog