Xiaomi pubblica l'app ufficiale del forum MIUI nel Play Store

09 Agosto 2016 17

Xiaomi non sembra voler lasciare veramente niente al caso, e per consolidare il proprio attaccamento con la community sempre più vasta, che da anni ormai segue il produttore cinese attraverso tutte le sue novità, ha pubblicato da qualche giorno nel Play Store, l'applicazione ufficiale dedicata al forum MIUI.

Immancabile per tutti i possessori di un dispositivo Xiaomi, e ricca di curiosità per chi vuole avvicinarsi a tutte le novità che il noto brand cinese presenta quasi con continuità. Accedere al forum MIUI dall'applicazione diventa un vero e proprio piacere, che vi farà presto dimenticare l'utilizzo del browser.

Incredibile la fluidità con la quale è possibile scorrere tra i thread e le pagine, accesso completo ai contenuti presenti nel forum ufficiale Xiaomi, e per finire, gestione completa del proprio account, dalle notifiche ai messaggi privati, passando per i favoriti, fino alla possibilità di cambiare credenziali di accesso.

Sicuramente molto completa, l'unico "limite" può essere rappresentato dalla lingua inglese, comunque presente nel forum internazionale.


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
josefor

Ma dove lo hai letta sta cosa che i produttori pagano, google spinge per installarle e questo ha fatto scattare antitrust, ma figuriamico offrono il sistema operativo gratuito e poi si fottono i guadagni mettendo dei paletti e dei pagamenti sullo store, vanificando possibilità di entrate dalla percentuale su apps e contenuti, sei un genio della finanza proprio...

josefor

Ma figurati qui google è accusata di pagare per invogliare ad usare le gaps, il perfetto contrario, da pagare ad essere pagata ce ne pazza, il perfetto contrario.

ilpuntodigf

Scusa ma da quello che viene definito da molti "IL blog sulla tecnologia in Italia" mi aspetto un minimo di puntualità. Questa notizia è vecchia di 4 giorni. E nel mondo della stampa è un'infinità di tempo.

FuckingIdUser

Peccato che non localizzi come si deve le app che contano, vedi Mifit handicappata dal sistema di mappe cinesi.
La cosa triste è che nessuno pretende che bussino alla porta di Google o Here per le mappe poichè potrebbero utilizzare quelle open source e non pagare un centesimo. Di certo a nessuno importerà se manca una via lungo il tragitto di corsa, l'importante è che l'app non crashi e mantenga le statistiche della sessione...
Altro che mi band...

Rapidashmarno

e quindi è in ritardo

Logan

Verissima la parte che hai scritto, resta che le GAPPS (il playstore in particolare) se inserito di default, va pagato. Se non lo inserisci, hai comunque un abbassamento di costo di pochi euro, che fan la differenza quando il prezzo è proprio basso.

Certo che se sei una casa cinese semisconosciuta, lo metti senza pagare le royalties, e stigrancassi, tanto quando ti vengono a prendere? XD

Logan

Eh non ti risulta ma è così. TUTTI pagano per avere dentro il playstore e le gapps di default. :)

AmAk

E quindi...? Ma perchè scrivete solo per trollare o per generare flame? Se non ti comoda.. cambia blog.

ilpuntodigf

In ritardo con ste' news!
Non vi smentite mai

josefor

Non mi risulta che Samsung paghi google per mettere le sue apps, anzi antirust indagava proprio google perchè a detta loro foraggiava i produttori con incentivi a mettere su il pacchetto delle gaps

matteventu

Per "versioni internazionali" sembrava intendessi quelle non ufficiali di siti come Xiaomi .eu ;)

AmAk

Lo so... hai commentato il post dove l'ho scritto.

matteventu

Mi risulta che nelle versioni globali ufficiali delle varie MIUI ci sia eccome il Play Store.

AmAk

Che Xiaomi ( come altri cinesi ) non inseriscano le Gapps per mantenere i prezzi bassi è tutto da dimostrare. E non mi accontento di qualche affermazione truffaldina del general manager di turno. La verità è che vivono in uno Stato dove non esiste reale libertà e democrazia ed i contenuti Google potrebbero minare il loro regime pseudo dittatoriale. Che poi le app di Xiaomi possano anche esser ben fatte... nessuno dice il contrario. Tanto sono tutte in cinese e non servono a niente in relazione ai nostri servizi.

Logan

Cioè? Se vuoi inserire le Gapps di default devi pagare. Può piacere o no sta cosa, ma per mantenere i prezzi bassi, Xiaomi fa anche questo.

A me non piace come cosa (come pare nemmeno a te), ma c'entra poco con le app di Xiaomi, tutte fluide e scritte benissimo (se i forum italiano avessero una app simile...)... ah, non sono fan di Xiaomi, anzi :)

Ezio Crank Saske

spoiler

AmAk

Considerato che non inseriscono neanche le Gapps di default nelle loro Rom, ma ogni volta bisogna smanettare ( con relativi FC ed incompatibilità ) o attendere le varie versioni internazionali.. mi sembra davvero una scelta paradossale.

Quale Motorola scegliere? Il punto sulla line up a metà 2020 | Video

Recensione Google Pixel 4a: finalmente è arrivato (o forse no)

Recensione OnePlus Nord: sotto i 400 Euro è lui il migliore

Recensione Asus Rog Phone 3: è il miglior Gaming Phone ma convince per altro