HDFury Linker 4K60 risolve l'incompatibilità con HDCP 2.2 ed esegue l'upscaling in 4K

14 Luglio 2016 2

La gamma di prodotti HDFury si arricchisce con il Linker 4K60, un dispositivo compatto che unisce le funzioni di scaler e la possibilità di riprodurre contenuti protetti da HDCP 2.2 anche su dispositivi non compatibili. Il Linker è in grado di supportare tutte le risoluzioni comprese tra il Full HD (dai 24 ai 60 fotogrammi al secondo) e il 4K (sempre tra i 24 e i 60 fotogrammi al secondo). Si può scegliere di eseguire un upscaling (quindi dal Full HD alle risoluzioni superiori) oppure il processo inverso (per utilizzare le sorgenti 4K e Ultra HD su prodotti che non le supportano).

Il Linker è dotato di due ingressi e un'uscita compatibili con HDMI 2.0a e HDCP 2.2. Come Integral, uno dei primi prodotti capaci di aggirare la nuova protezione dei contenuti, anche questo nuovo dispositivo può eliminare il blocco che impedisce di riprodurre video protetti su proiettori o TV sprovvisti di HDCP 2.2. Le specifiche riportano la possibilità di visualizzare video in HDR (nei formati HDR 10 e Dolby Vision) e con gli spazi colore DCI-P3 e BT.2020. Viene inoltre supportata la piena banda garantita dall'ultima versione di HDMI (18Gbps).


Una funzione molto utile, ripresa da HDFury Integral, è la possibilità di immettere i metadati necessari per gestire HDR. Si tratta di una caratteristica molto interessante per chi vuole regolare con precisione tutte le impostazioni di TV o proiettori in modalità HDR (la collaborazione con AV TOP e SpectraCal ha permesso di realizzare software per questo tipo di applicazioni), poiché permette di forzare la modalità HDR. Il Linker può gestire segnali con una profondità del colore fino a 16-bit (per componente cromatica) ed è dotato di una porta mini-USB.

La disponibilità è prevista a partire dal 20 Agosto al prezzo di 199 dollari.

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 689 euro oppure da Unieuro a 770 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DKDIB

A parità di sorgente (che ovviamente deve essere almeno 4K), bisogna valutare l'algoritmo che fa il downscaling: quello usato da chi edita il titolo, piuttosto che quello di un dispositivo consumer.

Se però la sorgente non è la stessa, è proprio questa a fare la differenza maggiore.

Ricky

Il prezzo è ottimo e mi intriga un sacco la funzione di downscaling, un film 4k downscalato al full hd dovrebbe vedersi molto meglio dello stesso film in full hd nativo.

Recensione Sonos Arc: oltre al Dolby Atmos c’è di più

Appunti fotografici: i segreti del ritratto con Amedeo Novelli

DVB-T2: chi, come e quando dovrà cambiare TV? | #HDonAir oggi ore 17

Recensione DJI Mavic Air 2: divertimento e riprese imbattibili