Spotify accusa Apple di sfruttare l'App Store per fare concorrenza sleale

01 Luglio 2016 653

Spotify torna a scontrarsi con Apple in merito ad una vicenda estremamente delicata: la possibilità, da parte di Cupertino, di sfruttare le regole dell'App Store per attuare strategie di concorrenza sleale.

Stando a quanto riportato da Re/code, Apple sarebbe intenzionata a non approvare i futuri aggiornamenti dell'app iOS di Spotify, questo a causa del fatto che la società permette ai suoi abbonati di pagare la quota di abbonamento mensile tramite servizi di pagamento esterni ad iTunes, un comportamento vietato da Apple per tutte le app iOS che intendono offrire acquisti in app. Ovviamente questo comporta delle perdite per Apple, dal momento che trattiene il 30% del ricavo generato da ogni transazione, anche se le recenti modifiche al regolamento hanno abbassato la quota di Apple al 15% nel caso in cui le transazioni continuino per più di un anno.

Per reagire alle royalties imposte da Apple, Spotify ha da tempo incrementato il costo del suo abbonamento, se acquistato in-app, a 12.99 Euro contro i 9.99 Euro richiesti tradizionalmente, invitando i suoi utenti ad abbonarsi tramite il sito web del servizio per evitare di dover pagare "di tasca propria" le royalties che la società dovrebbe corrispondere ad Apple. Questo comportamento ha provocato una reazione dura da parte di Apple, la quale ha anche intimato a Spotify di smetterla di promuovere le sue offerte, esterne ad iTunes, pena la rimozione dell'app dall'App Store.

Sembra quindi che, in occasione dell'ultimo aggiornamento che Spotify ha sottoposto a Cupertino, la società californiana abbia colto l'occasione per lanciare l'ultimatum al servizio streaming svedese, il quale ha a sua volta reagito esternando la frustrazione dovuta alle rigide regole che pongono Apple in una posizione dominante. Sebbene si possa pensare che sia lecito dire "store mio, regole mie", questo non è assolutamente applicabile in un mercato di libera concorrenza, dal momento che Apple non solo gestisce il canale di distribuzione, ma offre anche un servizio concorrente, ovvero Apple Music.

Il fatto che Apple generi introiti sia attraverso le sottoscrizioni al proprio servizio che, in parte, tramite quelle effettuate presso piattaforme concorrenti, crea una distorsione del mercato che favorisce nettamente la casa della mela, la quale si ritrova nella posizione di poter colpire la concorrenza sia attraverso una politica dei prezzi aggressiva (ricordiamo il costo del piano famiglia, a cui Spotify, successivamente, si è allineata) che tramite la riduzione dei ricavi dei concorrenti grazie alle royalties.

Insomma, la situazione non è di semplice soluzione, dal momento che ogni attore in gioco ha delle valide motivazioni a proprio sostegno.


653

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
a'ndre 'ci

apple, per quanto riguarda gli smartphone è in posizione dominante in molti paesi.

CAIO MARI

E a chi dovrebbe pagarle Apple Music? Quindi spotify usa AppStore gratis? Ma che discorsi fai? Senza l'aiuto di Apple spotify non esisterebbe nemmeno, così come whatsapp, Instagram e tantissimi altri sviluppatori/aziende

spino1970

Ma loro non pretendono di avere uno sconto rispetto agli altri. Vorrebbero solo avere le stesse condizioni dell'unico competitor che non paga le commissioni

CAIO MARI

Spotify noleggia una vetrina, non può pretendere di avere uno sconto rispetto alle altre 2 milioni di vetrine

spino1970

Anche un condominio è dei condomini, questo non significa che possa decidere di costruire una piscina o dei box a suo piacimento.

CAIO MARI

Apple Store è di Apple non del mercato o degli sviluppatori

spino1970

Hai capito benissimo.
Il fatto che Apple possa bannarti non vuol dire che abbia ragione. E se può fare la voce grossa "a presindere", non puoi negare la posizione dominante. :)

CAIO MARI

Da ragione al buon senso, se non rispetti le regole di AppStore vieni bannato

spino1970

Il fatto stesso che tu dica "...spotify dovrà cedere altrimenti se ne andrà da AppStore..." mi da ragione :)

spino1970

mi leggi ma non capisci.

Il che non significa che io non mi spieghi o che tu abbia ragione.

7strings

continui a parlare di cose che non conosci... beats non è riproduzione casuale, ma una radio, con conduttori e programmi...
Dai lascia perdere che fai più bella figura

CAIO MARI

Non mi pare che si venda sottocosto in questo caso, comunque spotify dovrà cedere altrimenti se ne andrà da AppStore, oppure farà causa, ma essendo ancora piena di debiti non credo

spino1970

Quella leale sì. Infatti Google Play Music non offre un servizio free per ascoltare la musica con delle limitazioni (riproduzione casuale e pubblicità) cosa che Apple invece fa con Beats1

spino1970

Ah, ora è il giudice che deve stabilirlo?
pensavo fossi tu... :D

spino1970

"Lo senti?"
"Cosa?"
"Questo stridìo... come se qualcuno cercasse di arrampicarsi sugli specchi..."

:D

spino1970

Mr. "Non insulto Nessuno" :D

Di quale figura parli? Quella in cui da giorni stai sostenendo DA SOLO una posizione che ti è stata contestata da TUTTI con fatti ma non fuffa?

Caspita! :D

spino1970

Paypal.
Non è difficile da capire.

spino1970

La concorrenza sleale indica delle pratiche produttive dalla legalità "fumosa" (quando addirittura illegale) per ottenere un vantaggio sui concorrenti e danneggiarli...

Il regime di monopolio può essere un tipo di concorrenza sleale. Ma non è l'unica. Anche la vendita sottocosto lo è.

romeop

Apple al solito pensa di fare le regole a suo piacimento e verrà uccisa dal mercato, basta smettere di comprare i suoi telefoni e ciao ciao

babbabia

https://uploads.disquscdn.com/...

spino1970

Quella sana sì. Quella sleale no.

spino1970

Sono giorni che ti commento a tema... E manco solo io.
E non è che se insulti gli altri e non me diventi il principe delle buone maniere

7strings

A te ti ho insultato? Non mi risulta, o tu sei il paladino degli altri, insulto quando uno se lo merità , em err merità solo insulti, ma anche tu a quanto pare ;)
Non hai saputo dire nulla di concreto, quindi ripeto , se vuoi commentare e ribattere volentieri, ma in tema per piacere ;)

7strings

Anche Google e non mi pare che ci sia una legge che vieti di fare un app di streaming musicale per chi ha uno store. Sai la concorrenza fa bene

7strings

Se c'è concorrenza sleale sarà un giudice a stabilirlo, per il momento non mi risulta proprio , anche Google fa pagare l'abbonamento in app e vende il suo play Music oltre a musica su YouTube, quindi non mi pare proprio che sia concorrenza sleale.
Se vuole anche spotify può fare il suo so con il suo store, nessuno glielo vieta.

7strings

Quando? Il mese dopo che è uscito?
Certo che avere 15 milioni di persone paganti a prezzo pieno in un anno è proprio un flop ;) Spotify per dire 30 milioni è costretta a fare abbonamenti da 99 centesimi ogni X tempo.

7strings

Quale è il tuo problema? Dopo la figura di m3rda che ti ho fatto fare ti sei messo a cercare i mei post? Caspita sei più stup1do di quanto immaginassi

7strings

Se ho scritto una mischiata evidenziala no?

7strings

Stellina, capisco che hai difficoltà di logica, booking è un app di prenotazioni ! Ti prenota la struttura e poi tu paghi la struttura come meglio credi, booking non ti reindirizza in nessun sito e in nessun posto per fare pagamenti.
Cavoli non è difficile da capire

CAIO MARI

La concorrenza sleale avviene in un contesto di monopolio, Apple non si avvantaggia per nulla rispetto a spotify dato che gli offre addirittura lo store per pubblicizzarla da 8 anni e gli ha dato una montagna di soldi, altrimenti spotify Sarebbe sconosciuta o quasi

spino1970

Che poi quali entrate genera Chrome per iOS?

spino1970

vuoi che sillabi la frase "CONCORRENZA SLEALE"?

CAIO MARI

Il problema non sussiste perchè spotify ha accettato di entrare in AppStore e iOS ed Apple Music sono in minoranza, spotify se non vuole pagare esce dallo store, se spotify non rispetta le regole di AppStore Apple la banna dallo store, in quanto tutti e 13 milioni di sviluppatori le rispettano,
Se Apple fa Safari, iTunes Store, Apple Music, Apple Note, Apple news, Apple Maps, deve andare in causa con Google chrome, play video, spotify, evernote, Flipboard, TomTom perchè queste non vogliono dare il 30% ad Apple? Che escano, se non paghi l'affitto te ne vai a gambe levate

spino1970

Stai insultando tutti nel thread e parli di civiltà?

Mi sa che quando "spiegavano civiltà" eri assente...

spino1970

Siete voi che cercate di farla apparire come tale :)

spino1970

30 milioni di abbonati spotify PAGANTI.
Facciamola semplice e diciamo che la metà sono su iOS e il resto sulle altre piattaforme....
30.000.000 x 9.99 sono 300 MILIONI di incasso. Il 30% di quell'incasso, (100 MILIONI) vanno ad Apple che ha ANCHE un suo servizio concorrente.
Se non riuscite a vedere dov'è il problema, ve meritate l'aifon :D

spino1970

E quindi sono lecite entrambe le posizioni, la differenza è che una delle due posizioni è dominante. :)

spino1970

E' Apple che ha creato un servizio concorrente, eh?

spino1970

"concorrenza sleale".
E' questo il concetto base che sembra non entrare nella tua testolina...

spino1970

E quindi?
Vogliamo negare che Apple sia quella che guadagna di più con lo sforzo minore?

CAIO MARI

Appunto, nemmeno Apple è una onlus

CAIO MARI

No perché ci sono 2milioni di applicazioni e 13 milioni di sviluppatori paganti oltre a spotify

spino1970

Cosa non vi è chiaro nella frase "Il fatto che Apple generi introiti sia attraverso le sottoscrizioni al proprio servizio che, in parte, tramite quelle effettuate presso piattaforme concorrenti, crea una distorsione del mercato che favorisce nettamente la casa della mela..."

E' così ovunque.
Se un grossista di abbigliamento, ad esempio, si mettesse a vendere al dettaglio, si chiamerebbe concorrenza sleale.

Non c'è nessuna legge che lo impedisce, sia chiaro. Ma sempre concorrenza sleale è.

spino1970

Spotify fa la SUA battaglia.
Il problema è proprio che se dovessero finire in tribunale e vincere, Apple dovrebbe fare lo stesso anche con gli altri servizi.
Non stiamo parlando di Onlus, eh?
Nulla vieta a Deezer e compagnia bella di avanzare le stesse richieste...

spino1970

"There can be no doubt that Spotify has benefited enormously from its association with Apple’s App Store"...

Il contrario no, vero?

spino1970

Ma se lo ha scritto anche Forbes che Apple music è stato un floppone! :D

spino1970

"lincare", poi... ziocane, manco le basi....

spino1970

O forse hai scritto una m1nch1ata?

spino1970

Eccolo, Mr. Civiltà...

spino1970

Che vuol dire, APPUNTO, che stai pagando FUORI dallo store.

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video

100 Giorni con iPhone 14 Pro: cos'è cambiato? | Recensione

Recensione iPhone 14 Plus, autonomia da vendere

Recensione iPad Pro (2022) con Apple Silicon M2, gioca proprio un'altra partita