I TOP migliori Smartwatch da comprare | Aprile 2022

03 Aprile 2022 1146

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Il mercato degli indossabili è tra quelli che più sono cresciuti nel corso dell’ultimo paio d’anni, sia per quanto riguarda gli auricolari che per smartband e smartwatch. Le ultime due categorie in particolare si sono ampliate molto arrivando spesso a sfiorarsi, proponendo dei modelli ibridi che soddisfano alcune esigenze specifiche, ma non tutte. A tale scopo è utile dividere la grande famiglia degli smartwatch in tre insiemi distinti:

  • Smartwatch puri: per esempio i prodotti con WearOS, (Tizen) o Apple Watch, si tratta di orologi capaci di gestire numerose funzioni intelligenti e spesso sono dotati di connettività eSIM che permette di lasciare a casa lo smartwatch. Alcuni di essi hanno qualche funzione sportiva, ma sono pensati prevalentemente per l'uso di tutti i giorni. Per via di queste funzionalità avanzate, generalmente sono quelli dall’autonomia più risicata.

  • Ibridi: si tratta di orologi pensati per l'uso di tutti i giorni, monitorano le attività quotidiane (passi, calorie, battito ecc), godono di qualche funzione smart come le chiamate, la possibilità di leggere le notifiche con un ampio display a colori, a volte la possibilità di installare app, gestire musica, meteo e sincronizzare tutto con app per la salute installate sullo smartphone. Gli ibridi hanno spiccate doti per il tracking dello sport, ma sono meno completi degli sportwatch puri, ad esempio non hanno la possibilità di collegare accessori o di preparare dettagliatamente gli allenamenti.

  • Sportwatch puri: sono prodotti degli storici brand che si occupano di sport, come Garmin, TomTom, Polar, Suunto. Sono settoriali e dedicati esclusivamente a chi fa sport, la massima funzione smart di cui dispongono sono le notifiche e la gestione della musica via Bluetooth, per il resto si concentrano sul monitoraggio dell'attività sportiva e lo sanno fare molto bene.

Dopo aver chiarito queste macro distinzioni, in questa guida tratteremo soltanto i primi due gruppi. Iniziamo dagli smartwatch puri.

APPLE WATCH SERIES 7

Per chi ha un iPhone il dubbio non si pone nemmeno: la scelta ricade inevitabilmente su un Apple Watch. L’ultimo è l’Apple Watch 7, un modello che, durante i nostri test, ha sorpreso per qualità costruttiva, design, software e monitoraggio dell'attività fisica. Queste considerazioni valgono anche per il Watch 6, ma il 7 si differenzia per un display leggermente più generoso (la cassa passa da 40 a 41 mm nella variante piccola e da 44 a 45mm nella grande), un sistema di ricarica più rapida e una maggiore resistenza agli urti e agli agenti atmosferici. Se volete, quindi, un top di gamma assoluto, la scelta deve ricadere senza dubbi sull'ultima versione dell'Apple Watch.

L’alternativa più low cost di tutte, rimanendo in casa della mela morsicata, è l’Apple Watch SE che permette comunque di telefonare e ha le stesse dimensioni e qualità costruttiva del 6, ma perde l’always on display, il sensore per la misurazione dell’ossigeno e quello per l’ECG. Per il resto è perfettamente in grado di misurare il battito e fornire tutte le funzionalità classiche della gamma. Tutti questi tre modelli hanno anche l’accesso a Fitness+ e sono disponibili col supporto facoltativo alla connettività eSIM. L’ autonomia media si attesta su 1 giorno e mezzo.

PRO E CONTRO IN SINTESI

MIGLIOR COMPAGNO PER UTENTI APPLEDISPLAY DAVVERO BEN LEGGIBILERICARICA MIGLIORATAELEVATA QUALITA' COSTRUTTIVA
ALIMENTATORE ASSENTE IN CONFEZIONENESSUN INCREMENTO DI AUTONOMIA E PRESTAZIONI

SAMSUNG GALAXY WATCH 4

L’alternativa elettiva per il mondo Android è Samsung Galaxy Watch 4. L'abbiamo provato nella versione classic trovandolo uno dei prodotti più completi del panorama smartwatch. Le linee non si allontanano molto dal predecessore, ma la vera novità dell'ultimo modello è rappresentata dal sistema operativo: si è passati da Tizen a WearOS, il sistema operativo di Google, in questo caso personalizzato e ottimizzato da Samsung, il primo di questo tipo che ci ha convinto su tutta la linea.

Watch 4 è disponibile in versione con o senza connettività LTE. Completa il quadro la scocca in alluminio con vetro Gorilla Glass DX+ e la certificazione IP68 per le immersioni fino a 5 ATM. Nella versione che abbiamo provato noi il display ha una diagonale da 1,2’’ e si vede bene anche sotto la luce del sole; c’è l’always on, mentre dentro la scocca si trovano Exynos W920, 1.5 GB di RAM e 16 GB di spazio di archiviazione utile per scaricare playlist Spotify in locale. I sensori vari permettono di ottenere ottime prestazioni in tutte le situazioni e le app si aprono sempre rapidamente, senza alcuna incertezza. Precisiamo che è presente l’ECG, ma funziona solo in accoppiata con smartphone Samsung, e l’autonomia si attesta su un giorno intero di utilizzo, motivo per cui lo smartwatch va ricaricato la mattina prima di uscire di casa.

PRO E CONTRO IN SINTESI

HA TUTTO QUELLO CHE SERVE E ANCHE D PIU'APP GOOGLE COME VALORE AGGIUNTOBEL DISPLAY LUMINOSOHARDWARE DI LIVELLO SUPERIOREIL MIGLIORE DEL PANORAMA ANDROID
AUTONOMIA DI SOLO 1 GIORNOGESTIONE DEL GPS NON OTTIMALE

HUAWEI WATCH 3

Huawei Watch 3 è la terza proposta che facciamo tra gli smartphone cosiddetti puri: terza generazione della gamma di orologi smart anche questo permette di telefonare con una eSIM. I punti forti sono il design elegante con quadrante circolare, una buona qualità dei materiali e l’autonomia si attesta sui due giorni d’utilizzo standard. Disponibile in due versioni con quadrante da 42 o 46 mm, ha un display amoled da 1,43’’ ben leggibile in tutte le condizioni di luce, la funzione always on e la regolazione automatica della luminosità. Resiste all’acqua fino a 5 ATM, pesa 54 grammi e, lato estetico, si avvicina molto a un orologio classico. Il cinturino è disponibile in tre varianti, cioè pelle, metallo o silicone.

Ci sono anche 4GB di memoria interna per scaricare brani e applicazioni dall’App Gallery, un microfono e un altoparlante abbastanza potente, le notifiche arrivano, ma le emoticon non vengono lette e c’è qualche limitazione nella risposta. Presenti il GPS e l’NFC, ma ancora non è possibile fare pagamenti. A bordo troviamo il sistema operativo proprietario Harmony OS che permette di tracciare 100 tipologie di allenamenti legati all’app Health, un sensore sp02 per la saturazione dell’ossigeno nel sangue e un sistema accurato per il rilevamento della frequenza cardiaca.

PRO E CONTRO IN SINTESI

DESIGN ELEGANTE E CURATOLEGGERO E COMODO DA INDOSSAREFINO A 10 GIORNI DI AUTONOMIAHARDWARE COMPLETO
NO PAGAMENTI CONTACTLESSSISTEMA NOTIFICHE MIGLIORABILE

Visto che la gamma dei Galaxy Watch 4 è scesa così radicalmente di prezzo, avvicinandosi a grandi passi ai prezzi degli ibridi più blasonati che però hanno meno funzioni smart, abbiamo pensato che fosse insensato proporre ibridi dai prezzi esagerati - che pure ci sono, soprattutto al momento del lancio - visto che poi le funzioni per cui vale la pena pagare sono più o meno sempre le stesse. Ecco allora una selezione di ibridi che hanno tutto ciò che serve ad un prezzo inferiore a 100 euro:

HONOR MAGIC WATCH 2

Gli ibridi rinunciano a qualche funzione smart, ma l’Honor Magic Watch 2 permette comunque di rispondere alle chiamate, anche se tramite Bluetooth e non eSIM, quindi merita assolutamente di stante in questa guida. Disponibile nei due formati da 42 mm o 46 mm, si trova spesso online a meno di 100 euro ed è un prodotto ben rifinito, realizzato con cura. Carino da vedere al polso, ha un design sobrio e un sistema di tracciamento dell’attività fisica affidabile. Il comparto fitness è ottimo, c’è il GPS, l’autonomia è di circa 5 giorni, permette una buona personalizzazione, ma non si possono installare app di terze parti e l’interazione con le notifiche è ridotta, potendole solo visualizzare senza rispondere.

PRO E CONTRO IN SINTESI

BEL DISPLAYDESIGN SOBRIO E BEN COSTRUITO5 GIORNI DI AUTONOMIAACCURATO MONITORAGGIO DELL'ATTIVITA' FISICA
GESTIONE LIMITATA DELLE NOTIFICHENO APP STORE E POCHE DISPONIBILI

AMAZFIT GTS 2E / GTR 2E

Un brand che ha parecchio da dire è Amazfit con un ventaglio molto ampio di proposte indossabili dal design pulito e accattivante. Tra questi, uno dei più interessanti è il GTS 2e. Squadrato e sottile (esteticamente ricorda un Apple Watch), ha linee e quadranti molto eleganti per un orologio digitale, complice anche il bel display Amoled da 1,65’’ inserito sotto un vetro temperato curvo. Completano il quadro un pulsante fisico laterale simile ad una ghiera e un cinturino in silicone adatto per lo sport, ma anche per ambienti più formali. L’attività fisica viene tracciata con 90 modalità sportive e non manca nemmeno il GPS. Bene anche l’autonomia che si attesta a una settimana di utilizzo 24 ore su 24 con tutte le funzionalità attive. Anche in questo caso non si può rispondere né alle chiamate, né ai messaggi, tantomeno effettuare pagamenti contactless.

In alternativa, se preferite un design circolare, ecco il GTR 2e: display da 1,39’’ OLED con luminosità automatica, cassa circolare in alluminio, leggero, abbastanza compatto, resiste alle immersioni fino a 50 metri di profondità e ha un cinturino intercambiabile nel formato 22mm. La sostanza è simile a quella del GTS 2e, c’è anche un microfono con assistente vocale che però è limitato alle funzioni dell’orologio. A anche in questo caso GPS e Bluetooth, ma no NFC. L’autonomia si attesta su una decina di giorni con display always on attivo o, in caso contrario, tra i 15 e i 20 giorni.

PRO E CONTRO IN SINTESI

DESIGN PER TUTTI I GUSTIMONITORAGGIO COMPLETO DELL'ATTIVITA' FISICAAUTONOMIA ELEVATA
NO PAGAMENTI CONTACTLESSNO APP STOREGESTIONE NOTIFICHE LIMITATA

XIAOMI MI WATCH

Visto il prezzo vantaggioso, è da segnalare anche lo Xiaomi Mi Watch che, grazie alle offerte spesso presenti online, diventa uno dei più consigliati all'acquisto. E' caratterizzato da un display AMOLED circolare da 1,39’’ molto grande e leggibile, dotato di regolazione automatica della luminosità, modalità always on e possibilità di personalizzazione con 100 quadranti differenti. La cassa da 46 mm lo rende adatto a polsi non particolarmente esili, il design è lineare e pulito.

Resistente all’acqua fino a un massimo di 5 ATM, è dotato di un contapassi preciso, di GPS e altri sensori vari che segnalano altitudine, pressione atmosferica, ossigenazione del sangue, battito cardiaco, sonno, livello di energia e di stress. Il sistema operativo è reattivo, ma non è possibile interagire con le notifiche, né rispondere alle telefonate. L’app Xiaomi Wear è ben fatta e l'autonomia è di 12-14 giorni con utilizzo misto. Da segnalare che l’ultimo aggiornamento ha portato l'assistente vocale Alexa in italiano e anche la funzione otturatore.

PRO E CONTRO IN SINTESI

DISPLAY AMPIO, LUMINOSO E PERSONALIZZABILEDESIGN PULITOELEVATA AUTONOMIA E OTTIMA FLUIDITA'NUMEROSI RILEVAMENTI DISPONIBILIGPS E ASSISTENTE ALEXA INTEGRATI
DIMENSIONI NON ADATTE A POLSI PICCOLINO INTERAZIONE CON LE NOTIFICHENO POSSIBILITA' DI RISPONDERE ALLE CHIAMATENO APP STORE

HUAWEI WATCH FIT

Chiudiamo questa guida con il Huwei Watch Fit, ottimo per i polsi femminili, visto le sue dimensioni più contenute rispetto al resto delle altre proposte appena menzionate. Bel design, molto leggero (si parla di 21 grammi), la forma rettangolare e allungata lo rende più similare ad una smartband, ma non lo è. Piacevole e funzionale anche il display AMOLED da 1,64’’ con luminosità automatica, si accompagna a un touchscreen reattivo e non manca nemmeno il GPS.

Molto intuitiva l'app Huawei Health ed è degna di nota anche l’autonomia che si attesta su una decina di giorni circa. Il sistema operativo è il solito che si trova sugli indossabili Huawei e permette varie personalizzazioni come il cambio della watch faces. Una delle funzionalità presenti al suo interno è quella dedicata all'attività fisica: una app con esercizi fisici guidati e l’immagine animata di un personal trainer che mostra la loro corretta esecuzione. Anche in questo caso, non è possibile interagire con le notifiche, né le chiamate; la funzione otturatore è disponibile solo in accoppiata con smartphone Huawei.

PRO E CONTRO IN SINTESI

DESIGN CURATO E DIMENSIONI COMPATTEGPS E APP FITNESS INTUITIVEGRANDE E LUMINOSO DISPLAYOTTIMA AUTONOMIA MEDIA
NESSUNA INTERAZIONE CON LE NOTIFICHENO APP DI TESTE PARTIALCUNE FUNZIONALITA' LIMITATE A ECOSISTEMA HUAWEI

Oltre ai prodotti presenti in questa guida, ne esistono altri, magari altrettanto validi e performanti, che per diversi motivi abbiamo deciso di non inserire. Potete commentare questo articolo consigliando il vostro prodotto preferito anche se non è presente in questa lista.

VIDEO


1146

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antonio Paribello

Unico onenplus Watch, ha tutto risponde chiamate notifiche (messaggi preimpostati), dura un casino,puoi mettere musica, e costa sui 110€

Gabriele
piail

il migliore mai visto fidati...il grigio alluminio mi fa schifo adesso pure il nero non so come mai lo abbia mai comprato...ritiralo pollo

Metal-Soul

Capisco, vedevo adesso il link per il huawey GT runner, che sembra molto buono per la sensoristica. Ma a livello smart, chiamate e interazioni con notifiche sai per caso come sta messo?

Marco

C'è un qualche ibrido sotto i 100E che vibri e faccia vedere le indicazioni di google maps mentre cammino?

draconian
draconian
Nuanda

mah se vuoi proprio cambiare varrebbe la pena solo per il Watch4 a mio avviso, quando lo trovi in offerta su quei prezzi però...poi se non ti interessano notifiche ci sarebbe come hai detto te mi watch s1 active o GTR3 Pro, però fidati che il software in entrambi i casi è decisamente pessimo.

Nuanda

basta che ti fai un giro nei vari forum, praticamente col tempo ha perso la metà delle funzioni....

draconian

Nessuno

Ngamer

ovvio ognuno compra in base alle proprie esigenze ( quando non è fatto fesso dal marketing :P ) per me condizione minima indispensabile che abbia almeno un autonomia reale di 1 settimana e di avere 1000 app non mi importa mi bastano misurazione battito , monitoraggio attività fisica , notifiche messaggi , controllo riproduzione audio , per tutto il resto c'è il telefono . ecco l ideale sarebbe avere uno smartwatch con tutte le funzioni di un telefono , cosi la padella la lascio a casa che mi da pure fastidio e lo so cosa stai pensando che wear os o quello di apple consentono di fare questa cosa ma fino a quando avranno autonomie imbarazzanti ( le ricariche veloci sono un pagliativo se non puoi ricaricare che fa?) non ci penso proprio e poi no non ricarico il telefono tutti i giorni e almeno quello ha uno schermo decente

IDGAF

messo così male? Non si avvia con la voce (come da anni) o ha altri bug?

Gian Dei Brughi

Quelle citate sono uguali e costano 90-100 euro, nessuna interazione con le notifiche

Metal-Soul
Sick Ikon XxVi

Secondo me a Zelig ti prendono, ho sentito settimana scorsa si era liberato un posto

mbico72

ECG certificato per uso medico?

Migliorate Apple music

Le funzioni dipendono dal sistema operativo. Puoi anche prendere il migliore sport Watch, ma avrà sempre funzioni da sportwatch anche se cost un fracasso di denaro, proprio perchè monta un sistema operativo da sportwatch.

Se hai un'autonomia maggiore di 1/2 giorni significa che non stai andando a comprare un dispositivo veramente smart, ma uno che fa finta di esserlo.

Come hai scritto sopra TU puoi anche accontentarti (come ognuno fa quando compra qualcosa).

Nuanda

tieniti il versa 3 fidati...

Ngamer

vengono venduti come smartwatch quindi...

Ngamer

sono le funzioni a rendere smart un oggetto non il sistema operativo e gia che hanno una autonomia di 1gg non sono tanto smart :P

Ngamer

non uso smartband :P

Metal-Soul

Avendo fitbit versa 3, rimandendo vicono la soglia dei 150€, ero curioso di provare il mi watch s1 active...ma leggo un pò ovunque pareri non certo entusiasmanti. Qualcuno lo possiede già?

chris

Su questo ti do ragione, ovviamente è l’unica eccezione per quanto riguarda garmin, poi i restanti 2000 modelli che sfornano sono tutti sportwatch.

Nuanda

non del tutto, i Venu nascono più come smartwatch ed hanno una parte smart non certo banale...

Nuanda

perchè la maggior parte li vedono come sportwatch, io concordo con te, la serie Venu in realtà forse almeno lato Android sono tra gli smartwatch migliori in commercio, pochi fronzoli e tanta sostanza, pur mantenendo però un anima più sportiva.

camo

venu e vivo fino a un certo punto, non è che rispetto al miwatch hanno qualcosa in meno come smartwatch. Se mi parli dei forerunner ok, posso ammnttere che i compromessi presi ne facciano uno sportwatch al 100%.

Nuanda

per come sta messo l'assistente Google adesso su wearOs ringrazia Samsung che c'ha messo una toppa con Bixby altro che...

Nuanda

ok, hai scoperto pure l'acqua calda nel mentre?

chris

Perché i garmin fanno parte della categoria sportwatch.

Fede

Oh peccato non ci sia più il watch 2 a 99 :S

Gabriele

Io lo devo andare a ritirare, manda qualche foto per vedere come sembra il colore.

Vincenzo

francamente non capivo e continuo a non capire che problemi hanno le persone che non vogliono caricare uno smarwatch (che non è una band)... se uno non carica lo smartphone ogni notte lo caricherà la mattina? e allora? eh no ma mi rompo a caricare ANCHE l'orologio, poi mi dimentico AHAHAH ma che problemi hanno queste persone? sentire MI ROMPO mi fa davvero ridere, ma anche mi dimentico. Unico problema, per alcuni, come ad esempio i samsung che ho, adesso un watch 3 e active 2 è che sono lenti rispetto al huawei watch e fissil gen 5 altrimenti davvero uno in 20/30 minuti li carica, si sveglia e via...(o prima di dormire, insomma come vuole, i samsung no, almeno 1 ora e piu)

Sick Ikon XxVi

Ho da poco cambiato Apple Watch passando dall'ormai vecchio Serie 2 a un SE... Non c'è storia: 64 bit, Apple S5, display più grande e luminoso, cassa più potente e ricarica potenziata, oltre a bussole e sensori aggiunti... Meglio di lui solo il Serie 7 ma troppo costoso

Sick Ikon XxVi

Allora smartband che durano una settimana ma non fanno sostanzialmente nulla a parte leggerti l'ora e con display pressochè inesistente e funzionalità prossime allo zero

Migliorate Apple music

Quelli al di fuori di wear os o Apple Watch al 99% non sono smartwatch, ma sportwatch fatti o smartband fatti a farmi di orologio

Aristarco

Si ho lo z flip 3, appena provato e funziona

draconian

Si (io non ce l'ho però)

Nuanda

Farselo bastare è una cosa, considerarli smartwatch è un altra…

Ngamer

dipende dalle esigenze a me basta leggerle , non rispondo a tutte le notifiche che mi arrivano ma solo a quelle strettamente necessarie

Ngamer

misurazione battito h24 , monitoraggio sonno e attività fisica ( con gps integrato) notifiche messaggi , controllo musica , meteo etc . per me basta , ecco magari mi manca un po rispondere al tel dallo smartwatch e cmq oramai molti lo fanno il mio oramai è vecchio . se vedo usare altre app uso il telefono non lo schermo minuscolo di un orologio . dover ricaricare ogni 2 o 3 gg o ancora peggio ogni giorno è una scocciatura . il mio lo metto al polso carico al 100% non ci penso piu per almeno 3 settimane se non uso il gps

Ngamer

nessuno di quelli di apple o con wear os

eric

l'autonomia è un criterio di valutazione molto relativo sugli Apple watch.....chi lo utilizza (come me) ne è più che soddisfatto....lo ricarico ogni 2 gg (il TicWatch 3 Pro, per esempio, arriva a 3gg mica una settimana!) ed ha la stessa durata che ho col iPhone 13....quindi ogni 2 gg li ricarico entrambi senza farmi se_ghe mentali.....il suo valore è dovuto a ben altro....

IDGAF

Ma le "limitazioni" iniziali del watch 4 ci sono ancora?
Mi riferisco a:
1) ecg funzionante solo con smartphone samsung
2) bixby al posto di assitente vocale google

Two Fingers

Tu non capisci una cosa tanto banale come l'AOD su smartwatch (nessuno potrebbe mettere in discussione l'utilità di avere un orologio che mostri l'ora anche senza doverlo shakerare con movimenti particolari), e chiedi una cosa bizzarra come l'AOD in carica, dato che tendenzialmente nessuno vuole rotture di luminosità mentre dorme nella propria stanza.

camo

Non capisco perchè in questi articoli non compaiano mai i Garmin. Per le mie esigenze ad oggi sono i migliori sul mercato.

Sherthes

Io, invece, trovo inutilissima l'impostazione di accensione dello schermo al movimento del polso, una cosa che ti mangia la batteria soprattutto in circostanze inutili. Infatti, lo disattivo subito, come rimane disattivato anche l'AOD in qualsiasi device. Ho, invece, risolto il problema con lo schermo "traslucido" dell'Amazfit Bip S, sempre visibile se colpito da luce, tipo il display degli e-book.

Teo

Io ho oppo watch, ma onestamente da quando wear os funziona a metà , ha poco senso. non si può dettare un messaggio, non si può dirgli fai una chiamata...sono anni ormai che wear os ha questi bug......

alex-b

Guarda che con apple watch che forse è il peggiore come autonomia tra i più noti basta una ricarica tra le 22 e le 23 (esempio) e ci fai tutto il giorno con aod e monitoraggio del sonno. I pebble han fatto il loro tempo, esistono alternative con i quali hai tanta autonomia, basta decidere cosa si cerca in un indossabile.

alex-b

Semplice, molto semplice… se sei abituato ad usare un orologio vero e passi ad uno smartwatch, quando vuoi vedere l'ora non hai voglia di girare il polso…. persino su apple watch che è precisissimo nello svegliarsi ci perderesti quel fastidioso istante in più rispetto al dargli una veloce occhiata qualsiasi cosa tu stia facendo con quella mano in quel momento. Tra l'altro se con aod ci fai comunque la giornata hai solo da guadagnarci ad usarlo.

Fabrizio

Ho un Huawei solo HMS e Huawei consiglia di utilizzare Curve (con la quale ha aperto una vera e propria partnership) per usare il proprio smartphone con nfc per pagare ai pos, in assenza di GPay e di Huawei Pay che è stato annunciato e dovrebbe arrivare quest'anno. Svariati utenti confermano che funziona e che pagano con smartphone con Curve. È possibile che questa si possa collegare anche al watch o che esista la app versione watch e che quindi consenta i pagamenti. Prova a verificare su App Gallery o nel canale telegram della community.

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

La politica dei prezzi barrati non ci fa bene | Video

Stai acquistando uno smartphone economico? Ecco gli errori da non fare

Cambiate il modo in cui utilizzate smartphone con Niagara Launcher | Video