Alphabet sta sperimentando una rete Wifi performante quanto le linee internet cablate

10 Giugno 2016 15

In occasione della conferenza annuale degli azionisti, il presidente di Google Alphabet, Eric Schmidt, ha annunciato il loro forte impegno nello sviluppo di una nuova tecnologia Wireless che garantisca una velocità pari a quella offerta dalle linee internet cablate.


Secondo Schmidt infatti le tradizionali linee cablate risultano essere più veloci di quelle Wireless, ma anche molto più dispendiose e lente nell'installazione. Il loro obiettivo sarà quello di migliorare la tecnologia utilizzata per le trasmissioni wifi, portando ad un aumento della velocità fino al raggiungimento di 1000 megabit al secondo che corrisponderebbero per noi a circa 140 volte la velocità media italiana.


Sembra che Google stia già testando questa nuova tecnologia wireless a Kansas City e che entro il prossimo anno sarà in grado mostrarla in una demo ufficiale.

Ovviamente i test sono ancora in una fase iniziale e per poterla sfruttare sarà sicuramente necessario dotarsi di particolari modem che siano in grado di captare questo tipo di segnale wifi. Ma noi possiamo stare tranquilli, in quanto dubitiamo fortemente che questa nuova tecnologia possa arrivare da noi nei prossimi anni.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 449 euro oppure da Amazon a 545 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mariello

Sicuramente più di qualcuno che è esposto alle radiazioni 24h su 24

ux

Allora isolati da ogni tipo di onda radio, voglio vedere quanto duri :)

Mariello

Commento utile come un calcio nei coglioni. Le onde radio fanno MALISSIMO, solo perché le usi tutto il giorno non significa nulla. Vai a vedere i vari test condotti con le onde del WiFi e poi ti renderai conto di quanto fanno male.

Elias Koch

Le onde fino le stesse che hai in ufficio o a casa, sempre accese, quindi tranquillo, di qualcosa si deve morire, ma questo sembra meno pericoloso di altri

glukosio

qua non si sta parlando del tratto modem-pc, si sta parlando del tratto antenna-modem. quindi non ci sarà più lo sbatti di far passare i cavi in tutto il condominio fino alla centralina metroweb in cantina. Ma tanto ora che avverrà in italia probabilmente saremo già vecchi

glukosio

se siamo ancora vivi e vegeti, e la vita media è più lunga che 30 anni fa, allora è più che ovvio che non friggono nulla ;)

Lu

Ah ecco..grazie per il chiarimento!

MatX

si ma il tuo netgear ha 25m di raggio, questa tecnologia avrà un raggio dell'ordine di grandezza di chilometri, è una sorta di linkem o eolo potenziati

Lu

Il mio router netgear arriva già fino a 1,3Gbps in 5GHz e 300Mbps in 2,4GHz.....poi che la mia Aliceadsl non arrivi a queste velocità è un'altra questione. Quindi non capisco cosa stiano testando.

momentarybliss

basta che non ci friggono il cervello ...

Davide

il wifi utilizza un protocollo diverso per gestire le collisioni. Nell'ethernet se c'è collisione si aspetta e si ritrasmette, in wifi questo sarebbe notevolmente penalizzante quindi si utilizza la collision avoidance e ciò implica che prima di trasmettere sia necessaria una verifica della disponibilità del canale. Ciò porta inevitabilmente ad un RTT maggiore.

Filo

E riguardo l' RTT?? Via cavo (ethernet) siamo a circa 0.4 ms, mentre in WiFi si aggira sui 2.5 /3 ms. Avranno migliorato anche questo parametro?

Flyn

Infatti la novità è che ci siano wireless u.u

Alex Alban

ci sono reti cablate da 1gbps, basta avere il cavo cat 5e (minimo) e uno switch/router che riesca a gestire tutti questi pacchetti

riccardik

per le postazioni fisse secondo me rimane più conveniente usare il cavo :)

Windows

Recensione Surface Pro X: Il futuro è arrivato troppo presto

Economia e mercato

L'inquinamento da spedizioni: i numeri di Amazon e l'impatto sull'ambiente

Alta definizione

Recensione Amazon Echo Buds: le cuffie true wireless con Alexa

Alta definizione

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina per i video