Rush Fight, la voxel art arriva anche nei picchiaduro mobile

29 Aprile 2016 3

La grafica in voxel art (i voxel, ricordiamo, sono i pixel in tre dimensioni) è un trend di questi ultimi periodi del gaming mobile, grazie all'enorme successo di Crossy Road; con Rush Fight, disponibile per Android e iOS, arriva anche al genere dei picchiaduro.

Rush Fight ha un obiettivo molto semplice: suonarle di santa ragione a tutti i poveracci che ci si parano davanti. Arrivano a vagonate, davvero, e noi siamo sempre in mezzo a distribuire con infinita generosità calci e pugni. Il giocatore non deve far altro che premere nella direzione in cui vogliamo picchiare, destra o sinistra; basta un colpo ben assestato per fare fuori il malcapitato di turno. Attenzione, però, che la regola vale anche per noi: un solo errore ed è game over.



In effetti più che di un "vero" picchiaduro si dovrebbe parlare di casual arcade basato sui riflessi; in ogni caso, questo è Rush Fight. Si va avanti più che si può, cercando di raggiungere la conta di KO più alta possibile; il gioco ci regalerà anche delle monete al raggiungimento di certi punteggi. Ci sono anche le leaderboard globali, e la possibilità di competere con gli amici.

Rush Fight è un gioco free-to-play, ma non particolarmente aggressivo. Con 2€ si possono rimuovere i banner pubblicitari, mentre i personaggi aggiuntivi si sbloccano con 1€ ciascuno. Tutti elementi che si possono acquistare anche con le monetine guadagnate - certo, ci va un po' di pazienza, ma si può fare. Eccovi il trailer e i link per il download:


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
FalcoPellegrini

327...
Dopo un po' è difficilissimo

Karis

Bruttissimo

robibby

Sembra carino...

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi