Apple festeggia i suoi primi 40 anni: da Apple I ad iPad Pro

01 Aprile 2016 139

Era il primo Aprile del 1976 quando Steve Jobs e Stephen Wozniak, due ragazzi di 21 e 25 anni, fondarono la Apple Computer. La sede della società era il garage della casa di Jobs a Cupertino, in California. Con loro anche un terzo socio di minoranza, Ronald Gerald Wayne, che disegno il primo logo e che uscì di scena dopo nemmeno un paio di settimane.


Apple I fu il primo “computer” realizzato da Apple. Una scheda con un processore Mos Technology 6502 da 1MHz e 8KB di memoria RAM a cui andavano connessi, separatamente, un alimentatore, il monitor e la tastiera. Apple I fu venduto tramite un negozio di informatica, Byte Shop.

Il primo finanziatore di Apple fu Clifford “Mike” Makkuula Jr, ex dirigente di Intel, che investì 250 mila dollari e rese possibile la realizzazione dell’Apple II, computer con scocca in plastica, 12KB di RAM e gestione di grafica a colori, una vera “rivoluzione” che rimase in commercio fino al 1980 dopo aver superato un milione di unità vendute.

Arrivano poi i primi momenti più difficili per la società di Cupertino con Apple III ed il progetto “Lisa”. Nel 1984 fu presentato il primo Macintosh con un processore Motorola 68000 da 7,83MHz, 128KB di memoria RAM, floppy disk e monitor da 9 pollici monocromatico. Il tutto in un case dal particolare design. Dopo il Lisa, il Macintosh è stato il primo computer di serie ad avere un mouse ed un’interfaccia grafica con finestre di dialogo derivate dal progetto Alto dello Xerox PARC. Il Macintosh ebbe una buona partenza ma poi si fermò.

Il 6 Febbraio del 1985, a pochi mesi dal rilascio del primo Mac, Steve Wozniak lasciò la Apple Computer. Dopo pochi mesi, era il 10 Aprile, John Sculley, presidente di Apple Computer, chiese di sollevare Steve Jobs da qualsiasi incarico operativo. Il 31 Maggio gli furono tolte le cariche di vicepresidente e di direttore generale della divisione Mac.

Il 17 settembre 1985, Jobs presentò le proprie dimissioni ed uscì da Apple e fondò la NeXT Computer, società che nel 1996 fu acquistata dalla stessa Apple per 400 milioni di dollari. Dopo l’uscita di Jobs, una serie di scelte discutibili portarono la società di Cupertino in una crisi di vendite e di idee.


Steve Jobs rientrò in Apple come consigliere personale dell’allora presidente Gil Amelio che a Luglio del 1997 diede le dimissioni. Il 6 agosto fu annunciato un accordo con Microsoft che acquisì un pacchetto azionario, circa il 7 per cento per 150 milioni di dollari, senza diritto di voto. La società di Bill Gates, in base a questo accordo, si impegnò a portare Internet Explorer ed Office su Mac ed mettere fine alle cause sui brevetti con licenze incrociate.

Il 16 Settembre del 1977, in attesa di un nuovo amministratore, Jobs divenne Chief Executive Officer ad interim con un compenso simbolico di 1 dollaro all’anno (fu scherzosamente definito iCEO). Il 5 gennaio del 2000, dopo il successo di vendite della gamma iMac, Jobs assunse definitivamente la carica di CEO di Apple. Al MacWorld fu anche annunciato Mac OS X, sistema operativo basato su NeXTStep.

Nel 2001 iniziano ad essere inaugurati in USA i primi Apple Store e nel mese di Ottobre dello stesso anno viene annunciato l’iPod, un “piccolo” lettore di musica digitale dotato di un hard disk da 5GB che divenne subito un successo grazie anche ad una campagna marketing ben riuscita. Marketing che sicuramente ha sempre avuto un ruolo fondamentale per Apple e che ha contribuito a rendere i suoi prodotti una sorta di “status symbol”.

Nel 2003 arriva iTunes Store e nel 2004 il primo iPod mini e, successivamente, l’iPod Photo. Nel corso del 2005 debuttano il piccolo iPod Shuffle e l’iPod Nano. Nel 2006 arriva il Mac Pro con processore Intel Xeon.

Il 9 gennaio 2007, al Macworld Conference & Expo di San Francisco, fu presentata la Apple TV ed il primo iPhone EDGE (2G). Contestualmente fu anche annunciata l'eliminazione della parola "computer" dal nome della società che si sarebbe chiamata semplicemente Apple. Nel solo giorno di lancio di iPhone, il 29 giugno 2007, secondo il Los Angeles Times i negozi Apple e AT&T avrebbero venduto oltre 525.000 unità. Nello stesso anno arrivò anche un rinnovato iPod ed il primo iPod Touch.

Nel 2008 arrivano l’iPhone 3G, nuove generazioni di iPod, iPod Touch e Mac Pro, il MacBook Air ed il MacBook Pro Unibody. Nel 2009 tocca ad iPhone 3GS, iPod touch e shuffle 3G, iPod nano 5G e Magic Mouse. Nel corso del 2010 vengono lanciati l’iPhone 4, il primo iPad ed il Magic Trackpad.

L'11 agosto 2011 Apple conquista il primato in Borsa per capitalizzazione, battendo l'azienda petrolifera Exxon. Il 5 Ottobre del 2011, dopo una lunga malattia, muore Steve Jobs e le redini di Apple passano nelle mani di Tim Cook. Arrivano iPhone 4S, iPad di seconda generazione, MacBook Pro, iCloud ed il Mac App Store.

L'iPhone 5 è stato presentato il 12 settembre 2012. Durante quest’anno sono arrivati anche iPad 3, iPad 4, iPad mini, la Apple TV 3G e nuovi iPod Touch e nano. L’anno dopo arrivano iPad AIR, iPad mini 2, iPhone 5s ed iPhone 5c con scocca colorata in policarbonato. Alla fine del 2013 iniziano anche i lavori del Campus 2, lo "Spaceship Campus" fortemente voluto da Jobs. I lavori dovrebbero terminare verso la fine del 2016.

A Luglio del 2014 arriva uno storico accordo con IBM per il mercato aziendale. A Settembre del 2014, durante un evento tenutosi a Cupertino, arrivano iPhone 6 ed iPhone 6s Plus con display da 4.7 e 5.5 pollici di diagonale. Apple annuncia anche il sistema di pagamento Apple Pay, il suo primo smartwatch, Apple Watch che arriverà sul mercato ad Aprile del 2015 e l’iMac con Display Retina 5K.

Nel corso della WWDC 2015 viene lanciato il servizio Apple Music. A Settembre dello stesso anno arrivano gli iPhone 6s con display 3D Touch in grado di riconoscere il livello di pressione del dito ed il nuovo iPad Pro da 12.9 pollici con supporto alla Apple Pencil. Nei giorni scorsi, sono stati annunciati il nuovo iPad Pro con display da 9.7 pollici e l’iPhone SE.

Questi sono alcuni passi dei primi 40 anni di Apple. 40 anni di storia, 40 anni di alti e bassi che hanno sicuramente dato un importante contribuito al progresso tecnologico. Consapevole di ciò, Apple si è anche impegnata a proteggere la privacy degli utenti che utilizzano i suoi prodotti ed a difendere l’ambiente investendo sempre più in energie rinnovabili e riciclo.


139

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Elias Koch

ricordavo male allora. Scusa

CAIO MARI

ho preso mac e iPad nel 2013 che ho tutt'ora

Elias Koch

allora non lo hai preso nel 2013, e se non erro all'epoca confrontavi il n5 comprato e venduto dopo una settimana con l'iphone che avevi... Ma forse mi sbaglio.

CAIO MARI

Primo e unico iPhone, il 6

Elias Koch

se ricordo bene dal 2013 ad oggi hai cambiato 2 o piú iphone, come fai a dire che hanno 5 volte l'etá di quelli? esagerando dovrebbero averne il doppio e comunque, il tuo é un caso di sfortuna isolato.

CAIO MARI

2 anni e 6 mesi
Portatile hp da 1500 euro e 2 top gamma Samsung da 700 euro dopo 6 mesi erano da buttare, questi hanno 5 volte l'età di quelli e vanno come quando li ho acquistati, con decine di migliaia di funzioni in più e aggiornamenti mensili/bimestrali per tutti nello stesso istante (laptop/tablet/telefono/TV), mai avuto alcun problema con gli aggiornamenti nonostante gli haters nei blog ne facciano ogni volta una fogna...
L'unica lontanamente comparabile è Microsoft, ma nel mobile fa prodotti e software infimi e per la TV fa XBOX che a me non serve a niente e costa 2/3x rispetto alle box tv,

Elias Koch

wow 2 anni e 3 mesi, un record...Io acquisto prodotti Samsung, Panasonic e Toshiba da 20 e mai avuto una delusione..Ma nei telefoni ho preferito cambiare per vedere altre realtá, e nonostante non abbia avuto delusioni non mi andrebbe di tornare in dietro..Stessa cosa dopo avere avuto a che fare con Apple, preferisco altro

Elias Koch

senza apple non avremmo te!

Quanto vorrei che apple non fosse mai esistita

Elias Koch

apple ha ricevuto 150 milioni da M$ (in azioni senza diritto di voto in consiglio di amministrazione) e il porting di office nel 1997, cosa che l'ha salvata (e ha impedito a M$ di essere l'unica alternativa)

questo si chiama salvataggio.

Elias Koch

non tutti possono permettersi di non cambiare nulla e chiamarlo "innovazione"

Elias Koch

beh, Jobs é tornato iCEO dell'azienda nel 1977 secondo questo articolo

IlGiustiziereDelCodice

"Cioè sei così accecato dal voler fare l alternativo che è più intelligente perché sminuisce Jobs che ti smentisci da solo"
Periodo incomprensibile.
Vado quindi a naso e cerco di risponderti sperando di aver capito ciò che volevi asserire. Non faccio l'alternativo solo perché ho una considerazione non assolutistica, quasi evangelica come la tua. Penso solo che se rapportato agli Olivetti Jobs non sia stato nulla di più di un grandissimo venditore. Cosa che ne ha fatto il successo della sua azienda e il fallimento della Olivetti in campo informatico. Detto ciò non era nulla di più che un esteta. Non era un visionario informatico. Non devi per forza ostentare e pensare di essere dotto visto che idolatri Jobs. Lo dicono i libri cos'era. Lo dice la storia. Era uno dei migliori manager del 20esimo secolo. Punto. Le idee le avevano gli altri, lui semplicemente a volte anche errando era colui che faceva da filtro sull'influenza delle stesse. Credi che il minimalismo e la semplicità nella UI fosse frutto di una sua idea? Daje Stringa. Non osannarlo. Ho semplicemente detto che paragonarlo a chi realmente ne aveva donde in campo ingegneristico è oltremodo stùp1d0. Parli come se fossi in un film. In qualche modo il mondo si ricorderà di te? I soldi non sono promotori di ciò? Ma per favore. Guarda Higgs ha giusto dovuto aspettare 50anni per far si che la sua teoria fosse dimostrata. E intanto tutti lo hanno deriso. Così come c'è tanta di quella gente sul globo che ha magari idee geniali ma non ha la fortuna di avere le infrastrutture e le risorse necessarie. Comunque qui chiudo il discorso perché mi sembri una persona ottusa quanto infantile. Ti saluto.

DarkKnight©™

NO :)

Gatto

È ironia?

Carburano

ti amo

7strings

No non sei un genio , un genio ha una idea e ha la forza di realizzarla , come ha fatto Jobs è Olivetti. Scrivi che la forza di Jobs sono i suoi ingegneri (di cui neppure tu conosci i nomi ) e lo critichi e poi citi come punto di forza di Olivetti una persona che ha assunto ? Cioè sei così accecato dal voler fare l alternativo che è più intelligente perché sminuisce Jobs che ti smentisci da solo. Se ha una idea geniale e riuscirai in qualche modo a farla diventare reale il mondo si ricorderà di te altrimenti sarai uno dei tanti come gli ingegneri che stanno in tutte le aziende del mondo

7strings

Guarda che ms non ha comprato azioni Apple perché si sentiva buona... L ha fatto per un accordo ben preciso che conveniva sia a ms che Apple . Peccato che due anni dopo Apple ha ricomprato tutte le azioni , se ms le avesse tenute oggi sarebbe ancora l'azienda più ricca del mondo e invece sappiamo tutti dove è posizionata oggi

7strings

Chissà perché quando si parla di ma si citano sempre cose che ancora in realtà non esistono o esistono come promessa ancora molto accerba

sadie

Chi è che disse " un computer in tutte le case" e fu deriso dal concorrente?
Jobs o Gates?
Apple fino alla era jobs 2.0 credeva in un sistema elitario dove solo aziende e professionisti dovessero avvicinarsi ai computer.
Ora è il contrario. Punta tutto sul brand e quindi sul mercato consumers

PeperonataAssassina

La Olivetti si che è un'azienda da festeggiare e lodare... Un'azienda italiana che era diventata un colosso della tecnologia dell'epoca

PeperonataAssassina

Senza Apple probabilmente non avremmo inventato manco lo scarico del gabinetto scommetto

PeperonataAssassina

Non vorrei distruggerti un mito... Ma Apple è stata per alcuni anni sull'orlo del fallimento (soprattutto dopo l'abbandono di Steve) e fu grazie a Microsoft che (come c'è scritto anche nell'articolo) ha comprato il 7% delle azioni di Apple salvandogli di fatto il cu*o

Francesco

Lo è stata?!... Una sola parola: Hololens.

Girmi

Uno è quello già evidenziato (e che ora hanno corretto) del nome del negozio, che non era il Bit Shop ma il Byte Shop di Paul Terrell, un visionario che ha messo in piedi uno dei primissimi negozi di informatica e che acquisto gli Apple I di Jobs e Woz ancor prima che fossero messi in produzione e che diede diversi spunti per la sua progettazione finale.

Un altro è la collocazione temporale del Newton, che non c'entra nulla con Lisa e Apple III (inizio anni '80) dato che è un prodotto del 1993.

C'è poi l'attribuzione dell'interfaccia grafica con finestre ed icone e la presenza del mouse al primo Macintosh 128 quando è stranto che fu il Lisa il primo PC con mouse ed interfaccia grafica.

Nel 2007 l'iPod era già alla sesta generazione e non la seconda come indicato.

l'iPod Video non so da dove sia saltato fuori, ma il primo iPod con integrate funzioni di riproduzione video è stato il 5th genration del 2006

Il Mac Pro fece il suo debutto nel 2006 e non nel 2008

Ciao

Gatto

Assolutamente no, non conosci la storia e nemmeno le filosofie aziendali.
Apple non ha affatto un'idea elitaria della tecnologia.
È esattamente il contrario.

DarioMa

...quali sono gli errori?

NerdHerd1985

Per fortuna ti reputo un fenomeno da baraccone, altrimenti non avrei mai acquistato l'iPad. Sei la peggior pubblicità pro-Apple che uno potrebbe desiderare. "saluti". ;-)

NerdHerd1985

A prescindere dall'entusiasmo del pubblico, è innegabile che quello fu un punto di svolta importantissimo nella storia della telefonia. Jobs, tra i tanti pregi (e gli innumerevoli difetti), aveva quello della lungimiranza.

Hill

40 anni e sarebbe ora che inizi a pagare le tasse che deve all' europa

ShocK!

MICROSOFT STORIA DELL'INFORMATICA, RESTO FUFA ;) :) ...............................

ShocK!

Ti sottoscrivo e ti quoto centomiliardi di volte :D Grande ben detto!!

Teo

Ragazzi riguardatevi la presentazione del primo iPhone, fantastica. L'entusiasmo del pubblico ci fa capire quale fosse la portata rivoluzionaria di questo nuovo telefono, gesture e funzionalità che oggi diamo per scontate al tempo erano semplicemente incredibili. Bisogna riconoscere che oggi Apple pur mantenendosi ai vertici non é più quel leader di innovazione che era con jobs.

NerdHerd1985

Strano che i "fedelissimi" non l'abbiano fatto notare... :-P
Comunque il nome del negozio era il BYTE SHOP, non BIT.

Adriano

Un sant'uomo che pregò il design dell'ipod a un poveretto e tramite millemila avvocati non gli fece avere un dollaro. Grande uomo di marketing e "talent scout" di aziende, questo era.

Adriano

Il 3g, il mio primo è unico iphone. Non mi sono mai pentito di averlo comprato, ne di aver cambiato dopo!

clodi95

Amen.

Shimoto

Hai finalmente capito che non mi interessano le tue risposte...finalmente.

N#R#S©

NaXter24R

Come ho detto tante altre volte, Apple o faceva qualcosa di grosso, o non vendeva. Il primo iPhone aveva si l'effetto wow, ma all'atto pratico, aveva una fotocamera pessima, non aveva 3g ne memoria espandibile e, sembrerà una cosa da poco, non faceva copia e incolla, e per gente che veniva da BB era una mancanza non da poco

NaXter24R

Non discuto sul resto perchè altrimenti non la finiamo più, ma dimmi perchè c4zz0 il low cost sarebbe un male. E si, mi frega poco del linguaggio perchè discorsi del genere da elitari dei miei c0gl1oni mi stanno veramente ma veramente su.
Che male c'è se la concorrenza offre ANCHE soluzioni low cost?
Cosa sarebbe del mondo se non ci fossero alternative low cost?

CAIO MARI

Nel 2015 ancora di più, sono tutti prezzi pazzi

CAIO MARI

Per festeggiare oggi
F5

Andrej Peribar
È probabile che io abbia qualche anno pià di Caio e Felix e posso dirti che hai scordato robe importanti:
Sinclair, Amiga, Lemon per dirne alcune

Certamente, man mano che scrivevo me ne veniva altre in mente. Cercavo di citare le più inerenti e "famose" (cioè le più "conoscibili")

Era una sintesi in breve.

Però si, commodere e amiga sono una svista imperdonabile.

Onestamente si potrebbe discutere delle tue puntualizzazioni però non mi addentro perchè lo spirito del commento non era denigrare Apple.

buona giornata :)

Girmi

E quindi?

È probabile che io abbia qualche anno pià di Caio e Felix e posso dirti che hai scordato robe importanti:
Sinclair, Amiga, Lemon per dirne alcune.

Hai fatto anche un po' di confusione su altre:
Apple non è mai stata salvata da nessuno
Nokia e BB non sono fallite
Macromedia non ha riscritto la grafica digitale perché a scriverla sono stati Aldus, con Page Maker; Altsys, con FreeHand ed Adobe con il PostScript tutte aziende nate grazie al comune denominatore Apple. Macromedia ha avuto altri meriti oltre a quella di aver assorbito Aldus.
MS non ha né scalzato IBM, a cui deve di fatto la sua nascita, né ha portato un computer in ogni casa, dato che non produce computer ma software e nelle case c'è entrata solo dopo anni il boom dei PC, grazie soprattuto alle sucitate Sinclair ed Amiga che con il suo Commodore detiene ancora il record di PC più venduto della storia.

Ciò detto, non mi sembra che il punto sia tifare per un'azienda, ma riconoscerne i meriti.
Le aziende non sono solo muri e blianci ma sono fatte di gruppi di lavoro senza i quali i primi due non esisterebbero.

È piuttosto stupido pensare che un'azienda non debba essere valutata per quello che ha fatto solo perché non è una persona fisica.

Sarebbe come ringraziare solo il medico che ti ha curato e non il personale paramedico o la struttura sanitaria che ha fornito letti ed attrezzature.

Apple è l'azienda che più di altre ha fatto del mondo dell'IT quello che è oggi.
Questo non toglie alcun merito alle altre aziendeache hanno dato il loro contributo, ma oggi cadono i 40 anni della fondazione di Apple, non di MS o di Nokia o altre, quindi…

Ciao.

Wlm

Che tipo...

lore_rock

il fattore durata dipende sempre dal pc stesso. se costruiti bene e supportati bene durano molto... avevo un portatile nato con vista che ha fatto quasi 10 anni e mi si è rotto solo perchè era cascato e si era sbriciolato...ed era un portatile pessimo.
poi non sempre ci si affida a soluzioni a basso costo, chi lavora molto usa workstation dell, lenovo o hp che sono tutt'altro che economici

Applausi. APPLAUSI! APPLAUSIIIHHH!!!

Girmi

A parte alcuni errori contenuti nell'articolo, celebrare 40 anni di Apple con riferimenti solo alla sua produzione hardware e tralasciando quello che è sempre stato il vero plus dei sistemi Apple, cioè il software, è alquanto limitante.

Auguri Apple.

sadie

Hai le idee un po confuse.
Con Windows si avuta un'alta penetrazione della tecnologia a livello domestico.
APPLE aveva una concezione diversa dei PC.Credeva che dovevano essere per pochi.

Danny #Mainagioia Leopardi

Android è "ferraglia passeggera"?!
Android è già storia, come lo è Google.

iPhone 14, iPad e Mac ma non solo: il ricco 2022 di Apple secondo Bloomberg

Recensione Apple MacBook Pro 14 con M1 Pro, che goduria!

Ho trasformato la casa in palestra: la mia recensione di Apple Fitness+

Nuovi MacBook Pro con M1 Pro e Max, perchè comprarli e perchè no