Google rende TensorFlow open source

09 Novembre 2015 3

Google ha da poco annunciato di aver reso open source, sotto licenza Apache 2, il suo software dedicato all'apprendimento delle macchine (machine learning) TensorFlow. La mossa di Google, sebbene vada a beneficiare tutto il mondo della ricerca, non è stata fatta per puro filantropismo, ma va ad inserirsi all'interno di un piano più ampio che riguarda sia il miglioramento di questo genere di tecnologie, grazie al fatto che da oggi sempre più entità potranno lavorare allo sviluppo delle meccaniche di apprendimento delle macchine sfruttando il software realizzato da Google, sia il consolidamento della posizione di Google stessa in questo settore, dal momento che i tool utilizzati internamente dall'azienda potrebbero diventare uno standard anche per altre società.

Google non ha infatti reso disponibile la versione completa di TensorFlow, ovvero quella in grado di funzionare su qualsiasi genere di dispositivo, ma si è limitata a fornire uno strumento che permetta ai ricercatori e agli sviluppatori di lavorare su questi algoritmi senza dover scrivere un nuovo codice da zero. Vi lasciamo quindi al nuovo sito ufficiale di Tensorflow dal quale è possibile accedere a tutto il materiale informativo e al filmato che annuncia questo passaggio verso il mondo open source.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gian21391

Ni, qui la statistica è uno strumento ed è quasi sempre "soppiantata" da reti neurali di vario genere

ErCipolla

Concordo sulla mala traduzione.

Il machine learning (traduzione corretta in italiano: "apprendimento automatico", vedasi: https:// goo .gl /RwhbBG) è una branca dell'informatica che si occupa di costruire in maniera automatizzata o semi-automatizzata dei modelli predittivi a partire da set di dati conosciuti. C'entra relativamente poco con l'intelligenza artificiale come la intendiamo nel gergo popolare. In realtà ha più a che fare con le scienze statistiche.

encore27

Davvero interessante.

OT: Un appunto editoriale: "apprendimento delle macchine" suona davvero male, personalmente avrei parlato più di "intelligenza artificiale" o perché no, lasciare il termine originale "machine learning" ;)

Windows

Recensione MSI Creator 17 con display MINI-LED da 1000 nit!

Windows

Recensione LG Gram 17 2020, rinnovato ma sempre unico nel suo genere!

Portatili

Migliori Notebook, Portatili e Ultrabook | Top 5 tra 600 e 1200 euro | Agosto 2020

Tecnologia

Curiosità Hi-Tech: come funziona un razzo aerospaziale