Recensione Fiio X3 2nd Gen: DAP, amplificatore e DAC portatile

12 Ottobre 2015 32

Chi cerca un lettore di musica in alta definizione in grado di pilotare cuffie di un certo livello può rivolgersi a Fiio X3 2nd Gen, un prodotto che arriva dalla Cina e dimostra quanta cura l'azienda abbia infuso in questo dispositivo "tutto fare".

Lettore in alta definizione con amplificatore e DAC; tutto in uno e senza dimenticarsi della qualità dato l'X3 di seconda generazione è realizzato in plastica e alluminio spazzolato. Piacevole al tatto, X3 II è corredato da una dotazione di accessori veramente ricca: oltre a due pellicole per lo schermo e tre set di adesivi protettivi per la scocca troviamo anche una cover in silicone , il cavo USB e l'adattatore coassiale.

Compatto nelle misure, l'X3 II non sarà il più moderno e affascinante per quanto riguarda il design ma si fa apprezzare per i suoi materiali e per il peso piuma: in tasca è come non sentirlo e nei pochi centimetri del suo ingombro nasconde una batteria da 2.600 mAh. L'autonomia varia a seconda del tempo di utilizzo del piccolo display, leggibile anche al sole e molto semplice nell'interfaccia. Con un utilizzo tradizionale si raggiungono tranquillamente le 10 ore di riproduzione e il Fiio permette di fare a meno dello schermo facendoci scegliere quali tasti attivare anche a display spento (ad esempio i controlli del volume e quelli delle tracce). In questo modo avremo il controllo delle playlist e dei tasti senza dover accendere lo schermo. Se invece tendete ad utilizzare a lungo il display (e magari ascoltate la musica con cuffie ad alta impedenza) dovrete accontentarvi di circa 8 ore di durata.


Partendo dalla qualità costruttiva ci troviamo di fronte ad un ottimo assemblaggio e ad una scelta di materiali che nobilita questo DAP. Il case è in alluminio spazzolato, materiale utilizzato per l'intero prodotto...ad eccezione della cover posteriore in semplice plastica - peccato!

Buona la risposta della ghiera che utilizzeremo per muoverci all'interno dei menu. Il tasto centrale si occupa della selezione e conferma e, per i brani, svolge le classiche funzioni del tasto play/pausa. Il volume si controlla lateralmente con i due selettori mentre sopra alla ghiera troviamo il tasto menu/opzioni e il tasto back per muoversi all'interno delle schermate precedenti. Comoda anche la possibilità di utilizzare la ghiera stessa per il volume: basta premere, con lo schermo attivo, il tasto centrale per qualche istante in più e si attiva la gestione del volume con la rotella che ci permette di avere una velocità maggiore.

Grazie alle dimensioni compatte e alla disposizione dei controlli, l'uso ad una mano è assolutamente garantito e le operazioni di controllo sono semplici.


Il parco connessioni ci propone l'ingresso cuffie da 3.5 millimetri e la line-out/coax-out, un'unica uscita che va gestita tramite il menu delle impostazioni. Lo slot per la microSD supporta schede di memoria fino a 128 GB, una quantità sufficiente per la musica in alta risoluzione.

Il display a colori dell'X3 II è un piccolo TFT da 2 pollici, facile da leggere anche con la luce solare diretta, sebbene nelle giornate più luminose si senta la mancanza di qualche punto in più per quanto riguarda la luminosità massima.

Passando all'interfaccia non troviamo particolari ricercatezze stilistiche ma il sistema punta tutto sulla semplicità d'uso. La schermata principale sfoggia le opzioni per gestione dei brani in esecuzione, gestione playlist e categorie, file manager con cartelle, impostazioni di riproduzione (con possibilità di accedere anche all'equalizzatore), impostazioni di sistema e configurazione.

Dalla schermata di esecuzione è possibile aggiungere i brani ai preferiti, impostare shuffle e ripetizione, creare playlist al volo e persino cancellare il brano dalla scheda di memoria. Non è possibile, però, accedere "al volo" all'equalizzatore, dovendo quindi tornare al relativo menu delle impostazioni di riproduzione. Ottimo l'equalizzatore a bordo che ci permette anche di editare i preset.

Nessun problema per quanto riguarda la fluidità dell'interfaccia. Nella navigazione a cartelle, quella che abbiamo preferito e che ci permette di bypassare la classica esperienza d'uso dei lettori portatili avvicinandoci all'utilizzo dei PC, anche con centinaia di file e decine di cartelle non abbiamo notato particolari rallentamenti. Fluida anche la transizione da una schermata all'altra e l'unico problema è qualche breve freeze occasionale, risolto nel giro di pochissimi istanti.

Interessante anche la possibilità di riprodurre i file da una cartella all'altra, evitando quindi che la riproduzione possa fermarsi quando abbiamo ascoltato tutti i brani di una cartella. E' chiaro, quindi, che l'interfaccia di X3 II si presta ad un'ampio ventaglio di utilizzi, accontentando i gusti di tutti per quanto riguarda organizzazione e lettura dei file nella nostra libreria.

Qualche difetto, però, c'è: oltre all'impossibilità di controllare l'equalizzatore "al volo", l'interfaccia è "vecchia"; semplice ma obsoleta nella grafica e per niente al passo con i tempi.

Fiio X3 è pensato per l'alta definizione e per questo legge un ampio numero di formati. Presente, infatti, il supporto a tutti i tipi di file: DSD, FLAC, ALAC, WAV e AIFF fino a 192K/24 bit, APE, WMA e ovviamente AAC, OGG ed MP3..

E' chiaro che il punto forte di questo lettore è la possibilità di riprodurre i file lossless, la linfa vitale che permetterà di usufruire della musica liquida ad un ottimo livello qualitativo e con un prezzo ridotto rispetto alla concorrenza. Grazie al suo hardware l'X3 è in grado di pilotare anche cuffie più difficili del solito (le AKG K501 ad esempio), cuffie che vengono messe in crisi con i classici lettori MP3 o con gli smartphone. Tutto questo senza la necessità di utilizzare per forza un amplificatore: i 540 mW a 16 ohm, 270 mW a 32 ohm e 30 mW a 300 ohm parlano chiaro e dimostrano l'ampio ventaglio di cuffie abbinabili. Ovviamente nell'ultimo caso chi cerca più potenza deve per forza rivolgersi ad un amplificatore esterno, l'E12 che abbiamo recensito QUI o un ampli di altra marca, portatile o no a seconda dell'utilizzo che intendete fare dell'X3.

Il prodotto di Fiio è infatti molto versatile. Innanzitutto è ottimo lettore audiophile per la musica in mobilità, in grado di ribaltare l'esperienza di ascolto e surclassarla rispetto a smartphone e lettori di fascia medio/bassa. Con il proliferare di cuffie portatili di alta qualità e dai costi non indifferenti (dai 150 ai 300€), l'X3 risulta l'abbinamento perfetto per non mortificare questi prodotti e anzi esaltarne la resa ad un prezzo non eccessivo.


A livello tecnico il Fiio X3 si presenta molto bene: il DAC è un Cirrus Logic CS4398 che arriva fino a 24 bit e 192 kHz e si affianca al filtro passa basso attivo gestito dall'OPA1642. Le componenti utilizzate permettono di avere un'impedenza d'uscita bassa che porta ad una distorsione inesistente (o meglio esistente sulla carta ma non percepibile dall'utente) ed evitano perdite di frequenze.

Fiio X3 2nd Gen è pensato per l'ascolto in mobilità ma ci offre anche anche la line-out per un impianto fisso, così da renderlo parte integrante e sorgente di un impianto casalingo. E' chiaro, però, che l'obbiettivo di questo modello, considerando l'hardware scelto da Fiio, è quello dell'ascolto in movimento, portando le caratteristiche di un lettore CD di qualità in dimensioni più compatte.

La risposta dei bassi è buona (presenti ma non soverchianti) così come il livello di dettaglio di queste frequenze. I medi sono anch'essi ottimi nella riproduzione e nella nitidezza mentre gli alti risultano forse leggermente soffocati. La resa resta comunque molto buona anche se non si raggiunge l'eccellenza nella spazialità della scena sonora, leggermente claustrofobica.

Passando all'ascolto con le cuffie, invece, va tenuto conto che l'X3 2nd Gen restituisce un suono caldo e quindi sarebbe meglio non accoppiare cuffie con bassi troppo prepotenti. L'amplificazione "di serie" pilota tranquillamente la maggior parte delle cuffie di fascia alta (tra quelle pensate per l'ascolto in mobilità) disponibili in commercio.


Tirando le somme è facile capire come il FiiO X3 II sia la scelta ideale per chi cerca il classico "tuttofare" che non sacrifichi la qualità. Non è certo un DAP "high-end" ma siamo riusciti ad ottenere ottime prestazioni, specie se consideriamo il prezzo intorno ai 220/240€, cifra alla quale avremo anche un DAC USB per il nostro portatile (in grado di cambiare l'ascolto con notebook compatti e ultrabook ormai privi di schede audio di qualità), un lettore in alta definizione e un amplificatore per cuffie.

La scelta degli operazionali è ottima nel rapporto qualità prezzo considerando la fascia prodotto di cui stiamo parlando, l'amplificazione è pulita e la potenza in ballo permette di gestire cuffie fino ai 150 ohm. Inoltre si possono utilizzare impedenze più alte grazie alla line-out che porta il segnale analogico all'amplificatore portatile o a quello casalingo.

Consigliato quindi sia a chi vuole migliorare notevolmente la qualità dell'audio (musica o film) di un ultrabook, sia a chi vuole sfruttare le proprie cuffie high-end e iniziare ad ascoltare musica in alta definizione in mobilità.

Un buon punto d'ingresso nel mondo degli audiofili che vi permetterà di crescere nella formazione del vostro orecchio senza massacrare il portafoglio, consentendo di utilizzare quanto risparmiato per affiancare, in un secondo momento, un amplificatore esterno o cuffie di maggior qualità per l'ascolto in casa.



32

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Angelo Petrino

Io lo sto usando proprio ora con due auricolari della Beats, alto livello. E sto ascoltando un mp3.

dario

ti chiede se gentilmente puoi attendere le due settimane del diritto di recesso prima di decidere che non ti piace, così poi può gentilmente non riprenderselo!
(scherzo, non ne ho idea, non sono esperto di apparecchi musicali, magari una ragione tecnica esiste... :D come ti va?)

Dark Entries

Si. Dai una letta a riguardo sulla recensione presente su estatica it

Paul Smith

Salve. L'ho acquistato su Amazon e lo sto aspettando a giorni con grande impazienza.
Ho ricevuto un messaggio via mail dal produttore, dove vengono spiegate le caratteristiche. Tutto OK.
Ma ad un certo punto dice che le migliori prestazioni si raggiungeranno solo dopo un certo tempo perché il dispositivo "..ha bisogno di un rodaggio...".
Ehe??? Rodaggio? E che vuol dire?

Spaspo

Legge i file format m4a, quelli che ho scaricato da itunes?
Voglio buttare via l'ipod

MauAsRoma

Secondo voi l'X5 vale i 150,00 in più dell'X3?

capitanharlock

Quello nuovo è l'X7.

Jackhomo

Molto soddisfatto di questo acquisto ;-)

Dark Entries

Li trascini come se fosse una chiavetta usb

Imperium

<.<

SSONRAW

Ho il primo modello dell' X3...lo adoroo!

Fabri Fina

sinceramente lo troverei sprecato per un utilizzo per spotify dato che la qualità è quel che è, anche se per l'utenza media è buona. Comunque non c'è, ma lo puoi collegare al tuo cellulare e usarlo come dac ovvero come amplificatore per alzare la qualità della musica. Se proprio lo devi utilizzare in questo modo ci sono vari dac sempre della Fiio a buon prezzo.

ar973

I file da Mac come si caricano: con un programma o semplicemente trascinandoli?

LUCA

no ascolto molta musica tramite spotify premium e vorrei qualcosa che mi consentisse di ascoltare in cuffia spotify meglio che con il cellulare

Fabri Fina

spero sia uno scherzo

LUCA

si puo ascoltare spotify ?

Seba

Ottima recensione, anche se secondo me il best buy rimane il piccolino X1, come rapporto qualità/prezzo è indubbiamente il migliore. A 110€, come diciamo in Veneto, "mangia i risi in testa" a iPod e compagnia. Sarei curioso di provare il nuovo X5, con un buon paio di cuffie deve essere spettacolare!

Simone

Sì, ce l'ha e che io sappia non c'è un modo per rimuoverlo, infatti alcuni utenti di un altro forum hanno preso la versione asiatica. Ti dirò, io non l'ho mai avvertito come un problema, per me il volume va benissimo così, prima di questo ho avuto un A865 ed era lo stesso...

Simone

Io credo che la soppressione del rumore avvenga anche via software, nel senso che è uno dei (pochi) plus di A20 rispetto a A10, poi boh, se uscisse un aggiornamento anche per A10 sarebbe una gran cosa. Ad ogni modo io uso le XBA H3 e sono una bomba.

talme94

yes

Dark Entries

E' nella media dei buoni lettori che hanno DAC e amplificatori di un certo livello.
Pensa che anche il lettore Astell & Kern AK120 II, dal costo di circa 1.900 euro, ha una durata della batteria che si attesta tra le 8 e le 12 ore!

Biso22

Devo capire bene che cuffie sono, se non sbaglio sono quelle a soppressione di rumori esterni, biaognbisogna vedere come vanno, se sono come la bose non sono male

MB44

grazie mille, ho la possibilità di scorrere tutti i brani ordinati alfabeticamente, si?

talme94

veloce è veloce, intuitiva anche.
Puoi navigare sia per struttura delle cartelle sia per artista/album/genere/playlist.
L'unica cosa è che manca la ricerca dei brani.

MB44

la navigazione dei brani è fluida e intuitiva?

MB44

scusami ti vorrei fare una domanda, ma l'a10 ha il blocco del volume?
io in passato ho avuto un sony (non mi rocordo il modello) e si sentiva abbastanza basso, poi ho acquistato il sansa clip zip e quest'ultimo faceva la stessa cosa, ma resettandolo e scegliendo come paese d'origine asia il volume si alzava significativamente. Sai qualcosa sui sony?

andrea55

Non consuma un po' tantino?

Nicohw

Sempre ottimi prodotti con elevato rapporto qualità-prezzo da parte di Fiio.

Simone

Io ho l'A10 da un anno e lo consiglio, c'è da capire quali cuffie sono incluse nell'A20, se quelle vendute standalone a 179 euro appena uscite a 280 è ottimo, ma ne dubito.

Biso22

Tanta roba!! Comunque leggero OT: cosa ne pensate del sony serie NW-A20? 280 euro mi sembrano tantini...

talme94

L'ho acquistato quest'estate e sono contento :)

Dark Entries

Bravi!. Speriamo di leggere altre recensioni di DAP prossimamente!

Recensione TV Panasonic OLED LZ1500: il migliore anche senza soundbar

LG OLED Flex il primo 42" (OLED) pieghevole al mondo | Video Anteprima

Recensione TV Samsung OLED S95B: benvenuta concorrenza!

TCL TV QLED C735 da 98”: anteprima (con misure) del Cinema in casa… e non solo!