Apple MacBook Pro 15 (2015): la recensione di HDblog

16 Giugno 2015 827

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

A metà 2015 la linea di portatili Apple è ad una svolta: MacBook fa categoria a sé, Pro 13 non è mai stato tanto equilibrato, i nuovi Air sono diventati l'offerta più economica - ma dal futuro incerto. E poi c’è MacBook Pro 15, mai come adesso il vero portatile da lavoro di Apple. E’ il modello che l’azienda realizza per chi deve fare sul serio in mobilità, e questo da una parte porta ad avere una macchina molto a fuoco, di nicchia, settoriale, dall’altro rende possibile farne qualcosa di costoso e specializzato.

L’aggiornamento di maggio 2015 non cambia il design, non cambia lo schermo e non cambia nemmeno la CPU. Non porta il passaggio alla piattaforma Intel Broadwell ma resta su Haswell, ed è una scelta forzata dato che Intel non ha (o, meglio, aveva) una CPU Quad Core aggiornata alla produzione più recente. Di fatto, MBP 2015 ha la CPU di MBP 2014.

Non è un'eresia pensare a MBP 15 come ad un laptop da viaggio.

Di nuovo c’è il Force Touch Trackpad, apprezzato e adorato su MBP 13, Air e MacBook, c’è un modulo SSD PCIe che segna nuovi record di velocità (il più veloce del settore, sfiora i 2000 MB/s in scrittura) e soprattutto c’è la possibilità di scegliere una GPU dedicata AMD, non più Nvidia.

Alla Iris Pro 5200 (Haswell) del modello base, la configurazione top di gamma abbina una Radeon R9 M370X con 2 GB di GDDR5, un chip personalizzato per Apple che troviamo solo ed esclusivamente su questa macchina. Infine si migliora l’autonomia dichiarata: 9 ore di navigazione web, 1 in più a parità di batteria quindi di peso e di ingombro. E’ il risultato di ottimizzazioni allo schermo, del passaggio da OS X Mavericks a Yosemite, e della componentistica hardware.

Scheda tecnica e configurazioni

Apple Italia permette di acquistare due configurazioni - entrambe personalizzabili al momento dell’ordine con componenti a salire. E’ bene tenerlo a mente perché, tra i moduli interni, solo la SSD PCI-E è sostituibile. Abbiamo:

  • CPU i7 2.2 - 3.4 GHz, GPU Iris Pro, 256 GB SSD PCI: 2299 euro.
  • CPU i7 2.5 - 3.7 GHz, GPU Iris Pro + R9 M370X, 512 GB SSD: 2849 euro.

Il resto prevede 16 GB di RAM DDR3L a 1600 MHz, WiFi ac + Bluetooth 4.0 Broadcom, 2 porte USB 3.0, 2 porte Thunderbolt, HDMI, lettore SDXC, MagSafe 2, camera 720P e doppio microfono laterale. Tutto come al solito. Lo schermo è un 15.4 pollici IPS da 2880 x 1800 pixel per una resa massima (intendo, senza hack per usarlo in modalità nativa - guarda il video) pari a 1920 x 1200 pixel.

E’ una dotazione di porte e di possibilità che basta e avanza in ambito lavorativo. A dirla tutta, una 3° USB avrebbe fatto piacere, ma con le 2 Thunderbolt si arriva a connettere un massimo di 12 accessori in serie (6 ciascuna), senza dimenticare la loro conversione in DisplayPort 5120 x 2880 a 60Hz (solo versione AMD) per una configurazione Triple Monitor, o l’uso di docking station per lo studio o il negozio.

Credo che chi investe 2000 e passa euro in una macchina settoriale come questa lo faccia anche in questa ottica, e di fatto è molto probabile che abbia già accessori Thunderbolt e dock da sfruttare. La flessibilità di un laptop che diventa desktop è la chiave di lettura che la stessa Apple preferisce, ed è il motivo sul quale ruota tutta la vicenda.

Portabilità, prestazioni e autonomia

MacBook Pro 15 Retina 2015 pesa 2.02 kg, ed è poco se pensiamo che pensiamo al monoblocco in alluminio che lo contiene e all’enorme batteria da 99.5 Whr installata. Entra in uno zaino di piccole dimensioni abbastanza comodamente, e ha la solita struttura resistente e anti-graffio dei MacBook moderni. Sto cercando di dirvi che non è un'eresia usarlo per gli spostamenti di tutti i giorni. Se serve la potenza di calcolo che il suo hardware permette di ottenere, si riesce a convivere con i suoi 2000 grammi anche in mobilità. In un certo senso, vedo più fastidioso in borsa il suo caricabatterie da 85 watt.

E questo è uno degli aspetti che rendono un dispiacere non avere, qui, una CPU a 14 nanometri di classe Broadwell. Avrebbe permesso temperature migliori, più silenziosità, e migliorato anche la GPU Iris Pro integrata (da 5200 a 6100). Senza fare discorsi sull'autonomia extra che ne sarebbe uscita (tutti da dimostrare), sono doti che avrebbero avvicinato MacBook Pro 15 a MacBook Pro 13, quindi all'uso come portatile - oltre che da workstation.

Ma resta, comunque, un margine prestazionale del 15 pollici rispetto ai modelli da 13 pollici. La CPU i7 Quad Core e la Radeon R9 M370X assicurano, quando sfruttate, di completare i task nella metà del tempo richiesto dal duo CPU i7 Dual Core + Iris Pro 6100 - e di surclassare ogni Ultrabook Windows di pari hardware. Tralascio le differenze registrate nei benchmark puri, e vi lascio qualche esempio pratico:

  • Su MBP 15 chiudo la conversione Handbrake di un MTS 1080P da 29 secondi in 17 secondi. Su un MBP 13 configurato al top (i7 Dual, 16 GB RAM, 512 GB SSD PCI) ne impiego 30. Su HP Spectre X360 ne servono 40. Su MBA i5 del 2014, 35.
  • Su MBP 15 chiudo il rendering di 1 minuto con Adobe Premiere Pro di un montaggio 1080P in H264, BT 10-20 K, massima qualità, in 1 minuti e 3 secondi. Su MBP 13 ne servono 2 e 26.
  • Su MBP 15 indicizzo 2.4 GB di foto e video (187 file) da penna USB con Adobe Lightroom CC (creazione nuovo catalogo) in circa 7 secondi. Su MacBook 12 Retina con Core M ne servono 20. Su Surface 3, 2 minuti e 47 secondi. Con Asus UX305, 2 minuti e 35.

Questo per dimostrare a chi poteva ipotizzare l'avvicinamento prestazionale tra Pro 13 e Pro 15 per via della mancata evoluzione hardware, che esiste ancora un netto margine a favore del modello più grande e costoso. Se serve potenza di fascia desktop, Pro 15 è l'unica via percorribile.

Resta comunque difficile fare un confronto tra la GPU Radeon e la precedente Nvidia. Le schede si basano su architetture differenti. La nuova R9 M370X è una 28 nm su architettura Cape Verde, qui clockata a 800 MHz, con RAM a 1125 MHz (effettivi 4500 MHz con il moltiplicatore 4x delle GDDR5) e bus a 128-bit. Ha 640 processori per il calcolo parallelo e 40 unità per il mapping delle texture.

La GPU Nvidia GTX 750M aveva un clock per core appena più veloce (926 MHz) e memorie a 1254 MHz (5016 MHz effettivi), ma un totale di 32 unità per la texture e 384 unità di calcolo. Nei benchmark prestazionali, e in quelli 3D, AMD vince e migliora la resa generale, ma come già detto resta difficile fare un confronto a prova di equivoci. Possiamo dire che c'è un upgrade, non una rivoluzione.

La nuova GPU AMD non stravolge le cose, ma migliora benchmark e temperature.

L'autonomia andrebbe considerata ottima per una macchina con schermo Retina, CPU Quad Core e GPU dedicata, ma ci siamo abituati bene. Nel mio lavoro fatto di produttività web, con Safari e 7/8 tab aperti, Skype, Twitter e Fireworks in background, supero le 9 ore. Salendo con il carico e con i consumi si scende, ma credo sia possibile fare 8 ore di uso outdoor avanzato.

Siamo almeno 2 ore sopra macchine pari-hardware come Dell XPS 15, certi Alienware e Asus UX501 (che hanno prezzi più bassi, va detto) ed il merito è tutto della batteria da 99.5 Whr. Spaventosamente enorme, anche troppo. Con Intel Skylake di fine 2015, Apple riuscirà a ridurla quindi a fare dei MacBook Pro macchine più sottili e leggere?

La gestione delle temperature

Mi ha sorpreso la silenziosità di questo laptop. Se non lanciate un rendering, se non lavorate su Final Cut in 4K, se non giocate o mettete Lightroom CC ad applicare script di correzioni su 100 RAW, non sentite la ventolina girare. MacBook Pro 15 è una macchina silenziosa quando non spinta ad alti giri, ma anche nei casi più spinti riesce a produrre una rotazione soffice e sottile, non fastidiosa.

Con le ventole a regime, la CPU si stabilizza sotto i 70° C

Alla temperatura massima registrata (94° C su core - test con LuxMark) TG Pro mi segnala due ventole in prossimità dei 6000 rpm. E' il rumore massimo generato, ed è capace di ridurre la temperatura di circa 20° C in circa 15 secondi. Di fatto, una volta a regime, MacBook Pro 15 resta attorno ai 75-78° C per tutto il tempo necessario al rendering, al gioco o all'operazione che sia. Terminata questa, le ventoline restano attive fino a portare il tutto sotto i 50° C, mediamente tra 40 e 45 °C se non è chiamata in causa la GPU AMD.

Sono buone temperature per un chip Quad Core, ma non bastano a definire MacBook Pro 15 una macchina fredda. Per fare un confronto, MBP 13 resta su 29/35 °C nell'uso di tutti i giorni, e tocca sì 83° C di picco, ma poi torna su una media di 60 °C. La differenza di temperatura è quella che basta a rendere piacevole - o solo tollerabile - la parte tastiera e il poggiapolsi.

E qui escono i compromessi. Su MacBook Pro 15 si lavora con una tastiera sui 40° C quando c'è carico, anche 45° C in certe zone. Il poggiapolsi resta 7/8° C più freddo, ma la sostanza è che si percepisce un certo calore sotto i tasti, proprio in prossimità del punto più caldo di tutti - cornice bassa di sinistra. La buona notizia, se non altro, è che questi sono valori registrati in pieno giugno, con temperature esterne che a Roma superano i 32° C. Fa davvero caldo per tutti.



Considerazioni finali

MacBook Pro 15 2015 parte col piede sbagliato, ma non per demeriti di Apple. Non cambia la sua CPU perché, di fatto, la versione moderna di quella che già usa non esiste. Coglie però l'occasione per aggiornare la componentistica (Force Touch), per migliorare ancora l'autonomia (9 ore reali in WiFi), aumentare le prestazioni della GPU (AMD anziché Nvidia) e, soprattutto, installare il modulo SSD PCIe più veloce di sempre - slogan a parte, è davvero così.


Ne esce il MacBook Pro più reattivo e prestante del catalogo Apple, con applicazioni pratiche che staccano i laptop top rivali in questo o quell'altro contesto (a parità di hardware: Dell XPS 15 ha autonomia migliore; a parità di autonomia: MBP 13 i7 ha prestazioni doppie). Il difetto, vero, è il limite a 16 GB di RAM delle configurazioni. Macchine come questa sono l'identità e la forza di chi ha ancora bisogno di vera potenza in mobilità. Si comprano per durare nel tempo, e 32 GB di RAM aggiungono anni di vita. E' una scelta commerciale che non condivido.

Visti i prezzi di listino, non credo valga l'upgrade per chi usa con soddisfazione l'edizione 2014, sopratutto se l'interesse è nel modello con grafica Intel integrata. Consigliato, invece, a chi ha qualcosa di più datato, anche se Retina, perché il modulo SSD PCIe e l'autonomia "da Pro 13" valgono l'investimento, migliorano l'utilizzo. Con OS X El Captain in arrivo, e la prospettiva di un software capace di sfruttare meglio l'hardware AMD e il Force Touch, potrebbe essere questo l'unico upgrade a MBP 15 del 2015. Difficile fare previsioni, ma il prossimo potrebbe essere un laptop SkyLake.


827

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mario

Ad oggi è ancora una macchina valida, per chi non la andrà a stressare molto?

Claudio Sampietro

ovviamente vai di scheda grafica se vuoi un mac .

Delfina

avrei bisogno di un attacco firewire per collegarci una scheda audio esterna e vedo che non c'è. serve qualche adattatore oppure non si puo' fare???

Francesco

salve, dovrei acquistare un macbbok pro e c è il modello da 2.2 ghz in sconto a 2000€ mentre il modello superiore con doppia scheda grafica viene 2900€, il mio utilizzo sarebbe per lo più per grafica montaggio video ecc, con il modello "base" ce la faccio oppure ho bisogno dell altro? grazie

Nicolas Antinoro

Buongiorno sono uno studente liceale. In questi giorni mi appresto a comprare un MacBook per utilizzarlo come computer principale all'università. Pensavo di comprare il MacBook Pro retina da 15 pollici. Cosa ne pensi? Grazie.

Giuseppe Lampiasi

Buongiorno, utilizzo ed apprezzo i mac
da sempre, ma questa la devo raccontare.
Ho comprato un MBP in
maggio 2015, ottimo!
Dopo due mesi, è caduto da un tavolinetto
basso, e si è fatto quattro segni nei quattro angoli (era aperto),
ma nessun altra conseguenza, funzionamento perfetto.
10 giorni fa,
dalla mattina al pomeriggio, la trackpad non fa più il click, per il
resto fa tutte le gesture e funziona perfettamente (per trascinare e
fare il login occorre un mouse esterno).
Porto il MBP al centro
assistenza più vicino (120 km) e mi danno due brutte notizie:
la
prima è che data la presenza dei segni, la riparazione in garanzia
potrebbe non essere accettata, la seconda è che in questo modello la
track non si cambia; si sostituisce tutto il top case, la tastiera,
la track e la batteria????
Morale, dopo un paio di giorni mi viene
negato l'intervento in garanzia, e mi si comunica che il costo della
riparazione è di 579,50 €.
Non ho parole, quanti portatili in
due o tre anni di "garanzia" hanno dei segni sulla scocca?
Mi sembra un sistema scorretto per non far rientrare in garanzia un
bel po di macchine. E poi una trackpad falla pagare per una trackpad,
non costringere le persone a pagarla 600 €.

Franci7

Si peccato per l'autonomia ragion per cui non è il portatile che fa per me. In ogni caso è curioso notare come i super portatili di oggi (come lo sono il MBP recensito in questo articolo vecchiotto) debbano velocemente essere considerati inadatti quasi fossero obsoleti dopo un anno o anche due dal momento che garantiscono prestazioni elevatissime e autonomia addirittura migliore.

Gian

ma sai, avere quelle estreme qualità video in un portatile riducono di molto la batteria, e sinceramente non servono a niente, tanto la qualità video anche se è minore manco te ne accorgi...
i grossi numeri delle volte fanno calare i numeri più importanti, appunto le ore di autonomia...

DanieleC.

dipende dal lavoro che fai però un portatile deve restare tale.. l'unico 15 che ha senso comprare adesso è il dell xps 15 (peccato per l'autonomia :S )

Gian

questo macbook del 2015 si differenzia solo e solo dal Force Touch Trackpad e la scheda seconda scheda grafica AMD al posto della NVIDIA per chi prende quello a doppia scheda. per la PCIe è la stessa che cè nel macbook pro 15" della serie metà 2014, niente di eclatante nella performance, a parte la differenza di 300 euro in più, per questioni di IVA... ;-)

Gian

il macbook pro del 2015 va peggio di quello della metà 2014, non vale la pena di spenderci soldi sopra. se vuoi prendere un macbook pro da 15" meglio che aspetti questo autunno. se invece vuoi spendere poco e ti basta un'autonomia batteria di 3/4 ore va benissimo l'XPS.

Gian

punto e basta, hahaha io viaggio sempre con il mio 15" e sinceramente il 13" è troppo piccolo per il lavoro che faccio, è inguardabile(punto e basta) hehe...

Gian

be se ti bastano 4 ore, forse 3, e se vuoi spendere meno ti conviene l'XPS. ;-)

oceanoprofondo7

se ti interessa, metto in vendita il mio air 13" 2011, i7 con 4 gb di ram, come nuovo.

Mirko Annò

Salve vorrei farvi una domanda: allora sono un neolaureato in informatica e vorrei prendere un nuovo laptop la mia scelta ricade o su questo prodotto oppure sull'XPS 2015 della Dell , uso programmatore, quindi sviluppo app , gestione siti , server sempre aperti , e non ho un fisso lavoro sempre fuori città quindi mi sposto in treno, voi che mi consigliereste?

veritiero

ruba anche tu

ferrarista10

Troll mode on
Perché non puoi compararli? Io all'Università mi portò sempre il mio fisso con annesso monitor, tastiera e mouse. Pesano un po' però si può fare. Ah il case è rigorosamente full tower e il monitor è da 32 pollici.
Troll mode off

ferrarista10

Cosa ancora più grave è che si stanno trascinando dietro gli altri produttori e soprattutto anche nel settore desktop (chi lavora su excel/r/matlab/gretl ringrazia)

ferrarista10

Il surface 3 ha una emmc molto lento, il surface pro 3 va meglio

DanieleC.

Meglio aspettare il 2016 con l'aggiornamento della CPU, resto comunque della mia idea che un portatile deve essere da 13(punto e basta). A casa prendi un bel monitor e passa la paura

Valerio Armenante

Sai esiste gente che invece di giocare, ci lavora con il computer... Ahahha

Lenny Schiaretti

Interessante articolo anche se io sto navigando in alti mari e dubbi dopo che mi e' stato rubato il macbook air 2014 (i5 1,3 con 128GB)...la notizia che a breve (quando?) debbano arrivare i nuovi Air mi frena nell'acquisto di un 2015...da un parte vorrei lanciarmi nel comprare un 256GB con i7 e 8 GB di ram, dall'altra mi chiedo se non valga la pena aspettare. Nel frattempo pero' mi serve il computer per lavorare, mi hanno prestato un portatile windows ma dopo una settimana sono gia' sull'orlo di una crisi di nervi!

Suggerimenti?
Grazie!

Shyar Lancen

Allora non sono l'unica che non tollera la cosa!

di4b0liko

preso in sconto da MW, il top di gamma 15'' , una bomba!

leonardo rossi

Il mac pro rimane sempre il top, ma i prezzi in italia sono un furto. Questo pc lo consiglierei solo a chi fa editing grafico intensivo. L'Apple non mi sta' piacendo con la sua politica di valute in europa, prenderei piu' un Asus o un Dell (sul sito loro arrivano pure al 30% di sconto)

sardanus

le feature del force touch possono essere usate da chi non ce l'ha premendo con 3 dita su un link o su un documento o su un evento

Gark121

E tu levati il prosciutto dagli occhi

darkcg

Salvo il fatto che mi viene da dire: dov'è questa qualità? Ancora con la storia dell'alluminio? Che fossero computer per allocchi è chiaro da un pezzo. Quello che non è chiaro è dove questi allocchi vivano per rimanere tali per anni.

darkcg

Impara a usare i computer. Solo questo ti dico.

Manuel

la domanda è sempre quella: per cosa ti serve?

Gatto

Quando i concorrenti cercano di fare un portatile con gli stessi crismi i prezzi sono pure più alti senza peraltro raggiungere la stessa qualità.

LA QUALITA' SI PAGA!

Gatto

10 anni fa comprai per 1200 euro un Acer con Pentium4 14" con uno schermo che sembrava monocromatico, pesava 3 chili, era spesso 3,5cm, aveva 256 mega di ram, era rumorosissimo, la batteria durava 1 ora e mezza e come se non bastasse era di una lentezza esasperante...

Altro che top di gamma...ahah

Gatto

"...Su MacBook 12 Retina con Core M ne servono 20 secondi. Su Surface 3, 2 minuti e 47 secondi...."

Davvero tra il Macbook 12 e il Surface c'è tutto questo abisso in prestazioni a favore del Macbook??

Mario

Certo.

di4b0liko

mi sapete dare alternative windows a pari prestazioni?

Su MBP 15 chiudo la conversione Handbrake di un MTS 1080P da 29 secondi in 17 secondi. Su un MBP 13 configurato al top (i7 Dual, 16 GB RAM, 512 GB SSD PCI) ne impiego 30. Su HP Spectre X360 ne servono 40. Su MBA i5 del 2014, 35.
Su MBP 15 chiudo il rendering di 1 minuto con Adobe Premiere Pro di un montaggio 1080P in H264, BT 10-20 K, massima qualità, in 1 minuti e 3 secondi. Su MBP 13 ne servono 2 e 26.
Su MBP 15 indicizzo 2.4 GB di foto e video (187 file) da penna USB con Adobe Lightroom CC (creazione nuovo catalogo) in circa 7 secondi. Su MacBook 12 Retina con Core M ne servono 20. Su Surface 3, 2 minuti e 47 secondi. Con Asus UX305, 2 minuti e 35.

Fanatic17

Free BSD

darkcg

Un 15 pollici un ottimo compromesso per un desktop... Dai su non siamo ridicoli...

darkcg

Considerando la domanda, non hai bisogno di nessuno dei due. Vai per un Acer vera plastica da 400€.

Mario

osx è bsd.

Mattia

Quindi aspettiamo il prossimo?

Imparziale

quelli per cui escono vari giga di pech all'anno.

AHHHH

QUETTE PECH!!

Davide Polez

Quali bug? I soli bug sono rappresentati dall'ingnoranza dell'utente.

Davide Polez

Ma fa schifo, infatti, è per solo utonti, a zero di informatica.

Grappa

Preso il modello 15 retina con force e touch a 1900€ è una favola

mark

RAGA MEGLIO APPLE MACBOOK PRO 15'' OPPURE UN XPS DELL 2015??

KenZen

Io ho preso il 15 l'anno scorso e venivo dall'Air 13. Ho scelto il 15 perchè non avendo il fisso a casa, lo ritengo un ottimo compromesso.
Se anche tu sei nella mia condizione, fossi in te prenderei il 15, diversamente, se ti serve solo in mobilità, non avrei dubbi a prendere il 13.

Saluti

robsss

io consiglio il 13... ma giusto perché per me, un portatile, DEVE essere di 13. ne piu e ne meno.

ttulelli

Sono indeciso se prendere un 15 o un 13 pollici (basandomi solo sulle dimensioni dello schermo). Per questioni di prezzo vorrei prendere un 13 a meno che non sia assolutamente necessario prendere un 15. Quello che ci farò sarà molta programmazione, scrittura, lavoro di ufficio, poco video e foto editing a livello cmq amatoriale e ovviamente molta navigazione web e visione di film. Chi ha già un 13 può dirmi come si trova? è troppo piccolo lo schermo e devo per forza prendere un 15? se possibile eviterei ma se ci si programma con difficoltà su un 13... ditemi voi utenti le vostre esperienze o anche se mi rispondesse hdblog (P.S. primo prodotto apple che prendo a parte iphone 5 2012 che ancora uso)

artick82

Scusate 15 pollici e non sono riusciti a inserire il tastierino numerico???
Ma non erano i geni del ottimizzazione?????

Fanatic17

OSX è Linux LOL

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

iPhone 12, Mini, Pro e Max: vi spieghiamo le differenze (e quale scegliere)

Recensione iPhone 12 Mini: grazie Apple, ci voleva

Apple Silicon è il futuro di Apple: da desktop a smartphone, andata e ritorno