Setting.io, la startup che vuol affittare la scrivania vuota del tuo ufficio per 10€ al giorno

24 Aprile 2015 27

In queste settimane ci siamo avvicinati sempre di più alle startup di Berlino, vero e proprio hub in Europa dove convogliano giovani ambiziosi da tutto in continente per coltivare le proprie idee e cercare investimenti che possano contribuire a realizzarle. Per chi intraprende questa strada esistono un numero elevatissimo di ostacoli, il primo è la perdita di entusiasmo visto che all'inizio si tratta di lavorare a testa bassa senza alcun riconoscimento finanziario.

Dopo aver incontrato Inbot la scorsa settimana, ho deciso di approcciare un'altra realtà emergente, Setting, ma questa volta non c'è alcun sostentamento milionario alle spalle. Con loro facciamo infatti un dovuto passo indietro guardando da una diversa prospettiva quelli che sono gli inizi, quando tutto è in evoluzione e le reazioni vanno più rapide del business plan.

Setting.io nasce dall'intuizione di tre giovani ritrovatisi a lavorare per altrettante startup in Romania, dall'esigenza di avere dei luoghi di lavoro occasionali per imprenditori e liberi professionisti, un tema comune in tante città, tra queste anche la capitale tedesca dove gli spazi di coworking di certo non mancano. Johnathan Teh, Alexander Schulze e Nadine Achilles hanno così deciso di trasferirsi lo scorso autunno a Berlino e canalizzare queste necessità su un'idea.


Nei giorni scorsi ho incontrato Nadine e discusso con lei cosa è Setting, di come sia nato e di quale siano le loro aspettative e previsione di crescita. La verità è che non tutti mirano alla popolarità immediata e a fare il salto nel vuoto cercando investimenti ancor prima di aver definito i limiti della propria idea.

Competere in questo campo non è certo facile a Berlino, dove gli internet cafè e i coworking space abbondano, ma Setting risolve due problemi contemporaneamente e per questo apprezzabile anche se agli albori. L'idea è di creare una comunità all'interno della quale traggono vantaggi sia i freelance o startupper che necessitano spazi sia i proprietari di tali uffici, una sorta di Airbnb per l'ufficio anche se l'accostamento non entusiasma più di tanto i suoi ideatori.

Il principio è comunque lo stesso, se possediamo un ufficio con tre scrivanie e sappiamo che due saranno vuote per alcuni giorni, settimane o mesi, potremmo facilmente iscriverci su Setting.io e inserirle all'interno del circuito, affittandole a 10€ al giorno o 160€ al mese (12 e 190€ con tasse incluse). Prezzo massimo imposto per rimanere in linea con i costi medi dei coworking space che a Berlino offrono uno spazio accessoriato per una simile somma mensile.


Ma qui non si vuole fare massa e far entrare chiunque, Nadine ci ha parlato molto della loro politica di 'Restrict Acess', un modo per controllare da vicino la comunità che cresce e conoscere direttamente quelli che sono i protagonisti da ambo le parti. La startup è attiva al momento nella sola capitale tedesca e vanta 10 spazi in affitto (a seconda della disponibilità, ovvio), loro stessi seguono manualmente le iscrizioni al momento e pensano ad un servizio più amichevole di quello offerto dalla concorrenza.

Non si tratta infatti solo di affittare lo spazio, ma di conoscere i nuovi arrivati, incontrarli nei luoghi interessati e stringere relazioni così che tutti possano sentirsi all'interno di un cerchio affidabile. Neanche a dirlo, gli stessi fondatori non hanno una sede fissa ma si vanno spostando all'interno della loro rete, sfruttando il medesimo principio.

Quello che mi ha colpito di Nadine Achilles, oltre all'idea, è stato l'entusiasmo mostrato per il progetto ancora agli inizi, in futuro si cercherà qualcuno pronto a scommetterci tramite acceleratori e ventures, ma al momento è apprezzabile l'impegno e la passione per far emergere la propria creazione. Un qualcosa che manca nelle startup milionarie con uffici sfarzosi e lauti salari assicurati.

Setting lo hanno pensato, lo hanno realizzato e ci stanno lavorando attivamente da febbraio. Chiudiamo facendo i migliori auguri e sperando in un debutto anche in Italia, una simile iniziativa sarebbe certo benvenuta in ottica di risparmio e condivisione degli spazi.


27

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nadine Achilles

Thanks for this interesting article (at least what I understood from the Google Translate version ;-) I'm one of the co-founders of Setting and we're looking to expand to further European hubs. The Italian market is certainly also on our roadmap and we'd be happy to get thoughts and feedback to how Setting could work there.

SLM

Sarà ma "a me, me pare 'na strunzata".
10€ al giorno mi sembrano pochi contando cose tipo la pulizia giornaliera, corrente, rete, "gestione" di un' estraneo, utilizzo di servizi vari, ecc... Non so cosa possa costare un dipendente in questi termini ma almeno produce per te....
Soprattutto non mi verrebbe mai in mente di avere gente che gironzola a caso che può accedere alla rete, usare pc, chiavette, sentire e vedere....
E infine, mai visto una scrivania "libera" da documenti o effetti personali.

Anf3t4m1n

Una scrivania a 10 euro al giorno, con mastercard. se ci vuoi pure la bott@na da farti nelle varie pause diventano 210, e ciò non ha prezzo!

Horatio

xD

giuber

adesso muoio ahahahahahah

StriderWhite

Ottimo, potrebbero offrire il servizio "escort" abbinato a quello dell'affitto uffici! :D

Horatio

il nome cambia l'impatto psicologico delle cose sulle persone, pensa a "escort", suona molto meglio di "bottana" anche se è la stessa cosa :D

NaXter24R

Io ci ho provato una volta a dire start-up, la risposta è stata "cusa l'è?"

NaXter24R

L'ho visto solo ora xD

NaXter24R

Ho già il mio fisso. E giusto ieri ho fatto l'ultimo investimento (maledetta Adobe, maledetta Nvidia) prendendo una 780. Se proprio dovessi spendere altri soldi prenderei un portatile semidecente tipo Lenovo Y50-70. Un NUC andrebbe bene finchè si rimane su Photoshop o InDesign, ma con Premiere già inizia ad avere problemi.

Fez Vrasta

Per fortuna :D sarei senza lavoro senza :P

NaXter24R

Esatto, dipende dal lavoro però io preferisco il fisso (anche perchè il mio budget era quello e o ci tiravo fuori due mezzi PC o un fisso con gli attributi) che da più possibilità. Ci sarebbe da capire come hanno strutturato gli spazi. In ogni caso è comunque un'idea interessante

Gios

Hai necessita di un fisso "tower" per grandi potenze di calcolo oppure un nuc i7 ulv con HD 5400 può bastare?

dsfgsdgsdg

broookeeekodddddioio

dsfgsdgsdg

già ci sono...asd

Antsm90

Dipende dal lavoro, se sei un consulente informatico ad esempio usi sempre e solo il portatile

a'ndre 'ci

è solo un modo figo di chiamarle... prima si chiamavano aziende appena nate...

GiorgioGR

Prima o poi arriveranno anche le startup per far nascere le startup...

Gianmarco

Start-up...start-up ovunque.......

GiorgioGR

loool x'D

NaXter24R

Eh ma in generale il mi PC non sto a spostarlo 20 volte. Voglio dire, se lo affitto per un mese, lo lascio li per un mese, però li è la "tedeschia" dove sono tutti buonini buonini, se lascio il mio PC la dentro la mattina dopo ne trovo altri due...

M3r71n0

Altra ottima idea per un altra start-up
Spostare l'attrezzatura da un posto ad un altro :)

NaXter24R

Allora è una gran cosa :)
Inoltre essendo in affitto non si hanno tutte le varie menate legali e soprattutto fiscali, che per chi inizia rischiano di troncarlo subito

gabrielearestivo

Internet è ovviamente incluso in qualsiasi spazio del circuito

NaXter24R

Hai notato però che sguardo sagace ha il tipo al centro? xD

Mister chuk revenge

boh..la biondina sembra niente male xd

NaXter24R

Bellissima idea. Se includono anche internet non è male per chi è agli inizi. A me farebbe comodo ad esempio, anche se non so come tirarmi dietro 15kg di desktop e due monitor -.-"

Oppo

Recensione Oppo Reno 10x Zoom: C’è tanta potenza oltre il SUPER ZOOM

Abbiamo provato il 5G per le strade di Milano, vediamo come va | Video

Xiaomi

Recensione Xiaomi Mi Band 4, difficile chiedere di più a 35 euro

Sony

Recensione Sony Xperia 1 in 21:9, letteralmente!