Xiaomi aprirà Data Center in India, lontano dalla Cina 'spiona'

27 Ottobre 2014 19

Xiaomi è la casa produttrice di smartphone del momento, la 'sorpresa' del 2014 che sta facendo segnare record su record e cresce a ritmi impressionanti, ma i dubbi non mancano. L'appeal fuori confine è in crescita ma i timori di un abuso della privacy degli utilizzatori di device Xiaomi sono più che vivi, tanto che l'azienda si trova costretta (più o meno volontariamente) a delocalizzare in India.

Ne abbiamo già parlato la scorsa settimana in merito alle nuova linea produttiva, ma Xiaomi porterà in India anche un nuovo Data Center, un luogo dove poter mantenere al sicuro tutti i dati dei locali acquirenti dei suoi prodotti (IMEI, numeri, messaggi e rubrica). Una circolare della Indian Air Force ha recentemente messo in guardia il personale da possibili violazioni della privacy da parte del governo cinese tramite Xiaomi, non a caso è arrivato per tutta risposta questo annuncio.

Anche Hugo Barra si è prodigato a gettar acqua sul fuoco, in un comunicato affidato al suo account Facebook il dirigente ex-Google ha riferito che Xiaomi utilizza un servizio opt-in Web-based e non mette insieme i dati degli utenti senza permesso, criptando tutti i dati per maggior sicurezza. Per ovviare i sospetti degli states, Xiaomi ha già in uso data center sul territorio americano come d'altronde anche a Singapore, ma questo nuovo previsto per l'India sarà a disposizione dei soli clienti locali.

Ci si fida sempre meno dei governi spioni, soprattutto quelli dichiaratamente volti a verificare e veicolare le informazioni, quello cinese è di certo in testa a tutti ma i 'concorrenti' in questa spiacevole gara non mancano di certo.


19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
992nonsense

Preferisci che ti spia una cinese ad un americano?

Giulia

Dalla padella alla brace, con la differenza e' che essere spiati dagli Indiani che sono lontani e' risibile, gli americani te li trovi in casa invece, per cosi' dire

Giulia

Ma veramente il piu' grande sistema di spionaggio al mondo PRISM e' americano, google stesso ha link militari

Nickg126

nooo, sono solo quelli che pretendevano di avere accesso a delle backdoor su BB e iPhone

Wandroid

mi scusa tanto allora, me ne ero completamente dimenticato

992nonsense

non parlo di amici. Parlo di cultura,è ovvio che è meglio che non mi spii nessuno, ma se devo scegliere scelgo chi "almeno in apparenza" possiede quei principi in cui mi riconosco.
Non me ne vogliano gli indiani ma hanno un sistema culturale (non necesariamente peggiore /migliore) ma diverso

iNicc0lo

12 settembre anche se gira oggi in italia XD https://windows.hdblog.it/2014/...

Ferdix

Pure prima erano obbligati, solo che ora dovranno semplificare le procedure

Wandroid

bah ... adesso non so cosa facciano gli Indiani, ma gli americani tanto Amici non si sono dimostrati

Alex Gombi

Sicuro

992nonsense

meglio Usa che India. Culturalemente più vicini a noi

Alex Gombi

Questo poco ma sicuro :D

Wandroid

diciamo che gli indiani sono messi meglio dei cinesi

Alex Gombi

Nsa ringrazia di cuore ;)

Alex Gombi

Gli indiani non sono spioni ????mah...

Wandroid

già che siamo in tema di notizie scandalistiche: "La Corte di Cassazione italiana obbliga gli OEM al rimborso delle licenze di Windows"

Wandroid

o America

992nonsense

Fatelo qui in UE. Altro che india o cina

Wandroid

no scusate ... gli Americani "hanno sospetti" ... io mi preoccuperei di più per quanto riguarda lo stabilimento americano

Le 5 migliori cuffie over ear da acquistare a settembre 2020

Guida a Google Assistant: come configurarlo e usarne tutte le potenzialità

Recensione DJI Osmo Mobile 4: la genialata che rende un gimbal ancora utile

Recensione Amazfit Bip S e PowerBuds: accoppiata vincente (ed economica)