MediaTek svela il chip MT6735 64-bit LTE per smartphone di nuova generazione

16 Ottobre 2014 14

MediaTek deve necessariamente mantenere il passo con i suoi principali rivali impegnati sul fronte mobile, per farlo svela in parte la sua prossima roadmap ed il nuovo System-on-Chip MT6735, un potente chip dedicato ai prossimi smartphone di fascia medio-bassa. Definirli tale sembra quasi forzato vista la capacità di calcolo prevista, tranne i limiti 'oggettivi' che andremo analizzando su questo SoC non sembra davvero mancare nulla, soprattutto se il chipmaker lo integrerà su modelli cosiddetti entry-level.

I quattro cores ARM Cortex-A53 a 64-bit offrono una potenza di calcolo sufficiente per soddisfare quasi tutti (se non tutti) i carichi affidabili su piattaforma mobile, sono tutti capaci di raggiungere la frequenza di 1.5GHz e gestiti dal nuovo software CorePilot. Sul fronte grafico MediaTek si affida ad una prestante GPU Mali-T720 capace di supportare le librerie Open GL ES 3.0 e le API Open CL 1.2.

Non manca davvero molto anche dal lato connettività, il SoC MT6735 vanta infatti un chip 4G LTE WorldModeModem (CDMA2000) in grado di lavorare su tutte le frequenza intorno al globo, compatibilità quindi garantita con tutte le linee ad alta velocità dei principali mercati. Dunque 4G Category 4 con 150 Mb/s in download e 50 Mb/s in upload e supporto alle vecchie linee HSPA+, TD-SCDMA e EDGE. Non mancherà ovviamente il bluetooth 4.0 low power ed il Wi-Fi dual-band.


Le uniche pecche, se davvero così vogliamo chiamarle, arrivano quando si comincia a parlare di potenzialità multimediali. Il MediaTek MT6735 garantisce infatti il supporto a display HD con risoluzione massima di 1280 x 720 (con MediaTek MiraVision), sensori fotografici fino a 13MP, riproduzione di flussi video fino a 1080p a 30fps su codec H.265 e registrazione a 1080p a 30fps H.264.

Sembra come se MediaTek abbia messo le 'strozzature', con tutta la potenza (grafica e di calcolo) a disposizione sembra davvero difficile pensare che non sia garantito il supporto ai display full HD, ma come abbiamo detto in apertura sarà un chip destinato agli smartphone economici e qualche compromesso ci può anche stare.

Come confermato dalla roadmap, MediaTek comincerà già da questo trimestre la produzione in grandi volumi e consegna agli OEM partner che ne hanno fatto richiesta, mentre la commercializzazione sul mercato consumer con i primi dispositivi è attesa per il il secondo trimestre del 2015. Di fatto non esisterà più una fascia media se questi saranno i 'low-end'.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ajeje Brazorf

possessore di un mt6592 che non ho mai visto laggare da quando ce l'ho, a differenza di alcuni top di gamma che, a causa di software mastodontici, laggano solo a guardarli (e costano pure le loro 500-600 euro!)

Lybs

Comunque il meizu mx4 ha il processore Mediatek e gira fluido...

Lybs

il meizu mx 4 non lagga eppure ha Mediatek

Carlo Sorrentino

nvidia con il suo tegra3 scattava infatti.... con il tegra4 e k1 ha compensato l'ottimizzazione con la potenza..... concordo che sono soc che costano 1/3 e sono piu' che performanti sulla carta...a me piacciono.... il discorso del rilascio sorgenti non e' una critica verso mediatek, era solo una riflessione sul perche' quei soc non performano bene.... mediatek e' lenta a rilasciare aggiornamenti android ed allinearsi con i rilasci ufficiali ggogle, figuriamoci se perde tempo a ottimizzare il loro codice che fornisce ai produttori, produttori al 90% cinesi, che han un solo obbiettivo, assemblare e vendere ... senza testare nulla, figuriamoci se anche loro han tempo da perdere per ottimizzare.... (tranne rari casi eh, vedi xiaomi e il suo sviluppo della miui o meizu stessa con l'ottimizzazione del codice fornito da sony per la sua camera)

piccola nota: se la ferrari vendesse motori senza dare nessunissimo tipo di supporto aldila' di un software per farli accendere, ti posso garantire che nessuno monterebbe motori ferrari....

Carlo Sorrentino

chi sta dicendo che lo deve fare.....

giangio87

Mediatek non è tenuta a rilasciare i sorgenti, ma a fornirli alle aziende. Il fatto di rilasciare sorgenti per i driver al pubblico è un extra.

gioflo00

Mediatek non è l'unica che non rilascia codici, Nvidia e credo anche Intel fanno la stessa cosa, il codice aiuterebbe per rom di terze parti. Generalizzare in questo modo è fuori luogo visto che ci sono buoni terminali con cpu mediatek e che l'azienda è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni, inoltre stiamo sempre parlando di terminali che costano un terzo rispetto ad altri, in rapporto a quello che offrono sono ottimi prodotti. Collegandomi al discorso della produzione, se fai una macchina con un motore Ferrari e la macchina non va bene non è colpa della Ferrari, ogno casa fa le sue personalizzazioni a livello software, aggiunge più o meno sensori e funzionalità, se queste sono fatte male i terminali laggano o hanno impuntamenti, esempio lampante al contrario è il moto g, che con hardware di fascia bassa va liscio come l'olio.

lKinder_Bueno

Finchè sarà closed source, non vedranno mai un mio soldo

Gen

condivido, avevo un asus memopadHD con quadcore mediatek a7 e andava benissimo.

Carlo Sorrentino

se il software dei terminali mediatek lagga, e' colpa anche di mediatek che non rilascia i sorgenti e non aiuta vie "alternative" per l'ottimizzazione.

gioflo00

Dipende dal software, non dal processore, i terminali con un software fatto bene non hanno di questi problemi, ci sono top di gamma con snapdragon 800 che laggano, la differenza la fa l'ottimizzazione del software, non la cpu.

Maurizio Randazzo

perchè laggano come l'inferno.

gioflo00

Perchè?

Maurizio Randazzo

Mediatek dovrebbe implodere in un grande lag per quanto mi riguarda...

24H con Oppo Find N2 Flip, la sfida a Samsung è servita | VIDEO

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?