ZTE annuncia in America 5s mini LTE: economico ma performante

21 Agosto 2014 2

L'ottimo momento di ZTE continua con l'introduzione sul mercato di Nubia 5s mini LTE, uno smartphone Android di fascia media per il mercato americano che altro non è che la versione piccola del Nubia Z5s. Ecco le caratteristiche principali:

  • Display HD (720 x 1280, densità 312 pixel per pollice) da 4.7" di provenienza Sharp con tecnologia IGZO
  • Processore Qualcomm Snapdragon 400, quad-core
  • GPU Adreno 305
  • Fotocamera posteriore da 13 MP, anteriore 5 MP
  • 2 GB RAM, 16 GB memoria interna, espandibile con microSD (supportate capienze fino a 32 GB)
  • Batteria da 2000 mAh
  • Connettività LTE per AT&T e T-Mobile

Non è specificata la versione di Android a bordo, ma supponiamo che si tratti dell'ultima disponibile, 4.4 KitKat, personalizzato con l'interfaccia proprietaria di ZTE, Nubia UI, versione 2.

Lo stile del device è molto simile a quello della famiglia Z7, con cover posteriore in plastica soft-touch e il suggestivo anello di notifica/tasto home a sfioramento posto sotto al device. 5s mini è disponibile per il preordine già da ora, ma come anticipato solo in America. Arriverà sugli scaffali tra una settimana, il 27 di agosto, al prezzo senza contratto di 280$, 210€ al cambio attuale. Un po' caro in rapporto a Z7 mini, che oltre a esserci piaciuto molto offre un hardware molto più competitivo con 50-60€ di spesa in più. Rispetto al resto del mercato comunque non c'è da lamentarsi e sembra persino un paio di passi avanti dell'ancora inedito, ma molto atteso, Moto G2.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lorenzo Stefani

ZTE, a quando la gamma Nubia anche da noi?

Zeronegativo

ma in pratica è uno z5s mini con lo snapdragon 400 invece del 600?

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi