Amazon chiede alla FAA il permesso di far volare i suoi droni 'Prime Air'

11 Luglio 2014 13

Amazon va per vie dirette e scrive una lettera formale all'ente statunitense FAA affinchè venga dato il via libera ai test dei droni di "Prime Air". Ricordiamo che la casa di Seattle ha mostrato un video teaser (sotto) di questo ambiziosissimo progetto, una vera e propria rivoluzione nel sistema di spedizioni a corto raggio basata sui droni ad otto eliche, tutt'ora impossibili da utilizzare per usi commerciali vista la mancanza di regolamentazione.

Nei giorni scorsi le cronache riportano addirittura di due ragazzi arrestati per aver fatto volare il loro Phanton fin troppo vicino ad un elicottero della polizia di New York City, un evento isolato che sta facendo riflettere di certo la FAA e gli altri enti preposti nei rispettivi paesi. Ma Amazon non è una piccola fabbrichetta di birre artigianali che vuol spedire le bevande ai pescatori del lago, la multinazionale fa infatti sul serio ed è disposta ad investire milioni di dollari nella causa, anche per una questione di prestigio e innovazione rispetto alla concorrenza. Non dimentichiamoci infatti che anche UPS ha simili intenzioni di sviluppo.

I test indoor condotti da Amazon hanno visto susseguirsi già ben 9 generazioni di droni, ad Aprile il CEO, Jeff Bezos, parlava ancora di modelli della 5a e 6a generazione, ciò significa che si è ulteriormente accelerato negli ultimi mesi. Questi modelli di ultimi generazione pronti ai test outdoor, pare, possano viaggiare ad una velocità massima di 80 km/h e trasportare pacchetti edl peso complessivo di 2.26 kg, all'interno del quale rientrano l'86 percento dei prodotti sul listino Amazon. Nessuna risposta dalla FAA, ma è certo che a Bezos le tecniche di persuasione non mancheranno.


13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
GiorgioGR

Sul fatto che possano consegnare i pacchi direttamente al proprio indirizzo non c'è dubbio, ma il vero problema arriva subito dopo... Se abitassi in un condominio, dove mi verrebbe scaricata la merce? Per strada davanti al portone? Dopo due minuti sarebbe già scomparso...
E per la firma che da fornire al corriere per la conferma di avvenuta consegna, come ci si dovrebbe comportare? E nel caso ci fossero danni? Sempre firmando con riserva, la responsabilità ricadeva sul corriere, ma con un drone cosa potrebbe succedere? :/
Per caso ci verranno distribuiti dei cestini da appendere sui propri balconi, in grado di essere rilevati dai droni, che quindi potrebbero scaricare la merce al loro interno? Tipo cassette delle lettere... xD

Emanuele

Costoso come progetto...intanto devi avere dei droni che volino per 30" ( ce ne sono? ) poi mi fa pensare quella bellissima scatoletta che ti lascia il drone: con tutta la carta riciclata che ti propinano adesso torniamo alla plastica? :D

Raffaele

Questa è una mia idea eh, mica roba ufficiale :)
Ma non credo che ingegneri a lavoro da ormai quasi un anno abbiano avuto idee peggiori della mia scritta in 10 minuti...

Raffaele

Come dice appunto l'articolo, non è un fabbrichetta di birre a lavorare al progetto...
Avviano i progetto sapendo già di far pressione sui legislatori a regolamentare.
Così facendo sono in anticipo rispetto alla concorrenza perché sviluppano il prodotto prima ancora che ce ne sia il mercato

Caos

figata costosa ma fattibilissima da amazon, mi piace!

Raffaele

Per dirne una, pacco potrebbe essere in una cassetta di sicurezza con gps che solo il drone può aprire: "ucciso" il drone il pacco è comunque al sicuro.
Inoltre le varie telecamere che sicuramente avrà (per ragioni di guida) avranno una visuale chiara dell'origine del proiettile, basta guardare la registrazione e sguinzagliare la SWAT

Caos

beh sarebbe più utile se li potessero usare nelle zone "poco agibili"
comunque non pensate che io sia contrario, è ovvio che amazon prima di mettere su una cosa del genere abbia valutato tutte le sfaccettature

Maurizio Mugelli

al momento negli stati uniti (cosi' come nel resto del mondo) non esiste una legislazione specifica capace di coprire i droni ed i loro nuovi sviluppi, la faa non e' un organismo legislativo (qui si va ben oltre i regolamenti limitati che puo' emanare) quindi fintanto che questo buco non verra' coperto puo' soltanto usare la carta del "blocco tutto e aspetto", e' inevitabile.

prima o poi gli scaldaseggiole al congresso troveranno una soluzione.

M3r71n0

Parlano di trasporto a corto raggio. Nei centri urbani non credo proprio che ci sia gente con il fucile in mano che si mette a fare il tiro al drone :)
Ma soprattutto non vedo differenza dal fermare un corriere a volto coperto e rubargli il plico.

Caos

ovviamente si fa per ridere, però sarei curioso di capire come si approcciano a questa evenienza

Raffaele

Perché sicuramente non ci hanno pensato, eh?

Caos

...

Antonio Shinzo Martorano

Spettacolo puro... Credo che per piccoli oggetti... E nei posti adatti sia il futuro

Android

Google sospende le licenze Android a Huawei dopo il ban di Trump, Intel gli accordi

Huawei

Recensione Huawei P Smart Z, full-screen e camera pop-up a 279 euro

Asus

Recensione Asus Zenfone 6: 5000mAh e Android Stock da 499 euro

Samsung

Confronto Foto: Huawei P30 Pro VS Samsung S10 Plus VS Google Pixel 3a | Video