MIT realizza un sistema di proiezione 3D simile agli ologrammi, senza l'uso degli occhiali (video)

21 Maggio 2014 4

Dal MIT giunge una nuova alternativa alla tecnologia olografica, realizzata per consentire la visualizzazione di un oggetto 3D, visibile da differenti punti di vista. La riproduzione di ologrammi, infatti, purché ancora imbattuta, nell'efficacia della rappresentazione tridimensionale, deve ancora scontrarsi con numerosi limiti, primo tra tutti gli elevatissimi costi. Ecco dunque l'idea degli scienziati del MIT: realizzare un sistema di proiezione 3D, senza l'uso di appositi occhiali, e fornendo un'ampio angolo di visione ed un'elevata risoluzione, senza utilizzare un sistema complesso. L'intenzione, in ultima analisi, è quella di fornire una tecnologia che possa essere immediatamente utilizzabile, fungendo da sistema di transizione, nell'attesa che si sviluppino le tecnologie 3D più evolute.

Il cuore del sistema è costituito da una coppia di modulatori di luce a cristalli liquidi, che agiscono come una sorte di piccoli display LCD. Questi modulatori sono posti tra la sorgente luminosa e la lente del proiettore: il primo dei due modulatori LCD produce un fascio di luce con una particolare angolazione, passando poi attraverso il secondo modulatore. La luce viene quindi indirizzata attraverso una serie di lenti, disposte come nel telescopio Kepleriano, e giunge infine ad uno speciale schermo trasparente, denominato Angle Expanding Screen, che permette di ricreare l'immagine a video.

In questo modo lo spettatore potrà variare la prospettiva (il prototipo consente di visualizzare fino a 8 differenti punti di visione), semplicemente cambiando la sua posizione davanti allo schermo, come se si trattasse di un'immagine realmente tridimensionale. I modulatori utilizzati hanno un refresh rate di 240Hz. Il sistema richiede molta banda passante per funzionare, ma sarebbe già in grado di visualizzare immagini a risoluzione Ultra HD. Vi sono inoltre benefici che potrebbero essere applicati anche alla visione in 2D: l'algoritmo utilizzato dal MIT, infatti, è in grado di produrre immagini più luminose, elevando il rapporto di contrasto, ed incrementando la dinamica delle immagini anche sulle basse luci, con un livello del nero più vicino a quello "assoluto" (non più misurabile, tale, in sostanza, da non emettere più alcuna quantità di luce, seppur minima), un risultato non raggiungibile dai comuni pannelli LCD.

Un vantaggio cruciale consiste, come accennavamo in apertura, nei costi: tutti i componenti utilizzati sono, infatti, di uso comune. A seguire vi proponiamo il video che illustra il progetto in dettaglio.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Matteo

concordo sul fatto che la visione da diversi punti di vista è una vera innovazione.

Johan Beltran

In fatti non ti darà solo il senso di profondità ma anche di realtà come se fosse li davanti.

Nicola Buriani

E' assolutamente innovativo: qui il punto non è il 3D senza occhiali, che esiste da molti anni (principalmente con barriere di parallasse), ma il fatto che se ti sposti, cambia la prospettiva di quello che vedi, come succederebbe per un oggetto realmente tridimensionale.
Con display o proiettori 3D, ad oggi, puoi avere tranquillamente un 3D senza occhiali (con vari limiti, ma questo è un altro discorso), ma per quanto tu possa muoverti nell'ambiente, continuerai a vedere sempre la stessa immagine, dallo stesso punto di vista.
Non a caso è pensato come un'alternativa economica agli ologrammi.

ste an

A me non sembra tanto una innovazione appena uscita. A milano durante il salone del mobile, all'esposizione "Tokyo Imagine" c'era già un sistema moderno in grado di godere di immagini 3d senza l'ausilio degli occhiali.

Recensione Sony Alpha 7 IV: l'evoluzione della specie | Video

Apple AirPods 3 ufficiali con Spatial Audio a 199 euro | Disponibili su Amazon

Recensione Fire TV Stick 4K Max: piccolo upgrade, solito ottimo prezzo | Video

Sky Glass, ecco il TV di SKY con Dolby Vision e soundbar Atmos | In Italia nel 2022