Crucial MX100: SSD con memoria NAND a 16 nanometri

21 Maggio 2014 0

Il mercato degli SSD sta facendo passi da gigante, non solo a livello di interfaccia (vedi le nuove unità M.2) ma anche per quanto riguarda i consumi e la capacità di archiviazione con memorie flash sempre più ottimizzate.

Tra le numerose aziende presenti sul mercato, Crucial può contare sull'esperienza del gigante Micron, e proprio per questo motivo è riuscita a ottimizzare ulteriormente gli SSD serie MX100 (presentati già un anno fa circa) che ora potranno contare su Memorie MLC (Multi Level Cell) NAND Flash a 16 nanometri.


I drive, che saranno presentati al Computex, sono caratterizzati da un formato 2.5 pollici, interfaccia SATA 6 Gbps e una capacità di 128, 256, 512 GB e 1 TB.

Mentre un sacco di produttori di SSD stanno ancora migrando da 20 e 19 nm NAND, Crucial si sta muovendo a 16 nanometri e su internet sono già state avvistate le prime caratteristiche tecniche messe a confronto con i modelli M500 e M550 che l'azienda ha immesso sul mercato già da tempo:

Crucial M550 SSDs Crucial MX100 SSDs
Controller Marvell 88SS9189 TBA
NAND Micron 64/128Gbit 20nm MLC Micron 16nm MLC NAND Flash
Capacities 128 GB / 256 GB / 512 GB / 1 TB 128 GB / 256 GB / 512 GB / 1 TB +
Sequential Read 550 MB/s >550 MB/s
Sequential Write 350 / 500 MB/s >350 / 500 MB/s
4KB Random Read 90K / 95K IOPS >90K / 95K IOPS
4KB Random Write 75K / 80K 85K IOPS >75K / 80K 85K IOPS
Launch 2013 2014
Warranty Three Years Three Years

Non ci resta quindi che attendere qualche giorno per saperne di più.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

La (mia) postazione da Creator: dal Desktop MSI al Monitor 5K Prestige

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

Recensione HONOR Router 3: il miglior Router Wi-Fi 6 qualità/prezzo

Apple Silicon è il futuro di Apple: da desktop a smartphone, andata e ritorno