Anche Linaro comincia i lavori su Android KitKat in versione 64bit

15 Maggio 2014 5

Verso l'inizio di Gennaio vi avevamo detto di come Intel avesse ultimato i lavori sul kernel della versione a 64bit di Android KitKat. Il lavoro svolto da Intel si è focalizzato sulla versione x86 di Android, in modo da realizzare un kernel completamente compatibile con le proprie soluzioni Merrifield, mentre nessuna notizia era emersa fino ad oggi riguardo la versione ARM, attualmente più diffusa.

A portarci una ventata di novità ci pensa Linaro, una società no-profit dedicata all'ottimizzazione delle piattaforme Linux e altre open source su processori ARM. Linaro ha cominciato il proprio lavoro di ottimizzazione del kernel a 64bit di Android KitKat, partendo dall'attuale versione a 32bit e testandola su un vero hardware a 64bit basato su architettura ARM.

Ora, come tutti sappiamo, oltre agli annunci di Nvidia e Qualcomm, non è ancora stato mostrato nessun SoC funzionante che utilizzi la tecnologia a 64bit, tuttavia pare che la società stia lavorando usando dei prototipi realizzati dai principali chipmaker, in modo che il kernel sia pronto nel momento del debutto di queste soluzioni nel mercato consumer.


Ricordiamo che il kernel opera a basso livello e si occupa di funzioni fondamentali quali i processi di scheduling e la gestione della memoria; per quanto riguarda l'interazione a livello più alto è necessario attendere che sia Google a fare la prossima mossa. Infatti il solo kernel non è sufficiente per portare un reale beneficio nel passaggio a piattaforme a 64bit, anche se permetterebbe comunque l'utilizzo di questo genere di processori su un software a 32bit.

Google ha quindi il compito di scegliere se creare una versione che gestisca i 64 bit, dalle applicazioni alla Java Virtual Machine (Dalvik o Art, ancora non si sa), oppure potrebbe optare per una riscrittura da zero di tutto il sistema in modo che sia compatibile nativamente con la nuova generazione di hardware. Quale sarà la scelta che prenderà Google è ancora un mistero, anche se il prossimo Google I/O di Giugno potrebbe portare più chiarezza o, addirittura, una demo funzionante della nuova versione di Android a 64bit.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
qandrav

anche io ero rimasto che avrebbero usato art ma
"Dalvik o Art, ancora non si sa), oppure potrebbe optare per una riscrittura da zero di tutto il sistema in modo che sia compatibile nativamente con la nuova generazione di hardware. "

nativamente a casa mia significa senza alcuna vm....poi se scrivessero da zero android non penso userebbero di nuovo una vm
è come hai detto tu,useranno art punto.

Eros Nardi

Parli della Dalvik o di ART?

Oliver Thomas Cervera

No. In ogni caso è soluzione IMPROBABILE (se non impossibile) dato che ART sarà la futura VM (quando sarà stabile)

qandrav

"optare per una riscrittura da zero di tutto il sistema "
ma eliminando quella schifezza di vm?

Pantheon

Chissà magari il nexus 6 avrà procio a 64 bit 8)

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

La street photography con lo smartphone: 5 consigli utili | Video

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia