Watch Dogs : la versione del gioco dedicata a Pc richiederà un account Uplay

08 Aprile 2014 0


Ubisoft ha recentemente confermato che, la versione PC dell'attesissimo Watch Dogs richiederà obbligatoriamente Uplay e un account attivo a lui associato, per funzionare. E' importante sottolineare che ciò sarà obbligatorio sia per le versioni fisiche che per quelle digitali acquistate tramite Steam.

La notizia sicuramente non sorprenderà, in quanto numerosi giochi di Ubisoft, tra cui Far Cry 3, Splinter Cell Blacklist e Assassin 's Creed IV Black Flag, richiedono la stessa procedura al fine di essere attivati.

Tale sistema era stato introdotto per la prima volta nel 2009 con l'uscita di Assassin 's Creed 2, da quel lontano giorno molte sono state le lamentale e le polemiche, che nel corso degli anni hanno portato Ubisoft ha rivedere parte delle restrizioni di Uplay, tra cui l'obbligo di essere collegati in rete anche quando si affrontava l'avventura in single player.

A questo punto non ci resta altro che ricordarvi che l'attesissimo Watch Dogs vedrà il suo debutto su Pc, Xbox 360, Xbox One, Playstation 3 e Playstation 4, il prossimo 27 maggio, la versione del gioco dedicata a Wii U sarà rilasciata solo successivamente.

Come ormai è noto a tutto il mondo videoludico, Watch Dogs ci porterà a vestire i panni di Aiden Pierce, hacker incredibilmente abile, che ha deciso di mettere le sue conoscenze al servizio della giustizia, in una Chicago completamente controllata dal Central Operating System, un sistema in grado di vedere e sapere tutto.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Xenoblade Chronicles Definitive Edition: la Monade torna su Switch | Recensione

La (mia) postazione da Rog Fan: dallo Smartphone al PC fino allo Zaino | Video

F1 2020 sta per arrivare: lo abbiamo provato, ecco le prime impressioni

Recensione Final Fantasy VII Remake: reinterpretare un classico