Blocks è il primo Smartwatch modulare ispirato a Phoneblocks e Project Ara (video)

07 Marzo 2014 13

Si chiama semplicemente Blocks ed è il primo Smartwatch modulare della storia, si tratta per adesso di un progetto ancora in divenire e non sono stati mostrati in pubblico prototipi funzionanti, bensì render ed un'dea davvero brillante. Il merito, dobbiamo dirlo, deve essere necessariamente ripartito anche ai ragazzi di Phoneblocks che hanno ispirato un simile device, motivo per cui sono apertamente citati nel filmato promozionale appena giunto in rete. Sebbene gli smartphone modulari non siano ancora una realtà e in molti ci stiano lavorando, compresa Google con il Project Ara e Xiaomi, il team inglese che sta dietro blocks ha deciso di anticipare i tempi e lanciarsi sulla rete ancor prima di raggiungere (come previsto) una delle piattaforme di crowdfunding, indispensabile per il reperimento dei fondi necessari.

Il progetto prevede quindi un device componibile, esattamente Phoneblocks, ma la parte curiosa deriva proprio da come rendere possibile un simile 'puzzle': a cambiare funzionalità e caratteristiche sarebbero infatti le particolari maglie del cinturino, in realtà moduli a se stanti e personalizzabili a seconda delle necessità. Forma praticamente identica sia che si tratti della batteria o del GPS, probabilmente la sfida più importante per i creatori di questo progetto si giocherà sulla fattibilità di questi pezzi, piuttosto che nel software ed hardware di base capace di integrare in un click simili componenti.

 

La parola d'ordine diviene quindi personalizzazione e flessibilità delle funzioni, ad alcuni possono infatti interessare i moduli orientati per l'attività sportiva ed il monitoraggio dei battiti, ad altri invece potrebbero essere più congeniali una batteria particolarmente capiente e notifiche continue dal proprio smartphone/tablet, in chiave produttività. Tra le caratteristiche più interessanti di Blocks abbiamo individuato il display, o i display, gli ideatori hanno infatti preso al balzo l'amletico dilemma creato tra E Ink (Pebble) ed OLED/AMOLED (tutti gli altri) e pensato ad uno schermo anch'esso sostituibile a seconda delle esigenze di autonomia.

Il team si sta espandendo da due elementi ad otto e i ragazzi sostengono di avere già un prototipo tra le mani:

Abbiamo un prototipo funzionante che prova l'idea. Più nello specifico, che le connessioni per il passaggio di dati tra blocco e blocco sono affidabili, e che i protocolli di comunicazione possono supportare la velocità dati con cui le informazioni vengono trasferite al dispositivo.

snap

I problemi più ardui sembrerebbero legati al design e a come rendere migliore la vestibilità di questo dispositivo, esattamente come mostrato nei render. Probabile che sia questo il motivo per cui i ragazzi non hanno già lanciato una campagna crowdfunding, in attesa che un prototipo esteticamente accettabile veda la luce. Non è chiara quale piattaforma OS sarà scelta per il device, ci sono comunque state rassicurazioni sul fatto che tutto il software sarà open source. Parlando di costi per il futuro Blocks si è ipotizzata una fascia di prezzo simile  a quella di Pebble (non Steel), con solo processore, display e batteria a disposizione, chiaro che tutti i moduli opzionali faranno levitare il costo finale, ma questo sarà a discrezione degli acquirenti. Lancio possibile, ma difficile, previsto per metà 2015.

Un'idea davvero ambiziosa che fa largo in noi un pensiero già espresso nei giorni scorsi a proposito del Mobile World Congress e le 'innovazioni' dei big: i veri cambiamenti non sembrano più appartenere alle major, impegnate a cavalcare l'onda delle vendite e spesso lontane dal sognare ad occhi aperti. Noi siamo felici così, che i progetti più rivoluzionari partano dal basso e seguano la strada del crowdfunding. 

via

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e è in offerta oggi su a 419 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
F3NN3clol

non mi dispiacerebbe affatto ;)

Johan

Mmm...
Non saprei magari hai ragione te ;)
Solo il tempo ci darà la risposta purtroppo ;Pvedremo se ssarà un flop oppure una "rivoluzione"...
Comunque sia e ora che gli smartphone si innovino veramente ':)

ciccio35

il discorso è molto semplice: ci saranno alcune maglie che saranno solo strutturali. la cosa che mi preoccupa di iù è più che altro la dimensione di quelle maglie, con solo 6 fanno un cinturino...

TheZeion

in pratica se hai il polso sottile puoi aggiungere meno funzioni, se sei un po' abbondante invece fa mille cose

baldanx

Ma se uno cambia il device in media ogni 2 anni dov'è il vantaggio? Nel poterlo rinnovare ogni 6 mesi? A che pro? un device, soprattutto quelli attuali, vanno avanti 2 anni comodi comodi dopo di che la gente di solito comincia a volere anche un device interamente nuovo con un estetica nuova, cosa che l'assemblato non può darti

Jacopo Cappelli

pensa solo di poter avere la scocca delle dimensioni che vuoi e con 4 viti puoi sostituirgli processore o ram o speaker...riparare e/o aggiornare un pezzetto alla volta...ovvio che è un'idea ancora lontana anni probabilmente...e l'assemblaggio sarà ostico....e forse non alla portata di tutti...(mi immagino gia smartphone che finiscono come lego alla prima volta che cadono ahahaha) però è l'unica idea innovativa che c'è al momento...andare avanti aumentando solo ram e processori non so quanto possa durare...

Johan

Nell'universo smartphone a moolto senso invece.
Perché così uno non dovrebbe più stare a spendere 600 euro ogni sei mesi per averlo al passo coi tempi e concludi la spirale infinita di inculta da parte delle aziende..
Poi potrai adattarlo a qualsiasi tipo di situazione in corso...
Secondo me questa sarà la rivoluzione del concetto di smartphone che abbiamo adesso...
Magari verso qualcosa di ancora più stupefacente..

Oblivium

Wow, favoloso secondo me!

baldanx

L'assemblabile ha senso per qualcosa come i PC che tieni degli anni, e dato che quasi nessuno ci rimette mano nemmeno a quelli sta passando di moda pure lì a favore degli all-in-one. Su un oggetto come l'orologio o uno smartphone che si cambiano annualmente per rinnovare non tanto la tecnologia al loro interno quanto l'estetica (e per avere in definitiva un oggetto nuovo) che senso ha?

lore_rock

Questo concept è una cavolata pazzesca per una ragione semplicissima...bastano pochi mm in più o in meno e qualcosa al polso diventa scomodo... E qui si parla di aggiungere e togliere maglie come se nulla fosse? Io già con gli orologi normali non lo sopporto...

baldanx

Per me questa roba non va da nessuna parte, nè fra gli indossabili nè tantomeno con gli smartphones

mac tagliatelle

L'estetica la lasciassero ad Apple ed ai loro smartphone da fighette

mettek

Penso sia chiaro quale sarà il futuro per i nuovi device mobili.

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft