Panasonic sviluppa la fotosintesi artificiale per diminuire i livelli di CO2

31 Luglio 2012 7


Panasonic afferma di aver sviluppato un sistema per replicare artificialmente il processo di fotosintesi, per convertire l'anidride carbonica in carburante biologico, esattamente come avviene nelle piante. All'origine c'è sempre la luce solare, filtrata e concentrata su un foto-elettrodo semiconduttore al nitruro, usando successivamente la sua energia per convertire la CO2 e l'acqua in acido formico.

L'efficienza del sistema è ovviamente molto limitato, si parla di valori pari allo 0.2%, comunque considerevoli se confrontati con sistemi ben più complessi e strutturati con valori ancor più bassi. L'acido formico prodotto è corrosivo e nocivo per l'uomo, ma può essere utilizzato per differenti utilizzi, a partire dalla produzione di coloranti e profumi, pulizia dei prodotti e pesticidi.

L'obiettivo di Panasonic è quello di usare questa tecnologia per sviluppare un sistema compatto e di facile diffusione, per la cattura in situ dell'anidride carbonica prodotta dai tanti stabilimenti industriali e ridurre l'impatto sull'ambiente. Con le grandi strutture spesso responsabili di gran parte delle emissioni di CO2.



7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
zafferano

Che grandissima presa per il culo.
Il sistema per utilizzare la luce solare, e la co2 dell'atmosfera, e tirarne fuori qualcosa di utile esiste gia', e si chiama: oceano (compresa la sua biomassa). Nessuna attivita' umana sara' mai paragonabile a quella degli oceani (che hanno un'efficienza altissima).
Quello, di panasonic, non e' che un altro esempio di quanto sia fasullo il concetto moderno di ambientalismo, e di come sia facile usarlo per ingannare le persone.

Andrea

Non centra una minchia con la fotosintesi

squak9000

Per la stragrande maggioranza di questi progetti... le stesse procedure di FUNZIONAMENTO di queste attrezzature sono esse stesse inquinanti. Spesso richiedono grossi quantitativi di energia... se consideriamo che parte dell'energia è prodotta da combustioni fossili... siamo da capo a dodici. Praticamente ripuliscono l'aria che sporcano e basta.
Come le famose macchine ad idrogeno... pulite e salubri ma per separare l'acqua dall'idrogeno a grandi quantità bisogna consumare molta energia elettrica... e per produrre l'energia elettrica bisogna bruciare qualcosa (le altre fonti non sono sufficienti).

...poi ricordiamo che RIPULIRE L'AMBIENTE non è un Business... nessuno investirà e i progetti simili moriranno ancor prima di nascere.
Poi quando si accorgeranno che i soldi non sono buoni da mangiare... forse forse ci ripenseranno.

kharonte

forse ho capito male io ma non viene prodotto ossigeno viene solo "riciclata" parte dell'anidride carbonica prodotta attraverso un processo simile alla fotosintesi ma che non ha tutti i prodotti finali di quella naturale

dariogemello

Da un lato queste ricerche vanno premiate, dall'altro fa paura pensare che ci siano dei mezzi alternativi alle piante per produrre ossigeno, diminuendo quindi la nostra dipendenza da esse.

Tartus

Fighissimo!!!! Speriamo che non diventi una scusa per tagliare tutti gli alberi dalla faccia della Terra...

F3NN3c lol

ottima notizia... speriamo in applicazioni future..

Recensione TV Sony OLED XR-65A90J: processore cognitivo per rimanere in vetta

Recensione TV TCL X10: ecco perché i Mini LED cambiano il gioco

TV Samsung: tutto sui Quantum Mini LED, controllo a 12-bit e intelligenza artificiale

Come scegliere un TV in base alla distanza di visione