Motorola: "NI" alle custom rom

08 Febbraio 2010 0


Motorola nega il supporto alle rom Custom per il MileStone, ma non per il Droid. Il motivo di questa decisione è racchiuso nei termini di contratto del sistema Android e questi, come abbiamo visto anche per il Nexus One, sono legati a specifiche regioni geografiche.

Come è accaduto per il Google Phone per quanto riguarda la questione del multitouch, lo stesso accade oggi con Motorola ed i suoi Droid e MileStone. Mentre il primo è un terminale Google Experience e soggetto quindi agli update di Google, il secondo è fornito da Motorola direttamente, e diviene quindi la società telefonica la diretta responsabile del software e del sistema operativo peraltro dalla stessa modificato.

La casa consiglia a chi volesse cimentarsi nelle custom rom e nella loro installazione di affidarsi alle guide per Android fornite da Google o di entrare a far parte del gruppo di sviluppatori Motorola.

Scelta giusta o sbagliata che la si consideri, il problema della disparità nei mercati per i dispositivi Android continua ad acuirsi, e dal nostro punto di vista non è un bene in quanto al suolo europeo rischiano di essere precluse molte opportunità fornite dagli aggiornamenti ufficiali di Google per un dispositivo che, alla fine dei conti, è identico al Droid.

Via.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Recensione Realme 7 5G: 229 euro per 120 Hz e 5G

-7KG in 30 giorni: ecco la tecnologia che ha monitorato la mia dieta!

Recensione OnePlus Nord N10: difficile da comprendere

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android