Recensione Xiaomi Mi Notebook Air 13.3 Ultimate Edition | Promo Air 12.5 a 436€

08 Luglio 2017 580

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

LINK PROMO A FINE ARTICOLO

Il mercato dei PC e dei notebook è in ripresa da qualche anno, l'interesse è tornato una volta che l'utenza si è resa conto di non poter sempre lavorare su tablet di piccole dimensioni e senza tastiera. Chiamateli come volete, convertibili o 2-in-1, ma la sostanza non cambia: tasti fisici e touchpad sono ancora estremamente importanti. E poi c'è la Cina, grande motore del mondo consumer che adesso spinge anche in questo comparto, in passato relegato alle sole compagnie americane, giapponesi e taiwanesi.

Per la prima volta mi trovo quindi sottomano il cinese Xiaomi Mi Notebook Air 13.3 nella recente Ultimate Edition, variante che conta solo qualche miglioramento interno: 8GB di memoria RAM LPDDR4 (2133MHz) e la CPU Intel Core i7-6500U Skylake. Esatto, non è l'ultimissima versione con lettore d'impronte e piattaforma hardware Kaby Lake, non appena disponibile proveremo di certo anche quella.

I terminali cinesi si stanno affacciando con maggiore insistenza sul mercato europeo, spesso offrono infatti una buona scheda tecnica a prezzi decisamente inferiori rispetto ai brand più blasonati. La qualità costruttiva non è sempre massima e ci sono dei compromessi da tener in conto, ma le loro aziende stanno crescendo, si stanno evolvendo migliorando tutta la filiera.

LE DIFFICOLTA' INIZIALI NON SONO PER TUTTI

Dopo l'entusiasmo per l'unboxing si deve fare i conti con il sistema operativo Windows 10 Home in cinese. Brutta storia, soprattutto se avete inavvertitamente selezionato una qualche lingua indù per sbaglio in fase di accensione, nel goffo tentativo di trovare una qualsiasi lingua europea. La soluzione c'è, si perde un'ora circa ed è indolore, lineare.

Possiedo già un notebook con Windows 10 Home e regolare licenza, questo mi ha ovviamente facilitato. Ma prima vi dico come ho fatto a impostare questo Mi Notebook Air in italiano. In questo thread trovate tutto, basta seguire passo passo la procedura. Vi servirà solo una pendrive da almeno 8GB, su questa verrà importato l'installer di Windows 10 dal sito Microsoft così da renderla avviabile. Con Windows 10 a disposizione basterà avviare il Xiaomi ed entrare nel Bios, selezionare la Flash Drive come primo disco da leggere e il gioco è fatto, Windows 10 verrà installato ex-novo cancellando tutto ciò che si trovava sul notebook (cosa che preferisco, senza nessun programmino strano all'avvio).

Come detto io possedevo già una licenza di Windows 10 Home, una volta effettuato il login con il mio account è stata subito validata la copia dell'OS appena installato, in pochissimi passaggi. Quindi niente panico all'inizio, un po' di fatica e si vede la luce. Poi c'è anche la questione della tastiera, una QWERTY 'americana' senza gli accenti, ma se siete abituati a scrivere senza guardar troppo i tasti non ci farete molto caso (oppure via di stickers con lettere accentate e passa la paura, costano pochi spiccioli).

USB TYPE-C PER LA RICARICA RAPIDISSIMA: 50% IN 30 MINUTI

Al bando le porte di ricarica proprietarie, finalmente si comincia a sfruttare sempre più a dovere la USB Type-C, qui posta a destra e unica via per ricaricare il notebook. Non mi sarebbe dispiaciuto averne un'altra a disposizione, ma ci sono due porte USB 3.1 standard (una per lato) che ampliano le possibilità di connessione, a sinistra c'è anche una porta HDMI e il jack audio da 3.5mm. Manca purtroppo una cosa fondamentale, lo slot per le SD Card che tanto rimpiangono gli utenti dei nuovi MacBook Pro di Apple.

Per chi lavora con foto e video è un componente fondamentale, non ci sono adattatori che tengono, se bisogna esser rapidi la porta nativa è necessaria, imprescindibile. E adesso sono costretto ad acquistare un adattatore, non dimenticarlo (cosa che avverrà di certo) e non perderlo. Quindi Xiaomi, la prossima volta che pensate ad un notebook top, dedicato all'utenza più esigente, allora inserite anche questo slot, e se proprio manca spazio ci possiamo anche accontentare di quello microSD.

E poi c'è l'alimentatore, grosso, capace tuttavia di sostenere 65W e 20V, fin troppo grande per i miei gusti. Oltretutto il cavo è unico, circa 1.5m e se danneggiato ci costringe a cambiare l'intero alimentatore. Compromesso su cui si può chiudere un occhio visto che ricarica in poco più di 1 ora e 20 min tutta la batteria, con il PC acceso l'ho visto passare da 0 al 50% in mezzora netta.

CREDO SIA INDUBBIAMENTE BELLO, ESSENZIALE

Questo Xiaomi Mi Notebook 13.3 mi è piaciuto da subito, non è che abbia chissà quale soluzione di design ricercata, ma è essenziale, retto, con bordi laterali su display da soli 5.59mm e vetro 'zaffiro' ben incassato. Non mi sarebbe dispiaciuto avere qualche logo o personalizzazione sulla back cover, ma va bene anche questa superficie opaca e silver che non trattiene sporco e impronte.

Non è un notebook estremo e non vuole neanche esserlo: 1.37 kg di peso e 14.8 mm di spessore, quanto basta per garantire un giusto equilibrio tra potenza e portabilità, considerate infatti che sotto il telaio c'è anche una scheda grafica dedicata. Linee nette, decise, una delle cose che mi ha colpito è la cerniera, morbida e scorrevole come le migliori macchine in commercio, permette di alzare il coperchio senza dover tenere la base con l'altra mano.

Bene anche la webcam in alto, la cornice è leggermente più ampia che sui lati, quanto basta per il sensore di immagine capace di registrare video a 720p a 30fps e garantire un'ottima qualità per le videochiamate.

ANCORA SKYLAKE MA QUESTO CORE I7 NON DELUDE

Inutile discutere dell'ovvio, la CPU Intel Core i7-6500U basta e avanza per soddisfare tutte le task principali e senza alcun affanno. Rapidissimo nell'avvio, questo Xiaomi vanta anche tempi di risposta notevoli quando risvegliato dal stanby, meno di un secondo ed è pronto a tornare operativo.

Prestazioni ottimizzate rispetto alla precedente variante grazie agli 8GB di RAM LPDDR4 a 2133MHz, ed un SSD Samsung M.2 da 256GB (possibile ulteriore espansione con SSD M.2). Questa configurazione mi permette di navigare in rete tenendo aperti 20-25 tab su Chrome come se niente fosse, lanciare contemporaneamente Photoshop CS6 per qualche ritocco ed effettuare montaggio video con Vegas Pro 14.

Quando il gioco si fa duro entra in scena la GPU dedicata Nvidia GeForce 940MX con 1GB di memoria VRAM GDDR5 (e ventoline annesse). Non è certo la migliore o ultima sul mercato, ma dà quella spinta in più che serve per facilitare i lavori di grafica. Per il mio utilizzo è più che adeguata, ho accelerato i tempi di renderizzazione e la GPU si attiva soltanto quando realmente necessario, come ad esempio nel gaming.

  • SISTEMA: Windows 10 Home 64-bit (in cinese)
  • PROCESSORE: Intel i7-6500U 2.5-3.0GHz Dual Core
  • GPU: HD Graphics 520 / Nvidia GeForce 940MX con 1 GB GDDR5 VRAM
  • MEMORIA: Interna: 256 GB SSD Samsung M.2 (espandibile) / RAM: 8GB LPDDR4 a 2133MHz
  • DISPLAY: 13.3" IPS, 1920 x 1080p, 300nits e contrasto 800:1, 176ppi
  • WEBCAM E AUDIO: 1MP / video 720p / AKG Custom Dual Loudspeakers
  • WIRELESS: Bluetooth 4.1 / Intel Dual Band 8260 WiFi 2.4/5GHz, 802.11ac
  • PORTE: 1x USB Type-C / 2x USB 3.1 / 1x HDMI / 1x jack 3.5mm
  • BATTERIA: 4 Celle 39Wh 5400mAh
  • SCOCCA: Alluminio
  • PESO: 1.37 kg
  • DIMENSIONI: 309.6 x 210.9 x 14.8 mm

Ho giocato anche a Doom, ma l'esperienza non mi ha entusiasmato più di tanto. In media posso contare su 11/12 fps a 1920 x 1080p, ma non è questa l'unica limitazione con giochi più esigenti: le temperature si fanno proibitive, con due zone della tastiera che superano i 50°C e toccano il picco vicino alla griglia dell'areazione (ben 54°C). Macchina che si riscalda tanto quando messa sotto reale stress, sui Core ho invece registrato temperature di picco di circa 75°C durante il gioco.

Temperature che si fanno più estreme nell'editing video, dopo un'ora di lavoro intenso su Vegas Pro 10 ecco la CPU in throttling con picchi sporadici di 90°C. La causa è fondamentalmente la GPU, quando si attiva sprigiona un calore eccessivo e le ventoline non riescono a fare più di tanto su un simile telaio. Da tenere in considerazione anche il periodo, siamo in estate e le alte temperature dell'aria non aiutano di certo.

Cube Mix Plus 2
Intel Core m3-7Y30/4/128
Xiaomi Mi Notebook Air 12.5
Intel Core m3-6Y30/4/128
Xiaomi Mi Notebook Air 13.3
Intel Core i7-6500U/8/256
GeekBench 3 64-bit 2793/5511 2450/4770 3098/6117
Cinebench R15 30.07/239 26.03/175 60.71/311
PCMark 8 Home 1223 2834 3254
Novabench
RAM/CPU/GPU/HW
679
156/409/95/19
np 718
175/465/43/35
CrystalDiskMark R391,3/W208,7 (MB/s) R543/W478 (MB/s) R965,2/W856,5 (MB/s)
Temp Max

CPU 64° / Esterna 34°

CPU 68° / Esterna 36°

CPU 91° / Esterna 54°

PECCATO PER L'AUTONOMIA, LA POTENZA SI PAGA

La batteria è una 4 celle da 39Wh e 5400mAh, nulla di eccezionale vista l'alta richiesta energetica dei componenti hardware. La CPU e la GPU offrono ottime prestazioni, ma il tutto si paga con un autonomia poco entusiasmante per metà 2017. Ciò che maggiormente mi interessa è tuttavia l'uso quotidiano, così, nel mio test 'Internet Work' non è poi andato così male, seppur con qualche limitazione.

Lo scenario è quello classico, quindi luminosità compresa tra il 50 e il 30 percento, connessione Wi-Fi costante, Skype sempre aperto con numerosissimi messaggi scambiati e Chrome con almeno 10-12 tab sempre aperti. Ho iniziato il mio test nella modalità 'Bilanciato' ma, dopo aver superato l'80% in fase si scarica, sono passato a quella 'Risparmio di Energia'. L'ho fatto perchè la potenza mi è parsa adeguata per il semplice web browsing, nella scrittura e altre operazioni base. Ho riattivato quella 'Bilanciata' soltanto quando necessario e per breve tempo.

In questo modo ho totalizzato esattamente 5 ore e 30 minuti di utilizzo continuativo, quindi niente applausi ma neanche insulti. Chiaro, quando ho dovuto effettuare dell'editing video sono subito passato alla modalità 'Bilanciata' e 'Prestazioni Elevate', con ventola subito pronta a farsi sentire. Consumi più contenuti ovviamente con Netflix (applicazione), nella riproduzione video si guadagnano altre 3 ore circa.

Consumo orario Autonomia
Internet Work in Wi-Fi -19% 5.1 ore
Youtube HD / Netflix HD -12% 8.3 ore
Giochi / Rendering / Stress Test -32% 3 ore
Tempo di ricarica (65 watt) +83% -

Luminosità schermo al 50% , audio al 50%. Modalità bilanciata.

SCRIVERE SU QUESTA TASTIERA E' UN PIACERE

Ogni singola parola di questa recensione (e degli articoli che ho scritto in queste settimane) è stata digitata sulla tastiera di questo Mi Notebook Air. I tasti sono ampi e ben spaziati tra loro, alcuni si muovono un po' più del normale e sono curioso di sapere se resisterebbero ad 1 anno di digitazioni costanti senza saltar via dalla guida, non ne sono convintissimo. Di contro mi piace il feedback deciso, scrivere su questi grandi tasti piatti mi piace ed è stato subito facile adattarsi, lo spazio a disposizione è abbondante.

I poggiapolsi sono poi comodi, come del resto anche il touchpad, ruvido quanto basta ma scorrevole e preciso al punto giusto. Lo dico nuovamente, sono felicissimo che anche le macchine Windows abbiano colmato questa lacuna, usare il solo touchpad è possibile per fare qualsiasi cosa, anche questo è preciso, scorrevole e capace di gestire al meglio tutte le gestures di Windows 10.

La tastiera è ovviamente retroilluminata, ma non provate a tenerla accesa anche di giorno (non che ci sia motivo di farlo, a volte si scorda) perchè peggiora la vista dei tasti. Và via il contrasto e non si vede più nulla.

CONCLUSIONI

Prima di chiudere devo necessariamente fare un plauso per l'audio, i due altoparlanti AKG Custom sono una vera delizia, offrono una qualità eccellente anche a decibel più alti e mai una distorsione. Per una macchina sottile, leggera e volta anche alla portabilità non è una cosa scontata, gustarvi un film sul suo bel pannello IPS e con questo audio è un piacere.

Il display non è tra i più luminosi in circolazione, Xiaomi dichiara 300nit ma nell'uso reale mi trovo ad utilizzarlo al 70% circa di giorno e 30-40% di notte. Come detto il vetro zaffiro è ben incassato, non è opaco e tanto meno touch, credo poi manchi qualcosa nel contrasto; insomma un buon display ma non certo il migliore.

Mi riservo di decidere più avanti se sostituire il mio attuale notebook con questo Xiaomi, mi attira la potenza di calcolo maggiore e la scheda grafica dedicata, seppur sia decisamente più rumoroso caldo (sotto stress) del mio XPS 13. Niente male come prima generazione, questo è un semplice refresh e adesso sono ancora più curioso di provare l'ultimissima variante con Kaby Lake.

Per chi volesse acquistarlo vi lascio un link diretto a Gearbest, al momento lo si trova a 1040$ (911€ al cambio, ma nei giorni scorsi l'ho visto anche a 870$ (762€ al cambio) con le classiche promo a tempo. Per chi volesse invece la variante meno potente o quella più piccolina da 12.5 pollici, le trovata entrambe in Promozione utilizzando i seguenti codice sconto:

PRO E CONTRO

DESIGNPOTENZA DI CALCOLOPREZZORICARICA RAPIDAAUDIO AKG
TEMPERATURE ESTERNEMANCA SLOT SD CARDBRAND CINESE, WINDOWS 10 CINESE

Il best seller rinnovato in chiave 2016? Motorola Moto G4, compralo al miglior prezzo da Amazon a 149 euro.

580

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
artick82

prendi quello con i5 baby , molto più equilibrato.

ale

O ma se non vuoi capire, fai quel cavolo che ti pare. Premere due tasti è qualche millisecondo più lento, certo, programmare con una tastiera italiana sai quanti tasti insieme devi premere ? È un compromesso più che accettabile usare una tastiera US e scrivere magari un impercettibile più lento in italiano e programmare molto più velocemente ? Va beh, se vuoi capire hai capito altrimenti chissenefrega

Gark121

80 righe per dire c@zzate, complimenti. Il Dvorak ad esempio ha senso di esistere solo in alcune lingue, in italiano, dove le parole finiscono tutte o quasi per vocale, è di una scomodità rara...
Ma d'altronde, il finale è emblematico, fa talmente ridere che non occorre proseguire. Hai dimostrato di essere esattamente il soggetto ridicol0 che immaginavo, lo stesso soggetto idi0ta che si trova sui forum di tastiere che scrive più veloce premendo 2 tasti invece di uno solo.

enri

ragazzi ho comprato questo PC e devo dire davvero fantastico.
ho solo un problema. reinstallando i driver non riesco ad installare il dolby audio perchè mi esce un messaggio con scritto che mancano i driver API se non erro. qualcuno sa come risolvere? ho letto in qualche forum inglese che altri riscontrano questo problema ma non c'è mai una soluzione chiara

ric

dalle immagini sembra di si!

ale

I layout tastiera sono stati ideati al tempo delle macchine da scrivere, e non erano pensati per la velocità di scrittura ma bensì per evitare che le macchine si inceppassero (ossia tasti premuti spesso in sequenza non dovevano essere vicini): di fatto il QUERTY non è affatto efficiente, il migliore sarebbe il DVORAK: ma chi ha fatto prima le macchine da scrivere elettroniche e poi le tastiere per PC ha preferito tenere il layout che tutti conoscevano, beh perché abituarsi ad altro sarebbe stato difficile.

Uguale per la tastiera italiana, il motivo per cui abbiamo tasti dedicati per le accentate è perché beh era difficile con una macchina da scrivere meccanica fare si che premendo in sequenza due tasti si accentano le lettere, serviva il tasto dedicato.

Mentre al tempo poi, chi si immaginava che anni dopo sarebbero arrivati i computer, e i linguaggi di programmazione, e che gli inventori di questi linguaggi avessero pensato che fosse una buona idea utilizzare tanti caratteri speciali, che tanto nella tastiera US sono facilmente raggiungibili, e in quella italiana un po' meno ? E arriviamo ai giorni nostri, in cui la tastiera US è molto più comoda di quella italiana, anche pagando il prezzo di dover premere due tasti le ininfluenti volte che devi mettere un accentata, cosa che non rallenta nulla nella scrittura una volta abituato.

Certo te dici, cosa ti costa tenere la tastiera US e cambiare ad italiana ogni volta sulla base che stai programmando o scrivendo testo ? Intanto prova te ad usare due layout diversi in cui i tasti sono in posizione diverse e dimmi se sei capace, inoltre può essere che programmi e scriva i commenti in italiano per cui mi servono le accentate, quindi no, secondo il mio punto di vista la US resta la tastiera più comoda per un informatico e non voglio sentire ragioni.

Gark121

e niente, ci vuole veramente poca intelligenza a capire che cosa fai con le tue abitudini NON C'ENTRA UNA MINCHI@ con quello che potenzialmente potresti fare se non fossi così deficient3 da pensare che la gente che ha ideato il layout italiano sia masochista.
2 click richiedono più tempo di uno solo. punto. il fatto che te sia abituato "male" non cambia questa legge. sarebbe come se uno venisse a dire che per il salto in alto non importa lo stile di salto usato, importa essere abituati. beh, non è così, e infatti tutti saltano con lo stile fosbury, da 40 anni, perchè è comprovato che sia migliore. così come è comprovato che le tastiere nazionali delle altre lingue siano migliori di quella US quando si scrivono le altre lingue. potrei pure abituarmi a scrivere con solo i pollici volendo, e magari pure riuscire a scrivere decentemente, ma resterebbe dem3nziale dire che è un metodo migliore rispetto a scrivere con tutte e 10 le dita. che invece è quello che fai te. addi0.

Bartolo

Salve a tutti, qualcuno potrebbe dirmi se la Bios è in inglese o il cinese? Grazie

MaddoxX

questo oppure asus k550 con i5hq? devo rimpiazzare asus e206ha

ale

Dipende quanto uno è veloce a fare quei due click, io che sono abituato alla tastiera americana e che quindi non so a memoria la distribuzione dei tasti con le accentate senza guardare la tastiera sono più veloce con quella per esempio.

Gark121

2 click invece di uno non è soggettivo. Punto.

ale

Non è più veloce dipende da persona a persona, io scrivo più velocemente in quanto ho sempre usato tastiere impostate come US international, con una tastiera italiana sono meno produttivo. Ovviamente sono opinioni soggettive, te ti troverai meglio con una tastiera italiana e buon per te, alla fine ognuno usa quel che gli pare, solo non venirmi a dire che per forza l'italiana è universalmente meglio perché dal mio punto di vista non è vero e mi trovo meglio con la US.

Gark121

E che stracazzo c'entra?
Scrivi una cosa, ti si dice che è una c0glionata, rispondi dicendo che invece è giusto e poi ripeti altro.
La tastiera us NON È più veloce di una italiana, non è nemmeno pari, a scrivere in italiano. Punto.
Poi che forse un layout us sia meglio come compromesso se scrivi in 2-3-4-5-1873556 lingue diverse, è qualcosa che non mi interessa approfondire, ma NON È ciò che hai scritto e che ti viene contestato.

MauRusso

si

Raperonzolo

La tastiera è QWERTY?

Nico Ds

Se avessi letto quello che ho scritto capiresti perché la tua conclusione è eristica

Gianni Papera

è un prodotto per Geek e nerd, si presume che persone del genere siano in grado di scrivere senza guardare la tastiera, se non lo sei beh allora che commenti a fare comprati un asus e levati dai maroni...

Gianni Papera

al sole per campare ci vogliono minimo 400 nits

Leon

lo schermo fa molto pena al sole?

ale

L'invio per me non cambia nulla in quanto uso una tastiera italiana e ho solo cambiato il layout via software.

Per me non c'è paragone, e la tastiera US è un buon compromesso, primo perché bene o male scrivo quasi più in inglese che in italiano, e poi il lavoro principale di scrittura che faccio è legato alla programmazione, quindi mi è molto più comoda la tastiera US.

Certo, potrei switchare fra una tastiera e l'altra in base a quello che sto facendo, ma diventa scomodo, trovo molto più comodo fare gli accenti con la combinazione che altro che abituarmi ad usare due tastiere diverse...

Gark121

Ma che test è? Io scrivo a 95 parole al minuto di media, che vuol dire? Ognuno ha una sua velocità di scrittura, che dipende da tante cose, prima fra tutte la "mano" di chi scrive. A pari mano, con un minimo di adattamento, scrivo comunque 5-6 parole al minuto più veloce col layout italiano. E se devo usare anche l'invio diventano almeno 10 parole al minuto, mai capito il senso della forma che ha sul layout us, ma questo è un problema mio che appunto tengo separato.

Le accentate maiuscole onestamente mai capito che problematica siano, tutte le applicazioni dove sono necessarie (mail e documenti ufficiali) hanno l'opzione per mettere la maiuscola automatica da almeno 5 anni.

Gark121

Però le maiuscole le devi scrivere bene É', À' etc

Youngstown

io la comprerei solo per abituarmi nell'attesa di andare via da questo orrendo paese, ma no, la tastiera americana non è assolutamente la stessa cosa e il blog fa bene a sottolinearlo. Non ha senso dire basta imparare una sequenza di tasti, quando nella nostra tastiera c'è un tasto apposta. Ovviamente il problema non è irrisolvibile, ma è molto fastidioso

Marco Javier Mazzini

Come funziona la spedizione da hong kong? ci sono costi di dogana? in quanto arriva? qualcuno ha provato?

Matt Ds

e' a' u' o' , mi piacciono talmente tanto che quando ho una tastiera italiana le scrivo cmq cosi', e sottolineo cosi'

ale

Premere due tasti non è troppo più lento, e poi le lettere accentate sono piuttosto rare, magari sei leggermente più lento per quello ma hai la facilità di raggiungere molti più tasti e questo ti semplifica la cosa.

Se vuoi facciamo un test, io scrivo in genere ad 80 parole al minuto, su un testo in italiano che contiene anche accentate, dimmi te quanto fai con una tastiera italiana.

Fare le maiuscole accentate non è semplicissimo, vedo in giro che molti non lo hanno ancora imparato, tanto più su Windows dove devi inserire il codice ascii premendo alt (almeno su Linux basta che attivi il caps lock e ti fa anche le accentate maiuscole...)

Gark121

la situazione termica cambia radicalmente.
da una parte, il 100% del calore (no, ok, solo quello che passa dalla heatpipe, facciamo il 75%) della cpu passa sopra la gpu.
dall'altra, il 75% del calore va sulla placca in rame, che ne manda il grosso sulla heatpipe dedicata alla cpu, e una parte (diciamo il 20-25% del totale? giusto per buttare un ordine di grandezza) sulla heatpipe della gpu. che essendo simmetrica, manda il 10-12% circa da una parte e il 10-12% dall'altra. ora, da una delle due parti c'è un dissipatore, dall'altra no, quindi in realtà il grosso del flusso di calore andrà verso il dissipatore (che funziona come una pompa, tenendo l'estremità più fredda "attira" il calore, che segue il percorso col maggiore gradiente), e quindi si e no il 10% del calore della cpu va alla gpu. non è minimamente la stessa cosa, anche perchè quando la gpu è sotto stress, quindi è più calda della heatpipe, riceve 0 calore dalla cpu, mentre nello xiaomi continua a beccarselo tutto.

poi che il livello medio dei pc sia disastroso (e non solo per asus, lenovo ormai ha una collezione di m3rda a listino che non ci si crede, non parliamo dell'accoppiata hp/acer).

per l'editing fotografico, non mi sognerei di usare qualcosa sotto i 25", però in mobilità va benissimo anche un 13, perchè appunto sono cose "al volo", non ore e ore di fila a fare regolazioni di fino. la definizione francamente non capisco che problema sia, anzi, grazie a di0 che è "solo" FHD così riesci ancora a vedere l'interfaccia se qualche programma non si adatta....

contando le offerte, allo stesso prezzo, trovi quello che vuoi, basta appunto seguire le offerte. ad esempio fino a qualche mese fa si trovava spesso lo spectre 13 i5 skylake/8/256 (altro pc insolitamente azzeccato da una azienda che mediamente sforna parecchia m3rda...) a meno di 600€ (ad esempio un amico lo portato a casa a 587). ora sono finiti, a breve mi aspetto che il modello kaby cominci a calare.
idem ad esempio l'acer swift 3 (il modello decente, non il fermacarte con schermo HD TN, attenzione, quello anche gratis non lo vorrei XD), spesso si trova in offerta sui 650. ok, non è esattamente uguale come prezzo, ma non è nemmeno esattamente uguale l'avere una garanzia italiana (e comunque i 500€ col cavolo, mancano spedizioni, commissioni, etc, alla fine 550/560 come prezzo reale). e come prodotto è fondamentalmente equivalente, altro che nemmeno lontanamente paragonabile.

alle condizioni di acquisto italiane, imho, è tutto fuorchè best buy, soprattutto questa versione (meno si spende più si è propensi a rischiare, il 12.5" a 400 ci può stare già di più). in cina, ovviamente, il discorso è molto diverso, sia chiaro.

Gark121

no, non è così, sei te che non sai usare la tastiera italiana, è diverso.
scrivere 2 caratteri è indiscutibilmente più lento che scriverne uno solo.
la È non capisco che problema sia. tutti i contesti dove serve (documenti, mail ufficiali, etc) c'è la correzione automatica da un decennio. altrove, È inutile. senza contare che si mette benissimo anche con la tastiera italiana...

quando si è imparato ad arrangiarsi con una tastiera che non è pensata per la nostra lingua, se non si vuole tornare indietro, è masochismo che lascio a voi, oppure sottintende che l'italiano non è una priorità.

Giovanni

nella recensione completa(scritta)dove dice tutto non vedo l'assenza della SD come un punto a sfavore.

ale

Ma è così, io mi sono abituato con la tastiera US international e scrivo veloce tanto come con un italiana, quando ti sei abituato la cosa ti diventa indifferente, io non so più scrivere per esempio con la tastiera italiana, fra l'altro per fare caratteri come 'È' è addirittura più facile che con la tastiera italiana per dire.

Ovvio che ci serve qualche mese per abituarsi ma dopo quando si è imparato non si vorrà tornare più indietro

simo

In quella dell'altro giorno Ric esordisce dicendo che non ridirá le solite cose sul design e sul resto perche é lo stesso prodotto di 6 mesi fa da quel punto di vista. Basta guardarsi quella fattaa novembre-dicembre e lo dice

Giovanni

Mostramelo sulla recensione dell'altro giorno del Mac. Grazie.
Saluti

simo

Vatti a rivedere la recensione dei macbook e dei macbook pro e troverai la stessa lamentela da parte dei recensori

Matteo Cervelli

Nessuna fregatura asus Zenbook UX510 dm242 mi sembra

Vuoi una

MauRusso

mi offri le mele? preferisco quelle di tua sorella la vera sportiva da battaglia altro che lo xiaomi e qui to do ragione! ;P salutamele forte forte

Matt Ds

qui te ne troverei a decine, anche con 940mx (che e' maxwell, cmq, e non pascal) da 2 giga invece che uno solo come lo xiaomi, ma ti ripeto che in italia i prezzi sono notevolmente diversi, i pc disponibili sono molti meno, e non saprei neanche dove cercare - ho fatto una veloce indagine su amazon ita ed effettivamente da 13 non ho trovato niente a quella cifra.

Felk

Il problema è che non esiste un prodotto simile. O sono prodotti usati (che io NON voglio, perché non spendo 700€ per un prodotto con i graffi) o sono prodotti che non sono superiori.
Se mi trovi qualcosa con i5 kaby lake, sensore di impronte, Gpu dedicata (meglio se pascal), ssd M.2 PCI, casse che si sentono bene (e quelle dello Xiaomi lo sono) a 200€ in più, molto probabilmente me lo prendo.

Matt Ds

io te ne posso fornire tante, ma in usa ed in dollari, quindi credo piuttosto inutili per te... in italia non saprei, ma spendere 100/150 euro in piu' per avere schermo migliore, audio migliore, costruzione migliore, dissipazione migliore, tastiera meno approssimativa, e soprattutto batteria migliore, ed assistenza decente, e magari avere i5 a posto di i7 (per il poco che cambia) non mi sembra drammatico.

Felk

Sarà, ma le pecche, per quel che costa, io non le trovo.
Son 4 mesi che chiedo delle valide alternative e nessuno è in grado di fornirmene una.
Chi parla di prodotti usati con graffi, chi propone ultrabook che costano di più con delle caratteristiche più scadenti, chi parla di prodotti senza GPU dedicata ecc...

Matt Ds

prefeirsco di gran lunga l'assenza di una usb C, a quella della SD, anche se entrambe non dovessi usarle mai; detto cio', non sono certo la mancanza di SD o la presenza ti type-c le pecche di questo xiaomi, ma delle sue mancanze ti ha gia' detto tutto il sempre inappuntabile e perfetto Gark

Felk

Beh, dipende. Personalmente della SD non me ne faccio niente. Mai usata e per quello che faccio io, non la userò mai.
Ma chi compra un prodotto che si rivolge al mercato pro (e lo Xiaomi come qualsiasi altro prodotto di questa fascia non fa) la SD deve essere categorica averla.

Matt Ds

il macbook non ha scusanti, ma nessun altro prodotto senza sd ne ha: semplice. quanto al fhd, non e' certo un problema - mi potresti dire che e' patetico fare editing su 13", quello si.

Felk

Già, ti voglio proprio vedere fare editing su un display FHD.
Comunque in questo caso, per un prodotto NON pro (come invece dovrebbe essere il macbook) un piccolo adattatore ci può anche stare.

Matt Ds

uso quotidianamente cpu U e cpu HQ per editing fotografico, con e senza aiuto di GPU, e photoshop, gimp, lightroom, capture one, nik standalone (per dire solo di alcuni sw che uso - tra i piu' esigenti), file arw da 24mpx in genere, non roba da telefono, e non fanno (quasi) nessuna differenza sull'uno e sull'altro processore. I processori U i5 ed i7 sono piu' che adeguati ad editing fotografico anche discretamente impegnativo. ed anche video, senza pretese holywoodiane. quindi, si, la SD puo' essere essenziale.

Matt Ds

ah, ecco, mi pareva troppo buono per essere vero... classica trappola da volantino

Felk

Nello Zenbook, le due heatpipe sono collegate, lo scambio di calore c'è comunque e questo non penso sia in discussione. L'ingegnerizzazione è migliore rispetto a quella del Mi Notebook, ma anche il quel caso lo scambio di calore c'è (quindi bene o male, la situazione non cambia più di tanto). In più, il blocco in rame non è neanche a contatto con la scocca, per cui...
Per Asus, ho notato problemi in qualsiasi ambito, dal comparto PC a quello mobile.
È scesa abbondantemente di qualità e questo penso sia inconfutabile.

Per l'editing fotografico, non mi sognerei mai di utilizzare un 13" fhd. Almeno un 15" e sicuramente qualcosa di più definito.

Comunque son curioso di vedere se nella versione kabylake hanno modificato qualcosa. Resta il fatto che allo stesso prezzo non c'è niente di lontanamente paragonabile.

Gark121

Assistenza di tablet e pc sono separate, per quasi tutti i produttori. L'assistenza mobile di asus è una merd@, non si discute...

Il motivo per cui nessuno che capisca qualcosa di PC parla per marche, ma piuttosto per prodotti. Un asus serie k dentro è un abort0 di scotch, viti a caso e componenti non protetti ad esempio. Ma non è il caso dello zenbook di cui sto parlando io. Pensa a lenovo se vuoi, le serie IdeaPad fatte col cul0 e i thinkpad che dopo 10 anni sono ancora perfetti.

La parte sulla dissipazione, per favore, lascia perdere. Si vede che non sai di che stai parlando, e non è un problema (mica tutti dobbiamo sapere tutto, ad esempio io di economia e finanza sono una capr@ mediamente...), lo diventa nel momento in cui il tuo interlocutore invece è un ingegnere e di trasmissione del calore nella vita ne ha ha studiata fin troppa... Faccio un breve discorso. Sullo xiaomi, il calore della cpu passa dalla gpu e poi va sul dissipatore. Nello zenbook, ci sono 2 heatpipe, una che parte dalla gpu, e va ad una ventola, e l'altra che parte dalla cpu e va all'altra ventola. Le due si incontrano su un blocco di rame (che è più largo della cpu) in modo che entrambe le heatpipe contribuiscano a dissipare entrambi quando uno dei due è molto più caldo dell'altro. È un design molto migliore (ancora meglio sarebbe avere le due ventole al centro e i due componenti caldi ai lati, uniti da un unica heatpipe) di quello scelto da xiaomi a livello termico. Tra l'altro permette di mettere la gpu verso i tasti vcb e non sotto i 4 tasti usati da ogni gioco del mondo: wasd.

Editing fotografico e rendering non sono la stessa cosa. Photoshop e lightroom girano senza alcun problema qui sopra. Non altrettanto un Cad o un software di montaggio video se usati in modo professionale, ovviamente.

Detto questo, stai pure tranquillo, il tuo chinacoso non te lo tocca nessuno.

Roxer

Si ma guarda ho capito che c'è il tasto in meno <> e lo so, ma stavo discutendo perché da qui a dire che bisogna ricordarsi i tasti a memoria mi sembra una cavolata dato che di per ci sono tutti i simboli. Poi che magari le accentate e il resto possa essere più macchinoso è vero (ma una volta presa la mano diventa più comodo imho) però ad esempio io posso fare la "È" maiuscola mentre con il layout italiano no. Magari si è più "lenti" da una parte ma si ha più versatilità dall'altra :)
Per il resto sono d'accordo con te, discutere delle differenza di layout è più di nicchia :D

Rapidashmarino

il problema è che non c'è la garanzia xD

Android

Wiko Wim Lite, meglio di Wim a 200 euro meno | Recensione

Recensione Umidigi Z1 Pro: gran batteria e display AMOLED in meno di 7mm

Alta definizione

TCL P60: ANDROID TV con tecnologia 4K e HDR a meno di 800 euro | Video

Hardware

Recensione Surface Pro Core i5 e Core i7: fanless è meglio