Il primo drone con tecnologia Intel RealSense in preordine a 1900$

23 Giugno 2016 8

Intel ha investito decine di milioni di euro sulla Yuneec, società che realizza droni e sfrutta adesso i suoi chip per governarli al meglio. Non solo processori, l'ultimo e atteso Typhoon H integra al suo interno la tecnologia RealSense, quindi possibilità di volare e affidarsi al riconoscimento degli spazi circostanti per evitare ostacoli e riconoscere tanti elementi.

La videocamera RealSense R200 è spinta da un processore Atom, la prima montata su un drone consumer, non manca poi il GPS con cui s'interfaccia costantemente e la funzione 'follow me' (tra le tante altre) che permette gli permette di seguire i protagonisti della scena in assoluta libertà.

La videocamera principale, quella dedicata alla registrazione video, può ruotare di 360° e vanta un gimbal a 3 assi con sistema anti vibrazione CG03+: il sensore d'immagine scatta foto a 12.4 MP, cattura filmati in 4K a 30fps e trasmette live al controller in HD a 720p. Quest'ultimo vanta un sistema Android e un display da ben 7 pollici, può controllare il Tiphoon H fino a 1.6 km di distanza.

Il drone è un exacopter con 6 eliche ripiegabili per facilitare il trasporto, ma non lo vedremo in azione prima di 4 settimane visto che i preordini si sono appena aperti. Per portarcelo a casa serviranno ben 1900 dollari (1676€ circa).

Spendere poco per avere tanto? Huawei P9 Lite, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 184 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TheAlabek

Sei un esperto vedo!

Nax

Più motori significano anche più spinta e di conseguenza la possibilità di appesantire il drone, in questo caso mettendo batterie più grandi.
Inoltre dipende da veramente tanti fattori: assorbimento del motore, diametro dell'elica, velocità, peso del drone, ecc.

LaVeraVerità

Il tuo discorso è troppo semplicistico. L'autonomia di volo di un drone non è in relazione diretta con il numero di motori. Per semplificare il ragionamento considera che ad uno "sforzo" maggiore per tenerlo in volo corrisponde un consumo maggiore e se è vero che un numero maggiore di motori aumenta il consumo è altrettanto vero che il lavoro che ogni singolo motore deve fare per sostenere il peso è inferiore, quindi lo è anche il "consumo per motore".

Rik Bon

Dei multicotteri di Yuneec, l'unica cosa che proprio non mi piace é il controller

Rik Bon

Su esacotteri e comunque multicotteri di grandi dimensioni (da 600mm di diagonale in su) si montanto i cosiddetti motori slowrun, che in accoppiata ad eliche più grandi del normale, garantiscono un autonomia che con motori "standard" sarebbe utopia.

Un phantom, per esempio, monta motori da 920 rpm/V, questo sicuramente qualcosa di meno performante ma con consumi minori.

Anse

Tanta roba

Extradave

Addirittura un esacottero... Quello che mi ha sempre lasciato perplesso di questi aggeggi è proprio l'autonomia... Già quelli con 4 eliche hanno un'autonomia ridicola... Con questo decolli e atterri e basta?

The Fabsav

Ottimo prezzo

Windows

Microsoft Surface Pro 2017 è ufficiale: la nostra video anteprima

Android

Recensione Sony Xperia XA1: equilibrato in tutto meno che nel prezzo

Samsung

Galaxy J5 e J7 (2017) mostrano un lato B diverso dal solito

Recensione Chuwi Hi13: display 3K e Apollo Lake a 310€