Noor1, in funzione la più grande centrale solare del mondo in Marocco

17 Febbraio 2016 155

Costata 9 miliardi di dollari e basata sul principio del solare termodinamico, la centrale marocchina situata nei pressi di Ouarzazate - la più grande al mondo - è diventata operativa per la prima volta lo scorso 11 Febbraio: 500.000 specchi sviluppati su 24 chilometri quadrati hanno generato 160 megawatt di energia pulita e rinnovabile.

La centrale, in costruzione da Maggio 2013, vanta un innovativo sistema termodinamico che garantisce una produzione di energia elettrica ininterrotta per 20 ore al giorno; l'irraggiamento solare non viene convertito direttamente in corrente tramite pannelli fotovoltaici, ma è invece utilizzato un sistema di condotte contenenti fluidi che raggiungono temperature di oltre 500°. I sali fusi contenuti in esse azionano una turbina a vapore in grado di generare corrente fino a 3 ore dopo il tramonto.

Dopo Noor1, Noor2 e Noor3 completeranno l'impianto e i lavori dovrebbero terminare nel 2018. A quel punto, ricoprendo una una superficie di 3000 ettari la centrale fornirà energia sufficiente per oltre un milione di abitazioni e l'obiettivo del governo marocchino è di ottenere il 42% di energia da fonti rinnovabili entro il 2020

Uno smartphone che sorprende? Wiko Ridge, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 159 euro.

155

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Zin@

Su questo, concordò con te ... Ma c'hai pensato tu per spiegare tutto. E a questa l'utilità di queste discussione, ogni uno complementa l'altro nel rispetto ... complimenti
Ciao

Mauro Corti (Sbabba)

Verissimo, però lo stesso non si può dire per la frase che lascia intendere l'uso di sali fusi direttamente in turbina :D

Mauro Corti (Sbabba)

Perché nessun componente fatto di materiali meccanici riciclati viene realizzato interamente di materiali riciclati. La percentuale varia da metallo a metallo, ma non è mail il 100%, perché le caratteristiche meccaniche nel caso di riciclo al 100% non sono le medesime che nell'altro caso.

italba

Mentre invece le centrali termoelettriche sono eterne, vero? Gli oleodotti, i pozzi, le raffinerie una volta costruite durano per sempre, non è così? Ad ogni modo i pannelli solari, se riesci a leggere tutta la frase è meglio, si possono benissimo riciclare.

Se un'energia che costa zero perde qualche punto percentuale di efficienza quanto ci rimettiamo? ZERO! Inoltre, se i Cinesi hanno già costruito una linea di 2000 Km, perché in Italia non se ne dovrebbe poter fare una da 1000? Riguardo ai "cavi che fanno male", ti dispiacerebbe dirci che malattie procurano e quante persone ne sono morte? Perché di inquinamento causato dai combustibili fossili ne muoiono parecchie... Per finire forse non sai che gli elettrodotti moderni ad alta tensione si realizzano in corrente continua (NESSUNA emissione elettromagnetica) e che, vista la conformazione dell'Italia, possono passare anche sotto il mare, già ne passa uno da 500 KV tra l'Italia e la Sardegna.

xyzkkk

1) perchè hanno una vita utili di 20-25 anni e la SPAZZATURA dopo bisogna rimuoverla e SMALTIRLA!
2) Hai mai sentito di perdita di efficienza? Sai che i cavi con grandissime correnti/voltaggi fanno male alla salute? (ma davvero, mica le scie chimiche)

italba

1) E perché mai dovresti smantellarlo? Ad ogni modo è vetro per il 99.9%, si può benissimo riciclare.
2) Mai sentito parlare di elettrodotti? Quello tra Xiangjiaba e Shanghai è lungo 2000 Km e trasporta 7200 MW!.

giot

Non trovo scritto da nessuna parte 360 milioni, trovo solo i 9 miliardi che costa l'intero progetto.

xyzkkk

100kmq non sono dicerto poco, soprattutto perché c'è un problema che nn é stato ancora risolto: Lo smantellamento del fotovoltaico.
Oltretutto non é flessibile, molto meglio l'eolico.

E soprattutto come pensi di portare al nord la corrente prodotta al Sud?

xyzkkk

Cmq la nebbia scompare con l'inquinamento. Al nord basterebbe fare le dighe e qualche centrale nucleare come in Svizzera (55% idro, 45% nucleare)

Zin@

Www_masen_org_ma.

Zin@

E dopo l'inaugurazione di NOOR 1 hanno fatto via alla costruzione di NOOR 2 e NOOR 3 .

Zin@

Scusami, forse non mi sono spiegato bene : i miliardi sono il costo del progetto completo ( composto di NOOR 1, 2 , ....
Quello di cui stati discutendo è la prima tranche di NOOR 1 che ha entrata in funzione la prima settimane di questo mese e l'ha costituita una azienda di nome ACQUAPOWER . e ha costato cerca 380 mln € + o - non sono securo della cifra precisa
Tutto ciò è un fatto ... Non so deci wikipedia .mi dispiace

giot

L'articolo dice 9 miliardi, wikipedia dice 4,5 miliardi, tu dici 360 milioni. Mettetevi d'accordo.

Zin@

Hai ragione . ma non ha inventato niente xche l'articolo parla della prima tranche di NOOR 1 . ma la foto è di NOOR 2

Zin@

Complimenti , sottoscrivo con il suo permesso

Zin@

No, sono solo 360mln€ ( si mi ricordo bene ) xche si tratta solo della prima tranche del progetto complessivo che comprende NOOR 1 NOOR 2 NOOR 4 NOOR 5 e costeranno 9 mld ...
E NOOR 1 non è ancora finito e produrrà 280 MW

CAIO MARI

Purtroppo non ci sono ancora le condizioni per il boom dei rinnovabili ma sembra che la produzione stia aumentando anno dopo anno

Martin #CapoPotato

Ni, punteranno al turismo molto probabilmente

franky29

sempre meglio del petrolio o del carbone

Gef

Le centrali nucleari finché non si raggiunge la fusione saranno purtroppo negative per via della produzione di scorie.

axoduss

Non sto facendo polemica, ho fatto solo una considerazione. Nonostante siano anni che si lavora a centrali solari (30 per le termodinamiche), l'efficienza è ancora bassa. Una normale centrale turbo gas in 40.000mq può produrre 400MW, per non parlare delle centrali nucleari (caorso era da 860MW). Spero vivamente che la situazione cambi

ellios76

verrano nuovamente inghiottiti dal deserto

Virkash

E comunque siamo arrivati secondi in Europa e terzi nel mondo, quindi il problema qual è?

italba

Si, di "benaltrismo" c'è n'è sempre da vendere... Ci sono delle zone all'interno della Sicilia virtualmente desertiche, se ci metti qualche pannello solare non rovini un granché. E poi ce ne sono tante di zone degradate o non utilizzabili per l'agricoltura, per l'intero fabbisogno energetico italiano basterebbero 100 Km². Sono 10Km x 10, per la natura ce ne resta abbastanza!

ice.man

ti hanno fatto un bel lavaggio del cervello: fonti del GSE pasqua e pasquetta 2015 TUTTA l'Italia ha funzionato SOLO con fonti di energia rinnovabili. Quindi se è vero che oggi non è pensabile di spegnere tutte le centrali, è anche vero che aumentando l'installato di rinnovabili se ne puo ridurre il numero, magari iniziando col chiudere quelle piu vecchie e inquinanti
Da notare che il sistema a sali usato nel progetto noor permette di continuare a produrre energia elettrica anche nelle ore notturne (la continuità produttiva è il limite principale di molte rinnovabili)
Ovvio che non ha senso fare distese di fotovoltaico sui fertili terreni agricoli della Pianura Padana (che tra l'altro a causa dell'inquinamento e della conseguente nebbia, in inverno funzionano si e no al 10%)

xyzkkk

La Tettoia è del privato, tappezzare un monte si chiamo ECOMOSTRO.
Si farebbe con i soldi delle tasse e sarebbe assolutamente inutile e costoso, visto la resa.

Investirli in case di classe A sarebbe più saggio

xyzkkk

Tu ti ILLUDI che mettere il fotovoltaico SOSTITUISCA il petrolio?
Per favore non regaliamo i nostri soldi ai politici per fare ECOMOSTRI assolutamente inutili

AllBlack

Naturalmente molto meno,ma vi ricordo che io non ho mai scritto che gli incentivi non fossero utili,ma solamente che sono inferiori(e in questo momento inesistenti) rispetto agli altri paesi europei.

AllBlack

Fidati che non è così.

AllBlack

Solo perché gli italiani(che possono) ne hanno capito i vantaggi.

AllBlack

Non è il mio caso(e quello di alcuni amici).

gioka

ahah si.. ma anche l'idrogeno non è corrosivo mentre qualcosina HCl fa ;) e il cloro da solo è altamente tossico mentre con il sodio no..si usava sodio puro non NaCl :)

Pierantonio Durante

Per questo i pannelli si mettono sul tetto e non nel giardino...

Pierantonio Durante

Non capisco su cosa stai polemicando, 24kmq non sono poi tanti, e 160 mw so parecchi, parliamo di quasi 55mila case (3kw l'una), che in una media pessimistica sono 150000 persone

italba

Il cloruro di sodio, per esempio, tanto tossico non è...

gioka

Si si ce ne sono diversi funzionanti. A memoria, mi sembrava di ricordare che in passato si fossero usati fluidi a base di sodio che é tossico per l'uomo (i vapori e anche lo stato puro dell'elemento in se) ma non dannoso per l'ambiente

Elias Koch

quella proposta é una stima, le superfici specchiate possono anche avere un coating antifregio che porterebbe ad una pulizia tramite aria compressa senza venir danneggiate

italba

Considerando il costo del petrolio e del gas che non bruci i soldi li risparmi!

italba

Perché, a far da tettoia ad un parcheggio i pannelli solari fanno così schifo?

italba

No, i sali sono molto poco tossici, Rubbia qualche tempo fa parlava addirittura di fertilizzante! Quelle tossiche erano la generazione precedente, ad olio. Se non sbaglio ce n'è una in Sicilia ed un'altra in Spagna già funzionanti.

Elias Koch

ma infatti questi sono specchi, il sistema indirizza la luce riflessa su un punto che accumula calore, i pannelli neri sono quelli fotovoltaici

Maurizio Mugelli

il problema e' che la maggior parte dei deserti sono in una posizione un po' scomoda per fare poi arrivare l'energia dove verra' usata.
problema risolvibile ma servono investimenti non da poco, difficile farli competere con l'attuale ridottissimo costo del petrolio.

ice.man

ma tu scrivi solo per consumare la tastiera o hai consapevolezza di cosa scrivi?!?!?!
La Basilicata è deturpata da obrobri di centri petrolchimci e raffinerie, che non solo deturpano il territorio, ma pure la salute degli abitanti.
mica propongo di tappezzare il Cervino, ma quai monti che danno sulla piana ahimè già deturpata piana di Mataponto non sono certo circondati da turisti che ne ammirano il profilo caratteristico

xyzkkk

Giusto, rempiamo il paesaggio con il fotovoltaico per far arricchire i comuni e poi scoprire che non c'è abbastanza sole per utilizzarlo (e ripagarlo) e PERDERE il turismo.
Il fotovoltaico va bene là in mezzo al deserto, come l'eolico va bene in mezzo al mare del nord, dove il vento è forte e costante e le pale non disturbano nessuno.

Ma tanto paga pantalù con le tasse, quindi a te cosa interessa?

axoduss

"The design uses wet cooling and the need to regularly clean the reflectors means that the water use is high — 1.7 million m3 per year or 4.6 liters per kWh"

axoduss

sto parlando di efficienza di conversione. E' noto che l'irradianza a terra sia circa 1kW/mq, fatti i tuoi conti su 24kmq. Il terreno desertico, comunque, non è che non serve a niente e pensare di ricoprirlo interamente di specchi è una sciocchezza

ellios76

Aiutami a capire perché? Il vetro lo puoi fondere quante volte ti pare, non c'è nessuna dispersione di materiale durante la lavorazione, idem per il ferro, etc etc

Rocky

Da noi la terra costa di più, soprattutto quella pianeggiante. In Marocco hanno il deserto improduttivo.

Rocky

160 MW di picco, con una produzione complessiva annuale di 370GWh.

Mauro Corti (Sbabba)

Niente è riciclabile all'infinito.

HDblog @ COMPUTEX 2016: live blog continuo dalla fiera #hdblogcomputex

Ninebot Mini Pro, più autonomia e velocità: la nostra recensione

Android

Lenovo Moto G4 & G4 Plus: la nostra recensione

Apple

Apple Macbook 2016: la nostra recensione