Project Natick, Microsoft mette i data center sotto l'oceano | Video

01 Febbraio 2016 156

Microsoft sta testando un prototipo di data center che può operare a centinaia di metri sotto la superficie dell'oceano, limitando il bisogno di una delle tecnologie più costose del settore: gli impianti di raffreddamento. I data center moderni - gli archivi digitali di tutti i video, le email e i siti web che popolano internet - contengono centinaia di server che producono notevole calore. Così tanto calore che Microsoft per mantenere i suoi 100 data center in giro per il mondo spende 15 miliardi di dollari in manutenzione.

Il rocambolesco progetto di Microsoft, nome in codice "Project Natick", ha già raggiunto risultati positivi: una prima cabina prototipale, battezzata "Leona Philpot" (una personaggio del video game "Halo") ha resistito 105 giorni a 10 metri sotto il livello dell'acqua, vicino le coste della California. Il progetto finale prevede cabine ancorate al fondale marino o sospese sotto la superficie dell'oceano con turbine che catturano l'energia delle correnti marine.

I data center che reggono le fondamenta dei servizi cloud oggi largamente disponibili richiedono molta potenza di calcolo e necessitano di un sistema di raffreddamento per ridurre l'eccessivo calore generato. Altre soluzioni "naturali" al problema sono già state adottate da altre big della Silicon Valley che hanno costruito i loro data center nei paesi nordici per sfruttare i loro clima rigido. Google è invece già a lavoro su un sistema simile, con data center galleggianti su enormi chiatte alimentati ad energia idroelettrica.

Secondo Microsoft, l'acqua oceanica, in media più fredda dell'aria ambientale, potrebbe abbattere i costi degli impianti di aria condizionata. La vicinanza degli oceani alle città dove risiede la maggior parte degli utilizzatori dei servizi cloud potrebbe inoltre comportare un'aumento della velocità di fruizione di tali servizi. A detta gli esperti Microsoft, per mettere in piedi un data center sottomarino servirebbero solo 90 giorni, contro i due anni oggi necessari.

Non mancano all'orizzonte molti ostacoli che i ricercatori di Microsoft tenteranno di sovrastare. Uno tra tutti la difficoltà di manutenzione da parte di operatori umani: per questo motivo le capsule dovrebbero essere in grado di rimanere al 100% operative senza manutenzione diretta per almeno 5 anni. Non mancano interrogativi sull'impatto ambientale che un'operazione del genere potrebbe comportare, soprattutto riguardo il riscaldamento dell'ambiente marino.

Secondo i primi test condotti da Microsoft, le capsule genererebbero solo un "quantitativo estremamente piccolo" di calore, poiché l'energia che utilizzano è quella delle correnti marine e non ci sarebbe nessuna dispersione di calore, a parte quella legata alla conversione dell'energia. I ricercatori dell'azienda hanno anche registrato con sensori acustici che il ticchettio delle testine dei dischi e il fruscio delle ventole è sovrastato dal rumore di un singolo gamberetto che nuota vicino la capsula.

Top gamma Sony al gusto prezzo? Sony Xperia Z5 è in offerta oggi su a 410 euro oppure da ePRICE a 509 euro.

156

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Underteo

guarda che sei tu che non hai capito l'ordine di grandezza... hai una minima idea della quantità d'acqua sulla terra? ha una minima idea di quanta energia fornisce il sole? prendi questi due dati e capirai quanto sono folli le vostre teorie ;)

FabX

il problema è che non stai vedendo la cosa nell'ordine di grandezze che potrebbe assumere nel tempo .. non è qualche cpu ma qualche migliaio di data center che potrebbero sorgere nel tempo e che potrebbero alterare anche se di 0,5 gradi il delicatissimo ecosistema marino...

R2-D2

A parte che non è che sei tu natante quello da tutelare, hai detto tutto con "non te ne frega niente" , il che è ben diverso da "il danno ambientale è irrilevante" da cui eri partito...
Però su questo concordo.. Non è che piazzare server sul fondo del mare non faccia danni rilevante e che la gente è incivile e se ne sbatte...
E ripeto: può anche essere una cosa buona rispetto altre soluzioni, però serve una valutazione ambientale per valutare...

L'impiego massiccio è riferito ai data center che occorreranno in futuro...

Underteo

Lol... Io direi di si.... La corrente risparmiata sarebbe tanta e dato che la corrente non si crea dal nulla è sicuramente un passò avanti

Luca

Sbagliato, i fattori in gioco sono altri e ovviamente non trascurabili. Quantità massiccia? Quantifica.
Del bacino o l'oceano poco mi importa, non è di questo che sto discutendo... Senza contare che un bacino (isolato ovviamente, altrimenti è come se fosse in mare aperto) non offre una corrente in grado di mantenere costante la sua temperatura, non offre moto ondoso per il recupero di energia e andrebbe comunque riempito causa evaporazione.
Cavolo, non bisogna essere geni per arrivarci... Ah scusa...

CAIO MARI

mai io mi chiedo, con tutti i disastri ambientali che abbiamo, c'è necessità dei server in mezzo al mare?

R2-D2

Sicuramente è errato altrimenti i mari non avrebbero aumentato la propria temperatura negli ultimi anni e non esisterebbe il riscaldamento globale...
Qui si tratta solo di capire quanto questa tecnologia, se impiegata in quantità massiccia, può influire sul lungo periodo sull'ecosistema.
Quanto, non se... O adesso vi insegnano che il calore "sparisce" ?
Che poi fosse solo questione del calore (che alla fine su terra o in acqua viene generato)
Quindi caro scienziato, ripeto la domanda...
Perché in mare e non in un bacino ad hoc dove i danni sarebbero contenuti e la natura un po più rispettata?

Underteo

ma perchè dovete parlare di argomenti di cui non conoscete manco le basi?
apri un qualsiasi libro almeno per capire di che ordini di grandezza si sta parlando, e seconda cosa prima di parlare di disastro ambientale magari dai una pensatina a che governi lascerebbero creare disastri mondiali nelle proprie acque territoriali...

non dico di parlare conoscendo l'argomento dato che sembra impossibile, ma almeno applicare una logica basilare non sarebbe male

Tizio Caio

di cosa sarei fan? sentiamo sono curioso :)

Luca

Un pronostico in Joule? Per essere un ingegnere ti caccio fuori l'andamento della temperatura dell'oceano in relazione alla produzione di calore all'interno del data center... Ed essendo questo posto in un ambiente ipoteticamente infinito, in moto e ipoteticamente a temperatura costante sai qual è il risultato? COSTANTE.
Chiedi pure ad altri ingegneri.

Matt7even

Centra centra

R2-D2

mettilo in acqua ma non nel mare...
per essere un ingegnere comunque sei un po troppo superficiale nelle tue analisi...
A dir il vero di escursione termica qualcosa ne so.. diciamo che ho fatto qualcosa di più di un corso...
vatti a vedere i sistemi di raffreddamento dei data center poi prova a fare un pronostico in joule...magari ti rendi conto..

Luca

Ehm, sai leggere? Non ho usato il termine "catastrofico" per caso...
Inoltre i tuoi numeri non hanno valore se non li rapporti alle conseguenze... Un consumo è una cosa, ciò che ne consegue un'altra... Inoltre non ho detto che l'impatto ambientale non va valutato, il "non è da considerare" è da contestualizzare proprio in relazione agli impatti... Che palle dover spiegare ogni volta ciò che si scrive...
Parli troppo in termini assoluti e questo non va bene... Un accendino ti ustiona, il mare non ne risentirebbe affatto... Dove lo dobbiamo mettere sto accendino? Se sulla tua mano sarebbe un problema, se nel mare no... Parli di variazioni, devi quantificarle queste variazioni... Divertiti con un bel corso di fenomeni di trasporto, poi ne riparliamo ;)
Trasporto di energia con calori specifici diversi in moto conduttivo... Al data center sommerso sarebbe una manna dal cielo, il mare non ne risentirebbe per niente...

CAIO MARI

che c'entra Apple con il mio discorso?

CAIO MARI

l'effetto serra è fondamentale per la vita sulla terra, come lo sono l'acqua e il campo elettromagnetico terrestre, noi stiamo alterando alcuni valori con le nostre emissioni e il nostro inquinamento (anche la cementificazione e la deforestazione modificano il clima: nelle regioni ricoperte da foreste piove di più perché l'ecosistema è più umido), i quali si ripercuotono su tutto l'ecosistema

Matt7even

Scusa Marioz, ti ho toccato la Apple, scusami davvero, ora continua pure ad continuare ad avere ragione

DarkZoro

Se non lo sapessi Marioz la terra ha un atmosfera intorno ad essa, se fosse come dice lui tutto il calore verrebbe disperso ed il calore ottenuto con l'irraggiamento viene trattenuto ugualmente in condizioni normali perchè questi gas serra esistono già in una certa quantità nell'atmosfera e aiutano a mantenere il delicato equilibrio termico della terra. Il problema è che i gas serra in eccesso fanno sì che questi raggi entrati a onda corta diventano a onda lunga e vagano e non venendo tutti assorbiti dalla terra continuando a girare per l'atmosfera ripetendo il processo e generando calore.
Poi fa il suo giuoco anche il calore emanato dalla terra stessa che permette agli oceani di non diventare blocchi di ghiaccio insieme allo strato di ghiaccio superiore che aiuta a mantenere la temperatura interna. Infine è certo la terra dissipa continuamente il calore verso lo spazio ma intervengono meccanismi complessi proprio come l'effetto serra a regolarne la temperatura.

DarkZoro

Se non lo sapessi Marioz la terra ha un atmosfera intorno ad essa, se fosse come dice tu tutto il calore verrebbe disperso ed il calore ottenuto con l'irraggiamento viene trattenuto ugualmente in condizioni normali perchè questi gas serra esistono già in una certa quantità nell'atmosfera e aiutano a mantenere il delicato equilibrio termico della terra. Il problema è che i gas serra in eccesso fanno sì che questi raggi entrati a onda corta diventano a onda lunga e vagano e non venendo tutti assorbiti dalla terra continuando a girare per l'atmosfera ripetendo il processo e generando calore.
Poi fa il suo giuoco anche il calore emanato dalla terra stessa che permette agli oceani di non diventare blocchi di ghiaccio insieme allo strato di ghiaccio superiore che aiuta a mantenere la temperatura interna. Infine è certo la terra dissipa continuamente il calore verso lo spazio ma intervengono meccanismi complessi proprio come l'effetto serra a regolarne la temperatura.

DarkZoro

Se non lo sapessi Marioz la terra ha un atmosfera intorno ad essa, se fosse come dice lui tutto il calore verrebbe disperso ed il calore ottenuto con l'irraggiamento viene trattenuto ugualmente in condizioni normali perchè questi gas serra esistono già in una certa quantità nell'atmosfera e aiutano a mantenere il delicato equilibrio termico della terra. Il problema è che i gas serra in eccesso fanno sì che questi raggi entrati a onda corta diventano a onda lunga e vagano e non venendo tutti assorbiti dalla terra continuando a girare per l'atmosfera ripetendo il processo e generando calore.
Poi fa il suo giuoco anche il calore emanato dalla terra stessa che permette agli oceani di non diventare blocchi di ghiaccio insieme allo strato di ghiaccio superiore che aiuta a mantenere la temperatura interna. Infine è certo la terra dissipa continuamente il calore verso lo spazio ma intervengono meccanismi complessi proprio come l'effetto serra a regolarne la temperatura.

CAIO MARI

no disperde il calore in giorni/mesi/anni, non in secondi, e gli ambienti marini sono molto influenzati dalle temperature

Matt7even

Qundi mi stai dicendo che, se faccio bollire l'acqua essa bolle per sempre?! Eureka!!!!

CAIO MARI

se caldi l'acqua anche in piccole quantità modifichi le correnti marine e la fauna che vive in quelle zone, anche 0,5 gradi in media sono enormemente dannosi

Underteo

non confondere banane con ornitorinchi...
il motore a scoppio pur lavorando a centinaia di gradi NON scalda l'aria in senso generale!!!!!!!!!!!!
il motore a scoppio produce anidride carbonica, polveri sottili ecc che interferiscono con il naturale smaltimento della luce solare e quindi il noto riscaldamento globale...

se raffreddi delle cpu con l'acqua oceanica NON scaldi l'acqua se non una quantità infinitesimale facilmente smaltibile e non ci sono polveri prodotte o altro...

inventiamoci altri esempi un tantino piu vicini a questo

CAIO MARI

l'acqua non disperde il calore, lo accumula, l'atmosfera invece lo disperde nello spazio, per quello i gas serra sono pericolosi, perché non fanno disperdere nello spazio il calore accumulato con l'irraggiamento

CAIO MARI

l'acqua non lo disperde, lo accumula, l'atmosfera invece disperde nello spazio la maggior parte del calore, i gas serra invece tengono a trattenere il calore

R2-D2

OMG
Lo hai visto sui pirati dei caraibi?
Le navi non sono più di legno colorate con la porpora.. I pesci ci vanno ma l'ambiente è veramente dannoso anche solo per le sostanze disperse... È anche provato (ce n'era davvero bisogno?) che danneggiare i fondali fa crollare l'ecosistemae non è neanche una questione soggettiva... Inoltre non so se hai presente quanti Titanic puoi stoccare in un data center viste che per ognuno si parla di almeno 30.000 mq...
Inoltre devi tenere conto che anche se serve più energia per scaldare l'acqua 3.200.000kw/h annui che girano in server generano comunque delle variazioni... E ho fatto un esempio di 1 data center...

Perché non sfruttare il moto ondoso e creare un bacino a parte per raffreddare?
Renderebbe felici tutti se non per il fatto che scavare costa...

PS "L'impatto ambientale non è da considerare" invece va sempre valutato... Non importa se stai buttando una carta per terra, costruendo i grattacieli o facendo brillare montagne... L'impatto ambientale va sempre studiato e valutato.

SapphireHunter

La stronzata l'hai detta, ma eri consapevole di non sapere e non ti sei messo a fare il saputello di turno, e ciò è segno d'umiltà.
Ti posso consigliare il film "Una scomoda verità", se vuoi saperne di più.

Norman Tyler

perché hanno molto tempo per concepire ste idee brillanti in quanto aspettano che il posto di lavoro li investa per strada mentre pensano ( nel frattempo aspettano che quelli che lavorano producano quello che desiderano a prezzi che anche loro , o papa' , si possa permettere )

Luca

Le variazioni della temperatura ambientale esistono da sempre anche senza un impatto del genere, è impensabile credere che un ecosistema venga distrutto per qualcosa che già accade naturalmente... Inoltre se proprio vuoi parlare di temperatura un conto sono le condizioni al contorno, un altro all'infinito... Per condizioni al contorno intendo un volume che in quel contesto è infinitesimo e quindi trascurabile... Non escludere che un ecosistema non ne possa nascere intorno, guarda cosa si crea intorno ad un relitto, eppure rispetto a questo si potrebbe considerare un evento catastrofico...
Tieni a mente un'altra cosa, il calore specifico dell'acqua è circa 4 volte maggiore del calore specifico dell'aria...
L'impatto ambientale non è da considerare, per gli altri fattori non mi esprimo, se la manutenzione, costruzione e quant'altro convenga o meno sono ragionamenti che vengono fatti in fase di progettazione, non sta a noi giudicarli...

R2-D2

Certo, su questo non discuto... Anche sfruttare le maree come fonte di energia certamente è una nota fortemente positiva... La questione è la salvaguardia dell'ecosistema dove anche un paio di gradi o la semplice variazione del fondo marino può arrecare danni enormi soprattutto se per posa e manutenzione si utilizzano imbarcazioni in modo costante...
Per questo se un singolo test da esiti positivi mi rimangono dubbi sull'impiego su vasta scala..
Oggi parliamo di Microsoft, che è una delle meno attente in ambito ambientale di questo settore (insieme ad Amazon ed altri) ma se l'idea è economicamente conveniente potrebbe essere solo la prima di molti...
Insomma un po di domande forse è il caso di farsele...

ale

Usare acqua per raffreddare non è la stessa cosa ? Poi per quanto calore può produrre un datacenter sarà sempre qualcosa di altamente trascurabile se dissipato in un enorme massa di acqua, che tende ovviamente a mantenere la stessa temperatura per le leggi della termodinamica...

Il tutto è una pessima idea per ben altri motivi (costi assurdi, manutenzione complessa, insensatezza del progetto) che perché si scalda l'acqua che non è di certo un problema (quanto vuoi che sia più calda poi, al peggio la riscalderai di 1 grado nelle prossime vicinanze dell'uscita... Non è che la butti fuori a 100 gradi...

fire_RS

Ecco un'altro genio... L'inquinamento non porta al riscaldamento degli oceani, bensì a quello dell'aria che a sua volta fa evaporare gli oceani.. Insomma hai detto una c@zzata

fire_RS

Ma tu sei un genio! Prevedi il futuro! Ma come mai così tanti economisti di prestigio sono su questo blog a commentare?

R2-D2

Certo. Però un conto è usare l'acqua per raffreddare e un conto costruire un datacenter sottomarino... Ovvio che tutto l'ecosistema del luogo viene compromesso e dipende quanto tutto ciò prende piede...
Poi non so se hai presente quanti server compongano questi datacenter e che calore generi il complesso...
Certo energie rinnovabili sono ben accette ma non per questo mi sembra una buona idea... Si può sempre fare un bacino e installarlo lì piuttosto che andare a toccare ecosistemi di per sé già compromessi...
Non sto condannando a priori per capirci, però sono questioni delicate, da non prendere alla leggera...

Batuffolino

quando falliranno completamente tra qualche anno non avranno nemmeno più la necessità di smaltire l'hardware

O_Marzo

visto le voci di una applecar elettrica si sta portando avanti

O_Marzo

Che bello leggere i commenti di certi ingegneri qui sotto, come facciamo a lamentarci che non c'è lavoro se hanno tutti idee così brillanti e rivoluzionarie?!?!

Apus

Prova ad immergere un corpo caldo in fluido, poi torna a raccontare di come l'acqua non disperde calore

Apus

Quello che sapevi cosa? La dorsale pacifica è piena di vulcani attivi e credo che i data center non producano temperature paragonabili a qualsiasi tipo di magma fuoriuscito da un qualunque vulcano. Ergo vittimismo da quattro soldi (o se vuoi anche "paragonare mele con pere")

qandrav

ah ecco ci serviva proprio un altro applefag su hdblog XD

ale

Ovvio che genera un calore ma è trascurabile ovviamente, conta tutte le industrie, centrali elettriche, navi, sottomarini, ecc che usano l'acqua di mare per raffreddare qualcosa, sono quantità di calore ovviamente molti ordini di grandezza più grandi, pensa a quanto possa scaldare una portaerei alimentata con rettori nucleari per esempio, non è ovviamente un problema un server che scalda qualche KW

ale

Voglio vedere quando hanno un problema come lo risolvono, ops c'è un disco da cambiare, chi va ? Scemenze del genere le poteva concepire solo MS, che poi il fatto che sia sott'acqua perché dovrebbe migliorare il raffreddamento ? l'hardware sarebbe in un contenitore chiuso quindi bisognerebbe prevedere all'interno tutta una serie di tubi e scambiatori per raffreddare il tutto, non è banale, se no non guadagni nulla, a sto punto conveniva fare come Google e fare un datacenter sulla terra che però usasse l'acqua fredda del mare del nord per raffreddare il tutto...

Underteo

non so cosa c'entri ma ha detto piu volte apple... probabilmente è il fulcro della sua spiegazione

Francesco

Microsoft sta letteralmente affondando

Luca

Devi considerare il calore trasportato ad un ambiente a temperatura costante... L'oceano può considerarsi una fonte per questo... un milione di € + 1€ può essere inteso comunque un milione di € nonostante la differenza (trascurabile).
Inoltre ricorda che produrre una frigoria costa molto più del dissipare una caloria. Produrresti molto più calore con gli impianti di raffreddamento, e questo è un dato di fatto...

qandrav

ehehe però i personaggi come sto genio fanno sempre sorridere.
ha scritto 20 messaggi e non ha ancora spiegato nulla...

Francesco

in onore all'infallibile ANAL-ista vietnamita Nun ce' Kjapp-maj

R2-D2

Scherzi? Cosa vuoi che scaldi un data center? Lo mettono sul fondo del mare solo per favorire il turismo...
Inoltre spesso quando entrò in acqua la sento fredda, per non parlare di come sarebbe bello fare il bagno nelle acque calde dei fiordi norvegesi..
Più si sà, se una multinazionale dichiara che la propria opera non inquina bisogna credergli sulla parola...
Scherzi a parte, se fosse vero ne sarei felice, ma tra il non scaldare e non generare calore c'è differenza.. Come sempre in questi casi va valutato quale sia il male minore, valutato da enti indipendenti comunque, non dai venditori

qandrav

ti sei dimenticato le scie kimike!!1111!!!
adesso torna a finire i compiti

giannmarco

in onore del sistema di raffreddamento che ai suoi tempi fece faville: L'intercooler!!

Android

Sony Xperia X Performance: la nostra Recensione

Samsung

Samsung Galaxy Note 7: la nostra Video Anteprima

Samsung

Galaxy Note 7 vs Note 5 vs S7 Edge: primo veloce confronto | Video

Samsung

Samsung Galaxy Note 7 e Gear VR 2016 ufficiali: dal 2 settembre in Italia | Foto