Facebook: la quotazione in borsa diventa realtà! Dalle origini ad un valore di $ 100 miliardi

18 Maggio 2012 0


Oggi è un giorno che in molti ricorderanno, soprattutto gli analisti e i dirigenti di Facebook. Per la prima volta, il social network guidato da Mark Zuckerberg si affaccia alla "pura economia" da sempre evitata: la borsa di New York.

Fino a qualche anno fa, Facebook non aveva interesse a presentare la cosiddetta IPO, l'offerta pubblica d'acquisto destinata ai mercati e seguita da una quotazione in borsa al fine di far crescere il valore dell'azienda attraverso la compravendita. Ovviamente, tutti i rischi derivanti da questa operazione potrebbero creare un effetto boomerang, soprattutto considerando il fatto che il web è considerato ancora troppo "volubile".

La storia di Facebook non parte di certo dai mercati nazionali ed internazionali, ma da un ragazzo che decide di creare una comunità universitaria in modo da far interagire i ragazzi sia a livello didattico che personale. Da quel momento, il "social network" ancora chiamato The Facebook, viaggia negli altri Stati e continenti attraverso le reti universitarie. In poco tempo, e non senza problematiche burocratiche, diventa quello che tutti conosciamo. Da allora, Mark ha dovuto combattere in aule di tribunale contro diversi colleghi che lo accusavano di plagio. Una storia che in molti conoscono anche grazie al film (che ha riscosso un notevole successo) dedicato alla storia di questo ragazzo il cui merito viene spesso confuso con la fortuna del principiante.


Zuckerberg non è mai stato convinto in pieno dalla quotazione della sua società, ma coloro che lo affiancano hanno spinto Facebook a diventare "accessibile" a livello finanziario e soprattutto "controllabile".

Facebook è attualmente stimato a circa $ 100 miliardi, anche se il fatturato che ha generato lo scorso anno è di circa $ 4 miliardi. Eppure, se il social network con oltre 901 milioni di utenti giocasse bene le sue carte, potrebbe essere la società più valutata al mondo con una stima di 1.000 miliardi di dollari entro il 2014.

La IPO di Facebook è previsto per oggi. I nuovi investitori, potenzialmente, saranno in grado di acquistare circa 421 milioni di azioni Facebook a $ 38 l'una.

Ma la grande domanda è: si devono acquistare azioni Facebook subito o sarebbe meglio aspettare? Gli esperti finanziari hanno detto la loro: "meglio aspettare, $ 38 per azione è un prezzo troppo caro. E' come giocare alla lotteria, l'acquisto di azioni 'calde' che è stato ampiamente pubblicizzato, è raramente una buona idea".


"Nella mia esperienza, questo stock e la sua IPO hanno visto più entusiasmo di ogni altro evento che ho visto nei miei anni di esperienza di investimento", dice Lewis Altfest, Ph.D., CEO of NYC-based Altfest Personal Wealth Management. Altro problema da valutare è la crisi economica globale unita ad un calo dei ricavi registrato nello scorso trimestre da Facebook. I 302 milioni di dollari fatturati nel Dicembre dello scorso anno superano i 205 del primo trimestre 2012. Un dato abbastanza emblematico e che deve far riflettere coloro che vogliono investire in una piattaforma forse satura.

Altfest consiglia ai consumatori medi di attendere almeno sei mesi. Nelle settimane successive dopo l'IPO, la domanda farà sì che i prezzi delle azioni restino alti, il che è normale per un debutto IPO. Ma alla fine potrebbero cadere vertiginosamente e a quel punto sarebbe conveniente investire sperando in una rapida risalita.

Gli scenari possibili sono tanti. Facebook potrebbe diventare chiaramente il prossimo Google o Apple, ma c'è anche la possibilità che faccia la fine di Yahoo. L'esperienza insegna che è meglio attendere. Del resto, Microsoft scambiò azioni a 22 dollari nel 1986. Ora il valore è salito a $ 61 per azione. Ma stiamo parlando di altri tempi.

Secondo voi, che fine farà Facebook? L'IPO rappresenterà un trampolino di lancio o una discesa burrascosa?

Condividi


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Android

Nexus 6 praticamente "svelato": ecco tutte le caratteristiche e conferme da GFXbench

LG

LG G3 S: la Recensione di HDblog.it

HTC

Aspettando IFA 2014: le anticipazioni sul mondo mobile di HDblog.it

HDblog annuncia Riccardo Palombo all'interno dello staff