Social Network: sempre più utenti si pentono dei propri post!

22 Marzo 2012


Ormai sappiamo che il comportamento dei social media è diverso, sulla base di fattori come sesso, età e nazionalità. Si scopre, però, che anche la gestione della privacy negli stessi social network può dipendere da fattori analoghi.

ZoneAlarm ha creato un'infografica sulla base di uno studio condotto da Pew. La ricerca indica specifiche generali in materia di privacy intesa come comportamento privato dell'utente. Ad esempio, gli uomini hanno quasi il doppio delle probabilità rispetto alle donne di "rammaricarsi" per la pubblicazione dei contenuti online. D'altra parte, gli uomini sono più propensi a mantenere pubblici i loro contenuti e le loro presenze nei social media.

Altro dato interessante e curioso al tempo stesso, riguarda i commenti cancellati. Il 44% degli utenti nel 2011 ha cancellato qualcosa, contro il 36% del 2009. Insomma, più passano gli anni, più si è attenti a ciò che si pubblica. Non a caso, il discorso è analogo per quanto riguarda le foto non taggate, quelle "pericolose". Abbiamo già evidenziato, a questo proposito, un modo per cautelarsi, ma a quanto pare c'è ancora un bel 37% impaurito.

Curiosamente, i più attenti ai dettagli circa la loro privacy sono proprio i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, evidentemente più aggiornati e pratici in tema di social network e più attenti nel rimuovere foto, post, tag e amicizie indesiderate.

E voi come ve la cavate nella gestione della vostra privacy? Avete difficoltà a gestire le impostazioni?

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Android

I Google Glass arrivano per tutti! Da ora a 1500$ senza invito in America | Update: Google Smentisce

Samsung

Samsung Galaxy S5 Prime: possibile presentazione insieme a Note 4

Apple

iPhone 6, nuovo confronto dimensionale con HTC One M8, LG G2 ed altri

Games

Mondiali FIFA Brasile 2014: recensione da HDBlog